giovedì 22 agosto 2013

Recensione, "Shadowhunters, Città di ossa" di Cassandra Clare

Eh, sì. Non avevo ancora letto questo romanzo, ragazzi. Ma, in vista dell'uscita del film di Shadowhunters, non ho potuto esimermi dal rimediare. Divorato in due giorni, Città di Ossa mi ha quasi convinto in pieno. Quasi, sì. Perché non completamente? Lo scoprirete leggendo tutta la recensione che in molti mi hanno richiesto!



Titolo: Shadowhunters, Città di Ossa 
Editore: Mondadori/Chrysalide 
Traduttore: Fabio Paracchini 
Autore: Cassandra Clare 
Prezzo: 10,50 € 
Pagine: 525 
Il mio voto:


La sera in cui la quindicenne Clary e il suo migliore amico Simon decidono di andare al Pandemonium, il locale più trasgressivo di New York, sanno che passeranno una nottata particolare ma certo non fino a questo punto. I due assistono a un efferato assassinio a opera di un gruppo di ragazzi completamente tatuati e armati fino ai denti. Quella sera Clary, senza saperlo, ha visto per la prima volta gli Shadowhunters, guerrieri, invisibili ai più, che combattono per liberare la Terra dai demoni. In meno di ventiquattro ore da quell'incontro la sua vita cambia radicalmente. Sua madre scompare nel nulla, lei viene attaccata da un demone e il suo destino sembra fatalmente intrecciato a quello dei giovani guerrieri. Per Clary inizia un'affannosa ricerca, un'avventura dalle tinte dark che la costringerà a mettere in discussione la sua grande amicizia con Simon, ma che le farà conoscere l'amore.


La mia recensione

Tutti ne parlano e quasi tutti sembrano amarla alla follia. Complice la sua trasposizione cinematografica, Shadowhunters è di sicuro la saga del momento e fortunatamente si può affermare che merita il successo ottenuto. 
Primo di una serie di libri urban fantasy, Città di Ossa, spalanca una finestra sul fantastico e ricchissimo mondo paranormale creato da Cassandra Clare, mondo di cui anche lei pare essere succube. L'autrice, infatti, sembra essere incapace di allontanarsi dall'universo a cui ha dato vita e, dopo aver scritto una serie sugli Shadowhunters del presente, si è lanciata in diversi filoni letterari ambientati nel passato e nel futuro e che coinvolgono sempre queste creature. In effetti gli Shadowhunters, con il loro charme, la complessa mitologia che aleggia attorno alla storia che li riguarda e gli intrighi in cui sono da sempre invischiati, sanno affascinare e soggiogare. 
E' importante ricordare che Città di Ossa è stato pubblicato nel lontano 2007 e che, pur non sembrando tale al giorno d'oggi, è un romanzo che ha apportato nel mondo letterario una notevole originalità.
Consiglio questo libro a chi cerca una storia avventurosa, ricca e soprendente, che reca in sé la giusta dose di romance e di azione. Sono certa che non vi pentirete di aver voluto fare un salto nel mondo creato dalla Clare.

«Non mi hai ancora detto se qui ci sono altri come te.»
Come te? Clary si chiese di cosa stesse parlando. Forse era capitata in mezzo a una guerra tra gang.
«Non so di cosa parli» rispose il ragazzo coi capelli blu. Il suo tono di
voce era sfrontato, nonostante il dolore.
«Di altri demoni» disse il ragazzo moro disegnando la parola nell'aria con le dita. «Cittadini dell'Inferno e servi di Satana, secondo la religione. Ma, secondo il Conclave, tutti i tipi di spirito, potere o principio malevolo e maligno che si trovi fuori dalla nostra dimensione originaria...»
«Basta così, Jace» lo fermò la ragazza.
«Isabelle ha ragione» disse il ragazzo con la giacca impermeabile. «Qui a nessuno serve una lezione di semantica... e neppure di demonologia.»
Sono pazzi, pensò Clary. Pazzi completi. Demoni? Altre dimensioni? Cosa diavolo sta succedendo qui?
Da "Città di Ossa"

