Atelier dei Libri: marzo 2018

venerdì 30 marzo 2018

Sei libri diventati film e serie tv da leggere prima (o dopo) di vederli sullo schermo + i trailer! (Bokish Charts #17)

Ammettiamolo: quando la tua personale lista dei libri da leggere inizia ad allungarsi fino a somigliare all'elenco telefonico di una grande metropoli, non può non che far piacere scoprire che qualcuno dei tuoi "ti-leggerò-un-giorno-quando-avrò-tempo-forse" presto diventerà un film o una serie tv. Eentrambi richiedono meno tempo, si possono facilmente condividere con gli amici e se dovessero rivelarsi noiosi, almeno non ti lasceranno il segno cadendoti sul naso perché ti sei addormentato leggendoli! 
Scherzo, ovviamente. So che il fascino dei libri non si batte e difficilmente un film o una serie si sono rivelati meglio del loro formato cartaceo, però è sempre bello sperare e magari, dando un'occhiata agli scintillanti trailer in questa nuova Bookish Chart dedicata alle trasposizioni più stuzzicanti di questo periodo, chissà che non vi sentiate abbastanza ispirati da comprare il libro e cancellare qualche nome dalle vostre liste infinite!



READY PLAYER ONE
Ernest Cline


Un titolo che ormai non ha bisogno di presentazioni (a meno che non abbiate vissuto gli ultimi mesi nascosti sotto un sasso), Ready Player One è il libro culto che ha ispirato il film colossal di Stephen Spielberg uscito il 28 marzo al cinema. Data la portata dell'evento, pubblicizzato in lungo e in largo su tutti i media, non potevo proprio esimermi dall'inserirlo in questa lista. Nel 2045 il mondo è diventato davvero un brutto posto, e i ragazzi come Wade Watts trovano rifugio in OASIS, un universo virtuale al quale gran parte dell'umanità si connette quotidianamente per sfuggire alla cupa realtà. Quando il creatore di Oasis muore, egli mette in gioco la sua immensa fortuna (compreso il controllo su Oasis) promettendola al primo giocatore che sarà in grado di risolvere i suoi indovinelli. Wade troverà il primo indizio, ma questo lo renderà un bersaglio per tutti quelli che vogliono vincere la caccia al tesoro prima di lui, costi quel che costi. Il mondo ipotizzato da Ernest Cline sembra già abbastanza connesso alla nostra realtà senza aspettare il 2045 e grazie ai numerosi riferimenti alla pop-culture anni 80-90 (che nel film vanno a braccetto con le odierne icone del mondo dei videogame e del cinema), Ready Player One promette di essere il film che farà impazzire i millenials di tutto il mondo. Sarà superiore al libro? L'unico modo per saperlo, è leggerlo! Nel frattempo, godetevi l'ultimo trailer italiano.


6 marzo 2018
DeA Planeta Libri, € 17,00  







NELLE PIEGHE DEL TEMPO
Madeline L'Engle


Com'è ben visibile nella nuova cover realizzata da Giunti in occasione dell'uscita del film, il romanzo per ragazzi di Madeleine L'Engle è stato riadattato per il cinema dalla Disney e uscirà nelle nostre sale prima della fine di marzo. Nelle pieghe del tempo è ormai un vero e proprio classico della letteratura fantasy YA, valso alla sua autrice diversi riconoscimenti e ristampato senza interruzioni dal 1960 ad oggi. La storia ci parla di Meg Murry, una ragazza che vive un periodo particolarmente difficile a causa della misteriosa scomparsa di suo padre, un brillante astrofisico. Evidentemente turbata, Meg riesce a stento a controllare la sua vita, in continuo contrasto con i suoi coetanei, con i suoi insegnanti e perfino con i suoi fratelli, tra i quali c'è Charles, un giovane genio che a causa della sua introversione viene continuamente sminuito e considerato poco più che uno stupido da chiunque al di fuori della sua famiglia. La situazione cambia quando i due incontrano la misteriosa signora Cosè e le sue bizzarre amiche, la signora Chi e la signora Quale. Le eccentriche donne conducono Meg, Charles e il loro amico Calvin in un viaggio tra i mondi in missione per salvare il Dr. Murry e grazie all'utilizzo del TESP-ACT attraverseranno le pieghe del tempo tra le dimensioni per prepararsi allo scontro con "IT", il malevolo rapitore. Già nel 2003 la Disney ha rilasciato un film per la TV ispirato al romanzo, con scarso successo. Riuscirà in questa nuova, scintillante versione carica di effetti speciali a rendere degno omaggio a un classico amato da generazioni di lettori? Lo scopriremo al cinema, ma per giudicare dovete per forza leggere il libro!


