mercoledì 20 agosto 2014

Recensione "Noi siamo grandi come la vita" di Ava Dellaira

Miei cari sognalettori, da quanto tempo non trovavo il tempo di mettermi al pc in santa pace e recensire un libro per voi? A me sembra un'eternità e non posso che essere felice per questa domenica di S.Lorenzo, che oltre a regalarmi un po' di pace interiore mi ha anche ispirato. In effetti proprio pensando alle stelle cadenti ho deciso di recensire un romanzo che sulla copertina ha un firmamento. "Noi siamo grandi come la vita" di Ava Dellaira, è un libro che fa sognare, giovane e fresco, ma anche profondo e singolare di cui, a distanza di quasi un mese dalla lettura, sono ancora innamorata.

Titolo: Noi siamo grandi come la vita
Data di uscita: 3 giugno 2014
Editore: Speling & Kupfer
Autrice: Ava Dellaira
Prezzo: 16,90 €
Pagine: 324
Il mio voto

Tutto comincia con un compito in classe. «Scrivi una lettera a una persona famosa che non c’è più.» Per Laurel è il primo giorno in una nuova scuola, e si sente trepidante, spaventata, e con tanta voglia e paura di cominciare. Si sente anche vuota: quel vuoto gigantesco che si chiama May, la sorella più grande che se n’è andata silenziosamente durante l’estate, lasciandole un dolore esterrefatto e incredulo. Laurel scrive a Kurt Cobain, perché era il cantante preferito di May. E poi scrive a Amy Winehouse, Elizabeth Bishop, River Phoenix. Tutte persone che sua sorella amava. E che, come May, sono morte. Persone che possono ascoltare ciò che Laurel ha da raccontare – il suo primo anno di liceo, le cotte, le amicizie, l’emozione di crescere – e aiutarla a comprendere, e superare, un dolore troppo grande per i suoi quindici anni.



La mia recensione

So che ho scritto a delle persone che non hanno più un indirizzo su questa terra. So che siete morti. Ma io vi sento. Tutti. Siamo stati qui. Le nostre vite contano qualcosa. Da "Noi siamo grandi come la vita"
Ci sono dei libri dotati di una straordinaria potenza, di un'intrinseca forza a cui non si può resistere. Una forza che magari non si percepisce dalle primissime pagine, che potrebbe non essere racchiusa in ogni singolo capitolo, ma che ti colpisce irrimediabilmente quando la lettura è finita. E' in quel momento che ci si rende conto che un viaggio può essere giudicato solo una volta finito e che, a volte, certi dettagli che ci erano sfuggiti sono così intensi da poter riecheggiare nella mente per sempre. Sono piuttosto convinta che "Noi siamo grandi come la vita" di Ava Dellaira sia proprio quel genere di libro, che la storia di Laurel sia quel tipo di viaggio che lascia confusi e rapiti, oltre che malinconici. Un po' romanzo di formazione, un po' storia d'amore adolescenziale e un po' dramma familiare, l'esordio della Dellaira tocca le corde del cuore e incanta, rattrista e fa indignare, commuove e fa riflettere. 
La sua natura di romanzo epistolare, ovvero interamente narrato sotto forma di lettere, pur scandendo le vicende con un ritmo lento e misurato, non intacca il fluire dei sentimenti e delle emozioni che l'autrice si è prefissata di trasmettere. 
Certamente chi preferisce storie travolgenti, che tolgono il fiato e non lasciano spazio per riflettere, potrebbe giudicare un po' lento questo romanzo, motivo per cui anche io, pur avendolo davvero molto apprezzato, non ho assegnato il massimo dei voti come giudizio finale.
Quello che ti ho raccontato a proposito del fatto di salvare la gente… Be’, non è vero. Forse pensiamo che lo sia, perché vogliamo che una persona ci salvi, o perché desideriamo disperatamente salvare qualcuno. Invece nessun altro può salvarci. Non da noi stessi. Ci addormentiamo sulle colline ai piedi delle montagne, e arriva il lupo. E speriamo che qualcuno ci svegli. O che lo cacci via. O che lo ammazzi. Ma poi ti rendi conto che il lupo è dentro di te, ed è allora che ne hai la piena consapevolezza: non puoi sfuggirgli. E nessuno di quelli che ti amano può ucciderlo, perché è parte di te. Vedono la tua faccia impressa su di lui. E non sparano. Da "Noi siamo grandi come la vita"