La storia è narrata in terza persona al passato storico e racconta le avventure di Clary Fray che a quindici anni crede di condurre una vita piuttosto ordinaria. Tutto fila liscio tra lei e la madre, unico genitore che abbia mai conosciuto, e gli amici non le mancano. C'è il premuroso Luke, amico della madre che ha sempre trattato Clary come una nipotina, e poi c'è Simon, suo coetaneo e migliore amico nonché compagno di nuove esperienze e pretendente non troppo segreto. 
Come ho detto, tutto nella norma, almeno fino a quando l'intero universo non si capovolge mettendo in discussione tutte le sicurezze con cui Clary ha sempre vissuto. Dopo una serata molto movimentata al Pandemonium Club, infatti, oltre ad avere nella sua testa il nome dell'affascinante Jace, il biondino tutto sarcasmo e spavalderia che ha appena conosciuto, Clary ha delle belle gatte da pelare. 
In effetti qualcosa di davvero strano è accaduto in quel Club. Qualcosa che ha dimostrato l'esistenza di creature sovrannaturali, di Demoni assetati di vita umana e di Cacciatori che si aggirano nell'ombra per stanarli e sterminarli. 
Prima ancora che Clary riesca a trovare il tempo di chiedersi se tutto ciò è realmente possibile, la sua esistenza si complica in così tanti modi diversi da non lasciarle alcuna scelta: deve affrontare i mostri che ha cominciato a vedere, perché è questo l'unico modo per salvare sua madre. E' così che ha inizio un adrenalinico viaggio che condurrà i protagonisti in un mondo sotterraneo in cui tutto è possibile: dietro il sottile velo che divide i mondi, si nasconde un universo di cui Clary non vorrebbe fare parte, ma a cui non può sottrarsi.

«Io pericolosa?» gli fece eco Clary sbalordita. «Ti ho visto uccidere una persona, ieri sera. Ti ho visto piantargli un coltello nelle costole e...» E ho visto lui tagliarti con unghie che sembravano lame di rasoio. Ho visto che sanguinavi, e adesso sembra che non ti sia fatto nemmeno un graffio.
«Io sarò anche un assassino» disse Jace. «Ma so quello che sono. Tu puoi dire altrettanto?»
Da "Città di Ossa"

Non dirò oltre della trama perché gran parte di voi la conosce a memoria e l'altra metà sarà già seccata dallo sciame indesiderato di spoiler con cui li bombarda la rete. Io stessa, che ho letto solo il primo libro, so già come andrà per quasi tutti i personaggi della storia, cosa abbastanza triste in effetti. Ma è questo il rischio di avere a che fare con una saga tanto nota: è impossibile proteggersi dagli spoileroni. Non divaghiamo, dunque, e addentriamoci in un'analisi approfondita del romanzo in sé. 
Che la Clare abbia ottime doti narrative è cosa nota e non è necessario che io lo confermi. La sua penna è sferzante, la sua immaginazione esplosiva, le sue descrizioni vivide e penetranti. 
Ecco perché non si può fare a meno di leggere Città di Ossa in un fiato. Il ritmo serrato, la giusta alternanza di scene d'azione e scene d'amore, la brillante caratterizzazione dei personaggi, rendono questo romanzo piacevole e quasi ipnotico.
Come ho già detto, essendo stato scritto molti anni fa, questo libro è una grande prova di originalità. La complessa mitologia che la Clare ha intessuto per il suo mondo sovrannaturale cela della genialità che, come dimostra la serie "Shadowhunters, Le Origini" è sbocciata nei libri successivi in tutto il suo splendore. 
Abbiamo queste creature che recano in loro sangue angelico e che nascondono così tanti segreti, che è impossibile non restarne incantati ed è palese il motivo per cui la stessa protagonista si lasci immediatamente trascinare dal loro fascino.
«A volte ci chiamano Nephilim» disse Hodge. «Nella Bibbia erano il frutto dell'unione di angeli ed esseri umani. Secondo la leggenda, gli Shadowhunters furono creati più di mille anni fa, quando gli umani stavano per essere distrutti dalle invasioni di demoni provenienti da altri mondi. Uno stregone evocò l'angelo Raziel, che mescolò in una ciotola un po' del proprio sangue con del sangue umano e lo diede da bere agli uomini. Coloro che bevvero il sangue dell'Angelo divennero Cacciatori, e così i loro figli e i figli dei loro figli. La ciotola da allora fu conosciuta come la Coppa Mortale». Da "Città di Ossa"

