mercoledì 10 giugno 2015

Recensione "The Program" di Suzanne Young

Salve a tutti e buon mercoledì. So che avrei dovuto pubblicare l'appuntamento con W.W.W... Wednesdays, ma avevo voglia di scrivere perciò ho deciso di dedicarmi alla stesura di una recensione. 
Questa volta vi parlo di "The program" romanzo distopico uscito ad Aprile che ho letto prima del ricovero e non ero ancora riuscita a recensire. Un vero peccato, perché si tratta di uno dei migliori libri dell'anno. Non ci credete? Leggete recensione folle d'amore e alla fine sarete invaghiti quanto me.


Titolo: The Program (The Program #1)
Data di pubblicazione: 28 aprile 2015
Dove comprarlo: LaFeltrinelli.it
Autrice: Suzanne Young 
Editore: De Agostini 
Cartonato: 14,90 €
Ebook: 7,99 €
Pagine: 400



Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.



La mia recensione

Non mi capacito di come facciano a non capire. Forse è perché gli adulti preferiscono dimenticare i problemi, convinti che sia meglio non pensarci. Il Programma ci strappa via i ricordi, resetta le emozioni, ci riporta intatti, immemori di aver sofferto. Ma chi siamo senza il nostro passato? Da The Program
Quando vi parlai di questo libro per la prima volta, innamorata delle premesse e della bellissima cover scelta dalla DeA, non ero affatto a conoscenza dell'impatto che la sua lettura avrebbe avuto su di me. Eppure ero stata avvisata dalla mia amica Valeria, i cui gusti letterari sono molto simili ai miei, che dopo averlo divorato ha affermato di esserne  rimasta incantata. Ma nulla, nemmeno le migliaia di recensioni adoranti dei vari blogger che lo avevano letto in inglese, avrebbero effettivamente potuto prepararmi all'effetto che mi avrebbe fatto "The Program". C'è così tanto che vorrei dire riguardo a questo libro,  così tanto che l'avventura di Sloane e James mi ha trasmesso, che raccogliere le idee mi sembra un'impresa impossibile. 
Che voi siate amanti dei romance contemporanei, dei mystery YA, dei distopici o semplicemente delle belle storie struggenti in cui l'amore è protagonista, posso solo consigliarvi di leggere "The Program" al più presto. Fatelo e non ve ne pentirete.
Quella narrata da Suzanne Young è una storia avvincente e piena di sorprese, dinamica senza essere frenetica, romantica senza essere soffocante. Lo stile netto e poetico dell'autrice ammalia sin dalle primissime pagine, la storia di fondo terrorizza per quanto sappia essere plausibile in tutti i modi più inquietanti, eppure incatena a ogni riga di ogni capitolo di questo romanzo innovativo e delizioso. 
Grazie alla narrazione al presente storico, inizialmente misurata e poi sempre più incalzante, si sviluppa un flusso narrativo che diventa improvvisamente impetuoso e mozzafiato. Non lasciatevi ingannare dalla calma con cui l'autrice vi introdurrà nella vita dei protagonisti e del Programma, perché in un battito di ciglia vi troverete a trattenere il respiro per la velocità con cui gli eventi prenderanno il sopravvento.
Suzanne Young ha affrescato con immagini vivide e indimenticabili un'avventura capace di commuovere e agghiacciare, in cui emergono prepotentemente sia l'aspetto più brutale che quello più romantico della vita. 
"The Program", diviso in tre capitoli che scandiscono le vicende vissute da Sloane, ci parla di un mondo futuristico in cui l'adolescenza è ancora più feroce di quella che conosciamo, regalandoci una storia che non può essere dimenticata e che merita davvero di essere letta.

Poi ha premuto le labbra sulle mie, calde e morbide. L’ho abbracciato, attirandolo verso di me, e lui mi ha baciata con più forza, finché la sua lingua ha toccato la mia. È stata la sensazione più bella del mondo, un’esperienza extracorporea. Siamo andati avanti per un’eternità, o almeno fino al tramonto. Quando ci siamo fermati, James si è sdraiato sulla schiena e ha guardato il cielo. «Be’, cavoli, Sloane.»
Ho riso e mi sono toccata le labbra. Erano gonfie, ma piene di vita. Formicolavano. «È stato divertente» sono riuscita a dire.
James si è girato a guardarmi. «Lo sai che non riuscirò più a non baciarti, vero?» ha detto. «Per il resto della vita, ogni volta che ti guarderò dovrò baciarti.» Da The Program