14 marzo 2018
Giunti, € 12,00  
Compralo in sconto su IBS 




L'ALIENISTA
Caleb Carr


A dispetto di ciò che potreste pensare leggendo il titolo, il bestseller L'Alienista di Caleb Carr non è un romanzo sci-fi che parla di extraterrestri, bensì un appassionante thriller storico che si appresta ad uscire sottoforma di serie tv sulla piattaforma Netflix anche in Italia, probabilmente nel prossimo aprile. Ambientato nella New York di fine '800, il nome del libro prende spunto dal termine con cui venivano definiti gli studiosi che per primi applicarono la loro conoscenza della psiche umana in ambito criminologico, quindi i precursori dei nostri moderni "profiler". Il Dr. Laszlo Krezler è per l'appunto un alienista, chiamato a investigare sull'efferato omicidio di un adolescente insieme al suo amico reporter Schulyer Moore, profondo conoscitore dei bassifondi della grande mela. Il corpo di polizia di NY guidato dall'allora comandante Theodore Roosevelt è in alto mare, e per trovale il brutale omicida gli investigatori si cimenteranno in un'impresa allora rivoluzionaria nella criminologia: tracciare un profilo psicologico del killer basato sui suoi crimini, nel tentativo di identificarlo prima che uccida di nuovo.

L'Alienista ha venduto milioni di copie in tutto il mondo ed è tuttora considerato da molti una delle migliori ricostruzioni letterarie della New York nella sua Epoca d'Oro, caratterizzata da un boom economico senza precedenti ma anche dalla dilagante criminalità e corruzione. Un fantastico scenario per una serie tv dal cast rinomato, ma se non volete aspettare la sua uscita, correte ad acquistare la vostra copia!

6 febbraio 2018
Newton Compton, € 14,90  
Serie
(Dr. Laszlo Kreizler, #1) L'alienista
(Dr. Laszlo Kreizler, #2) The Angel of Darkness
(Dr. Laszlo Kreizler, #3) The Alienist at Armageddon
Compralo in sconto su IBS 



giovedì 29 marzo 2018

Recensione: "Tartarughe all'infinito" di John Green




So che molti di voi erano in attesa della recensione dell'ultimo libro di John Green, se non altro per il notevole hype che l'autore dell'indimenticabile "Colpa delle Stelle" è in grado di suscitare. La verità è che terminare Tartarughe all'Infinito è stato più duro del previsto, e nella recensione più sotto, vi spiegherò anche il perché.



Titolo: Tartarughe all'infinito (Autoconclusivo) 
Data di pubblicazione: 11 Ottobre 2017
Autore: John Green
Dove comprarlo: IBS
Prezzo: 17,00 €
Editore: Rizzoli
Pagine: 350


Tutto inizia con un miliardario in fuga, e la promessa di una ricompensa. Tartarughe all'infinito parla di amicizie capaci di vincere il passare del tempo, dell’intimità di una riunione inaspettata, delle fan fiction su Star Wars e di strani rettili che si chiamano tuatara. Ma al suo cuore c’è Aza Holmes, una ragazza di 16 anni sballottata dalle onde della sua vita quotidiana, prigioniera nella spirale – ogni giorno più stretta – dei suoi stessi pensieri.




La mia recensione


E’ bene introdurre questa recensione con una piccola confessione: pur essendo una fan di John Green e del suo stile comunicativo, ho sempre avuto un rapporto altalenante con i suoi libri. Non dimenticherò mai le emozioni vissute leggendo “Colpa delle stelle”, ma come spesso accade quando ci si avvicina per la prima volta ad un autore iniziando a leggere il suo personale capolavoro, è inevitabile spostare l’asticella delle aspettative molto in alto, rischiando facilmente di sbatterci il naso contro. Forse anche per questo, leggendo “Cercando Alaska” e “Città di carta” dello stesso Green, non sono rimasta particolarmente colpita, anzi.
In nessuno dei due ho ritrovato quelle emozioni, ma almeno quel pizzico di delusione mi ha aiutato a ridimensionare le mie aspettative esagerate nei confronti di Green e a immergermi nella lettura di “Tartarughe all'infinito” senza aspettarmi la luna. Ma, vi anticipo, non è bastato.
"Tartarughe all'infinito" è interamente narrato dal punto di vista della protagonista, Aza Holmes, una sedicenne affetta da ansia e disturbo ossessivo compulsivo, che combatte per non rimanere intrappolata nella spirale di pensieri convulsi e circolari che la sua condizione le suscita. 
Tutto qui. Fine della trama. Non sto scherzando. Perciò se temete che io possa in qualche modo rovinarvi la lettura con degli spoiler, potete leggere la mia recensione serenamente: farne, in questo caso, è pressoché impossibile.