Il modo in cui la Clare ha saputo introdurre ai lettori la storia degli Shadowhunters, parlando di vecchi complotti e di nuove minacce, ha reso il romanzo avvincente e solido: appassionante. Ma, essendo pur sempre il primo libro di una saga, soffre leggermente della sindrome da "spiegone", ovvero quella pratica per cui l'autore desidera spiegare tutto troppo dettagliatamente, che spesso crea un effetto un po' confusionario. 
Altro problemino che è impossibile non notare in questo romanzo è il modo in cui attorno all'antagonista sia stato creato un polverone che, alla fin fine, sfuma in una nuvoletta di nulla. Valentine, quello che dal primissimo capitolo viene descritto come il Cattivo con la "c" maiuscola, fa il suo ingresso trionfale in un modo davvero poco trionfale ed è un vero peccato. 
Arriva, mette in scena la sua pantomima drammatica, lancia qualche dichiarazione sconvolgente in stile Darth Vader e poi scompare. Così.
Se c'è una cosa che proprio non sopporto, è questo genere di nemici: quelli di cui tutti parlano, che tutti temono, ma che poi, alla fin fine, non sanno rendere onore alle leggende che hanno raccontato su di essi. Dalla regia mi dicono che il vecchio Valentine saprà farsi perdonare nei libri successivi e io me lo auguro.
Ho invece di gran lunga preferito la costruzione di due personaggi secondari molto, molto ben caratterizzati ovvero Hodge e Luke. Entrambi sono diversi da ciò che ci si aspetterebbe, entrambi hanno segreti e riservano colpi di scena davvero geniali ed entrambi sanno stupire come pochi.

«Tu sembri una mondana come tutte le altre, eppure mi vedi. È un bel rompicapo.»«Cos'è una mondana?»«Una mortale. Una persona del mondo degli umani. Una come te.»«Ma anche tu sei umano.»«Sì» disse lui. «Ma non sono come te.» Il suo tono non era di chi sta sulla difensiva. Sembrava che non gli importasse che lei gli credesse oppure no.«Tu ti credi migliore di noi» disse Clary. «Per questo ridevi, vero?»«Stavo ridendo perché le dichiarazioni d'amore mi divertono, soprattutto quando si tratta di amori non corrisposti» disse. «E perché il tuo amico Simon è uno dei mondani più mondani che abbia mai incontrato. E perché Hodge ha detto che puoi essere pericolosa, ma se lo sei non te ne rendi conto. Da "Città di Ossa"

In sostanza ci troviamo difronte a un buon libro. Certo, è una lettura adolescenziale e a volte alcuni comportamenti dei protagonisti, così come alcune situazioni sentimentali in cui si trovano coinvolti, rispecchiano fin troppo la loro giovane età. Inzialmente lo schema con cui la Clare ha caratterizzato il gruppo di ragazzi del librosembra chiaro e prevedibile, ma poi riserva piacevoli colpi di scena. Non è una sorpresa dunque, per i più maturi, ritrovarsi a leggere di relazioni sentimentali un po' acerbe, o doversela vedere con scelte poco condivisibili, ma non lasciatevi scoraggiare.
E' vero ci sono dei cliché. Abbiamo Clary, che si dimostra cieca al cospetto dell'amore che qualcuno non ha fatto altro che palesarle per tutta una vita, Jace che è il bad boy ferito che si nasconde dietro una maschera di freddo distacco ma vuole solo essere amato, Alec che è l'innamorato represso che odia tutti per la sua diversità, Simon, l'innocente e fedele amico che poi tira fuori gli attribuiti e dimostra di essere più uomo di quanto tutti avrebbero mai immaginato e Isabel che è l'unica principessa in un gruppo di principi e si sente minacciata dall'arrivo della nuova ragazza. 
Ma, nonstante questi cliché iniziali durante il libro i vari personaggi subiscono una crescita interiore non indifferente e la cosa non è da sottovalutare. Infatti se nelle prime pagine è palese che ci si trova davanti a protagonisti molto immaturi, sul finale, invece, è possibile vedere una maturazione complessiva del gruppo in sé e, nonostante i problemi con Valentine, questo dimostra quanto la Clare sia abile nella costruzione dei suoi personaggi.


