martedì 19 novembre 2013

Recensione "Il confine dell'eternità" di J.A. Redmerski

Letto in anteprima, "Il confine dell'eternità" di J.A. Redmerski è il secondo capitolo nella serie "The edge of never", serie che si arricchirà a breve di una novella dedicata a due personaggi secondari che incontriamo proprio in quest'ultimo romanzno. La novella ha già una copertina (qui) e si intitolerà "Song of the Fireflies", ma non so se arriverà in Italia.


Titolo: Il confine dell'eternità (The edge of never #2)
Data di pubblicazione: 20 novembre 2013
Autrice: J.A. Redmerski
Editore: Fabbri Editori
Prezzo: 14, 90 €


Si sono conosciuti in un viaggio fuori da ogni regola. E di certo Camryn e Andrew non sono tipi regolari. Si sono lasciati tutto alle spalle e sono partiti, insieme. Si sono amati sotto la pioggia, si sono rincorsi dentro i rispettivi dolori, hanno rivelato le loro fragilità più grandi e hanno imparato a proteggersi da tutto e da tutti. Ora, dopo mesi on the road, aspettano una bambina. Nonostante la preoccupazione per la gravidanza inaspettata, la precarietà e le prime tensioni con i genitori, il loro rapporto è più forte di ogni altra cosa. Ma in agguato c’è una tragedia che potrebbe dividerli per sempre, una catastrofe che nemmeno loro sono pronti ad affrontare. Quel che non ti uccide ti rende più forte: sapranno superare insieme questa prova? O il loro rapporto, cresciuto al di fuori delle regole, non è destinato a durare per sempre?



La mia recensione


Questa è una recensione molto difficile da fare, per me. "Il confine di un attimo" è stato uno dei libri più belli che io abbia letto nel 2013. Sono innamorata di ogni singola riga che quel romanzo contenga, ogni momento di lettura mi è sembrato unico e favoloso: irripetibile. E' proprio qui nasce il problema. La storia raccontata dall'autrice nel primo romanzo è così intensa, divertente e unica, da non aver bisogno di un seguito
In effetti, a mio parere, il finale che la Redmerski aveva riservato a Camryn e Andrew era la giusta conclusione che questa storia meritava. Ma sappiamo come sono andate le cose, no? I fan hanno chiesto a gran voce un secondo libro, l'autrice ha deciso di accontentarli ed ecco che arriva l'anticipatissimo "Il confine dell'eternità". Per un attimo, uno solo, sono stata felice di questo seguito. Ma qualcosa, nel profondo, mi diceva che nessuna trovata avrebbe mai potuto eguagliare la bellezza del primo libro e, purtroppo, così è stato
Voglio sottolineare che io sono una fan sfegatata di Cam e Andrew, li amo alla follia e la mia recensione negativa non intacca assolutamente l'opinione che ho del primo capitolo della loro saga. E, ancor di più, vorrei che tutti coloro che ameranno "Il confine dell'eternità" leggano la mia recensione senza vederla come un attacco diretto a chi ha apprezzato questo romanzo. Vi assicuro che scrivere una recensione negativa per questo libro fa più male a me che a chiunque altro. 
Sia chiaro, non si tratta di un libro brutto, le mie tre stelle infatti lo promuovono come un libro sufficente, ma essendo il seguito di uno dei libri che più ho amato, mi ha davvero lasciato con l'amaro in bocca.
Come sempre, quella che segue, sarà una recensione assolutamente priva di spoiler, in modo che tutti possano leggerla senza paura.

Ma ciò che è stato è stato, e continuare a crogiolarsi nel proprio dolore, rifiutandosi, per qualsiasi motivo, di fare ciò che ci rende felici è una grandissima cazzata. Sarebbe un suicidio. Un lento e doloroso suicidio. Se Camryn mi avesse risposto di no, l’avrei sollevata di peso tra calci e urla e l’avrei buttata sul sedile posteriore dell’auto. Perché questa è la nostra vita: ci siamo incontrati in viaggio, in viaggio abbiamo imparato a conoscerci e amarci, e in viaggio rimarremo per chissà quanto tempo. Perciò è questo che faremo, finché non sarà chiaro che è venuto il momento di cambiare di nuovo. Andrew "Il confine dell'eternità"

