Atelier dei Libri: Speciale "The Wolfe Brothers" di Markus Zusak: intervista a Cameron Wolfe, protagonista del romanzo!

venerdì 3 novembre 2017

Speciale "The Wolfe Brothers" di Markus Zusak: intervista a Cameron Wolfe, protagonista del romanzo!




Poco tempo fa, in libreria, è approdata la serie "The Wolfe Brothers" di Markus Zusak, autore pluripremiato e molto noto per il libro "Storia di una ladra li dibri", che per questa nuova storia ha deciso di raccontarci le avventure di Cameron Wolfe e della sua famiglia. Io ho già avuto la possibilità di divorare tutti e tre i romanzi, a cui mi sono affezionata al punto da decidere di dedicarvi uno speciale in più tappe, per farvi conoscere al meglio il protagonista e concludere con una recensione dei tre libri in anteprima e una sorpresa per voi (perciò restate sintonizzati).
La serie si addentra nei meandri dell'adolescenza e di tutto quello che comporta: prime cotte, prime delusioni, sogni e complicazioniE sono sicura che, dopo averla letta, in molti si troveranno con il cuore in subbuglio e traboccante d'affetto per Cameron, un protagonista semplice in cui è facile immedesimarsi e la cui crescita non può che incantare
Due dei tre libri, che compongono la trilogia, ovvero "A quindici anni sei troppo vecchio"(compralo quie "Vorrei essere mio fratello" (compralo qui)sono già stati pubblicati da Frassinelli, mentre il terzo "Il cielo è fatto di te e di me" (prenotalo quiuscirà il 21 Novembre. 
Ma lasciamo che sia Cameron Wolfe in persona a presentarci la sua storia. Pur essendo schivo, mi ha concesso un'intervisa che ho adorato dalla prima all'ultima riga: mi raccomando, facciamolo sentire a casa!



- Ciao Cameron, lascia che ti dica quanto sono felice di averti come ospite. Parlaci un po’ di te.
Mi chiamo Cameron Wolfe. Vivo in città. Vado a scuola. Non godo di grande popolarità tra le ragazze. Ho un po’ di buon senso. Non molto. Ho un sacco di capelli e, anche se non sono lunghi, sembrano sempre arruffati e, per quanto mi sforzi di appiattirli, loro non ne vogliono sapere. 

- Sappiamo che hai un fratello, Ruben, di cui parleremo più avanti. Chi altro fa parte della famiglia Wolfe?
Abbiamo un altro fratello, Steve, il primogenito, poi una sorella, Sarah, e poi ci sono papà e mamma. 

- Che mi dici di Steve e Sarah?
Steve è il vincente della famiglia. Lui di ragazze ne ha avute parecchie, lavora e piace alla gente. Come se non bastasse, se la cava piuttosto bene pure a football. Sarah quando non lavora se ne sta sul divano con il suo fidanzato Bruce, e approfitta di ogni occasione per farsi ficcare la lingua in gola.

- Wow, una coppia affiatata. E tu, ce l’hai una ragazza?
Be'… ho conosciuto questa ragazza mentre ero a lavorare con papà, un sabato… Rebecca Conlon. Era lì con sua madre e suo padre, ed era così reale che per poco il vuoto che avevo in bocca non mi soffocò. Era alta più o meno come me, il viso calmo, reale. Mi sorrise con due labbra reali, e con la sua voce reale mi sussurrò: «Ciao».


 - Sembra un buon inizio! E poi?
Soltanto quel «ciao». Patetico, lo so, ma quando la tua esperienza con le donne è praticamente pari a zero, come nel mio caso, qualunque cosa è ben accetta. 

- Ah, le prime cotte sono così romantiche!
Una tortura. 

- Ok, per ora meglio evitare questo tasto dolente. Ma visto che continua a saltare fuori, parlaci un po’ di tuo fratello Ruben.
Rube mi mette sempre nei guai. Però io faccio lo stesso con lui. Mi lascio trascinare e a volte compiamo azioni patetiche, meschine, per una sorta di orgoglio selvaggio che talmente ridicolo da sfuggire alla comprensione. E di cui Ruben pare essere piuttosto orgoglioso.

- Detta così, sembra che vi siate macchiati chissà di quali crimini!
Ci eravamo ripromessi di rapinare la panetteria, il fruttivendolo, la ferramenta, il negozio che vende fish and chips e l’optometrista. Ma non abbiamo mai fatto nulla del genere. Né l’avremmo mai fatto. Siamo senza speranza, e anche un po’ pietosi. Rube sente il bisogno di prendersi ciò che non gli appartiene. Forse solo per sapere che cosa si prova a infrangere le regole e a godere nel comportarsi male. Forse per dimostrare qualcosa a sé stesso. Forse vuole essere come l’eroe di quei film americani che guardiamo in tv. Francamente, non ho idea di che cosa gli passi per la testa.


- Hai mai provato a chiederglielo?
Una volta ho provato. Dopo avermi spiegato il piano per l’ennesima malefatta, gli ho chiesto quale fosse il nostro scopo. Rube era frustrato, ma mi rispose. «Non ci serve uno scopo, bello. Siamo minorenni, siamo sporchi, non abbiamo una ragazza, abbiamo il moccio al naso, la gola in fiamme, siamo coperti di croste, l’acne ci perseguita, non abbiamo una ragazza – l’ho già detto? –, siamo due squattrinati, mangiamo quasi tutte le sere carne e funghi trifolati affogati nel sugo di pomodoro per non sentirne il gusto. Serve qualche altra motivazione? Non chiediamo molto, santo Dio! Lo sai!»
Rimasi scioccato all’idea che ci conoscesse così bene.