Nota a sfavore del libro che non dipende dalla Clare: la traduzione. Errori grammaticali e di concordanza narrativa sparsi ovunque e poi: è possibile che i congiuntivi e il traduttore abbiano litigato? Ne azzecca uno su tre e la cosa è a dir poco inaccettabile.


Verdetto: l'inizio imperdibile di una storia davvero bella!

52 commenti:

  1. Non ho mai amato i libri fantasy, e shadowhunters è stata la saga che mi ha introdotto nella lettura di questo genere. Probabilmente ero tra le poche al mondo a non sapere nulla di Cassandra Clare e il mondo fantastico che ha creato... L'ho scoperto per puro caso quest'estate, avevo comprato "città di ossa" come libro da leggere sotto l'ombrellone, questa lettura mi ha preso talmente tanto che in 10 giorni di vacanza ho letto tutti e cinque i libri fino ad ora pubblicati!
    Concordo con tutto quello che hai scritto nella tua recensione, e confermo che Valentine saprà farsi valere per il cattivone che è!
    Il primo libro per quanto lo abbia adorato è quello che mi è piaciuto meno proprio per la cosi detta "sindrome da spiegone".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice non solo che tu ti ritrovi nella mia recensione, ma anche perché mi confermi che Valentine saprà stupirmi! Leggerò a breve il secondo con molte aspettative. Speriamo bene :P

      Elimina
  2. Lo sto concludendo in questi giorni e mi trovo perfettamente d'accordo con il tuo pensiero, compreso l'appunto alla traduzione italiana. Bellissima recensione come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, felice di avere qualcuno che la pensa esattamente come me! ^_^

      Elimina
  3. Ok, è arrivato anche il tuo parere positivo quindi... mi devo convincere per forza, anche in previsione dell'uscita del film ;D

    RispondiElimina
  4. Anche io non conoscevo questa saga, e nemmeno la Clare ahimè... l'ho scoperta qui sul web di recente , tutti la leggevano, tutti l'adoravano e con un po di ritardo mi sono decisa anche io ed ho preso il primo libro.
    Mi sta piacendo molto e concordo con te sullo stile della Clare, ti tiene incollato alle pagine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, la Clare è una narratrice fantastica e ha una fantasia davvero favolosa.

      Elimina
  5. una delle mie saghe preferite <3
    Attendo con ansia l'ultimo che uscirà l'anno prossimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io leggerò a breve il secondo, babe <3

      Elimina
  6. Sono contenta che ti sia piaciuto, Glinda. Io adoro questa saga, adoro la penna della Clare e ciò che riesce a fare con la sua mente, sono convinta che abbia qualcosa di magico.
    Quando dici che il libro soffre della sindrome dello "spiegone", non sono sicura se essere più o meno d'accordo con te. Questo perché più vai avanti nella lettura dei libri e più pensi, non si finisce mai d'imparare. La Clare è così, il mondo degli Shadowhunters è pieno di dettagli e tutte le volte ti meravigli di quanto ci sia ancora da scoprire, persino quando credi di conoscere già tutto.
    Per quanto riguarda Valentine, non sono d'accordo, ma solo perché ho avuto modo di leggere gli altri libri. La sua apparizione in questo libro è un assaggio, il suo carisma un piccolo indizio su quanto possa essere stato abbastanza convincente in passato da smuovere una guerra che rischiava pesanti conseguenze (sempre nei limiti del fantasy). In effetti è un po' chiacchierato il suo personaggio: Valentine non è esattamente il cattivo della situazione -i cattivi sono i demoni. E' un estremista in un governo che, secondo lui, marcisce dall'interno. E in quanto tale vuole prendere misure drastiche perché è seriamente convinto di ciò che crede. Quando ho letto per la prima volta quella scena finale, la sensazione che provavo era quella che si sente quando capisci che ciò a cui stai assistendo è solo l'inizio, e che il peggio deve ancora venire.

