lunedì 10 novembre 2014

Recensione "Unravel me" di Tahereh Mafi

Bene, sognalettori, oggi finalmente riesco a portare avanti il mio proposito di recuperare le recensioni che ho in arretrato e riesco a parlarvi del bellissimo "Unravel me" di Tahereh Mafi, secondo romanzo della serie "Shatter me" che in Italia è stata bloccata dalla Rizzoli, ma che è stata tradotta in modo amatoriale da "The books we want to read" un gruppo di blogger italiane favolose (qui trovate "Unravel me").
Gli estratti che troverete nella recensione invece sono tradotti da me, vi prego di citare la fonte se li condividete nel web!

Data di pubblicazione: 1 Dicembre 2016
Titolo: Unravel me (Shatter me #2)
Autrice: Tahereh Mafi
Prezzo: € 17,50
Editore: Rizzoli
Il mio voto





uliette si è rifugiata ad Omega Point, un posto per gente come lei – gente con un dono – che è anche il quartier generale della resistenza ribelle. Lei è finalmente libera dalla Restaurazione, libera dal loro piano che prevedeva di usarla come arma, e libera di amare Adam. Ma Juliette non sarà mai libera dal suo tocco letale. O da Warner, che la vuole più di qualsiasi altra cosa al mondo. In questo entusiasmante sequel di Shatter Me, Juliette deve prendere delle decisioni che le cambieranno la vita combattendo tra cosa vuole e cosa pensa sia giusto davvero. Decisioni che potrebbero comportare la scelta tra il suo cuore e la vita di Adam






La mia recensione

“Corri, Dico a me stessa. Corri fino a quando i tuoi polmoni non collasseranno, fino a che il non vento straccerà i tuoi vestiti logori, fino a che non sarai altro che un'ombra che si fonde nel paesaggio.“Corri, Juliette, corri più veloce, corri fino a che le tue ossa non si spezzeranno, fino a che i tuoi stinchi non andranno in frantumi e i tuoi muscoli si atrofizzeranno e il tuo cuore morirà perché è sempre stato troppo grande per il tuo petto e ha battuto troppo forte per troppo tempo e corri.“Corri corri corri fino a che non potrai più sentire i loro piedi dietro di te. Corri fino a quando loro non apriranno i pugni e le loro grida si dissolveranno nell'aria. Corri con gli occhi aperti e la bocca chiusa e trattieni il fiume che ti sgorga dagli occhi. Corri, Juliette.“Corri fino a morire.“Assicurati che il tuo cuore si sia fermato prima che ti prendano. Prima che ti tocchino. Corri, dico”
Capita, voi lo sapete, che io mi imbatta in libri che mi ammaliano al punto da portarmi alla follia. Libri di cui poi non faccio che parlare, libri con cui vi ossessiono e che non riesco a recensire perché sarebbe troppo. Troppo profondo, troppo intenso, troppo intimo aprirvi il mio cuore e parlarvi dei sentimenti che mi ha suscitato.  
Ebbene, "Unravel me" è stato uno di quei libri. Uno di quei libri per cui non ho dormito e non ho mangiato, per cui non sono uscita e non ho visto la luce del sole fino a quando non ho letto la parola fine e anche dopo. Uno di quei libri che ho sognato per settimane, di cui ancora ricordo passaggi a memoria, uno di quei libri con le cui citazioni vorrei tappezzare ogni parete di casa mia. 
Ecco perché questa recensione arriva con ritardo. Perché ho dovuto aspettare che il mio cuore smettesse di urlare e le mie mani di tremare ogni volta che ripensavo a "Unravel me" e anche oggi, a mesi e mesi di distanza, non sono riuscita a liberarmi da tutte le sensazioni che questo romanzo ha risvegliato in me. 
E' impensabile che la Rizzoli abbia deciso di interrompere quella che per me è senza appello una delle migliori saghe romance young adult in circolazione. Chiunque conosca un po' d'inglese e desideri leggere qualcosa che strappi il respiro, dovrebbe fiondarsi a comprare tutti i libri della Mafi, chiudersi in casa con una buona scorta di cibo e godersi la corsa. Oppure leggere le versioni tradotte delle ragazze di "The books we want to read".
Ma, ancor più importante, chiunque si appresti a leggere questa recensione farebbe meglio a prepararsi perché si troverà al cospetto di un fiume di pensieri adoranti, sconnessi e grondanti amore incondizionato. Non posso essere razionale, non oggi. Non quando ho finalmente concesso a me stessa il lusso di esprimere tutte le emozioni che "Unravel me" mi ha trasmesso, perciò, ecco... siete stati avvisati.