A volte il destino gioca strani scherzi. Ti spezza il cuore, ti porta via le persone amate, ti mette alla prova e i porta al limite. Ma, proprio quando sembra che non ci sia nulla che possa migliorare le cose, mette sul tuo cammino l'amore. Quello per cui si sarebbe disposti a lasciare tutto, quello che ti fa credere nella felicità eterna, che risana ogni ferita.
Camryn pensava che provare un sentimento simile non fosse più possibile per lei, ma poi ha incontrato Andrew. Entrambi erano per strada, entrambi scappavano da qualcosa che li terrorizzava e andavano incontro a un futuro ignoto, entrambi erano soli. Quando i loro cuori si sono finalmente conosciuti, per loro è stato chiaro che non ci sarebbe stato futuro, se non fossero stati l'uno accanto all'altro. 
Andrew e Cam, attraverso un viaggio on the road, hanno ritrovato se stessi e l'amore. Li abbiamo visti ridere assieme, scavare nelle proprie anime, confessarsi i più oscuri segreti e affrontare le più dure difficoltà. Li abbiamo visti sconfiggere la paura, l'orrore, il dolore e abbiamo creduto che le prove per loro fossero terminate, che finalmente avessero raggiunto il loro "per sempre". Ma non è così. Perché, come ho detto, il destino a volte gioca strani scherzi.
Ne "Il confine dell'eternità" la nostra coppia preferita dovrà affrontare ostacoli apparentemente insormontabili, sconfiggere demoni ancor più feroci di quelli che hanno affrontato in passato. Andrew e Cam, messi in ginocchio dal corso degli eventi, si lanceranno in un nuovo disperato viaggio provando a salvare tutto ciò che conta per loro. Pronti a scoprire se l'amore può davvero curare ogni cosa?
«Per me tu sei tutto» le sussurro sulle labbra. «Non dimenticarlo mai.»
«Non lo farò» mormora lei di rimando, muovendo piano i fianchi contro di me. Mi sfiora la bocca e, prima di baciarmi, dice: «Ma se dovesse capitare, per qualsiasi motivo, spero che troverai sempre il modo di ricordarmelo».
Osservo la sua bocca poi le sue guance, che tengo ancora tra le mani.
«Contaci.»
E la bacio con passione.
 Andrew "Il confine dell'eternità"
 

Ripensandoci a mente fredda mi sembra quasi di provare più emozioni ora, di quante il libro mi abbia realmente donato durante la lettura. Perché è pur sempre di Camryn e Andrew che stiamo parlando, ovvero della mia coppia del cuore. Eppure per me questo romanzo è stato una delusione. 
Sapevo cosa aspettarmi: una tragedia, della sofferenza, tanto tanto amore. Queste cose ci sono state tutte, ovviamente. Ma ci sono anche stati dei grandi assenti, cose che nel primo libro c'erano e in questo no e, credetemi, la loro mancanza si sentiva davvero tanto. Mi è mancata la passione palpitante che si respirava a ogni contatto tra i due protagonisti, le folli corse del cuore che si impennava a ogni frase dolce e si fermava a ogni colpo di scena, i brividi lungo la schiena per l'alchimia che crepitava tra Cam e Andrew, l'emozione della scoperta di un sentimento dirompente, le sensazioni così forti da compromette ogni barlume di razionalità. Ecco, tutto ciò mi è mancato.
Potrò risultare azzardata dicendolo, ma la storia narrata ne "Il confine dell'eternità" mi è sembrata banale e asciutta. Mi è scivolata addosso come acqua fresca, senza tangermi minimamente. Sì, c'è del dramma al suo interno, accadono cose orribili e i due protagonisti affrontano problemi grossi crescendo ed evolvendosi, solo che tutto questo è appena accennato. Non ho trovato l'intensità emozionale che mi aspettavo. Mi sono sentita, anzi, come se l'autrice avesse solo abbozzato le linee generai della storia, senza approfondirle affatto.  A partire dalla "tragedia" di cui parla la trama, che mi ha colpito molo di più nella sinossi che non nel momento in cui è realmente avvenuta, per finire con l'epilogo che offre il tanto agognato lieto fine, è stato per me come leggere un riassunto di quello che Andrew e Cam hanno vissutoPer l'intero libro mi sono sentita abbastanza confusa, come se non sapessi precisamente cosa dover provare in determinati momenti. 