    Okay, perdona il papiro. Spero non mi prenderai per una fan impazzita che vuole a tutti i costi difendere la fonte della sua ammirazione, perché non credo di esserlo. Rispetto sempre il giudizio altrui, e come molti nel mondo dei blogger il tuo in particolar modo. Però mi piace confrontarmi, e se c'è qualcosa di cui sono sicura lo dico senza troppi convenevoli. Detto ciò, voglio davvero sapere cosa penserai dei sequel e del film! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che ti scusi a fare? Siamo fangirl, se non ci capiamo tra di noi è davvero la fine. So quanto ami questa saga e gli Shadowhunters in genere, seguo i tuoi deliri spoilerosi su facebook ogni volta che ti capita tra le mani uno dei libri della Clare XD
      Guarda, io trovo che questo romanzo sia davvero bello e concordo sulla dote inventiva della Clare: non finisce mai di stupire e inserire nuovi colpi di scena. Però è anche vero che, come spesso accade in vari primi libri in una serie, in Città di Ossa ci siano molte informazioni da assimilare e che, a volte, si perde un po' il nocciolo della questione divagando a causa di tutte le cose che la Clare mette sul piatto.
      In generale però è anche giusto che sia così, dai. Si tratta del primo librone di una saga bella grossa in cui succede di tutto e di più, se fosse stato perfetto sin dall'inizio noi poveri mortali non avremmo avuto scampo e saremmo tutti degli zombie nelle mani della Clare!
      So bene che Valentine poi si rivelerà un giusto antagonista, ma è vero che in questo primo libro non si percepisce appieno l'entità della sua portata! Tu hai letto tutti i libri: NON VALEEE! :P

      Elimina
    2. Ragazze credo che Valentine sia un cattivo d'eccezione . Perché? Perché è particolarmente umano. Io ho trovato questo personaggio intriso di quella malvagità che si cela bene nelle fondamenta dell'anima e è in grado, proprio come farebbe un angelo decaduto in stile Lucifero, a tentare solo con le parole anche il più buono del mondo a schierarsi dalla sua parte. I suoi atti sono crudeli e abominevoli, meglio si capirà dopo, ma nonostante questo, c'è stato un momento in cui ho quasi creduto alle sue ragioni, quindi... per me è un cattivone DOC.

      Elimina
  7. Sono l'unica che pensa che la saga sia carina ma niente di eccezionale? xD
    Nessuno dei personaggi mi ha colpito particolarmente e quindi la storia non mi ha coinvolto molto :S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No Stella, non sei l'unica! Sono in molti a pensarla come te!

      Elimina
  8. Ho apprezzato molto la saga, specialmente il terzo libro. Il mondo creato dalla Clare è bellissimo peccato che, a mio avviso, a volte trascuri leggermente la trama principale, a favore di vicende, dal mio punto di vista, meno fondamentali....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non vedo l'ora di leggere il terzo libro! Ecco, vedi? Anche io penso che divaghi abbandonando un po' la trama principale...

      Elimina
    2. Concordo, il terzo è il top!