“Ti voglio,” dice. Dice “Voglio tutto di te. Ti voglio dentro e fuori e voglio catturare il tuo respiro e voglio che tu bruci per me quanto io brucio per te.” Lo dice come se ci fosse una sigaretta accesa nella sua gola, come se volesse immergermi nel miele caldo e dice “Non è mai stato un segreto. Non ho mai provato a nascondertelo. Non ho mai finto di volere qualcosa di meno”.
“Tu—tu hai detto di volermi essere a-amico—”
“Sì,” dice, poi deglutisce, “Lo volevo. Lo voglio. Io voglio esserti amico.” Annuisce e io registro il leggero spostamento d'aria tra noi. “Voglio essere l'amico di cui ti innamori perdutamente. Quello che tieni tra le braccia e nel tuo letto e nel mondo privato che è intrappolato nella tua mente. Voglio essere quel tipo di amico,” dice. “Quello che ricorderà le cose che dici così come la forma delle tue labbra quando le dici. Voglio conoscere ogni curva, ogni lentiggine, ogni brivido del tuo corpo, Juliette—”
“No,” boccheggio. “Non—non d-dire così—”
Non so cosa farò se continua a parlare non so cosa farò e non mi fido di me stessa
“Voglio sapere dove toccarti,” dice. “Voglio sapere come toccarti. Voglio sapere come convincerti a creare un sorriso solo per me.” Sento il suo petto alzarsi, abbassarsi, su e giù e su e giù e “Sì,” dice. “Io voglio essere tuo amico.” Dice “Voglio essere il tuo migliore amico nell'intero universo.”

Quando ho letto "Schegge di me" mi è stato immediatamente chiaro che Tahereh Mafi fosse una di quelle autrici capaci di farmi piacere qualunque cosa nascesse dalla sua penna. E avevo ragione, ma non avevo ancora ben chiaro in mente quanto in là questa sua capacità potesse spingersi. Se alla fine del suo primo libro qualcuno mi avesse detto che, in seguito, avrei fatto il tifo per Warner, quello che io avevo etichettato come un pazzo senza speranza, sarei scoppiata in una risata isterica. Era Adam l'eroe e lo sarebbe stato per sempre, ecco cosa pensavo. Be', mi sbagliavo e di grosso.
Avete già avuto a che fare con la mia ammirazione per la Mafi nelle recensioni precedenti (qui e qui) e sicuramente vi siete anche fatti un'idea di quanto mi sia invaghita di Aaron Warner, il personaggio maschile di rilievo di questa serie. Ma vi assicuro che potrei riempire pagine e pagine con i pensieri che la Mafi ha fatto sbocciare in me durante la lettura dei suoi romanzi e comunque, in ogni pagina, avrei qualcosa di nuovo di cui parlare. Perché è proprio questo il potere della serie "Shatter me": quello di rinnovarsi, ammaliarti e confonderti, dando vita a situazioni impensabili e meravigliose e facendo scaturire in te sensazioni che non avresti mai ponderato, ma di cui non potrai mai più fare a meno. Se "Schegge di me" ha innescato una scintilla che in "Destroy me" è diventata una fiamma, "Unravel me" è stato il libro dell'esplosione vera è propria. Quello in cui tutto ha preso forma e colore, in cui ogni cosa si è ribaltata ed è andata in pezzi, per poi ricomporsi nel modo più giusto e naturale possibile. E' stato il libro in cui Juliette, l'indecisa, fragile Juliette, ha finalmente aperto gli occhi e ha smesso di essere una vittima. Il libro in cui Adam si è reso conto che la persona che ama non è un'innocente damigella in pericolo, ma una forza della natura. Il libro in cui Aaron Warner ha scoperto le sue carte, mostrando al mondo la sua folle anima ribelle e a Juliette cosa sia il vero amore. Un amore che è ossessione, desiderio e struggimento, passione bruciante e scelte che fanno male, ma fortificano.