Come dicevo, della trama neanche l'ombra. Leggendo la sinossi, qualcuno potrebbe pensare, come ho pensato anche io, che ci sia molta carne al fuoco, ma la triste realtà è che, pagina dopo pagina, tutti gli altri aspetti della storia si sono rivelati inconsistenti come fili di fumo, messi lì da Green forse per tentare di dare un contesto narrativo a quello che, altrimenti, sarebbe stato uno schietto incrocio tra un romanzo introspettivo e un saggio sugli effetti dei disturbi psichiatrici. Una lettura interessante, magari, ma difficile da sdoganare come una fiction per giovani adulti.
L’intera storia di Davis, amico di Aza sul cui padre milionario pende una taglia a causa della sua scomparsa nel corso di un’indagine di polizia, si dipana come un nonsense privo di un inizio o di una fine degni di questo nome, usata come mero pretesto per dare un po’ di spazio e profondità ai personaggi secondari, che purtroppo restano figure marginali rispetto al vero protagonista del libro: John Green.
Conosciamo (e abbiamo amato) lo stile di Green, che trasforma tutti i suoi protagonisti poco più che adolescenti in distributori automatici di citazioni memorabili: colti, acuti, ironici, spesso fin troppo profondi per rispecchiare una realistica idea di teenager, i suoi personaggi si fanno veicolo della geniale mente creativa del loro autore. Ma in questo caso Aza diventa quasi un suo alter ego: parla come lui, pensa come lui e affronta i suoi stessi disturbi, così ingombranti da schiacciare ogni altra sua esperienza, privandola di spessore. Persino la storia d'amore, vissuta nella mente di Aza, diventa una paranoia.  In effetti, "Paranoie all'Infinito" sarebbe stata una traduzione più azzeccata per il titolo, sia letteralmente che per i contenuti.

martedì 27 marzo 2018

Ricetta: Hot Cross Buns senza impasto con metodo Tang Zhong, il pan brioche inglese da gustare a Pasqua!




Quando arriva Pasqua, si sa, ogni regione d'Italia sfordera il suo dolce tipico, le sue ricette della nonna, le sue tradizioni vecchie di secoli. E io, che proprio non so resistere al buon cibo tradizionale, mi lascio tentare da pastiere, brioche, ciambelle, torte salate e dolcetti farciti di canditi e ricotta con molto piacere. Quest'anno, però, ho deciso di cambiare. Da tempo infatti tenevo d'occhio una ricetta inglese che mi ha sempre messo tanta, tanta voglia di cimentarmi nella sua preparazione. Sto parlando degli hot cross buns, dei tipici paninetti fatti di pasta brioche, farciti con uvetta e spezie e decorati con confettura d'albicocche e la caratteristica croce
Li ho visti praticamente ovunque su Pinterest e Intagram nel corso degli ultimi anni, così belli e paffuti, lucidi di glassa e carichi di promesse, tanto belli da volerli provare assolutamente. Visto che il periodo di Pasqua è ormai vicino, ho rotto gli indugi e mi sono lanciata nell'impresa e il risultato è stato divino: queste brioche sono tra le più buone che abbia mai mangiatoPrepararle e decorarle è facilissimo (mi è riuscito al primo colpo!), ma se anche l'aspetto non dovesse essere dei migliori, una cosa è certa: il loro sapore e la loro sofficità travolgerà chiunque le provi! Ma oltre a condividere con voi questa preziosa ricetta, vi svelerò tutti i trucchi per fare una brioche leggerissima, con poco burro e poco lievito, che si conserva a lungo e si impasta anche a mano, senza planetaria! Pronti?



Essendo in fase di sperimentazione, ho deciso di utilizzare per la preparazione il metodo tang zhong, ovvero un preimpasto semplicissimo di origine asiatica che regala ai lievitati un'alveolatura fittissima e una morbidezza inedita, garantendo anche una migliore consevazione. Non fatevi spaventare dal nome: preparare il water roux o Tang Zhong è facile come fare la besciamella, perciò provatelo e non ve ne pentirete (anzi io non lo mollo più). In questo caso, invece dell'acqua, per preparare il Tang Zhong ho usato il latte, ma se voi siete intolleranti al lattosio o preferite rimanere più leggeri, potete tranquillamente sostituirlo con l'acqua.
Oltre al metodo Tang Zhong, ho deciso di utilizzare la tecnica dell'impasto senza impasto: lo so sembra un gioco di parole ma è il trucco che vi garantirà di fare un successone senza troppa fatica, in particolare se non avete la planetaria! In pratica queste brioche si fanno da sole, voi dovrete solo avere un po' di pazienza nell'attesa della lievitazione in frigo e prepararvi a gustare le brioche più buone che abbiate mai mangiato. Leggerissime, grazie anche all'utilizzo di pochissimo lievito! Io non riesco a stancarmene: le ho surgelate e ne tiro fuori una a sera, al mattino la scaldo e mi innamoro della loro fragranza incredibile. Per questa ricetta devo ringraziare il mitico Burger Boss, che con i suoi Fluffy Buns (ormai l'unica ricetta che uso per i panini da hamburger) mi ha fatto scoprire il metodo Tang Zhong e mi ha ispirato a usarlo per la preparazione degli Hot Cross Buns. Non fatevi intimorire dalla lunghezza della ricetta: sono stata meticolosa, ma realizzarla è più facile di quanto sembri (ci ho messo decisamente di più a scriverla, che a farla)!

