giovedì 10 maggio 2012

Recensione, La chimera di Praga di Laini Taylor

Primo di un'incantevole trilogia urban fantasy adatta sia a un pubblico adulto che a un pubblico un po' più giovane, ma non troppo, La chimera di Praga è stato per me il libro rivelazione del 2012, una lettura travolgente che difficilmente può essere dimenticata.

Titolo originale: Daughter of smoke and bone
Traduzione: Donatella Rizzati
Data di uscita: 4 Maggio 2012
Titolo: La Chimera di Praga
Autrice: Laini Taylor
Editore: Lain/Fazi
Prezzo: 14,90
Pagine: 387
Il mio voto:
 

Karou ha 17 anni, è una studentessa d’arte e per le strade di Praga, la città dove vive, non passa inosservata: i suoi capelli crescono di un naturale blu acceso, la sua pelle è ricoperta da un’intricata filigrana di tatuaggi e parla una straordinaria quantità di lingue. Spesso scompare per giorni, e nessuno sospetta che durante quelle assenze vada in giro per il mondo a compiere missioni per Sulphurus, il demone chimera che l’ha adottata alla nascita. Karou non sa nulla delle proprie origini, né possiede ricordi dei suoi veri genitori, e una strana sensazione di vuoto, di memoria perduta agita i suoi pensieri e i suoi sogni senza mai abbandonarla. Così la sua quotidianità praghese, dominata dalla passione per il disegno, è intervallata da improvvisi ed esotici viaggi che la conducono fin dentro i più fumosi vicoli della medina di Marrakesh. Chi è dunque questa giovane e talentuosa avventuriera? Quale mondo si cela in quei disegni di corpi metà animali e metà umani che costellano i suoi fogli? Arriverà una guerra, spietata e senza tempo, a svelare la natura di Karou e della sua famiglia e a farle conoscere il vero amore, tanto passionale quanto contrastato.


La mia recensione 



The Daughter of smoke and Bone, ovvero La chimera di Praga, è un romanzo complesso e travolgente, la cui lettura causa un morboso senso di attaccamento alla storia. Attaccamento che viene continuamente alimentato dalla fitta nebbia che avvolge il tutto che, dissipandosi dolcemente, lascia sempre un ché di celato e intrigante. Il tutto narrato in terza persona dal punto di vista di personaggi unici e indimenticabili, le cui storie sono state abilmente intrecciate in una trama che non lascia perplessità né dubbi, nemmeno sul finale.
Laini Taylor, ha dimostrato il suo talento di autrice dando vita a un romanzo incredibilmente originale, che profuma di nuovo e classico, di passione e vendetta, di fantasy e di urbano. Impossibile non lodare anche il lavoro della traduttrice Donatella Rizzati, che ha compiuto un opera notevole, mantenendo intatto lo stile poetico e particolareggiato della Taylor, senza sminuire l'opera originale.

Ci troviamo nei vicoli di Praga, antichi, affascinanti e capaci di raccontare una storia pur senza proferire parola, in cui si muove sinuosa Karou, con un mantello di capelli azzurri al vento e i tatuaggi che occhieggiano dai palmi delle mani. Alta, sfacciata e con la pelle bianca come un confetto, Karou è una giovane donna irresistibile e pericolosa, che da subito rivela al lettore il suo temperamento magnetico e le sue più profonde fragilità.
La protagonista a cui la Taylor ha dato voce, brilla di luce propria come una stella che travolge il lettore con una cascata di idee strampalate e storie fantasiose da raccontare, storie che ti si imprimono sulla pelle come i tatuaggi che le cospargono il corpo.
Karou è un personaggio vibrante di sentimenti e di vita, la cui solitudine e fantasia penetrano nel cuore del lettore creando un legame indissolubile. Sin da subito si desidera conoscere la sua provenienza, sapere del suo passato, colmare i suoi vuoti e il suo desiderio di appartenenza. 
Tra un pranzo al Poison Kitchen con la migliore amica Zuzana, un battibecco con il suo appiccicoso ex-ragazzo Kaz, teneramente soprannominato dalle due amiche "Kaz-one" (dovevo scriverlo!), e una lezione d'arte, Karou vive una seconda vita, fatta di portali magici e mostri, di desideri irrealizzabili e immaginazione sconfinata. Sarà quella seconda vita a condurla al cospetto di Akiva, i cui occhi, ardenti di fiamme paradisiache e letali, le apriranno le porte dell'amore e della passione, del desiderio e di una verità sconosciuta.