“La solitudine è una cosa strana.

Ti striscia addosso, silenziosa e delicata, ti siede accanto nell'ombra, ti accarezza i capelli quando dormi. Si avvolge attorno alle tue ossa, stringendo così forte che quasi non riesci a respirare. Deposita bugie nel tuo cuore, bugie al tuo fianco nella notte, fa filtrare la luce da ogni angolo. E' una compagnia costante, che ti prende la mano solo per tirarti a fondo quando stai lottando per restare a galla. 

Ti svegli al mattino e ti chiedi chi tu sia. Non riesci ad addormentarti la sera e tremi nella tua stessa pelle. E dubiti dubiti dubiti.

potrei

non potrei

dovrei

perché no

E anche quando sei pronto a lasciarla andare. Quando sei pronto a liberarti. Quando sei pronto a essere una persona nuova. La solitudine è una vecchia amica che ti rimane accanto nello specchio, guardandoti negli occhi, sfidandoti a andartene e vivere la tua vita senza di lei. Non riesci a trovare le parole per combattere te stesso, per combattere le parole che urlano che tu non sei abbastanza mai abbastanza mai abbastanza.

La solitudine è una compagna amara e distruttiva.
A volte semplicemente non vuole mollare.”

Lo so, le mie sembreranno le parole di una ragazza troppo innamorata dell'amore, o di Warner. Ed è vero, non mentirò dicendo che una delle cose che mi ha colpito di più di questo romanzo è la storia d'amore tra Juliette e Aaron. Mi sono sciolta assieme alla protagonista conoscendo meglio il carattere di Warner, scoprendo i suoi lati nascosti e seducenti, immaginando il suo sorriso di fronte al quale si può solo sbattere le palpebre e sospirare e sprofondare. Io, lo sapete, sono facile preda di passioni travolgenti e il mio cuore ballerino non si tira indietro quando c'è da battere come un tamburo per una storia di passione tormentata. E credetemi quando vi dico che quella racchiusa in "Unravel me" è di sicuro una tra le più tormentate e passionali delle relazioni. Lasciatemi dire che arrivata al capitolo 62, il magico, perfetto, irripetibile, capitolo 62, ho temuto di morire. Davvero. I miei occhi non riuscivano a rimanere aperti, la testa girava, lo stomaco era sottosopra. Ero tornata ai miei sedici anni e stavo vivendo le sensazioni che solo il primo amore può dare. Se potessi mi tatuerei quel capitolo sulla pelle, proprio sopra al cuore, perché lo riscaldi quando ho freddo.
Ma, oltre all'amore, oltre al fascino di Warner, oltre alla sua bellezza esteriore e interiore e al fiume impetuoso di passione e sentimenti che scorre in lui, ciò che mi ha colpito ancora una volta è stata la potenza narrativa di Tahereh Mafi. Il suo stile è unico, peculiare e imprevedibile, le sue parole lame che incidono la pelle e vanno in profondità, fin dentro il sangue. Il flusso a volte sconnesso e confuso dei pensieri di Juliette è ipnotico, non lascia scampo. Le frasi barrate, i concetti ripetuti, le descrizioni esasperate e la straziante solitudine della protagonista strisciano nel cervello del lettore, portandolo in un mondo in cui le parole brillano, hanno spessore e dimensione. Ricordo di essermi spesso trovata in lacrime leggendo alcuni pensieri di Juliette: il suo bisogno di non essere pericolosa, letale, era disperatamente palpabile e faceva male. Male sul serio. Quasi quanto il bisogno di Warner di essere visto e accettato da lei.