lunedì 26 marzo 2018

Cover Love #255





Buon inizio settimana miei cari e ben ritrovati per il consueto appuntamento con Cover Love, la rubrica inventata da me che consiste in una classifica in cui vi mostro tre copertine che mi hanno stregata, siano esse di libri italiani, stranieri, vecchi o nuovi e vi da la possibilità di scoprire libri inediti in Italia! 
A voi non resta che dare uno sguardo alle copertine, innamorarvi follemente e scegliere nel sondaggio quella che vi è piaciuta di più! Se poi voleste lasciare un segno del vostro passaggio con un commento o condividere la rubrica con i vostri amici per farli partecipi della vostra nuova cotta letteraria, mi renderete una ragazza felice! 



LA MIA CLASSIFICA DELLA SETTIMANA SCORSA ERA:


Escaping from Houdini CoverFROZEN REIGN COVERBeyond the Bright Sea Cover



1. ESCAPING FROM HOUDINI 
2. BEYOND THE BRIGHT SEA
3. FROZEN REIGN


E SECONDO I VOSTRI VOTI LA COVER QUEEN DELLA SETTIMANA E'... 


ESCAPING FROM HOUDINI 
Escaping from Houdini Cover

Il fascino senza tempo del più grande illusionista di sempre ha di certo contribuito a confermare al primo posto questa magica cover, nonostante due agguerrite avversarie che solo per un soffio non sono riusciti a strapparle la corona!



ECCO LA TRE FANTASTICHE COVER IN CORSA QUESTA SETTIMANA!


1. DAMSEL

Al primo posto questa settimana troviamo la splendida copertina di Damsel! Mi piace tutto di questa cover: gli ornamenti di cristallo che riproducono fiori e uccelli dai colori splendenti, il cuore e la coda di drago rossi come rubini e lo scintillante titolo, un po' vintage, che mi ricorda i cult fantasy degli anni '80. La vorrei subito nella mia libreria!  


TRAMA TRADOTTA DA ME


Il rituale esiste da generazioni: quando il principe ereditario diventa un uomo, deve avventurarsi nelle lande grigie, uccidere un feroce dragone e salvare la damigella che diventerà sua moglie. E' così da sempre.

Quando Ama si sveglia tra le braccia del Principer Emory, è confusa. Non ha memoria di cosa sia successo prima di essere catturata dal drago o degli orrori che ha vissuto nella sua tana. Conosce solo questo bel principe, la storia del salvataggio che le racconta e il suo destino come futura regina accanto a lui. E' come un sogno, come si legge nelle favole. 
Mentre Ama segue Emory nel regno di Harding, però, scopre che non tutto è come sembra. C'è qualcosa che le leggende sui draghi e le damigelle non dicono—e le minacce più grandi non sono alle sue spalle, ma tutte attorno a lei. E si stanno avvicinando.


2. DARK TOURNAMENT


Bella ed evocativa, la cover di Dark Tournament si merita almeno un secondo posto. L'incontro dei due protagonisti, così vicini da toccarsi ma senza guardarsi negli occhi, con le armi ancora in pugno sullo sfondo di quella che sembra il principio della fine. Un turbine di emozioni e domande che mi ispirano una tremenda voglia di saperne di più...

sabato 24 marzo 2018

Estrazione giveaway "U4.Koridwen": scopri il nome dei vincitore



Come ho già detto nello speciale, nella recensione e su Instagram, la serie U4. edita da Garzanti è sicuramente una novità nel nostro panorama editoriale e io non potrei essere più felice nel vedere la calda accoglienza che voi lettori gli avete riservato. Pur volendo regalare una copia di Koridwen a ciascuno di voi, solo un fortunato potrà avere la possibilità di ricevere a casa la copia che avevo a disposizione. Curiosi di sapere chi è? Leggete fino in fondo!



