sabato 8 dicembre 2012

Recensione, La Rosa Bianca di Stefania Auci

In questi giorni ho avuto il piacere di leggere il secondo libro che l'autrice italiana Stefania Auci ha scritto per la Harlequin Mondadori. Sto parlando de La Rosa Bianca, seguito del Fiore di Scozia (qui la mia recensione), un libro intenso e ricco di sentimento che mi ha lasciata ammaliata e commossa. Vi consiglio di leggere tutta la recensione perché alla fine vi parlerò di un bellissimo contest che potrebbe permettervi di diventare le nuove MUSE ISPIRATRICI per il prossimo romanzo di Stefania! 

Inoltre restate sintonizzati sul blog, perché in settimana ci saranno sorprese molto interessanti firmate La Rosa Bianca, ESCLUSIVE PER ATELIER DEI LIBRI!

Data di uscita: in edicola dall'1/12/2012
Casa Editrice: Harlequin Mondadori
Titolo: La rosa Bianca
Autrice: Stefania Auci
Prezzo: 6.00 €

Pagine: 315 
Il mio voto:

Francia/Scozia, 1745 - Indipendente e misteriosa, Annette Pontmercy è l'amante di un capitano francese al seguito di Carlo Stuart, e per questo, quando Cameron Grant, ribelle giacobita e abile seduttore, cerca di conquistarla, lei lo tiene a distanza con ironia e intelligenza. Presto, tuttavia, Cam comprende che lei è ben altro che l'affascinante compagna di un ufficiale, e che nasconde un oceano di segreti. Ma solo alla vigilia della battaglia di Culloden Annette rivelerà infine il suo vero volto, e allora Cameron dovrà prendere una decisione che lo cambierà per sempre.



Recensione 

Da buona amante dei romance di gran classe e dopo aver letto con passione e avidità Il fiore di Scozia rimanendone positivamente colpita, non potevo che tuffarmi nel nuovo romanzo storico di Stefania Auci, La Rosa Bianca. In questo conivolgente e dinamico sequel de Il fiore di Scozia ho ritrovato lo stile originale, penetrante e particolareggiato della Auci, accompagnato da una nuova e deliziosa grinta che sono certa saprà sorprendere le amanti dei romanzi intensi e travolgenti.
Ci troviamo nuovamente nella Scozia del 1745 e il periodo è quello della rivoluzione giacobita in cui gli Scozzesi rivendicarono i propri diritti contro la crudele Inghilterra ma, pur ritrovando gli scenari e gli ideali del Fiore di Scozia, i protagonisti di questo romanzo non sono due teneri innamorati, bensì due burrascosi combattenti che assieme affonteranno i loro demoni, le loro passioni e una lotta pericolosa e sanguinaria. 

Annette Portmercy - spia francese del Secret Roi in incognito al seguito dell Principe Carlo Stuart -e Cameron Grant - donnaiolo e guerriero giacobita senza pari-, infiammano le pagine de La rosa Bianca con la loro bruciante attrazione e i loro infuocati scontri, mentre una guerra crudele infuria attorno a loro.
Annette è una donna pericolosa, attraente e irresistibile come solo le cose letali più letali sanno essere. Fingendosi amante di Jaques Delauny, Annette prenderà parte del seguito di Carlo Stuart, condottiero della rivolta giacobita e incarnazione di ogni speranza che anima il cuore pulsante di quella Scozia che desidera l'indipendenza e la libertà. Cameron Grant è un impetuoso combattente, selvaggio e determinato sia nella guerra che nell'amore. 
Quando i due si incontrano vengono travolti da un'attrazione irresistibile, contro cui Annette sembra essere determinata a lottare. Troppi i segreti che la donna deve proteggere, troppe le ferite di un passato doloroso e tragico che potrebbero essere aperte dal sentimento che la coglie quando Cameron è accanto a lei. La determinazione di Annette nulla può contro la forza d'animo del bel Cameron - di cui non si può far altro che innamorarsi -, che sembra essere siposto a tutto pur di conquistare la donna dei propri desideri.