Mi guarda così intensamente negli occhi che sono sorpresa di non soccombere al cospetto della sua intensità e finalmente mi rendo conto, proprio in questo momento mi rendo conto, che tutto ciò che lo riguarda è così intenso. Niente che lo riguardi è gestibile o facile da maneggiare. E' troppo. Tutto di lui è troppo. Le sue emozioni, la sua rabbia, la sua aggressività.
Il suo amore. E' pericoloso, elettrico, impossibile da contenere. Il suo corpo sprigiona un'energia così straordinaria che anche quando è calmo è quasi palpabile. La sua presenza è palpabile.
Ma io ho sviluppato questa strana, spaventosa fiducia in ciò che Warner è davvero e su chi ha le capacità di diventare. Voglio trovare il diciannovenne che nutrirebbe un cane randagio. Voglio credere nel ragazzo con un'infanzia crudele e con un padre che abusava di lui. Voglio comprenderlo. Voglio svelarlo.


Ciò che disarma e stupisce di Tahereh Mafi è il modo in cui sia riuscita a ribaltare ogni convinzione che avesse instillato nei lettori con il primo libro. Non si è semplicemente limitata a dar vita a una serie di personaggi le cui vere intenzioni sono state inizialmente fraintese, ma ha costruito dei protagonisti con personalità così sfaccettate, articolate e ricche, da renderne difficile la comprensione immediata. Non solo Warner, ma anche Adam, Kenji e la stessa Juliette non fanno altro che evolversi, mostrare nuovi lati di sé e maturare di libro in libro. I suoi personaggi sono così autentici, genuini e umani, da risultare imprevedibili e proprio come se fossero davvero fatti di carne e sangue. 
"Unravel me" è il libro in cui ci si aspetterebbe che Juliette si integri con i suoi amici mutanti, viva la propria relazione con Adam in modo spensierato e impari a gestire i propri poteri per poter condurre un'esistenza tranquilla. Ma non avviene assolutamente nulla di tutto ciò ed è un bene. E' un bene perché, se tutto fosse andato come da copione, nulla avrebbe avuto senso. In un mondo ormai al collasso in cui i salvatori si sono dimostrati dei tiranni senza pietà, sarebbe stato assurdo se la protagonista, dotata di poteri straordinari, si fosse limitata a coronare il proprio sogno d'amore e questo la Mafi lo sapeva bene. Ecco perché ha deciso di capovolgere ogni cosa, spezzare cuori e far deflagrare bombe che hanno distrutto ogni sicurezza racimolata nel primo romanzo.
C'erano domande rimaste in sospeso in "Shatter me", c'erano zone d'ombra e dubbi sul mondo distopico in cui i protagonisti si muovevano e in "Unravel me" tutto si chiarisce, tutto prende forma e dimensione. Attraverso gli occhi di Juliette che è finalmente libera, i lettori possono conoscere le dinamiche del mondo in cui i personaggi vivono, i segreti dell'Omega Point e della Restaurazione, le verità scomode che si nascondono dietro entrambe le fazioni e le motivazioni che hanno spinto alcuni personaggi ad agire in modo ambiguo. Tutti questi fattori, sommati alla narrazione divina e alla meravigliosa caratterizzazione di Warner, hanno reso questo uno dei libri YA più riusciti in cui mi sia imbattuta. Lo rileggerei per sempre.