Io resto lì, a pensare. Penso a quello che è appena successo e a quello che non è successo. Penso a quanto è buono il suo odore e a quanto è calda la sua pelle contro la mia. Penso a quanto è diventato docile. Solo perché è preoccupato di farmi male, fisicamente, emotivamente, e forse, se è possibile, persino spiritualmente. E io lo amo per questo. Lo amo per quanto mi ama lui, anche se spero che non sarà sempre così protettivo. Camryn, "Il confine dell'eternità"
Si supponeva che io mi commuovessi, che mi si spezzasse il cuore, che fossi sconvolta o felice o eccitata per ciò che succedeva ai protagonisti. Eppure, le emozioni che ho provato erano flebili. Inutile mentire e nascondersi dicendo che non si dovrebbe paragonare il primo libro della serie al secondo. E' obbligatorio paragonarli e, mi spiace dirlo, ma "Il confine dell'eternità" non regge il confronto con il suo predecessoreLa storia, nella sua totalità, è stata denaturata dal fascino incommensurabile che permeava il primo libro. I protagonisti, che sono sempre e solo Camryn e Andrew, hanno subito un cambiamento in peggio e non per colpa loro. Spesso mi sono sentita come se l'autrice non sapesse cosa scrivere, cosa inventarsi e troppo spesso questo ha avuto un risultato abbastanza discutibile. Per gran parte del romanzo, infatti, non succede assolutamente nulla. Si legge con lentezza, nella speranza che qualcosa di epico e rivoluzionario stia per accadere, che la scintilla stia per scattare, che tutto prenderà una determinata piega. Ma, purtroppo, quel momento che si attende non arriva mai. O, quasi.
Sì, perché ci sono dei brevi magici momenti in cui Andrew torna a essere quello di un tempo e smette di comportarsi come un ragazzo terrorizzato e iperprotettivo, lasciando emergere il suo lato più giocoso ed eccitante. E ci sono dei momenti in cui Cam smette di essere triste e confusa, tornando a essere spensierata e pronta a sfidare i propri limiti. In quei magici momenti, sembra quasi che tutto possa accadere e il cuore torna a battere forte. Peccato, però, che certe sensazioni siano rare. Anche il tanto atteso finale, che sicuramente renderà felici molti lettori, mi ha lasciata insoddisfatta. Tutto troppo superficiale, lento e rapido assieme. Tutto troppo scontato, piatto e banale. Non ho riconosciuto l'autrice che tanto avevo amato nel libro precedente, né i suoi protagonisti. Per me "Il confine di un attimo" resterà dunque un libro a sé stante: bellissimo e unico nella sua perfezione.


Verdetto: se non fosse stato il seguito di uno dei miei libri preferiti, forse, avrei adorato questo libro, ma lo è e mi ha delusa.

 
Livello sensualità: molto bollente!

19 commenti:

  1. Oddio O.O , quando mi hai detto che non ti era piaciuto non pensavo 3 stelline .... :( sai quanto ho amato questo libro e non sai quanto mi dispiace, non vedo l'ora di leggerlo perdire la ia :*

    RispondiElimina
  2. aspettavo la tua recensione proprio perchè temevo la delusione...quando ho letto che ci sarebbe stato un seguito non sono stata affatto contenta, perchè ho pensato che una storia così perfetta poteva solo essere rovinata...non so se leggerò questo libro, non vorrei intaccare il magico ricordo che conservo del primo...

    RispondiElimina
  3. la tua recensione de IL CONFINE DI UN ATTIMO mi aevva tanto entusiasmato da farmi correre a leggere il libro ed infatti l'ho adorato..
    il timore che il seguito "svilisse" o banalizzasse il primo libro ... ce l'avevo.. e adesso ho paura a leggere IL CONFINE DELL'ETERNITA'... -_-'

    che farò..? vedremo... ammetto di essere comunque "curiosa" di capire che cosa ha pensato l'autrice per andrew e cam... ma ci vado senza troppe pretese :(

    RispondiElimina
  4. Dopo questa recensione..forse nn lo leggeró!! Perché il primo libro mi ha colpito al cuore, ho riso, ho pianto e di nuovo sorriso...e il finale mi ha reso felice e appagata dopo tutte queste emozioni! Vedremo se la mia curiosità l'avrà comunque vinta :-)))

    RispondiElimina
  5. Nuoooo O_O vabbè, un pò me l'aspettavo.
    "Il confine di un attimo" è stato il libro che più mi ha messa in crisi e lo tengo sempre al primo posto nel mio cuore. Adesso però, sto pensando seriamente di non leggere il seguito e sta cosa mi sta mandando in tilt, non so che fare. Leggo la tua delusione e ci sto male, figuriamoci a viverla direttamente. Ci tengo troppo a questa storia. Aiutooooooooo che faccio???

    RispondiElimina
  6. Cavoli....peccato!!!Sicuramente Glinda avrai ragione perché certi romanzi nn possono avere un seguito!!!!Cmq per sfizio lo leggerò cmq!!!Almeno si può fare un confronto e un dibattito alla tua recensione!!!

    RispondiElimina
  7. immaginavo che il secondo non sarebbe stato all'altezza del primo. E come hai detto tu, il primo era perfetto così senza bisogno di seguito.
    Ad ogni modo sono curiosissima quindi lo leggerò sicuramente, sperando di non rimanerne troppo delusa!!

    RispondiElimina
  8. Temo molto i seguiti anche io e sono davvero dispiaciuta che sia finita così :( Non vedevo l'ora del 20 e credo che invece darò la precedenza ad altro... Lo leggerò di sicuro perchè comunque sono curiosa...ma non nell'immediato!!