      Elimina
  9. Lessi "Città di Ossa" nel 2010 e poi, per motivi vari, non continua la saga. L'annuncio del film mi ha ricrodato che avevo vari volumi in sospeso così ho riletto il primo e i gli altri 4 in poco più di due mesi. Adoro il fantasy, specialmente l'urban fantasy e ho amato il modo di scrivere della Clare! Non è mai scontata, riesce a sorprenderti, innervosirti e sa far ridere! Ora, attendo con ansia il prossimo, specialmente per come sono evolute le cose...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con il fatto che la Clare sappia sempre come rinnovarsi e stupire ^_^

      Elimina
  10. Glinda, sono contenta che ti sia piaciuto! io sono una grandissima fan di Cassandra Clare, ho divorato tutti i suoi libri e amo particolarmente la saga prequel. Aspetto con ansia la tua recensione di Shadowhunters le origini - la Principessa ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch io posso dirmi fan della Clare, ho letto solo due libri di questa autrice eppure ogni volta ne sono rimasta incantata! Leggerò a breve Il principe così posso leggere La Principessa <3

      Elimina
    2. Non vedo l'ora di sapere cosa ne pensi!!! Penso che il Principe e la Principessa siano i migliori libri in assoluto scritti dalla Clare! :)

      Elimina
  11. Stella, mi hai rincuorata! Io sono al terzo libro e sto leggendo molto lentamente perchè non lo trovo nulla di che! Sì, è scritto abbastanza bene e le idee sono alternative, ma per me è tutto un polverone. Non lo rileggerei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, così Stella saprà di non essere l'unica :P

      Elimina
    2. Potremmo formare un club! ahah

      Elimina
  12. Mi piacerebbe tantissimo leggerlo, è un pò che lo sto cercando in giro per le librerie e non lo trovo >.< Evidentemente da quando è stato annunciato il film hanno tutti avuto la mia stessa idea e sono corsi a comprarlo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai? Io invece lo trovo ovunque, anche nei super mercati!

      Elimina
  13. voglio leggerlo a tutti i costi, ma purtroppo non riesco più a trovare la versione in economica... uffa! in concomitanza con la trasposizione cinematografica l'hanno ristampato e hanno fatto sparire tutte le copie vecchie. Continuerò a cercare, perchè sono proprio incuriosita.

    RispondiElimina
  14. Letto per errore dopo città di vetro. Me lo regalarono nel 2009 ma non sapevo fosse una serie. Le copertine manco mi piacevano. Non fosse stato per il regalo mai lo avrei letto.
    Poi però ho voluto conoscere gli albori , avendo letto erroneamente la fine, e così mi sono innamorata di tutto l'universo della Clare....Ed attendo con gioia sia il film che ogni libro a venire!!!!

    RispondiElimina
  15. Attendevo la tua recensione per conoscere il tuo pensiero sulla saga che ormai è sulla bocca di tutti.
    Condivido molte delle cose che hai detto, soprattutto tutto il discorso su Valentine, ma anche io come te ho letto solamente Città di ossa.
    Agli spoiler non sono riuscita a sfuggire mentre lo avevo in lettura ma per fortuna non so ancora nulla su ciò che succederà nei seguiti, che voglio leggere.

    RispondiElimina
  16. Ho notato questa saga gia da tempo ma non l'ho mia iniziata, ora leggendo la recensione mi sono convinta al 100% che la devo leggere... Sapete dirmi i titoli in ordine che compongono la saga?? Grazie :-)

    RispondiElimina
  17. Un altra fangirl impazzita per la Clare si fa avanti...Io ho letto tutti i libri pubblicati fin ora, mi manca solo la Principessa, ma mi sto trattenendo dal divorarlo perchè in rete c'è gente che deve ancora riprendersi e anche perchè ho trp libri da leggere...La Clare è il mio Dio letterario, qundo inizia qst serie ero ancora agli inizi della mia librofilia o fede librovora è già l'avevo trovata geniale, adesso dopo anni che divoro urban fantasy, paranormal romance, dispotici e compagnia bella la trovo ancora la numero Uno, per il suo modo di prenderti sempre alla sprovvista, di creare personaggi di cui conoscerai ogni singolo frammento della loro anima e saper intrecciare così bene le vicende da poter creare saghe prequel e sequel...Una cosa volevo chiederti cara, cosa ne pensi di Magnus? Io lo amo, è il mio personaggio preferito, diventerà sempre più favoloso di libro in libro...

