sabato 11 ottobre 2014

Recensione "Complice la notte" di Katie McGarry

Cari e care, vi avevo promesso la recensione della breve novella "Complice la notte" di Katie McGarry e oggi ho trovato un ritaglio di tempo per mantenere la promessa. Questa lettura rapida e leggera, perfetta per gli inguaribili romantici, si colloca immediatamente dopo al primo romanzo della serie "Pushing the limits", è autoconclusiva e dolcissima!



Titolo: Complice la notte (Pushing the Limits #1.1)
Data d’uscita: 9 Settembre 2014 (solo in ebook)
Autore: Katie McGarry
Editore: De Agostini
Prezzo: 1,50 
Pagine: 67




Trama: Lila McCormick, la migliore amica di Echo, da Pushing the Limits, ha incontrato Lincoln Turner per la prima volta quando una tragedia ha colpito entrambe le loro vite. Non si sarebbe mai aspettata, però, l’incontro di due anni dopo, anni trascorsi a spedirsi lettere – così come non si sarebbe mai aspettata di innamorarsi di un ragazzo visto soltanto una volta prima. La loro relazione è segreta, ma Lila si sente più vicina a Lincoln che a chiunque altro. Questo finché non scopre che lui le ha mentito su una delle cose per cui lei dipendeva da lui. Ferire Lila era l’ultima cosa che Lincoln voleva fare. Per due anni, le lettere di lei sono state l’unica cosa a mandarlo avanti. Ammettere i suoi sentimenti sarebbe come attraversare una linea invisibile. Ma Lincoln è disposto a fare qualsiasi cosa per riparare i suoi errori e ottenere il perdono di Lila – per ottenere un’occasione per stare con la ragazza che ama.






La mia recensione

Pensi sia strano sentirti così vicino, anche se sei a centinaia di chilometri di distanza e ci siamo incontrati solo una volta? Spero di no. Sono contenta che tu sia entrato nella mia vita.~ Lila


"Complice la notte" è quella storia da divorare in una manciata di ore, che fa sospirare e sorridere con estrema facilità e naturalezzaSe avete letto "Oltre i limiti" (qui la mia recensione) non avrete problemi a ricordare la simpatica Lila, migliore amica di Echo. Ma non temete: se pur non aveste ancora letto il primo romanzo della serie in questione (come avete potuto perdervelo?), potreste comunque concedervi questa lettura senza troppe difficoltà e di sicuro, alla fine, vi fionderete sugli altri libri della McGarry. 
A mio parere chiunque sia alla ricerca di ironia, leggerezza, un pizzico di dramma e due personaggi adorabili, dovrebbe dare un'opportunità a questa delicata novella di genere contemporary romance. 
Ancora una volta Katie McGarry dimostra la sua abilità con le parole e le sue immense doti narrative e descrittive. In poche pagine ci si ritrova a sognare con i protagonisti, a commuoversi per la loro infinita dolcezza e a tifare per il loro amore.
Provate a leggerlo e sarete come me felici che la DeA abbia deciso di tradurre questo piccolo gioiello digitale (è uscito solo in ebook), che dimostra quanto poco contino le dimensioni di un volume, al cospetto di una notevole materia prima.

Il cielo è esploso in centinaia di scie di luce. Non mi ero mai sentito così vivo. Avrei voluto che tu fossi lì con me, o che io fossi con te. Ma c’eri. Chiamami pazzo, ma è stato un momento speciale, Lila, e sono felice di averlo condiviso con te. Anche se a circa duecento miglia di distanza.~ Lincoln

In pieno stile McGarry, il romanzo è narrato dal duplice punto di vista alternato dei due protagonisti e mescola abilmente momenti estremamente dolci ad attimi di dramma, aggiungendo sempre quel pizzico di ironia che rende il cuore più leggero.
Quella di Lila e Lincoln è una relazione speciale, magica, dal sapore antico e sbocciata in un momento di dolore. Dopo essersi incrociati al funerale che ha cambiato profodamente entrambi, Lila e Lincoln non hanno mai smesso di scriversi. Due lunghissimi anni di lettere, di parole vergate su fogli carichi di speranza, di promesse e progetti per il futuro, di confessioni e sogni a occhi aperti. Lila e Lincoln sembrano non riuscire a ignorare lo spesso filo che parrebbe aver avviluppato i loro cuori dal primo incontro e, ora che la fine del liceo si avvicina, tutti i buoni proprositi per il futuro potrebbero prendere forma. Potranno finalmente azzerare le distanze che li separano, andando assieme al college e realizzando il desiderio che ossessiona entrambi da due anni: vivere la loro storia d'amore senza senza paura.
Ma, proprio quando tutto sembrerebbe volgere per il meglio e mentre la data fatidica del giorno del diploma si avvicina, una notizia inattesa scuote la tranquillità della coppia, distruggendo la fiducia che Lila nutre per Lincoln. Capita che a volte la realtà sia troppo dolorosa, troppo ingombrante, per essere raccontata. Capita di soccombere al dolore e alla tristezza, di perdersi per strada. Capita di voler mentire piuttosto che dar voce alle proprie debolezze. Capita a tutti ed è capitato a Lincoln, che dopo aver mentito a Lila dovrà impiegare tutte le proprie forze per recuperare la fiducia dell'unica ragazza che abbia mai amato.