Quella di Laurel è una storia difficile, nascosta dietro segreti inconfessabili. Non conosciamo sin da subito i suoi pensieri, non abbiamo libero accesso alla sua mente, non ascoltiamo la sua voce come accade in tanti altri romanzi. L'intero libro, infatti, è narrato sotto forma della singolare corrispondenza che Laurel intrattiene con stelle del cinema e della musica a cui lei si sente in qualche modo affine. Quello che è cominciato come un compito in classe particolarmente complicato, diventa per Laurel un rifugio, un'abitudine che le consente di liberarsi dei fardelli che l'affliggono ogni giorno. Forse in un primo momento non si direbbe, ma questa giovane protagonista porta sulle proprie spalle il peso di una famiglia distrutta, di un lutto non elaborato, di colpe che la schiacchiano. Oltre ad affrontare il primo anno di liceo, l'abbandono della madre e il crollo emotivo del padre, Laurel deve vedersela con la morte della sua adorata sorella maggiore e con un terribile segreto che la sta lentamente divorando.  Così, attraverso le parole che la protagonista decide di confidare a Kurt Cobain, Amy Winehouse, Janis Joplin e altri famosi e tragici personaggi del mondo dello spettacolo, scopriremo delle ombre che avvolgono la sua vita e il suo passato, oltre che i suoi pensieri più remoti. Ma non solo. La vedremo innamorarsi, stringere amicizie sincere e crescere. Crescere in modo confuso, a volte compiendo le scelte sbagliate, altre urlando silenziose e disperate richieste d'aiuto. E con lei affronteremo ricordi dolorosi e momenti drammatici, anelando fortemente quel lieto fine che Laurel si merita.

Voglio essere ripulita, purificata: voglio bruciare tutti i cattivi ricordi, tutte le cose brutte che ci sono dentro di me. E forse è questo che fa l’amore: fa in modo che una vita, una persona, un momento che vuoi conservare rimangano con te per sempre. May che mi sorride. Noi due alla festa d’autunno, da bambine, con i nostri genitori che ballano. La tua canzone che non finisce mai. Le foglie dei pioppi neri, la notte, che catturano le luci bianche. E ogni piccola stella che arde con più calore di quanto immaginiamo. Da "Noi siamo grandi come la vita"

Come ho detto questo è un libro diverso da quelli a cui siamo abituati. Ha un ritmo tutto suo, non consente di approfondire subito la conoscenza con Laurel e gioca molto sulla sottile barriera che divide ciò che il lettore ha il permesso di sapere e ciò che invece vorrebbe disperatamente conoscere, ma che potrà scoprire solo a tempo debito. In qualche modo, in effetti, Laurel rimane un mistero quasi fino alla fine del romanzo. Un mistero che si svela a piccoli passi, attraverso una serie di lettere indirizzate a star scomparse anni fa per cui lei nutre una grande ammirazione e con cui riesce a confidarsi. E questa, diciamolo, è un'arma a doppio taglio.  Se da una parte infatti non ci si può che sentire protettivi nei confronti di questa quindicenne dalla vita difficile e dai troppi segreti, da un'altra la si vorrebbe conoscere meglio e subito, dando un taglio ai troppo frequenti indugi dell'autrice. Nonostante la bella prosa della Dellaira, la splendida caratterizzazione dei vari personaggi secondari e l'intensità di alcuni passi delle lettere di Laurel, a volte si avverte il peso dei non detti che permeano la storia. In certi momenti più che in altri, in effetti, avrei volentieri preferito che Laurel scrivesse più di sé e della sua vita e meno delle esistenze delle varie star a cui le sue lettere erano indirizzate. Non che non sia stato interessante scorgere i parallelismi tra le loro vite e quella di Laurel, ma a volte la trama sembrava passare in secondo piano rispetto alle approfondite descrizioni dei trascorsi dei vari destinatari. In ogni caso, difetti a parte, quella raccontata dalla Dellaira è una storia che non manca di commuovere e intenerire, affrontando in modo singolare e delicato argomenti dolorosi e regalando emozioni indelebili.
‘La verità è bella, non importa quale sia. Anche se fa paura, o se è brutta. È bella semplicemente perché è vera. E la verità è luce. Ti rende più te. Io voglio essere me’. Da "Noi siamo grandi come la vita"



Verdetto: agrodolce e brillante come le stelle

Livello sensualità: solo baci e qualche brivido 

Compralo in sconto cliccando sulla cover


53 commenti:

  1. Ciao Glinda! Premetto che io ho adorato questo romanzo, perché leggendolo mi sembrava di avere tutto il tempo del mondo, insomma di non doverlo finire in qualche ora per sapere come finiva. È una storia dolce e malinconica e durante la lettura mi si stringeva il cuore a leggere certi passi o a ricordare alcuni personaggi

    RispondiElimina
  2. Io invece l'ho odiato con tutto il cuore xD

    RispondiElimina
  3. Non mi ispira, non ci posso fare nulla... :P

    RispondiElimina
  4. Odiato con tutta me stessa... non sono riuscita nemmeno a finirlo... :S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, no! Evidentemente o piace o non piace. Ho visto anche su Goodreads pareri molto discordanti.