    RispondiElimina
  18. Sei arrivata anche tu alla Clare! Io sono stata 'introdotta' alla sua saga da un regalo libroso, arrivata alla fine del terzo libro non so ancora se ringraziare o meno... La Clare scrive bene ma la storia non mi ha mai preso davvero... non riusciamo ad instaurare il giusto feeling :$
    chissà mai che con il prequel migliori...

    RispondiElimina
  19. Ero curiosissima di leggere il tuo parere su Città di Ossa! Io personalmente sono tra le fans sfegatate della Clare, quelle che la venerano oltre ogni limite, però mi ritrovo nella tua critica riguardo le spiegazioni. In questo primo libro ce ne sono parecchie, forse perché Clary è nuova al mondo dei Nascosti e dei Cacciatori e ha bisogno di qualcuno che le faccia capire cosa sta succedendo. A volte però credo che avrebbero potuto trovare un modo di dare spiegazioni meno diretto: tramite alcuni avvenimenti, per esempio, e non tramite infiniti dialoghi. Credo però che la Clare vada decisamente migliorando con il tempo e che i volumi seguenti abbiano un grande aumento di qualità! Specialmente nella serie prequel Le Origini, che ho amato alla follia e che, grazie a La Principessa, ha a mio parere superato la saga di Jace e Clary.

    Quello che amo di questa autrice sono soprattutto i personaggi. Adoro le sue trame imprevedibili e gli intrecci complessi, però il modo in cui caratterizza non solo i protagonisti, ma anche le figure secondarie, secondo me è impareggiabile! Non ci sono personaggi che rimangono sullo sfondo o che sono messi nella storia per fare da contorno, ma a modo loro sono tutti protagonisti e sono tutti riusciti a farsi amare da me allo stesso modo.
    Ho un amore infinito per l'autrice, non finisce mai di stupirmi! La Principessa è stata una lettura incredibile: da una parte mi ha distrutta, ma dall'altra mi ha conquistata come non mai. Non vedo l'ora di sapere cosa ne pensi! :D

    RispondiElimina
  20. non so.. la storia e' bella.. loro 2 potenzialmente carichi di passions.. ma nn succede poco piu di un tubo tra loro. ma nn fisico.. piu d' amore platonico..(es. in tutto cio' che sappiamo dell' amore..nn succede nulla.. ma li sento piu vicini.. in Obsidan..pure..idem Cuore nero..piu vrri) in questo libri..mi piacciono loro 2nn vedo l ora di leggere il resto.. pero' sento come un distacco

    RispondiElimina
  21. Ho letto questo libro un bel pò di tempo fa e mi è davvero piaciuto. La Clare ha un'immaginazione pazzesca! Ha creato e raccontato un mondo perfettamente e non è assolutamente una cosa da sottovalutare. E mica posso perdermi il film?? eh no, già prenotato per domani.

    RispondiElimina
  22. Io tempo fa, prima che sapessi dell'uscita del film, avevo preso in considerazione l'idea di leggerlo, dato il suo successo e le numerosissime opinioni positive dei suoi lettori.
    Tuttavia alla fine avevo rinunciato, preoccupato di incombere nella solita trama trita e ritrita: protagoniste insicure e prive di autostima che si ritrovano improvvisamente dotate di poteri soprannaturali, triangoli amorosi con ragazzi che sono la perfezione fatta uomo, dolci, bellissimi, forti e imbattibili.
    Ora, però, tutto questo parlarne per via della pellicola mi ha fatto ripensarci e sono quasi certo che gli concederò un'occasione.
    Ecco, forse quello che non avevo considerato è che il libro è del 2007. Dunque per me il romanzo potrebbe apparire troppo scontato e banale, ma in realtà appena uscito doveva trattarsi di una trama davvero originale.
    Perciò non posso incolpare la Clare se non l'ho letto quando era stato appena pubblicato e il mondo del fantasy non era ancora invaso da demoni e vampiri che si muovono sempre sugli stessi schemi noiosi e ripetitivi.
    Ma chissà...magari diventerà il mio libro preferito ;)

    RispondiElimina
  23. Ciao Glinda!
    Ormai sono arrivata al quinto e mi rispecchio molto nella tua recensione.
    Come in molti hanno già affermato, il primo è quello che mi è piaciuto di meno, ma se non mi fosse piaciuto non sarei arrivata fin qui! E' impossibile staccarsi da questi libri!!!