    RispondiElimina
  9. Mi dispiace un sacco di tutto ciò :( se ho amato Il confine di un attimo è anche grazie a te, lo sai, e ci tenevo davvero tanto a questo seguito. Vedremo come andrà la lettura, anche se confesso che ora ho un po' paura.

    RispondiElimina
  10. il primo libro era perfetto così com'era.. trovo che non ci fosse bisogno di continuare la storia.. ed ora, ho paura di leggere il seguito, non voglio ricordarmi di Andrew e Camryn in un altro modo.. voglio ricordarli come li avevo lasciati!!!! Credo che lo comprerò ma a malincuore non lo leggerò!!!

    RispondiElimina
  11. La dura legge del seguito colpisce ancora. Peccato, lo è davvero. A volte i numeri, le vendite spropositate si dimenticano della magie delle parole e dei personaggi, invece quella deve sempre esserci e a volte, sottolineo a volte, sarebbe meglio lasciare il mondo come sta. Bellissimo, come lo conoscevamo.

    RispondiElimina
  12. per citare, più o meno, camryn: rivisitare un posto per trarne le stesse emozioni, per prolungarle, lascia soltanto un enorme vuoto e amarezza. per me questo è stato questo libro. alla fine forzare la scrittrice non è servito a nulla, ha solo allungato il brodo come giustamente fai notare. sono pienamente d accordo con te. che delusione!! certo il libro è carino, ben scritto a tratti ho riso e altri mi sono venuti gli occhi lucidi però lascia l amaro in bocca, come se si è distrutto un pò il bel ricordo che avevo del primo volume...

    ps io consiglio comunque di leggerlo

    RispondiElimina
  13. Concordo perfettamente con tutta la tua recensione.
    Ci sono stati dei momenti che mi hanno preso, ma molto superficialmente...
    Niente (proprio niente!) a confronto del primo libro (che è stato: travolgente, stupefacente e esilarante!).
    Durante la lettura del secondo capitolo avevo una strana sensazione, come se neanche l'autrice sapesse dove andare a parare, tutto molto sconclusionato...

    RispondiElimina
  14. Ciao!
    Bella la recensione, ma nonostante le stelline che gli hai dato sono troppo curiosa di leggerlo ..ognuno ha gusti diversi. Chissà se mi piacerà ugualmente.

    RispondiElimina
  15. Ciao! Ho letto il confine di un attimo e beh che dire mi sono innamorata!!! Wow! Quante emozioni! Risate, pianti coinvolgimento a mille! Per curiosità ho preso anche il seguito per vedere come sarebbe proseguita la loro storia d'amore e quali avventure avrebbero vissuto.. ma ne sono rimasra delusa.. =( bello in alcuni punti ma fiacco in altri.. peccato.. sicuramente in futuro rileggeró il confine di un attimo solo per immaginare di avere Andrew vicino! XD

    RispondiElimina
  16. Ho finito di leggerlo oggi....dopo ben due mesi dall'inizio della lettura!
    Ammetto di non aver voluto leggere in anticipo la tua recensione, proprio perchè so che tu non sbagli mai un giudizio, e dato che ho amato il primo libro, ero ansiosa di leggerne il seguito..
    Ecco... come sempre hai ragione! Mi ha deluso, la lettura non andava avanti, ci sono grossi buchi temporali... Con questo non dico che è un libro da "buttare perchè bruttissimo"... anzi è una bella storia ma, come dice giustamente Glinda, non è da paragonare al primo!

    RispondiElimina
  17. Mi unisco al coro delle deluse da questo seguito. Mi è sembrato quasi che l'autrice nn sapesse che scrivere e raccontare. Che abbia dato ai suoi lettori il contentino; ma che nn mi ha soddisfatta affatto.

    RispondiElimina
  18. Ho semplicemente adorato il confine di un attimo, è uno dei libri più belli che ho letto quest'anno e non sapevo ci fosse un seguito finché non ho aperto la recensione della novella che hai fatto in questi giorni, curiosa di sapere di cosa si trattasse e ho letto del secondo libro. E avevo ancora un minimo di speranza quando ho aperto la recensione, ma le tre stelle mi hanno fatta sospirare. Mi fido dei tuoi giudizi perché spesso e volentieri la penso come te e mi dispiace tantissimo perché il confine di un attimo era proprio bello. Devo decidere se leggere o no il confine dell'eternità e rovinarmi così la storia tra Cam e Andrew, ma conoscendomi la leggerò. Spero in bene

    RispondiElimina
  19. Peccato per il secondo libro nn so se leggerlo .. Il primo mi ha fatto viaggiare nel vero senso della parola.. Mi sa se coro il secondo libro dubito di leggerlo

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...