“Hai scritto molte cose,” dice senza guardarmi. “Sui tuo genitori, la tua infanzia, le tue esperienze con le altre persone. Hai parlato di speranza e redenzione e come sarebbe stato vedere un uccello volare. Hai scritto del dolore. E di come ci si sente pensando di essere un mostro. Come ci si sente quando si è giudicati da chiunque ancora prima di aver aperto bocca.” Un respiro profondo. “Molte di quelle cose mi facevano pensare di vedere me stesso su carta” sussurra. “Come se leggessi tutte le cose che non ho mai saputo dire.”
E io vorrei che il mio cuore semplicemente si zittisse zittisse zittisse zittisse.
“Mi dispiace ogni singolo giorno,” dice, le sue parole appena un respiro ora. “Mi dispiace per aver creduto alle cose che ho sentito su di te. E poi per averti ferito quando credevo di aiutarti. Non posso scusarmi per quello che sono,” dice. “Quella parte di me è già finita; già rovinata. Ho rinunciato a me stesso molto tempo fa. Ma mi spiace di non averti capito meglio. Tutto ciò che ho fatto, l'ho fatto perché volevo aiutarti a essere più forte. Volevo che usassi la tua rabbia come attrezzo, come arma per aiutarti ad accrescere la tua forza interiore; volevo che fossi in grado di combattere contro il mondo.” 
 





Verdetto:  amore puro per questo libro e per Warner

 
Livello sensualità: speziato, ma non troppo! (ci sono dei riferimenti al sesso, non troppo espliciti)   


Compralo scontato cliccando sulla cover!
Unravel Me (Shatter Me, #2)

37 commenti:

  1. Lo sto leggendo ora, ma che brave queste traduttrici che si caricano del lavoro delle ce. Poi non ho mai capito perché una serie così sia stata bloccata. Mi sfugge la logica :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono brave le traduttrici eh? Io le ammiro tanto. Dimentica la logica, ci sono solo i soldi dietro queste scelte: la serie ha venduto poco e l'hanno stroncata. Mi viene il mal di stomaco.

      Elimina
    2. Sono Stati dei libri che ho amato alla follia,warner mi ha totalmente spiazzata, immaginarsi un futuro CON Adam e poi ritrovarsi lui,è pazzesco!

      Elimina
    3. Sono Stati dei libri che ho amato alla follia,warner mi ha totalmente spiazzata, immaginarsi un futuro CON Adam e poi ritrovarsi lui,è pazzesco!

      Elimina
  2. Ho letto solo il primo, in inglese e ho adorato la prosa dell'autrice ma la svolta in versione x-man non l'ho proprio apprezzata. Una nota di merito per le copertine, davvero magnifiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi proprio leggere i seguiti, perché diciamo che la storia alla x-man (che non era piaciuta nemmeno a me), si evolve in modo abbastanza singolare. Le copertine sono *O*

      Elimina
  3. Io ho letto già i primi tre libri "stupendi", non vedo l'ora di leggere "Ignite me", Questo grazie alle ragazze di "The books we want to read". Perché pubblicare solo "Shatter me"? Che delusione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amiamo le ragazze di The books we want to read che fanno un lavorone!

      Elimina
  4. Glinda , grazie .... Se non fosse stato per te avrei potuto anche non conoscere questa meravigliosa , stupenda , incredibile , unica , eccccccc... saga ! E il solo pensiero mi fa tremare ... La tua recensione rende giustizia a tutte noi , fan deliranti della Mafi e della sua magica penna ! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti adoro Kerola, le tue parole sono oro per i miei occhietti. Sei un tesoro <3

      Elimina
    2. Ehi, potresti,per favore, mandarmi il PDF di Unravel me all'email lv.larisaa@yahoo.com? Non riesco a scaricarlo, non capisco il perché, e vorrei tanto leggerlo💌

      Elimina
  5. Ormai mi sono rassegnata al fatto che non lo porteranno in Italia... ma al costo di leggerlo in inglese, un modo lo troverò! Il primo libro della serie è stupendo, e da come ne parli anche questo lo sembra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai dire mai, Helena. Secondo me c'è ancora speranza, remota, ma c'è. Comunque sì, i libri seguenti sono anche meglio del primo perciò leggili!