    RispondiElimina
  24. Ciao!!!!! Complimenti x questo blog, la mia ancora di salvezza quando vado in crisi e non si cosa leggere....complimenti anche x le recensioni, precise e moto belle :) io adoro shadowhunters, l'ho scoperto x caso l'anno scorso, all'inizio era un po' noioso ma poi pagina dopo pagina me ne sono innamorata ed ho divorato i 5 libri in un nulla :) ora attendo con ansia l'ultimo .... venerdì ho visto il film è presa dalla nostalgia ho ricominciato a leggerli....buona giornata

    RispondiElimina
  25. Bella recensione e libro stupendo cm gli altri del seguito ..aspetto di leggere l'ultimo capitolo della saga!!!

    RispondiElimina
  26. ho letto tutti e 5 i libri e sto aspettando con ansia l'ultimo ovvero la città del fuoco celeste in uscita a maggio 2014. non vedo l'ora di vedere come si concluderà questa storia d'amore dai risvolti imprevedibili

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  28. Devo premettere che non leggo mai Urban Fantasy, ma per questa volta ho fatto un eccezione dato che è in cima a tutte le classifiche. Comunque ne sono rimasto profondamente deluso. Hai detto tutto quello che c'è da dire, ma sono contrario a te su alcune cose. Come tu hai citato sono presenti dei cliche, e anche tanti direi, la storia di adolescenti che ammazzano demoni e vampiri con gli amici lupi mannari, non mi è niente di nuovo. La storia è un gira e rigiri di trische amorose con il classico nemico cattivo che vuole il tesoro, perfino con i colpi scena (a parer mio scarsi) non rende la storia interessante. Io non riesco a definirlo un libro originale. I personaggi sono caratterizzati male e forse ho trovato dei piccoli buchi di trama.
    Comunque bella recensione, compimenti :)

    RispondiElimina
  29. Una vecchia amica mi diceva sempre che un buon libro si riconosce dalle emozioni che i personaggi suscitano nel lettore. Sinceramente, a me non hanno suscitato quasi nessuna emozione. A te?

    RispondiElimina
  30. Sono un pochino in ritardo nel commentare questo libro dato che ho già letto tutti quelli che sono venuti dopo =)... A me è piaciuto molto perchè è uno di quei libri che ti fa fare le ore piccole la notte, quando sai di diver andare a dormire, ma proprio no ce la fai a spegnere la luce...E' stato il mio primo urban fantasy, per cui una novità e me ne sono proprio innamorata. Ovviamente la coppia Jace Clary è fantastica. Detto questo complimenti per la recensione, è corposa e sopratutto rispecchia quello che ho pensato anche io. Condivido in pieno quanto hai detto in merito alla traduzione, hanno praticamente ignorato il condizionale, e ci sono anche un sacco di errori di stampa. Ciao

    RispondiElimina
  31. Ho iniziato a conoscere questa saga dal film, ancora una volta, ma molte mie amiche sono state interessate a questa saga fin dal primo momento. Così ho deciso di leggere il libro e subito dopo quello successivo, e quello dopo, e quello dopo. L'ultimo di questa saga l'ho finito proprio ieri sera, dicendo praticamente addio all'estate. Ho pianto pensando a non potermi più divertire con le battute di Jace (sarebbe stata più divertente mettere il cognome ma farei SPOILER). Non credo di poter resistere, e ho già preso in considerazione di riniziare la saga, se non riesco a distrarmi con altri libri. Shadowhunters :333
    xx

    RispondiElimina
  32. io sono fissata con queste storie.
    Ho iniziato con le origini e non riesco più a fermarmi!!!
    non vedo l?ora che esca il mangister *-* mamma miaaa!!
    ti consiglio di scaricarti wattpad ci sono molti libri , e molti dei quali sono stati pubblicati, è una specie di e-book che puoi avere anche nel computer e non paghi in più ouoi anche scrivere storie <3

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...