      Elimina
  5. Non so,non ci avrei dato una lira,invece ora l'ho un po' rivalutato....

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. gli estratti sono bellissimi ma il fatto che sia un romanzo esclusivamente in forma epistolare... Mmhh non so, mi mette qualche dubbio ma gli darò una possibilità.

    RispondiElimina
  8. Giace in libreria da un pò, ma mi ispira parecchio. Appena smaltisco un pò di arretrati mi ci fiondo.

    RispondiElimina
  9. ciao! Ce l'ho in Wl e prima o poi lo leggerò...unico dubbio è che la storia sia troppo "adolescenziale!...Vedremo ;) a presto Maria

    RispondiElimina
  10. Voglio proprio leggerlo questo libro <3 è nella mia WL appena l'ho visto in giro *-*

    RispondiElimina
  11. L'ho adorato.... mi è piaciuto veramente veramente tanto.. tutto è successo lentamente senza accellerare i tempi!

    RispondiElimina
  12. Dì per sé non è male il romanzo, ma l'ho trovato fin troppo simile a Noi siamo infinito, che a mio parere è unico nel suo genere. Sarà la forma epistolare del libro, sarà la natura del segreto che Laurel si porta dentro, ma la storia mi ha fin troppo ricordato una versione un più piatta della vicenda di Charlie. Probabilmente anche perchè, ho sentito dire, la Dellaira ha collaborato con Chbosky per scriverla. Comunque bellissimi gli estratti che hai scelto!

    RispondiElimina
  13. E' tra i miei prossimi libri da leggere, speriamo sia una lettura positiva! Ciao!

    RispondiElimina
  14. Molto bello questo libro, una storia tenera. Anche io ho trovato un po' che la trama si perdesse rispetto alle profonde descrizione dei personaggi.
    Però molto bello sotto ogni aspetto che riguarda le tematiche adolescenziali più difficili.
    Un saluto

    Roberta del blog Dolci&Parole
    Facebook
    Canale YOUTUBE

    RispondiElimina
  15. Ciao, ti ho nominato per un award qui :D
    http://ildolceprofumodeilibri.blogspot.it/2014/08/the-very-inspiring-blogger-award.html

    RispondiElimina
  16. Anche a me è piaciuto tanto! Ho dato al libro 5 stelline :D Lo stile dell'autrice mi è piaciuto molto, anche perchè mi ricordava noi siamo infinito *--*

    RispondiElimina
  17. Quattro anni? Wow, tanti auguri al blog allora!
    Devo ancora leggere Noi siamo grandi come la vita, perché sto aspettando che mi arrivi la copia cartacea!
    P.S. Ti ho premiata nel The Very Inspiring Blogger Award, se vuoi passare basta che clicchi QUI

    RispondiElimina
  18. Questo libro si che mi incuriosisce molto! L'idea dell'autrice di raccontare la storia della protagonista attraverso lettere a personaggi famosi mi intriga davvero tanto :) Splendida recensione come sempre

    RispondiElimina
  19. Ce l'ho in wish list da un bel po'! E mi incuriosisce sempre di più il fatto che sia scritto in forma epistolare! :)

    RispondiElimina
  20. Avevo già sentito di questo libro e la trama mi piaceva molto ma dopo aver letto la tua recensione ho capito che devo assolutamente leggerlo! :)

    RispondiElimina
  21. Bellissima recensione! Adoro i romanzi epistolari e questo libro mi affascina tantissimo!

    RispondiElimina
  22. Dopo aver letto la tua recensione mi sono imposta di comprarlo in quanto quando lasci una recensione io mi fido ciecamente evidentemente xche i tuoi gusti sono identici ai miei...ho trovato questo libro originale e fantastico,,non avevo letto ancora nulla di questo genere e me ne sono appassionata senza le tue recensioni sarei piena di dubbi quindi grazie

    RispondiElimina
  23. Che dire?!!! Se prima questo romanzo non mi attirava, ora voglio assolutamente leggerlo!!! Mi incuriosisce il fatto che sia sviluppato in forma epistolare, ovvero attraverso lettere che Laurel scrive rivolgendosi al lettore e a persone famose. Un romanzo triste e malinconico ma allo stesso tempo intenso che dico e ripeto: voglio leggereeeeeeeeeeeeee!!! ^.^

    RispondiElimina
  24. Ciao :)
    Beh che dire, questo è diventato uno dei miei libri preferiti.
    "Ci sono dei libri dotati di una straordinaria potenza, di un'intrinseca forza a cui non si può resistere", hai proprio ragione. Io non sono riuscita a restare al fascino di questa storia e alla scrittura della Dellaira.
    Ogni lettera mi ha regalato un'emozione e personalmente, gli ho dato cinque stelline. :)