Essere adolescenti non è mai semplice. In quegli anni di crescita si è dominati dalle emozioni, si sa. Ma essere adolescenti in un mondo in cui dilaga un'epidemia di suicidi ormai ritenuta endemica e il Sistema è convinto che siano le forti emozioni a causarla, essere adolescenti è una maledizione. 
Sloane e James sono cresciuti assieme, hanno visto morire le persone più importanti per entrambi, hanno trovato la forza di lottare e resistere al Programma l'uno nell'altra. Si sono amati follemente, strenuamente, condividendo i segreti più pericolosi di tutti: le lacrime, la paura, il dolore. Il loro sembrerebbe essere un amore destinato a vivere per sempre, ma nulla è eterno, quando si è in mano al Programma: esso ripulisce le menti, ridisegnando i ricordi, i pensieri, le emozioni al fine di estirpare ogni brandello del passato che potrebbe ricondurre gli ammalati sulla strada della depressione. 
Fate uno sforzo d'immaginazione e provate a pensate di essere costretti a reprimere ogni sensazione negativa ventiquattr'ore su ventiquattro, sette giorni su sette, mentre tutt'intorno a voi, ragazzi della vostra età (i vostri amici, compagni di scuola, fratelli o sorelle) si tolgono la vita o meditano di farlo. Riuscireste a resistere all'impulso di andare in pezzi, di fronte a tutta questa sofferenza? Sloane, James e i loro amici non hanno scelta. Se desiderano conservare ciò che li rende loro stessi, non possono far altro che nascondere la verità sotto una maschera di apatica serenità. Ma in questo mondo in cui il dolore ti striscia sottopelle come un morbo, sfuggire alle proprie debolezze è un'utopia. 
Non vi dirò che Sloane e James sono quel tipo di persone capaci di seppellire i propri sentimenti sotto una facciata di calma e tranquillità, o che il loro amore sia più forte dell'epidemia di suicidi che decima la popolazione, né che per loro il Programma sia pronto a chiudere un occhio. Questo non è affatto quel genere di libro. Vi dirò invece che attraverso gli occhi di Sloane assisterete a un'avventura crudele, che farà a brandelli i suoi ricordi e il vostro cuore. Preparatevi a prendere parte a una lotta senza quartiere in cui bisogna scegliere tra la vita e ciò che rende la vita degna di essere vissuta e ad affrontare assieme a Sloane un viaggio dalle destinazioni inaspettate, pieno di colpi di scena e colpi al cuore. Un viaggio che potrebbe cambiare voi e i protagonisti per sempre.

Chiudo gli occhi, seduta davanti alla dottoressa Warren, e ricordo il calore della bocca di James sulla mia, la sua lingua sulle labbra prima che le aprissi per lasciarlo entrare. Mi ha fatta sdraiare sul telo e ha continuato a baciarmi, a lungo, sempre con tenerezza, ma anche con trasporto.
Non proverò mai più quella passione. Non sarò mai più quella ragazza. Inizio a piangere, perché mi manca James. Mi manco io. Vorrei che tutto tornasse com’era prima, e invece sto lentamente perdendo ogni cosa: sto assistendo alla mia morte.
La dottoressa non dice niente e si limita a porgermi la pillola gialla. La prendo con gratitudine, perché voglio dormire. Voglio sentirmi meglio.
Ma non voglio mai dimenticare. Da The Program

Incredibile come parlarvi di questo libro riesca a mettermi in crisi, era da tempo che non provavo un simile disagio durante la stesura di una recensione. Nessuna delle mie affermazioni sembra essere sufficiente a descrivere l'immensa adorazione che nutro per "The Program". 
Il mondo costruito dalla Young instilla il dubbio nella mente del lettore sin da subito, portando a riflessioni profonde rispetto ai parallelismi tra la sua distopia e la nostra realtà. Ovviamente un libro che parla di un'epidemia di suicidi non è dei più semplici da digerire, in particolare quando indirizzato a un popolo di adolescenti. Eppure la potenza del romanzo sta proprio nell'essere convincente e incisivo, pur trattando una tematica così ostica, riuscendo persino a far riflettere sul modo in cui trattiamo le emozioni, che siano nostre o altrui. Sul peso dei ricordi, anche quelli spiacevoli, della sofferenza, del dolore e, ancor di più, della libertà di esprimere le proprie fragilità senza rischiare di essere messi al bando per questo.
Ho adorato Sloane e James, due personaggi davvero ben delineati, le cui personalità hanno una presa immediata e ferrea sul lettore. Quando li si incontra sono già una coppia e non si conosce quasi nulla della loro relazione. Si potrebbe pensare che una dinamica simile renda abbia dato un taglio netto a tutte quelle favolose emozioni scaturite dalla scoperta dell'amore, ma non è così. 
Nel corso della trama, infatti, attraverso alcuni flashback strategici dall'impatto emotivo devastante, assistiamo alla costruzione del loro amore, assaporando stille di pura estasi sentimentale. Perché ciò che unisce questi due protagonisti, è un legame radicato e intenso, da cuore in gola e ginocchia tremanti, da promesse di fedeltà eterna. 
Ho amato e odiato Realm, personaggio molto tragico dal forte dualismo, che mi ha tenuto per tutto il tempo sul filo del rasoio, ma su cui non posso dirvi assolutamente nulla per evitare spoiler.
La suddivisione della trama in tre capitoli consente di assaporare in modo più completo l'evoluzione di Sloane, la quale attraversa dei cambiamenti immensi dall'inizio alla fine del romanzo. I colpi di scena, a volte davvero inattesi, conferiscono alla storia una forza disarmante. Inutile dire che il finale lascia tutti con il fiato sospeso e che l'attesa del secondo libro della saga sarà una tortura.

