Atelier dei Libri: Recensione "La vita inizia quando trovi il libro giusto" di Ali Berg e Michelle Klaus

venerdì 11 gennaio 2019

Recensione "La vita inizia quando trovi il libro giusto" di Ali Berg e Michelle Klaus



Chi mi segue da tempo sa che non riesco a dire di no a una storia che parli dell'amore per la lettura, quindi il mio anno libroso non poteva che iniziare con "La vita inizia quando trovi il libro giusto", che ho letto in anteprima e di cui sono felicissima di potervi parlare in questa recensione spoiler free: sono certa che anche voi lo desidererete leggerlo!

Titolo: La vita inizia quando trovi il libro giusto (autoconclusivo)
Autrici: Ali Berg & Michelle Kalus
Data di uscita: 10 Gennaio 2019
Dove comprarlo: Amazon
Editore: Garzanti
Prezzo: 17,90 €
Pagine: 310
Il mio giudizio:



Frankie ha sempre cercato le risposte nei libri. Al perché la sua carriera non sia decollata, al perché sia così difficile andare d’accordo con sua madre o, a ventotto anni, non abbia ancora vissuto la sua grande storia d’amore. Leggere le pagine di Jane Austen, Francis Scott Fitzgerald e John Steinbeck l’ha sempre aiutata. Ma, al di fuori delle amicizie letterarie, Frankie si sente spesso sola. La sua vita, ora, sta per cambiare. Il suo piano non può fallire. I libri non possono tradirla. Per giorni ha lasciato una copia dei suoi romanzi preferiti sui mezzi pubblici che prende per andare al lavoro, scrivendo all’interno il suo indirizzo e-mail. Perché per una grande lettrice come lei non c’è modo migliore di fare nuove conoscenze, o addirittura di trovare l’anima gemella, se non grazie a un libro. Ne è sicura. Quando le risposte cominciano ad arrivare, Frankie colleziona appuntamenti su appuntamenti. E, purtroppo, delusione su delusione. Perché, di fronte a lei, si presentano le persone più strambe che abbia mai conosciuto e nessuna sembra quella giusta. Tra di loro non c’è l’ombra né di un amico né tantomeno di un fidanzato. Fino a quando non incontra Sunny, un uomo che sembra uscito da uno dei suoi romanzi preferiti. Ma ha un difetto terribile: gusti letterari opposti ai suoi. Una cosa su cui Frankie non può proprio passare sopra. L’uomo giusto deve leggere i libri giusti. Frankie si trova a un bivio. Per vivere una favola d’amore deve accettare Sunny con i suoi pregi e i suoi difetti. Accettare che l’uomo accanto a lei possa amare autori che lei non ha mai letto. Perché una nuova vita inizia quando trovi l’amore. Ma anche quando trovi una storia da leggere, che apre orizzonti inaspettati e fa scoprire nuovi protagonisti da incontrare.


La mia recensione


Noi amanti dei libri, si sa, siamo persone che si lasciano stupire dalla bellezza delle gioie semplici e adoriamo farci solleticare da romanzi che inneggiano all'amore per la lettura. Un po' perché sembrano parlare direttamente ai nostri cuori, raccontando una storia che in qualche modo ci appartiene, un po' perché è bello sapere di non essere soli in questo sconfinato mondo. Nonostante l'avvento dei social che rendono la nostra vita un'esperienza collettiva, la lettura resta un'attività che si fa in solitudine, nel silenzio caotico dei nostri cuori in subbiglio ed è bello poter letteralmente entrare nella mente di un altro topo da biblioteca di tanto in tanto, per avere un assaggio degli infiniti modi in cui l lettura può cambiare un'esistenza. 
Per questo motivo e per molti altri, non ho potuto resistere al richiamo di "La vita inizia quando trovi il libro giusto" di Ali Berg e Michelle Klaus, pubblicato proprio ieri da Garzanti e già sulla bocca di tuttiA convincermi totalmente del fatto che dovessi leggere questo libro è stato il progetto di bookcrossing a cui le due autrici hanno dato vita e a cui si sono ispirate per la stesura del romanzo. 
Tra le sue pagine ho trovato una storia d'amore e amicizia, ma anche di crescita personale e pur non essendosi rivelato, per me, effettivamente un libro in grado di cambiare la vita, ho trascorso ore piacevoli in sua compagnia e in compagnia di Frankie, che di libri si nutre e che attraverso i libri da una nuova direzione al proprio destino


