giovedì 1 dicembre 2016

Recensione "Oblivion III- Opal attraverso gli occhi di Daemon" di Jennifer Armentrout



Naturalmente non c'era pericolo che mi lasciassi scappare l'opportunità di leggere e recensire il terzo e ultimo capitolo di "Oblivion", la novella spin-off della serie Lux di Jennifer Armentrout che narra la storia dal punto di vista di Daemon. Appena ho potuto ci ho messo sopra le grinfie e l'ho letteralmente divorato. Se volete sapere cosa ne penso, non vi resta che leggere la mia recensione!



Titolo: Oblivion III - Opal attraverso gli occhi di Daemon (Lux 1.5)
Data di pubblicazione: 26 Ottobre 2016
Editore: Giunti Y
Prezzo: 12,00 €
Pagine: 336



L’alieno più sexy mai sceso sulla Terra questa volta deve combattere contro qualcosa di molto più grande di lui per proteggere la sua famiglia da un pericolo più che reale. Ma Daemon non è solo, lui e Katy sono diventati inscindibili e questo significa che dovrà soprattutto proteggere la sua amata. Trame oscure ed esperimenti segreti coinvolgono il Dipartimento della Difesa e un’organizzazione spietata, Dedalo, che ha imprigionato Dawson per anni e continua a tenere rinchiuso qualcuno che gli sta particolarmente a cuore. Per annientare l’organizzazione e salvare gli ibridi, bisogna allearsi con coloro che un tempo erano nemici. In gioco ci sono le loro vite, soprattutto quella di Katy. È necessario tornare nell’oscurità per rivedere la luce e salvare due mondi da conseguenze disastrose. Il coraggio e l’amore che uniscono le coppie umano-aliene sono così potenti da sfidare questa terribile minaccia. 

In un susseguirsi di colpi di scena, che vissuti direttamente da Daemon acquistano una luce del tutto inedita, si conclude questa avventura di proporzioni galattiche. 





La mia recensione


Forse non tutti sapranno che "Oblivion" era originariamente un solo libro. La Giunti ha deciso invece di dividerlo in tre volumi (recensione "Oblivion I", recensione "Oblivion II"), e questo è quello conclusivo.
Polemiche a parte, è bello sapere che anche noi lettori italiani abbiamo avuto l'opportunità di leggere questo spin-off che rivive i primi libri della serie Lux dal punto di vista di Daemon Black. 

Anche se non c'è molto di inedito in questi tre libri, quello che sorprende è la profondità delle emozioni di Daemon, che da un romanzo al successivo dimostra la sua crescita sotto moltissimi aspetti
Recensire questi libri non è cosa facile, visto che la storia è ben nota, perciò in questo caso sarò piuttosto breve e concisa. Sono sicura che non vi dispiacerà! E non temete: non c'è pericolo di spoiler per chi non abbia letto gli spin-off.

Rileggere le avventure di Daemon e Katy, in particolare quelle narrate in questo libro, è stato un po' come tornare a casa. Come se un cerchio si fosse chiuso. Insomma, è stato confortante e commovente, in particolare per il finale strappalacrime. Gli scenari sono quelli di "Opal", perciò chi conosce la saga saprà che le situazioni in cui i personaggi sono coinvolti prendono una piega piuttosto avventurosa.

Daemon, l'alieno Luxen che narra la storia, ha sempre lottato con le unghie e con i denti al fine di proteggere la sua famiglia. Per questo ora che è nuovamente riunita farà di tutto perché non si disgreghi più. Riallacciare i rapporti con il fratello perduto e ritrovato, però, non è cosa facile ed è stato coinvolgente poter sentire il dolore di Daemon, assistere ai suoi monologhi interiori e alle sue elucubrazioni. Le loro interazioni fanno tenerezza e scaldano il cuore, dando spessore alla trama, altrimenti nota.
Daemon non è più il ragazzino spavaldo che abbiamo conosciuto nel primo romanzo. La guerra senza confine con gli Arum, alieni malevoli che vogliono sterminare i Luxen, le incursioni del Governo nella vita dei suoi affetti più cari e le conseguenze di tali incursioni, i tradimenti e le rinuce compiute nel corso del tempo, lo hanno trasformato in un uomo su cui gravano infinite responsabilità. La sua gioia risiede nell'amore per Katy, con cui ormai è legato a filo doppio: non c'è nulla che non farebbe per proteggerla e offrirle il miglior futuro possibile. Per farlo dovrà compiere scelte pericolose, che potrebbero costargli molto. Ma non c'è spazio per la codardia nel cuore di Daemon. 
La storia infuria d'azione e tensione, lasciando con il fiato sospeso fino all'ultima pagina. Chi ha letto "Opal" lo sa: il finale è un colpo al cuore. La Armentrout sa come mietere vittime sulla propria strada e ammaliare senza appello!


Pur non offrendo un gran numero di scene inedite, questo spin-off, nella sua totalità (ovvero tutti e tre i libri) sa regalare tante nuove sensazioni a chi ama la serie. Non c'è dubbio sul fatto che il POV di Daemon sia dotato di una verve che non lascia indifferenti: lui è indomito, sicuro di sé, meditabondo e perdutamente innamorato di Katy. Il loro rapporto cresce e si alimenta di una luce irresistibile, che vista attraverso gli occhi di Daemon scalda il cuore in un modo unico. 
Nello specifico questa terza parte dello spin-off mi ha conquistata per la mole di emozioni che porrta con sé. Non che le avessi dimenticate, "Opal" mi ha spezzato il cuore in effetti, ma ritrovarle è stato un colpo allo stomaco. Un'altalena di colpi di scena, scelte impensabili e sacrifici tiene con il fiato sospeso dalla prima all'ultima pagina. La maturazione di Daemon è reale e palpabile, cosa che rende ancor più credibile questo personaggio diventato ormai emblematico.
Le interazioni tra Daemon e il fratello gemello Dowson sono qualcosa di indescrivibile. Due anime legate che non riescono più a combaciare, ma che fanno di tutto per tornare a essere compatibili. Pur avendolo intuito nella versione originale di "Opal", questo dettaglio è reso infinitamente meglio dal POV di Daemon: non c'è paragone. 
Inutile dire che l'amore che Daemon nutre per Katy si evolve e cresce, cambiandolo nel profondo. In effetti entrambi sono cresciuti immensamente rispetto ai primi libri. Da ragazzini con tanti grilli per la testa, si sono trasformati in adulti con troppe responsabilità di cui curarsi, determinati a fare tutto il possibile perché il loro sia un futuro felice.
Come ho detto questo è un libro zeppo di emotività. Che trova il suo culmine sul finale: non farò accenno a nulla per evitare spoiler, ma sappiate che ho pianto. Due volte. La prima con "Opal" e la seconda con "Oblivion III". Vi basta?


Verdetto: un finale che strappa il cuore

Livello di intimità: baci e carezze! 


La serie LUX è composta così


3 commenti:

  1. Ho amato questa serie,la Armentrout ormai è diventata una garanzia e condivido in pieno quando dici che nonostante non ci siano scene inedite leggere il pov di Daemon è sempre meraviglioso *-*

    RispondiElimina
  2. Adoro adoroooo... questa serie Lux mi piace in tutte le salse.. la rileggerei anche dal punto di vista di Dawson, Dee e addirittura Andrew e Ashley!! Però Daemon è tanta roba :)

    RispondiElimina
  3. Awwwww voglio leggerlo <3 Prima o poi qualcuno me li regalerà :D

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...