Atelier dei Libri: Recensione "Sadie" di Courtney Summers

giovedì 27 giugno 2019

Recensione "Sadie" di Courtney Summers


Chi dice che d'estate si leggono solo libri allegri, non ha mai provato il piacere di perdersi in una lettura da brivido, mentre attorno a sé infuria il caldo feroce. Se volete assaporare questa esperienza, Sadie è assolutamente la lettura di cui avete bisogno. Scoprite di più sul libro nella mia recensione spoiler free.


Data di pubblicazione: 25 giugno 2019
Titolo: Sadie (Autoconclusivo)
Autrice: Courtney Summers
Prezzo: 17,00 €
Editore: Rizzoli
Pagine: 366
La mia votazione:



Sadie non ha avuto una vita facile. E' cresciuta sola e ha dovuto prendersi cura di sua sorella Mattie in una piccola cittadina isolata, cercando in tutti i modi di fornirle una vita normale.
Ma quando Mattie viene trovata morta, l'intero mondo di Sadie crolla. Dopo un'investigazione piena di errori da parte della polizia, Sadie è determinata a trovare il killer di sua sorella e consegnarlo alla giustizia e perlustra le strade seguendo i pochi indizi che ha per trovarlo.
Quando West McCray - un ragazzo che lavora in radio e che si occupa di piccole e dimenticate cittadine americane - sente la storia di Sadie mentre si trova dal benzinaio, diventa ossessionato dalla ragazza scomparsa. Inizia così il suo podcast mentre tiene traccia del viaggio di Sadie, cercando di capire cosa sia successo, sperando di trovarla, prima che sia troppo tardi.




La mia recensione


Quando mi è stata offerta la possibilità di leggere "Sadie" di Curtney Summers, uscito per Rizzoli il 25 giugno, ho avuto un piccolo moto di gioia. Aspettavo la sua pubblicazione da un anno, ormai, e avevo letto ovunque recensioni entusiastiche da parte del pubblico e dalla critica, entrambi estasiati dalla potenza narrativa che Curtney Summers ha impresso in questa storia.
Non a caso, con "Sadie", la Summers ha rastrellato nomination e premi un po' ovunque, convincendo tutti con la sua scelta di raccontare una storia scomoda e brutale, ma anche assuefacente e indimenticabile. Io, che proprio non so dire di no a un romanzo young adult che promette di strapparti il cuore e ridurlo a brandelli, ho ovviamente subito approfittato dell'offerta di lettura e mi sono immersa nella bellissima e straziante storia di Sadie.
Il libro è uno di quelli che dovreste leggere senza farvi domande, che voi siate giovani lettori o divoratori di libri più maturi: è una lettura mozzafiato, che non conosce età e vi incatenerà alle pagine, ve lo prometto. Ma sappiate che quella di Sadie non è una storia semplice da digerire. Non ci saranno cuori innamorati e farfalle nello stomaco ad attendervi tra le pagine di questo libro, bensì una corsa contro il tempo e la ricerca disperata di una giustizia che sembra impossibile da raggiungere. Due sorelle legate da un amore indissolubile che supera la morte, un assassino in libertà, uno speaker radiofonico determinato a sciogliere una matassa inestricabile sono solo alcuni degli ingredienti di questa storia. E credetemi, pur non trattandosi di un romanzo d'amore, bensì di un thriller al cardiopalma, le emozioni, amici miei, sono assicurate.