All’inizio temo di avergli perso le chiavi di casa o qualcosa di importante, ma poi vedo un oggetto a qualche metro da me. Quando lo riconosco mi viene la pelle d’oca. Mi inginocchio e avanzo carponi per raggiungerlo. Lascio cadere i pantaloni di James e raccolgo l’oggetto che stavo per perdere.
È un anello. Un anello di plastica rosa, simile a quello che ho trovato nel materasso. James deve avermi regalato l’altro, e doveva significare qualcosa per me, dal momento che l’ho conservato. Per un attimo percepisco l’accenno di un ricordo, solo un lampo: io che infilo l’anello nel materasso. Ma non riesco a restare aggrappata al ricordo, l’immagine si dilegua. Inizio a piangere. Mi stringo l’anello al petto e mi piego in due, posando la guancia sull’erba.
Non sono completa. Mi manca un grosso pezzo del cuore, ricordi di cose che devo aver detto e fatto, cose che non posso riavere indietro. Le voglio, le voglio tutte. Voglio essere di nuovo me stessa.  Da The Program


Verdetto: un romanzo imperdibile



Livello sensualità: baci e qualche brivido 


Compralo in cliccando sulla cover!


La serie The Program è composta così
  1. (The program #0.5) The Remedy (inedito in Italia)
  2. (The program #0.6) The Epidemic (inedito in Italia)
  3. (The program #1) The Program
  4. (The program #2) The Treatment (inedito in Italia)
  5. (The program #2.5) The Recovery (inedito in Italia)

20 commenti:

  1. E' già nella mia libreria *.* sarà una delle mie letture di questa estate

    RispondiElimina
  2. Sapevo che l'avresti amato. Quando ho letto la quarta di copertina di questo romanzo non nutrivo grandi speranze sul fatto che sarebbe potuto piacermi. E' difficile scrivere i distopici e rimanere coerenti al mondo creato e contemporaneamente spiegare e tessere una storia della portata di quella di Sloane e James. La Young mi ha fatto ricredere, leggendo The Program mi sono completamente innamorata. Mi ha regalato forse il più bel romanzo letto nel corso dell'anno e sono contentissima ti sia piaciuto quanto l'ho amato io. Ora non ci resta che attendere il secondo :3

    RispondiElimina
  3. Anche a me è piaciuto molto The program. È davvero ben costruito e ho apprezzato la scelta di dividerlo in tre parti che descrivono situazioni molto diverse tra loro, sia come ambientazioni e atmosfere, sia come evoluzione della protagonista. Con i salti temporali la Young ci ha anche permesso di assaporare un pò di passato e conoscere meglio ciò che unisce Sloane e James. Ho apprezzato molto anche questa scelta. The Program è un libro da cui non mi aspettavo nulla, ma che alla fine mi ha stupita!

    RispondiElimina
  4. Dio, Glinda, mi hai lasciato, letteralmente e completamente senza parole.
    Sai cosa mi fai ogni volta che leggo ogni tua recensione?
    Non mi permetti mai di dimenticare che cosa mi ha spinto una sera di qualche anno fa a prendere una penna in mano e a mettermi a scrivere le primissime pagine del mio libro che ogni giorno cresce, matura e continua a farmi vivere dentro a una realtà in cui vorrei Dio solo sa quanto potermici materializzare nel senso letterale del termine. Le parole, i libri e la scrittura ti fanno andare oltre al mare di superficialità, di banalità e di volgarità che ahimé dilaga sempre più a ogni respiro e rende, secondo me, le persone come te, tutte le persone che amano i libri e la scrittura e che recensiscono libri sui blog speciali e uniche in modo inverosimile.
    Per questo ti ho anche detto che tu sei una di quelle persone a cui racconterei la mia vita per ore e ore. Su questo blog stupendo ho avuto la possibilità di conoscere una persona che come me desidera andare oltre a tutto quello schifo di cui ho citato sopra oltre che ad aver avuto la possibilità di conoscere delle autrici fantastiche che mi hanno aiutato a crescere, a migliorare e a farmi capire come dover tirare fuori il meglio di me dalle parole che scrivo. E come ti ho già accennato, oltre che a scrivere libri, vorrei farlo anch'io questo lavoro, no, lo voglio fare, e sei stata tu, carissima Glinda, a farmi credere anche in questo, perciò, dopo il mio inarrestabile fiume di parole in piena che mi esce e che non riesco a frenare, ti ringrazio per questa ennesima, stupenda, intensa e profonda recensione.
    Un abbraccio,