Data di pubblicazione: 1 marzo 2018
Titolo: U4. Koridwen (U4.#1)
Compralo qui: IBS | Amazon
Titolo: U4. Koridwen
Autore: Yves Grevet 
Editore: Garzanti
Prezzo: 16,90 €
Pagine: 400


In un mondo colpito da un virus mortale, il destino dell'umanità è in mano a quattro ragazzi
Il mondo è popolato solo da adolescenti dai 15 ai 18 anni. Gli unici sopravvissuti fino ad ora al virus U4. Tra loro Koridwen che vive in una fattoria isolata in Bretagna. La ragazza piano piano da sola prova a rimettere in piedi la sua vita. Fino al giorno in cui tutto cambia. Fino al giorno in cui scopre di essere la prescelta per fermare il virus nella sua corsa mortale. Koridwen non capisce perché abbiano pensato proprio a lei. Ma non può non rispondere all’appello di quel messaggio misterioso: deve trovarsi il 24 dicembre a mezzanotte sotto l’orologio più antico di Parigi. Koridwen ha paura, eppure sa che c’è un’unica cosa che può darle la forza per affrontare il suo destino: il ciondolo che sua nonna le ha regalato che si rivelerà un fondamentale talismano. Quello che trova arrivata nella capitale francese è una realtà totalmente nel caos: il cibo scarseggia, le comunicazioni sono impossibili, non c’è elettricità e i monumenti più importanti della città come la Torre Eiffel, l’Arco di trionfo e il Sacro Cuore vengono presi d’assalto. Koridwen deve fare di tutto per proteggere la sua vita e raggiungere il luogo dell’appuntamento. Ma non è sola. Con lei altri tre ragazzi che come lei sono i prescelti: Jules che ha tra le mani segreti che non può svelare; Stephane che è convinta che il padre medico non sia morto e Yannis pieno di voglia di vendetta per la morte della sorellina. Tutti insieme sono l’unica salvezza per l’umanità. Quando sulle spalle porti un peso così importante non c’è tempo per la paura, i dubbi, le incertezze. Anche se si è solo quattro ragazzi bisogna sfoderare il coraggio e tutte le proprie conoscenze. Perché nessuno sa cosa li aspetta. Nessuno sa cosa dovranno affrontare. Nessuno sa perché è toccato proprio a loro. L’unica cosa sicura è che il futuro è nelle loro mani.
La serie (ogni libro è autoconclusivo):

- U4: Jules 
- U4 : Koridwen 
- U4 : Yannis 
- U4 : Stéphane
- U4 : Contagion

Recensione in anteprima "Bellezza Selvaggia" di Anna-Marie McLemore


Non è un segreto: la mia lista di letture è affollatissima e ci sono un'infinità di romanzi che aspettano di essere divorati e recensiti. Al cuore, però, non si comanda. Ecco perché non ho potuto resistere al richiamo di Bellezza Selvaggia, libro in uscita a Maggio per Newton Compton. Curiosi di sapere cosa mi ha trasmesso? Leggete la mia recensione fino in fondo.



Titolo: Bellezza selvaggia (Autoconclusivo)
Data di pubblicazione: 10 maggio 2018
Preordinalo in sconto: Amazon | IBS
Autore: Anna-Marie McLemore
Editore: Newton Compton
Prezzo: 10,00 €
Pagine: 384




Se si innamorano il loro amore svanirà

Un magico giardino è custodito da generazioni di donne che si tramandano una terribile maledizione

Per quasi due secoli le Nomeolvides sono state legate al giardino di La Pradera, la splendida tenuta che incanta i visitatori di tutto il mondo, giunti appositamente per ammirare le sue piante rigogliose. La bellezza del giardino, infatti, dipende direttamente dai poteri delle donne che lo custodiscono e che sono in grado di far sbocciare i fiori più belli al loro tocco. Ma il loro legame con la terra è connesso a una maledizione: se si innamorano, i loro amanti svaniscono nel nulla. Dopo generazioni di misteriose scomparse, all’improvviso nel giardino viene ritrovato uno strano ragazzo. È Estrella, una delle più giovani, a prendersi cura di lui, mentre le Nomeolvides si interrogano sul misterioso nuovo arrivato, che ricorda a malapena il proprio nome: Fel. La ricerca della verità nel passato di La Pradera e di Fel porterà Estrella a scoprire segreti tanto magici quanto pericolosi, che affondano le radici in eventi accaduti secoli prima.