L' originale e decisa caratterizzazione dei personaggi  incatena immediatamente il lettore alle pagine di un libro che riesce a toccare le corde del cuore senza mai scadere nella banalità o nell'inaccuratezza storica. Oltre a esservi particolarmente legata (come ci racconta qui) l'Auci conosce bene le vicende storiche di cui ha deciso di scrivere e non ha paura di addentrarsi in questioni spinose o di difficile approccio, anzi. 
Ne La Rosa Bianca la brillante autrice nostrana è infatti riuscita a dare ancora più spazio agli episodi strettamente legati al periodo storico e alle avventure in cui i suoi protagonisti sono impegnati, raccontando in modo vivido e peculiare le crudeltà della rivolta e la forza degli ideali che muovevano il popolo Scozzese in quella sanguinosa epoca.
Mentre le vicende amorose e sentimentali non mancano di stuzzicare e divertire con la tipica maliziosa ironia che contraddistingue lo stile dell'autrice, gli avvenimenti storici avvincono in una giostra di intrighi, tradimenti e combattimenti all'ultimo sangue. 
Tra un ammiccamento, un bacio rubato e un segreto svelato, i due protagonisti crescono e si arricchiscono a vicenda, intrecciando i propri destini in modi inaspettati. Ma la rivolta non si ferma nemmeno al cospetto di un amore apparentemente scritto nelle stelle. 

La Rosa Bianca è un romanzo che non lesina colpi di scena e di classe, una bruciante carica di romance e tanti succulenti segreti da cui  lasciarsi trarsportare. Con grande capacità nello scandire bene i tempi narrativi, l'Auci riesce sempre a seguire con decisione gli avvenimenti legati alla guerra che i suoi protagonisti stanno combattendo. 
La cura nei dettagli, la veridicità storica e le affascinanti sfaccettature dei vari personaggi, primari e comprimari, ammaliano e stuzzicano la curiosità del lettore, mentre l'intensità con cui l'autrice ha saputo affrontare i temi della violenza sulle donne e della guerra sanno penetrare in profondità e far riflettere. 
Nonostante si tratti di un romanzo Harmony e in esso prevalga come è giusto che sia il romanticismo, La Rosa Bianca riseva non poche sorprese. In primo luogo in esso non è presente il classico cliché che spesso relega la donna al ruolo di virginale presenza che si strugge per il proprio uomo. Annette è infatti il contrario di ciò che parrebbe a prima vista: non è un fiore delicato, bensì una rosa colma di spine dall'oscuro passato. Il secondo luogo l'accuratezza storica che impera tra le sue pagine e la coerenza ferma con cui l'autrice non ha mai anteposto il romanticismo agli eventi che coinvolgono i protagonisti, fanno di questo un romanzo davvero degno di esser letto.



Verdetto: un romanzo imperdibile, per chi non sa resistere a un buon romance storico di classe!


Per Natale vorresti... un romanzo scritto PER TE, firmato da una grande autrice? Con Harlequin Mondadori i desideri si avverano! Parte oggi (cioè venerdì 30 Novembre) un'iniziativa esclusiva, al termine della quale Stefania Auci, amatissima autrice italiana di romanzi storici, potrebbe scrivere un romanzo esclusivamente PER TE!

Come?

- lascia un commento post lettura (uno solo) sul romanzo LA ROSA BIANCA su


o sulla sulla fanpage Harlequin Mondadori su Facebook,


entro il 25 dicembre 2012

- tra i 5 più "belli", la Redazione Web ne sceglierà uno

- l'autrice del commento potrà dare a Stefania Auci quattro parole chiave su cui vuole che sia imbastito un mini racconto. Esempio: Duca - notte - sesso; oppure nave - violino - teschio - fiori ecc.

- Stefania lo scriverà entro il 31 gennaio 2013

- Noi lo pubblicheremo sul sito come novella online a partire da febbraio 2013



Cosa aspetti? Lascia subito il tuo commento sul romanzo La Rosa Bianca e potrai dire "sono stata co-autrice di una novella Harlequin Mondadori!"

15 commenti:

  1. Bellissima recensione!!!
    libro da leggere assolutamente!!

    RispondiElimina
  2. Molto interessante^^
    Ho solo un dubbio.. dato che c'è scritto che è un sequel posso leggerlo senza perdermi nulla di importante? Se no, come faccio a recuperare il primo?
    (è la prima volta che sento parlare di questa autrice, di solito non calcolo molto le edizioni da edicola ma a giudicare da questo libro mi sto perdendo un sacco di cose meravigliose!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che puoi leggerlo in maniera indipendente. I due romanzi sono legati dal periodo storico, ma le storie che narrano sono totalmente indipendenti. Credo che andando sul sito della Harmony tu possa ordinare il primo romanzo senza problemi, spero di non aver detto una castroneria.