"Storia Vera" è la frase che Karou ha inciso con l'inchiostro sui proprio polsi, un monito per ricordare a se stessa che i suoi assurdi racconti di Chimere, mostri, denti e magie, non sono delle semplici invenzioni. Solo lei è a conoscenza della sua vera vita, di ciò che fa quando sparisce nel nulla per le sue misteriose "commissioni", di come faccia a catapultarsi dall'altra parte del Mondo in un batter d'occhio, e della sua famiglia di "mostri". 
Karou è stata allevata e vive assieme a un gruppo di Chimere, creature dall'aspetto terrificante che mescola diverse razze di animali e fattezze prettamente umane. Sulphurus, una sorta di padre putativo per lei, è Il mercante dei Desideri, colui per cui Karou va a caccia di denti in giro per il mondo, pur non sapendo a che scopo lui ne sia così ossessionato. Il mistero avvolge la loro provenienza e il loro scopo, così come il passato e l'identità di Karou. Non passa un secondo senza domandarsi chi essa sia, da dove provengano i due magici occhi che le segnano i palmi delle mani, e cosa siano le impronte infuocate che continuano a comparire sui battenti dei portali che Karou usa per spostarsi durante le sue missioni.
Quando la già impossibile vita della protagonista viene scossa da un terremoto a cui sarà difficile sopravvivere, la disperazione l'avvicinerà inaspettatamente al più proibito e irresistibile degli amori. Akiva dagli occhi di fiamme le porterà via il dolore riempiendo il suo vuoto, ma come è scritto al principio del libro: "Tanto tempo fa, un angelo e un diavolo si innamorarono. Non finì bene."

Un crescendo di colpi di scena, un'incredibile storia d'amore e di fantasia, un favoloso preludio della storia che giungerà nei libri successivi, un meraviglioso esordio letterario, questo, e molto altro, è La chimera di Praga: una tra le più deliziose sorprese del 2012. 
Da detrattrice delle storie che vedono come protagonisti Angeli e Demoni, il timore di trovarmi al cospetto di un racconto deludente e pieno di cliché era davvero grande, almeno quanto grande è stata la sorpresa di scoprire quanto unico e originale fosse questo libro. Laini Taylor ha infatti completamente stravolto la genealogia a cui Angeli e Demoni sono solitamente legati, facendoli diventare qualcosa di totalmente unico e meraviglioso. La mitologia di questo romanzo è travolgente e fascinosa, magnetica come una storia proibita a cui si accede di nascosto, tutta da scoprire e assaporare sino all'ultimo boccone. 
Impossibile non lasciarsi suggestionare dal fantastico mondo costruito attorno alle figure delle Chimere e dei Serafini, che nulla hanno a che vedere con paradiso e inferno, dalla fantasia esercitata da Laini per colorare le pagine con tonalità mai viste prima e dall'irresistibile carisma dei personaggi e dell'autrice stessa. Quasi si riesce a immaginarsi Laini Taylor, con i suoi capelli rosa acceso, al fianco della protagonista e, perché no, con un paio d'ali da Chimera.

La storia che vede protagonista Karou è tanto attraente quanto pericolosa e possiede una carica emotiva che cresce di più a ogni pagina. Lasciatemi dire che l'arte dello scrivere non è affatto sconosciuta a Laini Taylor, che in poche battute riesce a far ridere, commuovere e palpitare il lettore, senza mai cadere nella banalità. 
Anche le bellissime ambientazioni, dall'intrigante e decadente Praga, con i suoi ristoranti oscuri su cui circolano storie macabre, passando per assolati e caotici vicoli di  Marrakesh, per arrivare al mondo delle Chimere e degli Angeli, sono state descritte con cura e naturalezza, oltre che dovizia nei particolari. 
Il fiiore all'occhiello di questo romanzo è indubbiamente Karou, zaffiro grezzo dai molteplici segreti e sconfinati poteri, che si rivelano nel corso della trama lasciando continuamente senza fiato. Alcune scene che vedono protagonista lei e l'amica Zuzana rivelano l'assoluta genialità di Laini Taylor, autrice capace di far ridere in modo convulso e creare immagini incantevoli grazie allo spiccato senso artistico. Mentre la presenza di Akiva fa affiorare il lato più poetico e passionale dell'autrice, a cui è davvero impossibile resistere.
La bellezza e l'originalità con cui tutto è narrato, il poetico stile della Taylor e il carisma della storia in sé non lasciano scampo, mentre la storia che lega Akiva e Karou strappa il cuore sino allo sconvolgente epilogo. 
Sinceramente non penso né di potere né di volere attendere l'anno prossimo per il seguito di questa bellissima serie, perciò mi auguro che la Fazi si impegni a non tardare troppo.