La mia recensione



Vi è mai capitato di perdervi in un libro, iniziando a leggere con l'intenzione di fermarvi dopo qualche capitolo, per poi alzare gli occhi solo dopo aver letto i ringraziamenti? A me non succedeva da un po', ecco perché sono rimasta sorpresa dopo aver divorato "Bellezza Selvaggia" in un solo boccone. 
Corteggiavo questo romanzo in cui magia e realismo si mescolano dando vita a un mix esplosivo, da qualche tempo. Precisamente dalla prima volta che ho posato gli occhi sulla sua incredibile copertina e aver letto la trama. Quando ho scoperto che la Newton Compton l'avrebbe portato in Italia, dopo aver esultato per il mantenimento della cover originale (non l'avessi mai detto, visto che hanno cambiato la cover), ho iniziato a fremere dalla voglia di leggerlo. Così ho sfogliato i primi capitoli in lingua e, senza capire come fosse successo, mi sono ritrovata, affamata e commossa, a leggerne le ultime righe. Dopo una lettura senza pause, ma carica di emozioni, pur avendo ancora il cuore in subbuglio, sono riuscita a mettere per iscritto tutti i miei pensieri per condividerli con voi.
"Bellezza Selvaggia" mi ha dato tutto quello che cerco in un libro di realismo magico: leggende, bellezza, unicità, struggimento e amore. Ma a suo modo mi ha anche colto di sorpresa: scoprire che questo romanzo non fosse solo una bellissima storia di fantasia, ma anche un inno alla tolleranza e alla libertà intersezionale, con protagoniste di colore e queer avvolte da un alone di magia e mistero, è stato bellissimo. Se siete curiosi di saperne di più, dunque, leggere fino in fondo la mia recensione spoiler free. 





Da grande fan del realismo magico, un filone che comprende alcuni dei miei libri preferiti (Lo straordinario Mondo di Ava Lavender primo tra tanti), non ho potuto lasciarmi scappare il romanzo della McLemore, che prometteva sorprese e meraviglia.
La premessa che mi ha convinto a leggere "Bellezza Selvaggia" è stata per me irresistibile: una famiglia di donne, le Nomeolvides (in spagnolo Nondimenticarmi), su cui aleggiano storie di stregoneria, vive confinata in un antico maniero da generazioni, coltivando giardini colmi di bellissimi fiori tra cui, un giorno, spunta un misterioso ragazzo sperduto che cambierà ogni cosa
Scommetto che sentite il cuore battere più forte, dopo aver assaporato anche solo una piccola parte dell'incanto a cui Anna-Marie McLemore ha dato vita. È successo anche a me, ma vi dirò una cosa: nulla mi aveva preparato a ciò che avrei trovato tra le pagine di questo gioiello che brilla, è il caso di dirlo, di una reale bellezza selvaggia. Ne ho adorato la trama complessa e articolata, carica di fascino, mistero, splendore, struggimento e magia. Una trama che dovrete scoprire da voi e su cui non voglio dire nulla, perché anche solo un accenno potrebbe minacciare la vostra esperienza di lettura. Sono rimasta inebriata dalla storia e dallo stile carico e lussureggiante di Anna-Marie McLemore, le cui descrizioni hanno dipinto quadri dalle indimenticabili atmosfere e trasmettendo sensazioni vibranti e fascinose, intossicanti come il più dolce dei veleni. 
E, ancor di più, sono rimasta stupita dai contenuti meno sfacciati, ma più preziosi, di questo libro che incita alla tolleranza e all'autoaccettazione senza senza girare attorno a concetti, ma mostrando la bellezza della diversità attraverso protagonisti indimenticabili.

giovedì 22 marzo 2018

Anteprima "Warcross" di Marie Lu. Sulla scia del fenomeno "Ready Player One", scoprite il nuovo sci-fi YA da non perdere!

A pochi giorni dall'uscita internazionale di Ready Player One, il colossal cinematografico di Stephen Spielberg ispirato al libro culto di Ernest Cline, le case editrici italiane si dimostrano pronte a cavalcare l'ondata di entusiasmo annunciando la pubblicazione di Warcross, il bestseller del New York Times scritto dall'autrice statunitense Marie Lu.
Chiunque segua il mio blog, ha già sentito parlare di Marie Lu e della mia passione per questa talentuosa autrice YA, che mi ha conquistata senza riserve con Legend, l'epica saga che ho recensito anni fa (qui trovate le recensioni spoiler free dei primi due capitoli Legend e Prodigy) e ha messo lo zampino anche in una delle migliori trilogie sci-fi dell'ultimo decennio, arricchendo con le sue doti di illustratrice il bellissimo "Gemina", secondo capitolo della trilogia The Illuminae Files (qui la recensione spoiler free).

Con un simile curriculum, non potevo non dedicare un'anteprima a Warcross, un romanzo ambientato nel mondo dei videogiochi e della realtà virtuale a metà tra Matrix e Ready Player One, ma con una forte protagonista femminile in perfetto stile Marie Lu.

Emika Chen è una teenager, un'hacker e una cacciatrice di taglie: il suo lavoro è quello di stanare i videogiocatori che scommettono illegalmente su Warcross, il gioco online più popolare della terra al quale si connettono ogni giorno decine di migliaia di utenti.