- Be', a quanto pare avete molto da dire, voi Wolfe. 
Sì, siamo una famiglia che per funzionare ha bisogno della salsa di pomodoro. 

- Salsa di pomodoro? Cosa intendi?
Questo resta un segreto. Ho rivelato già troppo, in effetti. Il resto potrete scoprirlo leggendo i nostri libri e nelle prossime tappe dello speciale...



Allora, non trovate che Cameron sia adorabile? Vi è piaciuta l'intervista? Mi raccomando, restate sintonizzati per i prossimi post, perché la sorpresa finale vi piacerà moltissimo!

33 commenti:

  1. Ah che tipetto Cameron.
    Credo che ci nascone molto cose, che io non vedo l'ora di scoprire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me questi libri sono davvero belli. Ancora meglio se letti uno dopo l'altro: sono super brevi e presi singolarmente non hanno lo stesso impatto emozionale.

      Elimina
  2. Adoro lo scrittore! Sembrano interessanti...

    RispondiElimina
  3. Ho adocchiato il primo libro in libreria e mi aveva già incuriosita. Bella l'intervista, sembra un tipo strano Cameron. Ora però voglio sapere cosa intende con salsa di pomodoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente un tipo strano! I suoi sogni nel primo romanzo mi hanno spesso lasciata a bocca aperta, ma alla fine l'ho amato visceralmente :P

      Elimina
  4. Mi hai incuriosita un sacco! Avevo già adocchiato questo libro grazie a vari post su Instagram e ho avuto la fortuna di trovare il primo in biblioteca! Ora non vedo l'ora di leggerlo ����

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di aver destato la tua curiosità, questa serie è una vera scoperta!

      Elimina
  5. Non vedo l'ora di leggerli appena troverò un po' di tempo.
    Glinda,davvero una bella intervista! Non te lo dico spesso ma adoro il tuo lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, grazie, grazie! Questo messaggio conta davvero tantissimo!

      Elimina
  6. non vedo l'ora che esca anche il terzo capitolo di questa serie così da potermeli gustare tutto in un fiato!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Approvo la tua scelta! Io che li ho letto in anteprima tutti assieme, ho amato questa trilogia proprio perché l'ho vissuta come un'esperienza univoca. Davvero bella la crescita di Cameron ^_^

      Elimina
  7. Adoro questo tipo di interviste! Permettono di conoscere da un punto diverso i protagonisti...e questo protagonista in particolare mi sembra un bel tipo, a volte un po' impacciato, alcune sue risposte mi hanno strappato un sorriso! :)

    RispondiElimina
  8. L'intervista al personaggio non l'avevo mai vista. Adoroh!

    RispondiElimina
  9. L'intervista al personaggio non l'avevo mai vista! Adoroh!

    RispondiElimina
  10. Molto belle queste varie tappe e bella questa intervista con Cameron! :D molto diretto direi come personaggio! XD
    Sembrano molto legati i due fratelli, mi incuriosiscono questi personaggi.

    RispondiElimina
  11. Bella bella bella questa intervista!

    RispondiElimina
  12. In effetti si prospetta una bellissima lettura se tutto il libro è raccontato da lui! XD

    RispondiElimina
  13. Davvero particolare l'intervista al personaggio!mi è piaciuta molto!questa trilogia mi stuzzica parecchio!

    RispondiElimina
  14. Mi interessa moltissimo leggere questa serie, sembra diversa dalle altre e ne ho sentito parlare molto bene.

    RispondiElimina
  15. Questa trilogia mi incuriosisce, ho seguito le regole, grazie ;)

    RispondiElimina
  16. Mi piacciono tanto le interviste ai personaggi! Questa è bellissima <3

    RispondiElimina
  17. Sono curiosa di sapere cosa si nasconde dietro questa famiglia e dietro Cameron :)

    RispondiElimina
  18. Mi piacerebbe scoprire di più su di lui

    RispondiElimina
  19. Molto simpatica questa intervista, Cameron mi incuriosisce molto

    RispondiElimina
  20. Sono sempre più curiosa di scoprire la storia dei fratelli Wolfe

    RispondiElimina
  21. Ciao Glinda! 😊 Il titolo e la copertina incuriosiscono, ma questo tuo post con intervista è davvero fatto bene!! Complimenti per l'idea e per come hai realizzato l'intervista 😉 Si percepisce bene quanto Cameron sia diverso dai suoi fratelli e quanto lui cerchi di uscire dalla gabbia pressante in cui vive, come quando chiede al fratello il motivo dei piani criminali... mi pare di intuire anche una certa goffaggine mista a tenerezza, quindi son proprio curiosa di scoprire se davvero ho intuito bene questo personaggio o no. 😉 📖

    RispondiElimina
  22. Bellissima intervista. ❤
    Ok mi sono già innamorata di Cameron. ❤
    E' dolcissimo, mi fa tanta tenerezza, proprio l'opposto di suo fratello Ruben, ne vedremo proprio delle belle. ❤
    Insieme però devo dire che si completano. ❤
    Prevedo già tantissime emozioni. ❤
    Sono curiosissima di leggere questa serie. ❤

    RispondiElimina
  23. Avevo già sentito parlare dell'uscita di questo libro e mi aveva incuriosito, ma ora che mi sono fatta una mezza idea di come è il protagonista sono ancora più curiosa!!

    RispondiElimina
  24. L'adolescenza... croce e delizia di tutti! Tiriamo un sospiro di sollievo quando finisce ma in seguito ci piacerebbe ritornare giovani e spensierati come allora!

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!