    Fede

    RispondiElimina
  5. Dopo questa tua stupenda recensione non mi resta che correre in libreria a comprarlo *^*

    RispondiElimina
  6. Mmmmh....questo genere mi affascina sempre piu' e tu Glinda accendi sempre la mia curiosita'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,andando in libreria ho avuto diverse volte tra le mani questo libro che mi incuriosisce molto e mi sono ripromessa di acquistarlo nel momento in cui avessero pubblicato tutti i libri. Potreste per favore spiegarmi l'ordine in cui leggere questi libri e se sono già usciti in Italia? Grazie mille in anticipo!

      Elimina
  7. È già nella mia libreria e leggendo la tua recensione ovviamente non potrà che essere la mia prossima lettura!! :-)

    RispondiElimina
  8. Mi piace tantissimo, non vedo l'ora di leggerlo.. :D

    RispondiElimina
  9. Ne ho sentito parlare molto bene da un'amica ed è già sul mio Kindle che mi aspetta :)

    RispondiElimina
  10. Mi sono avvicinata a questo libro grazie alla copertina che è bellissima. Trovavo interessante la trama, così l'ho letto appena uscito. Posso ufficialmente dire che è tra i miei preferiti, l'ho adorato all'infinito. Mi piace il fatto che la Young abbia parlato di una tematica come il suicido tra i giovani usando il genere distopico. Trovo sia un'idea originale. Potrebbe sembrare un libro triste, infatti è triste, ma non nel senso negativo del termine. L'autrice non mi ha mai fatta sentire annoiata o troppo angosciata per andare avanti, anzi, non ho respirato fino alla fine del libro. La tua recensione rispecchia il mio stesso amore per questo libro. Insieme a 'Lontano da te' di Jennifer Armentrout, è stato il migliore che ho letto in questo 2015.

    RispondiElimina
  11. Bellissima recensione!!! Lo leggerò di sicuro ;)

    RispondiElimina
  12. Sono molto curiosa di leggerlo; le premesse, la cover me l'hanno fatto subito amare, ma la tua recensione mi ha convinto ancora di più!

    RispondiElimina
  13. Ho comprato questo libro quasi per caso, preso dalla noia, e in un attimo me ne sono innamorato. L'ho letteralmente DIVORATO.
    Ho avuto la pelle d'oca in molte scene, e l'ansia per tutto il libro, pagina dopo pagina... Non vedo l'ora di leggere quel finale, cavolo!

    RispondiElimina
  14. Mi hai convinto in pieno! Già mi ispirava molto come romanzo, ma dopo aver letto questa recensione ne sono assolutamente certa *-* grazieee tesoro ♥

    RispondiElimina
  15. Bello, mi è piaciuto proprio tanto, non riuscivo a staccarmi dalle pagine e credo di aver fatto le tre del mattino. Il giorno dopo avevo una faccia che era tutta un "programma".
    Ho paura del seguito... molti che hanno amato questo romanzo sono rimasti delusi dell'epilogo T___________T

    RispondiElimina
  16. Questo libro è già nella mia wl ! Il punto del suicidio come epidemia è un qualcosa di geniale e macabro allo stesso tempo

    RispondiElimina
  17. Ciao, ho appena finito di leggere The Program e condivido molte delle tue osservazioni e in generale devo dire che mi è piaciuto nonostante in prima persona e al presente non sia proprio il mio stile di scrittura preferito...
    L'ho trovato molto struggente in certi punti, ma soprattutto pieno di contrasti specialmente tra la prima e la terza parte.
    Se ti va di dare un'occhiata a ciò che penso su questo libro fai una visitina al nostro piccolo blog: Raggywords - Recensione The Program di Suzanne Young
    Scusa per l'eventuale spam indesiderato...
    Rainy

    RispondiElimina
  18. io l' ho semplicemente amato. Mi ha tenuto incatenata e mi ha preso veramente tanto *-*

    RispondiElimina
  19. Grazie per il consiglio! Il libro è davvero bellissimo.. senza la tua recensione non lo avrei mai comprato.. (non so la copertina non mi ispirava..)..e invece l'ho adorato! La protagonista è un personaggio meraviglioso, cambia idea ma rimane coerente con sè stessa, è forte e testarda ma non antipatica ed è fragile senza diventare uno strazio. Ciò che più mi ha copito è stato come l'autrice è riuscita a far prendere forza e intensità ad una storia d'amore avvenuta nel passato.. all'inizio sembra un po' data per scontata ma poi rivela tutta la sua intensità! Bellissimo anche per me!

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...