Il suo non è un lavoro facile, perché per tracciare i suoi bersagli è spesso costretta a viaggiare negli anfratti più oscuri del network, finché un giorno la disperata necessità di denaro la spinge troppo oltre e un hacking andato male la catapulta nel match di apertura del Torneo Internazionale di Warcross, rendendola involontaria protagonista dell'evento.

Emika si aspetta di essere arrestata da un momento all'altro, ma con suo enorme stupore viene invece contattata dal creatore di Warcross, il misterioso multimilionario Hideo Tanaka, che le presenta un'offerta irresistibile: vuole che Emika diventi la sua spia all'interno del torneo, per investigare su possibili problemi di sicurezza.

Incapace di rifiutare, Emika si ritrova a Tokio, proiettata nel mondo dorato dell'elite di Warcross e ricoperta da lusso e notorietà che mai avrebbe immaginato, ma ben presto le sue indagini la porteranno a scoprire un sinistro complotto che potrebbe avere conseguenze terribili su Warcross e l'impero costruito attorno ad esso.

Il libro uscirà tradotto in Italiano il prossimo 3 aprile da PIEMME, ed è già disponibile per il preorder su Amazon. In attesa, dopo il salto vi segnalo l'accattivante book trailer direttamente dal sito ufficiale del libro.



mercoledì 21 marzo 2018

Carrellata di anteprime imperdibili: scoprite i titoli YA/NA più interessanti da marzo in libreria!


El misterio que nos une (¿Quién mató a Alex?, #1)  


Vi è mai capitato di non riuscire a star dietro a tutte le bellissime uscite letterarie del momento? A me sì, più o meno ogni anno di questi tempi. Questo è in effetti il momento in cui gli editori ci viziano con pubblicazioni interessantissime, tutte apparentemente imperdibili, tutte a loro modo attraenti, al punto da rendere difficile persino tenere il conto dei libri che si vorrebbe acquistare. 

Visto e considerato che dedicare un post a ogni singolo libro che avrei voluto comprare a marzo è praticamente utopia e che non ho potuto inserire tutti i libri di questo mese nella mia Bookish Chart (leggimi!) in cui vi ho elencato i 5 YA da non perdere a Marzo, ho deciso di mettere assieme tutti i romanzi che hanno attirato la mia attenzione e usciranno in questo mese. Vi avviso: ambasciator non porta pena. Perciò, se alla fine di questa carrellata sentirete il mio stesso bisogno, ovvero quello di possedere tutti i romanzi che vi mostrerò in questo post, mi considero libera da ogni responsabilità. In alto potete vedere alcuni dei titoli internazionali di cui vi parlerò oggi, ma ci sono anche tantissime pubblicazioni italiane a cui proprio non so resistere. Pronti a questo folle viaggio tra i libri più interessanti del mese? Io non sto nella pelle, perciò let's go!



IL PROFUMO DEL MOSTO E DEI RICORDI
ALESSIA COPPOLA


Lavinia vive a Firenze, dove studia e lavora come restauratrice. Quando un telegramma le annuncia la morte del nonno, che non ha mai conosciuto, sarà proprio lei a partire per la Puglia per valutare l’eredità ricevuta. Al suo arrivo trova un’antica masseria da ristrutturare, terre e vigneti in stato di abbandono, ma trova anche una grande famiglia pronta ad accoglierla. Abituata alla città, Lavinia si sente quasi a disagio in quell’ambiente rustico, e mal sopporta le premure e l’affetto che tutti le riservano, convinti che lei sia lì per risollevare le sorti della tenuta. E invece Lavinia è pronta a venderla, anche se non ha il coraggio di confessarlo. Quel viaggio in una terra sconosciuta, selvaggia e vigorosa, ha però in serbo delle sorprese. Alessandro, il giovane agronomo che lavorava a fianco del nonno, le farà conoscere ogni angolo della proprietà, la guiderà alla scoperta delle sue radici, narrandole storie che nessuno le ha mai raccontato. Ripercorrere insieme a lui quel passato, avvolto nel mistero e capace di risvegliare tanti ricordi, le farà cambiare idea su molte cose…