Dimenticatevi i classici contemporary americani, in cui adolescenti complicati provano a destreggiarsi tra il liceo e i problemi di cuore, perché Curtney Summers ha deciso di raccontarci tutta un'altra storia. 
Sadie ha diciannove anni e troppi traumi da racchiudere in un cuore tanto giovane. Cresciuta in una squallida periferia americana in cui tutti arrancano per non essere seppelliti dal degrado e dalla povertà che minaccia di inghiottirli, Sadie ha rinunciato alla speranza di un futuro migliore per sé sua madre, tossicodipendente e inaffidabile. L'unica cosa che la spinge a svegliarsi al mattino è la completa devozione che nutre per Mattie, la sorella minore che ha cresciuto come una figlia, rinunciando persino alla scuola. Sadie e Mattie sono una cosa sola, unite da un legame che splende come un sole nella valle di lacrime in cui sono confinate. I sorrisi di Mattie sono la linfa che spinge Sadie a lottare per garantirle una speranza, le sue lacrime sono spade che lasciano ferite profonde.
Quando Mattie viene brutalmente uccisa, la vita di Sadie cade in una fitta oscurità infranta solo dalle fiamme di puro rancore che divampano in lei. Sola e devastata dalla sua perdita, dopo un'indagine frettolosa che non ha portato le autorità a nessun risultato, Sadie decide di mollare la sua vita e inseguire la vendetta. Determinata a trovare e uccidere l'uomo che le ha portato via Mattie, Sadie inizia un viaggio pericoloso e dalla destinazione ignota.
A seguirla da lontano c'è lo speaker radiofonico West McCoy, che in seguito alle sollecitazioni della nonna adottiva di Sadie, decide di iniziare un podcast e mettersi sulle tracce della ragazza scomparsa, per salvarla prima che sia troppo tardi.


Non vi mentirò: "Sadie" è un libro tosto, che colpisce allo stomaco con la potenza di una palla di cannone. Questa lettura mi ha letteralmente fatto a pezzi,  ma non penso che l'autrice si aspettasse altro mentre la scriveva. 
La storia è narrata alternando la voce della protagonista e i podcast di West e vi assicuro che una tale novità è una boccata d'aria fresca nella letteratura contemporanea: ho adorato questa scelta. Quella di Sadie e Mattie è una storia molto, molto triste, che fa luce su un intero strato sociale di cui non si parla facilmente, ma che esiste e merita attenzioni. La Summers ha infatti deciso di parlarci di quelle realtà invisibili, in cui i bambini sono costretti a crescere in fretta per sopravvivere, in cui gli adulti sono spesso dei nemici e da cui emergere è quasi impossibile senza un aiuto concreto. 
Immergersi nei ricordi di Sadie è un'esperienza da cui non è contemplato l'uscire indenni, io vi ho avvisati. La sua infanzia e quella di Mattie, di cui vedremo solo alcuni bagliori attraverso i pensieri di Sadie, è costellata da traumi, violenze fisiche e mentali, fame e paura. Non immaginate con quanta forza avrei voluto fermare tutto, entrare nei ricordi di Sadie e riavvolgere il nastro, per poter proteggere quelle due ragazzine dall'anima bella, che attorno non avevano altro che occhi spenti e adulti crudeli.
C'è un intero mondo che Sadie tiene nascosto a chiunque. Un mondo fatto di senso di colpa e memorie terribili, di avvenimenti che prendono a morsi l'anima e di un amore viscerale per Mattie. Ma c'è anche molto di più: c'è il bellissimo cuore di una ragazza speciale, che pur essendo cresciuta in una realtà priva di speranza, guarda il mondo senza pregiudizi, ma si nasconde dietro un'armatura pur di non mostrare le sue debolezze.
Ho amato Sadie, con cui condivido tanti brutti ricordi e un passato da cui ancora provo a fuggire, ecco perché ammiro Courtney Summers essere riuscita a dar voce a una realtà così scomoda, in un modo così incisivo. Della trama, miei cari, non voglio dirvi assolutamente nulla. Ma vi dirò che questo è un libro da leggere e amare fino in fondo.



Verdetto: bellissimo e tosto da morire

2 commenti:

  1. Wow che recensione. Avevo adocchiato la nuova uscita molto incuriosita, però probabilmente non è il momento giusto per questa lettura adesso, visti i temi trattati. Sicuramente appena arriverà il suo momento leggerò la storis di Sadie e Mattie.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!