      Elimina
  6. Io l'ho iniziato proprio ieri, ma purtroppo ho dovuto fermarmi. I miei occhi, ieri sera imploravano pietà. La tua recensione è un qualche cosa di eccezionale. Parli del libro come se fosse una persona e con le parole che utilizzi per descriverlo, mi spingi ancora di più ad andare avanti e portare a termine il libro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie Daniela! E per me è davvero come se il libro fosse vivo. Vive in me, in effetti *è romantica*, fammi sapere che ne pensi quando lo termini!

      Elimina
  7. Glinda che belle parole *-*
    anche secondo me è una delle saghe distopiche Y.A migliori di sempre,ho iniziato il primo libro ad agosto e grazie alle ragazze della pagina ho potuto continuare questa saga stupenda.
    Tahereh mafi ha uno stile unico e profondo che cattura dalla prima all'ultima pagina, e mio dio sono innamorata di warner dalla sua prima apparizione in shatter me lui "l'ossimoro vivente". Btw non vedo l'ora di leggere ignite e assistere (spero) ad una degna conclusione do questa saga assolutamente perfetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irene, è davvero una delle saghe più belle! Mi ha segnata tantissimo e vorrei perdere la memoria per rileggerla e riprovare tutte quelle sensazioni. Che bello fare certe magie con le parole, eh? In ogni caso, la conclusione è degna, sì. WARNER!

      Elimina
  8. Era dalla fine di Schegge di me che avevo capito che questa sarebbe stata una delle poche saghe che ti prende sino al cuore che ti fa impazzire e vivere emozioni forti.. Quindi devo devo per forza impegnarmi e leggerlo in lingua , credo anche che la Rizzoli abbia fatto un'ingiustizia a tutti i lettori appassionati di questa saga, ad una delle saghe più belle degli ultimi anni! Tu Glinda come al solito riesci a trasmettere tutta te stessa nelle tue recensioni riuscendo a volte ad arrivare persino al cuore di chi non ha letto il libro! Si, penso sia arrivato il momento di Unravel me! ^_____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello trovare i tuoi commenti di tanto in tanto, ti penso spesso tesoro! Devi per forza impegnarti e leggerlo, ma anche in italiano grazie alle ragazze di The books we want to read! Te quiero, chica <3

      Elimina
  9. GRAZIE GLINDA...grazie a te ho letto il primo libro e sempre grazie dell'informazione sulle traduttrici italiane, che lodo per la loro caparbietà nel non darsi per vinte e tradurre per tutti...
    La tua recensione appassionata lega il cuore e lo costringe a provare emozioni meravigliose...grazie, sei un tesoro!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Supergrind, tu sei sempre un tesoro e ogni volta i tuoi commenti mi fanno brillare gli occhietti! Ti adoro, lo sai? E sì, viva The books we want to read!

      Elimina
  10. Ti ringrazio per la gratissima news sulla traduzione amatoriale dei libri della Mafi. E, naturalmente, grazie di cuore alle blogger di "The books we want to read", il cui operato mi consentirà di proseguire questa bellissima serie ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma prego, sono felice che tu possa leggerla grazie a The books we want to read!

      Elimina
  11. Che bello leggere due recensioni così positive di fila, mi hai davvero fatto venire voglia di iniziare questa serie, e anche "Ava Lavander". Grazie Glinda!

    RispondiElimina
  12. Bellissimo ..meraviglioso..Entusiasmante non posso che usare questi aggettivi per descrivere il secondo volume di "Schegge di me" la Mafi a superato sse stessa regalando una storia meravigliosa e personaggi carismatici, un grazie immenso a chi la tradotto con solerzia e gran bravura......speriamo che continuino con i futuri volumi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cris, ha davvero superato se stessa! E sono certa che le ragazze continueranno a tradurre la serie <3

      Elimina
  13. Awwwww la Mafi è fantastica e queste recensioni sono meravigliose.
    Ringrazio di cuore le traduttrici. Mitiche!!! Senza di loro non potrei mai proseguire questa serie