29 marzo 2018
Newton Compton, € 10,00  
QUANDO MI RICONOSCERAI
MARCO ERBA


Una storia sui dolori che la vita impone e la forza di ricominciare, che condanna ogni forma di fascismo e di oppressione, ieri come oggi, ma non dimentica che le persone, con la loro unicità, non sono mai solo le idee che professano. Ricordi. Frammenti. Sono niente, ma forse sono tutto. Perché la vita a volte ti toglie ogni cosa, però è anche il regalo più importante che hai. Dicono che i gemelli siano uguali come gocce d’acqua, e Rodolfo e Italo non fanno eccezione, tanto che a Castenate tutti li confondono. E come potrebbe essere altrimenti, quando hanno persino la stessa voglia a forma di cuore sulla mano? Eppure, sotto la superficie, i due fratelli sono molto diversi, ma anche uniti da un filo invisibile forte come l’acciaio. Viola è la ragazza più bella del paese, e coi gemelli non ha molto a che spartire, perché lei è la figlia di Giorgio Fontana, il capo dei fascisti, e i fascisti Rodolfo li odia. Ma la Seconda guerra mondiale incombe, pronta a travolgere i loro destini. Quasi cinquant’anni dopo, nello stesso paese, Enea e Camilla si incontrano in prima elementare. Enea è composto, educato, sa già leggere, ma il mondo gli fa un po’ paura. Camilla è invece tutta sguardi taglienti e sfacciataggine. Strega, la chiamano alcuni, senza immaginare le ferite nascoste dietro ai suoi silenzi. Saltando avanti e indietro nel tempo, Marco Erba nel suo secondo romanzo racconta una storia di violenza, amicizia, amore e perdono. Una storia sui dolori che la vita impone e la forza di ricominciare, che condanna ogni forma di fascismo e di oppressione, ieri come oggi, ma non dimentica che le persone, con la loro unicità, non sono mai solo le idee che professano.

13 marzo 2018
Rizzoli, € 10,00  
OTHERWORLD - QUESTO NON E' UN GIOCO
JASON SEGEL & KIRSTEN MILLER


Simon è giovane e ricco. Ma soprattutto è fortunato. Lui è uno dei pochi ad aver la possibilità di testare Otherworld, un videogioco di ultima generazione che dà accesso a una realtà virtuale in cui si può essere qualunque cosa. Un dio, un uomo, un mostro. Anche Kat, la ragazza di cui Simon è da sempre innamorato, è affascinata da Otherworld, però è anche sospettosa. Otherworld è un gioco insidioso, pericoloso. E nel momento in cui Kat scopre una scomoda verità sulla società che lo ha creato, la ragazza è coinvolta in un misterioso incidente che la costringe a un coma irreversibile. Per volontà del patrigno, la mente di Kat viene connessa a Otherworld: il videogioco sembra essere infatti l'unica speranza per la ragazza. Lì, in quel mondo fantastico, potrà vivere la vita che la realtà non potrebbe più offrire al suo corpo. Simon sa che niente di tutto questo è accaduto per caso. E sa che l'unico modo per salvare la sua Kat è avventurarsi in Otherworld e giocare la partita fino alla fine.

20 marzo 2018
DeA, € 14,99  
Serie:
1. Otherworld - questo non è un gioco
Il LUNGO VIAGGIO DI GARRY HOP
MOONY WITCHER


Mentre le città di Bessia e Karan si consumano in una guerra lacerante tra i loro cittadini, i Fiderbi e Verroti, Garry Hop, che ha già perso suo padre, vive il dolore della malattia della madre destinata a non sopravvivere in assenza di medicine. L’unico in grado di darle salvezza e salute è il vecchio sciamano Bandeo Gropiùs, che risiede nella magica isola di Hunnia, proprio la causa del contendere tra i due popoli. Garry, di nascosto, parte alla volta dell’isola e comincia un viaggio che sarà per lui un’immensa scoperta, di luoghi, sentimenti e verità. A cambiare il suo sguardo sul mondo sarà l’incontro con una giovane Fiderba, Alina: i due ragazzi, destinati a conoscersi nell’odio, si ritroveranno compagni di viaggio e, infine, amici.


21 marzo 2018
Giunti, € 12,00  


ONORA IL PADRE - UNA STORIA DI CORAGGIO E DI MAFIA
ANNAMARIA PICCIONE


Valentina ha quasi diciott'anni, è bella, ricca, brava a scuola, ha amici fidati, abita in una prestigiosa casa d'epoca nel centro di Palermo, con un padre commercialista che la adora, una mamma francese molto elegante che la sostiene in tutto, un fidanzato che frequenta già l'università ed è figlio di carissimi amici di famiglia. In questa esistenza praticamente perfetta, il fatto di essere stata adottata per lei è un dettaglio irrilevante. Ma il giorno del suo compleanno, tra le tante buste contenenti gli auguri, Valentina trova nella posta un biglietto anonimo: qualcuno le vuole rivelare la verità sulle sue origini. La ragazza non confida nulla ai genitori e decide di incontrare il misterioso autore del biglietto. Non sa ancora che questa decisione le farà aprire gli occhi per la prima volta e cambierà la sua vita per sempre... Un romanzo che parla della mafia nelle sue sembianze più subdole e nelle sue trame più sommerse.

22 marzo 2018
UP Feltrinelli, € 13,00