Il libro nasce dall'esperienza che ha segnato le due autrici, le quali nel 2016 sono diventate delle book ninja con l'iniziativa "book on the rails" che le ha spinte a lasciare i propri libri preferiti sui mezzi pubblici di Melbourne. Iniziativa che mi ha convinta non solo a dare una possibilità al libro, ma a vestire i panni della book ninja per un giorno! In occasione dell'uscita del romanzo, infatti, ne ho lasciato una copia nella mia città ed è stata una bella emozione, che mi ha fatto toccare con mano le connessioni involontarie che un libro può creare. Anche solo per questo, "la vita inizia quando trovi il libro giusto" avrà un posto speciale nei miei ricordi.
La storia che racchiude è quella di Frankie, che vive letteralmente nel suo mondo fatto di parole stampate su carta, lavora in libreria assieme alla migliore amica Cat, è un'autrice in preda al blocco dello scrittore e agli amori reali preferisce quelli d'inchiostro. Determinata ad accorciare le distanze tra lei e il mondo reale, Frankie apre un blog sui cui raccontare la sua folle idea: andare a caccia di un'anima affine, lasciando in giro i propri libri preferiti e invitando chi dovesse trovarli e amarli quanto lei, a incontrarsi. Questa ricerca, emozionante e sorprendente dai risvolti inattesi, la porterà a scontrarsi con i propri limiti e i propri preconcetti, aprendo i suoi orizzonti. Attraverso alcuni tiri mancini del destino, Frankie arriverà a comprendere che ogni libro parla al cuore di ogni lettore in modo diverso e che non basta condividere l'amore per lo stesso romanzo, per essere letteralmente "sulla stessa pagina" anche nella vita.


Quella raccontata da Ali Berg e Michelle Klaus è una divertente commedia romantica da leggere a cuor leggero, per poter apprezzare al meglio l'ironia di alcuni personaggi e l'essenza del libro in sé, che vuole sottolineare come i libri diventino parte di chi li legge e come possano incidere in modo sempre nuovo, sulle vite di chi li scopre.
Complice lo stile accattivante e fresco delle autrici, i dialoghi scoppiettanti e l'originalità dell'iniziativa intrapresa da Frankie, la lettura scorre rapidamente e senza intoppi, regalando sorrisi sinceri ed emozioni a fior di pelle. Non mi stupisce che sia stato letto e amato da moltissimi lettori nel mondo e non mi stupirebbe nemmeno scoprire di un'imminente trasposizione cinematografica o televisiva. Quello che invece mi ha stupito, invece, è stato scoprire che la protagonista fosse così critica nei confronti dei gusti letterari altrui: da amante della libertà in tutte le sue forme, ho avuto qualche problema a entrare in sintonia con Frankie e il suo modo di catalogare le persone in base ai propri gusti letterari. Ho invece provato un'immediata simpatia per il protagonista maschile, Sunny, che a trent'anni non si priva del piacere di leggere ciò che più gli piace ed è un fan accanito del genere young adult. Ho adorato il modo in cui sia riuscito a dare filo da torcere a Frankie,rubandole il cuore nonostante tutto e dimostrandole che la buona letteratura non ha etichette, né limiti, né età.
La nota dolente del romanzo, per me, è stata Cat e la sua storia di tradimenti, bugie e segreti, tutti elementi di cui un libro di questo tipo non aveva secondo me alcun bisogno.  

Verdetto: da leggere d'un fiato!

4 commenti:

  1. Bella recensione! Quasi quasi domani libero un libro anch'io. Questo non so ancora se leggerlo o meno, ma alla fine immagino lo farò. Non resisto ai libri che parlano degli amanti dei libri. Sarò un po' autoreferenziale, ma pazienza. Ciao da lea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che meraviglia! Che libro hai deciso di liberare?

      Elimina
  2. Ciao! Faccio la corte a questo libro da quando ho visto la data di pubblicazione, ad attrarmi è stata immediatamente la cover. Quello che mi trattiene è proprio la parte finale della trama rilasciata dalla casa editrice, un'amante dei libri non può giudicare gli altri per ciò che leggono, non è proprio concepibile xD alla fine probabilmente lo leggerò comunque per curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Serena! Esattamente lo stesso pensiero che ho fatto io e che ha un mitigato il mio entusiasmo iniziale. Per fortuna c'è chi darà prova alla protagoinista che la sua visione è un po' (tanto) sbagliata.

      Elimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!