Credo che a volte le cose spiacevoli capitino perché così possiamo apprezzare quelle belle. Per esempio, potrei godermi davvero l’alba se non avessi visto il buio della notte? Senza il suo passato, Echo non avrebbe incontrato Noah, e se non avesse perso Aires, io non avrei incontrato te. Per cui sì, è quello che volevo dire nella lettera precedente. Tu sei come l’alba della mia vita.~ Lila


Trattandosi di una novella, è bene non aspettarsi una narrazione troppo articolata che spazi nella vita dei protagonisti consentendo al lettore una completa immedesimazione. Bisognerebbe vivere  questa lettura come un rapido ma memorabile tuffo nella storia di Lila e Lincoln. Certo, sarebbe stato ancor più bello poter approfondire a loro conoscenza, sapere tutto delle loro esistenze, vedere l'evolversi del loro futuro, ma anche così, nella sua brevità, quest'opera non lascia insoddisfattiLila e Lincoln sono due protagonisti che non passano inosservati: è difficile non affezionarsi subito a questi due ragazzi che assieme riescono a combattere i propri limiti (tematica portante dell'intera serie), spezzando le catene che impediscono loro di essere pienamente padroni delle proprie vite. 
In particolare la storia di Lincoln, che ha perso il fratello in guerra e che deve lottare per non annegare nel dolore della perdita, sfiora le corde del cuore. I capitoli narrati dal suo punto di vista sono stati i più coinvolgenti e incisivi, intrisi di passione e sentimento. Non che Lila sia stata meno interessante, ma è la voce di Lincoln  che lascia il segno. Katie McGarry ha un vero e proprio dono nel tracciare personaggi maschili tormentati, sfaccettati e dalle personalità incredibilmente ben delineate. Ci si innamora dei suoi ragazzi in modo irreversibile e non solo perché sono belli e impossibili.  Ma, come se questo non fosse un elemento sufficiente a convincere i lettori a dare una possibilità alle proprie opere, la McGarry imprime in ogni suo scritto una forza peculiare che si nasconde nei dettagli.  Nel caso di "Complice la notte" i colpi di genio sono racchiusi in dialogi eccezionali, nella favolosa crescita dei personaggi che avviene in una manciata di pagine e negli adorabili spezzoni delle lettere che i due si sono scambiati nel corso del tempo, per non parlare del delizioso epilogo! E' ufficiale: amo quest'autrice. 

In un primo momento, dopo la morte di Josh, i miei genitori sembravano uniti, ma poi con il passare del tempo si solo allontanati. I momenti peggiori sono quelli in cui siamo tutti nella stessa stanza. È quando sono circondato dalle persone che dovrei amare di più, che mi sento più solo.~ Lincoln


Verdetto: una lettura gioiello!

Livello sensualità: solo baci e qualche brivido!

14 commenti:

  1. Spero di sbloccarmi presto dal mio blocco per poterla leggerla *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai tesoro, questo potrebbe essere il libro che sbloccherà la tua momentania apatia letteraria!

      Elimina
  2. E' stato un libro molto bello ma forse un pò troppo corto.Ci sono pochi particolari sulla vita di Lila e Lincoln purtroppo.Ma quello che l'autrice ha raccontato è stato memorabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di sicuro è stato molto breve e avrei molto apprezzato anche io più particolari per l'immedesimazione, ma è vero: è narrato troppo bene per essere dimenticato.

      Elimina
  3. Adoro questa autrice...questo e' l unico suo libro che ancora non ho letto...devo porvi rimedio al più presto!!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai dai, Elynor, non lasciartelo scappare!

      Elimina
  4. Nonostante sia soltanto una novella, è riuscita a farmi praticamente commuovere! E' dolce ma allo stesso tempo realistica e innocente ma passionale! La McGarry è una scrittrice fantastica, adoro ogni suo libro! :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frannie, con questo commento hai colto nel segno. Quotissimo!

      Elimina
  5. Acquistata ed in attesa di lettura! Non vedo l'ora di cominciarla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! Poi fammi sapere e buona lettura <3

      Elimina
  6. Anche se breve resta comunque una bellissima storia e mi dispiace molto che l'autrice non abbia deciso di dedicare a questi personaggi lo spazio necessario per poterli conoscere meglio ed in modo più profondo come ci è concesso di fare leggendo i libri con protagonisti "gli amici di Noah". Uno degli aspetti più interessanti della vicenda è il modo in cui i due protagonisti si sono conosciuti, ed avrei preferito fosse stato più approfondito, magari con flashback o riportando un numero maggiore della lettere che Lila e Lincoln si sono scambiati negli anni.
    Anche io ho trovato più coinvolgenti i capitoli dove è Lincoln la voce narrante, senza nulla togliere a Lila e alle sue paure ed insicurezze.
    Uno degli aspetti positivi di questa breve storia è a mio avviso il finale, perchè data la lunghezza non mi aspettavo proprio di leggere un finale così, mi ero già preparata ad un qualcosa di lasciato in sospeso ed invece...*-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo. E' il caso di dire: la dimensione non è tutto! Certo che anche io avrei voluto di più, di più di tutto. Conoscere molot, molto meglio di così i personaggi. Ma va bene, dai. Ogni tanto è bene anche avere l'opportunità di leggere qualcosa che non sconvolga al punto da creare ossessione (io sono perennemente ossessionata con i personaggi dei libri che ho amato).
      Sono felice di non essere l'unica ad aver preferito Lincoln ed è vero, il finale è stato così bello e perfetto!

      Elimina
  7. Ma come fa a creare tutto questo in solo 67 pagine? domani appena avrò il mio kobo in mano, lo scoprirò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai Mariana, dagli una possibilità e poi fammi sapere!

      Elimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...