    RispondiElimina
  14. Cara Glinda, ciao! Mi presento sono Irene e ho 23 anni!
    Ti seguo da un po' e grazie a te ho scoperto molti bei libri.
    Non sono una persona che di solito lascia commenti nelle varie pagine...ma dopo che mi hai fatto scoprire questa serie non ho poututo fare a meno di scrivere per dirti: "GRAZIE!".... attraverso la tua recensione mi hai spinto a prendere in mano la saga e quindi è solo grazie a te che ho provato tutte queste emozioni che da tanto tanto tempo non provavo con un libro...poche volte le parole sono riuscite a muovermi al punto di piangere! e la Mafi c'è riuscita! Quando ho letto "Shatter me" mi commuovevo per Juliette, quando ho letto "Destroy me" non riuscivo a stare ferma, non riuscivo a sopportare cosa stesse passando Warner..penso sia per questo che tutte noi lo adoriamo...siamo riuscite a sentire, a toccare il suo dolore dietro tutte le brutte azioni fatte...di quanti personaggi possiamo dire una cosa del genere? Sta qui la meraviglia di questo libro.

    Scusa se sono stata prolissa, ma questa serie mi ha entusiasmato!!!
    Ora devo leggere Ignite Me e non sto nella pelle...non so se aspettare la traduzione delle fantastiche ragazze della pagina o leggermelo in inglese...cosa suggerisci? In inglese riesce ad emozionare come in italiano? (io lo capisco bene ma è pur sempre un'altra lingua :( )

    Grazie ancora e complimenti!
    Irene

    RispondiElimina
  15. Glinda, tu e tahereh mafi state facendo a pugni nella mia testa per aggiudicarvi il titolo "idolo". Penso comunque che non vincerà nessuna delle due, quindi lo do a entrambe. A proposito, scusa se non c'entra niente, ma il tuo libro uscirà in versione cartacea? Ti prego dimmi di si *.*

    RispondiElimina
  16. salve a tutti. sono una tua grande ammiratrice e lettrice del tuo blog quindi un grazie per i tuoi continui aggiornamenti sui nuovi libri e le tue valutazioni veritiere. poichè so di non essere un genio della tecnologia in generale e ormai sull'orlo della pazzia per mancata lettura ho da porre una domanda.
    non è che qualcuno saprebbe spiegarmi o aiutarmi nel scaricare o capire perchè non riesco ad aprire il download delle traduzioni?? perchè adesso che le ho provate tutte come soluzioni ed essendo passati ormai diversi mesi.. beh, sto davvero impazzendo perchè se non leggo questa saga credo che non riuscirò a godermi nessun libro. quindi vi prego se vi è possibile mi potreste rispondere?? un grazie anticipato per i suggerimenti, spero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, allora dalla pagina dei books we want to read clicchi sulla copertina del libro, ti manda ad una pagina del sito mediafire dove esce in verde download con di fianco un numero tra parentesi...clicca li e fai salva con me! controlla che il formato sia pdf, magari non riesci a leggerlo perchè il formato è epub e non hai il programma per aprirlo...se hai ancora problemi lasciami la tua mail che ti invio li direttamente i file pdf

      Elimina
  17. Qualcuno ha il pdf di destroy me? La mia e-mail é evel1na97racu@gmail.com. Se si o sapete dove posso trovarlo senza iscrivermi o cose varie fatemelo sapere, che ho praricamente divorato pezzi di me e non vedo l'ora di continuare la saga, anche in lingua. Grazie c:

    RispondiElimina
  18. qualcuno riesce a mandarmi Shatter Me? non riesco a trovarlo da nessuna parte, la mia e-mail è sara.2306@hotmail.it

    RispondiElimina
  19. qualcuno riesce a mandarmi Shatter Me? non riesco a trovarlo da nessuna parte, la mia e-mail è sara.2306@hotmail.it

    RispondiElimina
  20. ciao scusa ma in italia é uscito solo il primo?

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...