      Elimina
  3. Non ho mai letto romanzi storici, però i film mi sono sempre piaciuti...
    La trama sembra intrigante e anche se non fa parte dei miei generi, sono sincera, potrei anche leggerlo ovviamente iniziando dal "Fiore di Scozia" ; potrebbe essere l'inizio di qualcosa di nuovo, perchè no :)
    E poi mi piace sempre dare il mio appoggio agli scrittori italiani.

    RispondiElimina
  4. Recensione stupenda *-* Ho appena commentato il post del giveaway e se dopo aver letto la tua recensione lo volevo, dopo aver letto l'estratto adesso lo pretendo.

    Complimenti a Glinda che scrive delle recensioni che ti spronano a leggere, ti invidio tantissimo ;)
    Complimenti anche a Stefania, l'ho detto anche di là, stile di scrittura superbo, il libro deve essere qualcosa di...... *-* Brave entrambe <3

    RispondiElimina
  5. Non ho ancora avuto il piacere di leggere niente di quest'autrice ma non vedo l'ora di rimediare alla mia ignoranza in maniera xD
    Mi fa sempre un piacere immenso vedere scrittrici Made in Italy cimentarsi in generi che qui in Italia vengono quasi interamente importati.
    La trama de La Rosa Bianca mi intriga molto e si colloca perfettamente in un contesto che è tra i miei preferiti e che mi ricorda con una (piacevole) stretta al cuore la cara vecchia Diana Gabaldon.
    Adoro leggere di rudi guerrieri scozzesi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *La mia ignoranza in maTERIA comunque :P

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. CAVOLO! All'inizio, lo ammetto, non volevo comprarlo e leggerlo perché i romanzi storici non mi hanno mai appassionata molto ma tu...cioè sei capace di far venir voglia di leggere tutto! A questo punto o leggo questo libro o lo leggo, non credo di poterne fare a meno. Poi ad attirarmi è anche il carattere della protagonista. Cioè è vero che se scritti bene i libri con una protagonista dolce e inesperta possono rapire molto ma un romanzo con un protagonista come Annette ci voleva proprio e che cavolo! Potere alle donne XD Questo libri fa ufficialmente parte della mia lista, grazie Glinda.

    PS. Scrivi recensioni davvero favolose, ti invidio *-*

    RispondiElimina
  8. Devo assolutamente leggere questo secondo romanzo di Stefania Auci!!! Ho letto il primo romanzo,il Fiore di Scozia, d'un fiato e mi è veramente piaciuto!!! *.* Devo dire che i due protagonisti di questo romanzo, Annette Pontmercy e Cameron Grant, mi intrigano veramente molto! Annette, una donna pericolosa, attraente e irresistibile e Cameron, un impetuoso combattente, selvaggio e determinato! E poi che dire dell'ambientazione storica? Ci troviamo in Scozia nel 1745 durante il periodo della rivoluzione giacobita! La Scozia....un paese che amo, non solo per i paesaggi fantastici ma anche per le loro tradizioni, e che prima o poi visiterò!!! ^__^
    Insomma, per farla breve...mi piacerebbe veramente molto poter leggere la Rosa Bianca! E tua splendida recensione Glinda, come sempre, non ha fatto altro che aumentare la mia curiosità!!! :D

    RispondiElimina
  9. Ammetto che tra i miei primi romanzi ci sono stati quelli harmony di mia madre in cui la donzella aspettava il suo bel cavaliere che la salvava dal pericolo imminente, saranno quelli che mi hanno rovinato ragion per cui non trovo un uomo che sia all'altezza del mio ideale. comunque continuo ad amare e sognare con i romanzi rosa privilegiando protagoniste forti e coraggiose, quindi penso che questo romanzo faccia apposta per me!!! si ritorna al primo amore!!!

    RispondiElimina
  10. Il fiore di scozia l'ho amato dalla prima parola fino all'ultima! Quindi volevo già leggere quest'altro libro e la tua recensione positivissima, non fa altro che spingermi ancora di più in quella direzione! *_* Adoro il modo di scrivere della Auci!!!

    RispondiElimina
  11. stupenda recensione e bella iniziativa che si è prefissa l'autrice!

    RispondiElimina
  12. Questa bella recensione non fa altro che confermare il giudizio positivo che mi sono fatta leggendo "Fiore di Scozia".
    Un romanzo da non perdere, ben scritto e accattivante.
    Complimenti alla cara autrice.

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...