Verdetto: un romanzo che incanta nel profondo dell'anima
 
Compralo subito su LaFeltrinelli.it cliccando sulla cover!

16 commenti:

  1. *_______* l'ho amato tanto anche io .. è una storia bellissima! Splendida recensione Glinda!

    RispondiElimina
  2. La tua recensione mi ha fatto innamorare di questo libro che sulle prime non mi aveva convinto, adesso la la lista di libri da comprare settimana prossima siallunga!!! L'unico libro a sfondoo angelico che ho letto è stato Sono nel tuo sogno (anche se parlare di angeli lì è un pò forzato)quindi sono impaziente di colmare questa lacuna, spero di farlo con questo libro. Praga poi l'ho visitata per un giorno circa 15 anni fa e mi è piaciuta molto, spero di poterla visitare di nuovo un futuro ma un saltino lo farò adesso!!! :)

    RispondiElimina
  3. Ok, va in wishlist, grazie!

    RispondiElimina
  4. Glinda hai scritto una recensione eccezionale!Complimenti..... Mi hai fatto venire voglia di cominciarlo subito!!! e quindi...mi tufferò immediatamente nell'universo di Karou!!!

    RispondiElimina
  5. Ciao Glinda...ho una domanda...secondo te questo libro va bene per l'urban fantasy challenge? http://diana-fairy.blogspot.it/2012/03/la-spada-della-verita.html

    Mi fai sapere con un messaggio nel mio blog perfavore? grazie mille un bacio!

    RispondiElimina
  6. Ho finito di leggere questo libro ieri!!!l'ho divorato!!!!!
    mi è piaciuto tantissimo!!
    Non vedo l'ora di leggere il seguito!!!!
    Complimenti per la recensione!

    RispondiElimina
  7. wow! non lo so perché ma non lo avevo considerato un libro così bello. mi ha incuriosità, ma non troppo. adesso sento di dovermi ricredere

    RispondiElimina
  8. OMG *___* Recensione pazzesca!!!
    Wow mi hai trasmesso tutta la felicità e l'entusiasmo che hai provato leggendo questo libro. Sarà mioooo ^___^

    RispondiElimina
  9. L'ho letto la settimana scorsa e mi è piaciuto da morire.
    Stupendo stupendo stupendo!
    E Akiva..ommiddio.
    Fortunatamente ho letto la versione originale quindi non dovrò aspettare neanche troppo..ma novembre mi sembra comunque lontanissimo. aaaaahhh

    RispondiElimina
  10. Si capisce proprio che ti dev'essere piaciuto molto e mi hai davvero incuriosita! Grazie per il prezioso consiglio di lettura per l'(imminente) estate!
    A presto e se ti va, vienimi a trovare che mi fa sempre piacere!
    Laura

    RispondiElimina
  11. Mi piacerebbe tantissimo leggerlo, ma in tutte le librerie in cui vado è terminato :(

    RispondiElimina
  12. Appena preso, non vedo l'ora di iniziarlo *w*

    RispondiElimina
  13. Glinda sappiamo quando usciranno gli altri della serie??

    RispondiElimina
  14. Bella recensione (la mia la trovi qui, se ti va!) ^^
    Di questo libro ho assolutamente amato l'ambientazione descritta dalla sapiente mano della Taylor, i personaggi a 360° in particolare Sulphurus, il mio amore, e i cliffhanger finali che fanno venire voglia di continuare la storia...
    Non è sicuramente un libro perfetto, però, e ci sono degli elementi che per ora mi hanno deluso (Akiva!!).
    Un abbraccio e buone letture,
    Rainy

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...