    RispondiElimina
  25. Questo libro sembra interessantissimo! Devo ammettere che per prima cosa sono stata attratta dalla bellissima copertina, ma dopo aver letto la trama questo libro ha iniziato ad affascinarmi. Non vedo l'ora di leggerlo! :D

    RispondiElimina
  26. Vorrei leggerlo perchè mi attira molto :) Ho letto la tua recensione e mi incuriosisce molto*-* Poi oggi è anche il mio compleanno e mi farebbe molto piacere :)

    RispondiElimina
  27. Che meraviglia la recensione e questo libro! <3 non hai idea di quanta voglia io abbia di leggerlo, perchè mi chiederai?? Perchè la ritengo una storia davvero particolare.. penso sia davvero intensa ed emozionante e non so, ultimamente mi piace leggere libri del genere... ma la caratteristica che mi ha fatto proprio perdere la testa è stato il sapere della lettera scritta a Heath Ledger, uno dei miei attori preferiti <3

    RispondiElimina
  28. Vorrei tanto leggerlo perché lo adocchiai in una libreria e la copertina mi affascinò, così decisi di leggerne la trama. Sembrava il libro perfetto per me:un libro epistolare che racconta di una ragazza della mia età. Amo le lettere.E poi le frasi che hai messo nella tua recensione,quelle prese dal libro, mi hanno emozionata, e io sono una di quelle lettrici che custodisce ogni bella frase che trova in un libro.
    E in conclusione il suggerimento da parte di un'amica e la tua recensione che ne parlate bene.
    Ecco perché mi piacerebbe leggerlo.

    RispondiElimina
  29. Conosce bene sia l'amore sconfinato che si può provare per una sorella, sia il dolore di perdere un familiare, per cui, appena letta la trama di questo libro, ho desiderato leggerlo. Dopo aver letto la tua recensione, quel desiderio si è triplicato! Non vedo l'ora di avere l'occasione di tuffarmi tra queste pagine! :)

    RispondiElimina
  30. La recensione mi ha colpito tantissimo, anch'io credo che sia un libro diverso dagli altri!

    RispondiElimina
  31. mi piacerebbe leggere questo libro, la trama è originale, chi di noi non ha mai pensato di scrivere ad un personaggio amato morto? Mi ricorda le inquietudini che avevo da adolescente

    RispondiElimina
  32. Mi piacciono tantissimo le storie che riguardano i rapporti tra sorelle, ma prima di leggere la tua recensione non avrei scommesso niente su questo libro. Invece ora mi ispira, eccome!

    RispondiElimina
  33. la trama è interessante,la tua recensione poi mi ha colpita ancora di più..manca tra i miei libri

    RispondiElimina
  34. Sono molto curiosa di questo romanzo perché ne ho sentito parlare molto bene e perché ho appena terminato di leggere un romanzo epistolare che ho adorato tantissimo. Perciò se prima ero scettica riguardo a questo tipo di narrazione, ora ne sono affascinata! :)

    RispondiElimina
  35. Io ho scelto questo libro perché mi sembra un po' diverso dai soliti libri che siamo abituati a leggere, mi ispira e mi incuriosisce molto il fatto delle lettere, e di come affronta certi temi. Mi ha colpito molto anche la copertina, è veramente bella! :) E la tua recensione mi ha spinto ancor di più a voler leggere questo libro. Non vedo l'ora ♥

    RispondiElimina
  36. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  37. bellissima recensione come sempre! non l'ho ancora letto ma ho intenzione di farlo! la copertina è davvero bellissima :) comunque mi ha incuriosito molto il fatto di scrivere delle lettere, bello anche il titolo originale! :)

    RispondiElimina
  38. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  39. bellissima recensione! :D ho scelto questo libro tra i titoli possibili da vincere al giveaway incuriosita dal tipo di narrazione diversa rispetto ai libri che ho letto sin ora.

    RispondiElimina
  40. Questo romanzo non mi aveva colpito...pensavo il classico romanzo per ragazzi ed invece dopo aver letto la tua recensione me ne sono innamorata ♥♥

    RispondiElimina
  41. questo romanzo mi ispira molto,cercherò di trovarlo :)

    RispondiElimina
  42. bellissima recensione. ho deciso di leggerlo per affrontare qualche lettura diversa dal solito.. grazie come sempre per i tuoi consigli

    RispondiElimina
  43. Dalla trama mi ricorda un po' uno dei romanzi che ho più amato, The sky is everywhere! Sebbene tu non abbia dato le cinque stelline, la tua recensione mi ha invogliata a leggerlo :*

    RispondiElimina
  44. Questo libro m'ispira molto!
    Adesso che ho letto la tua recensione mi è venuta ancora più voglia di leggerlo :D

    RispondiElimina
  45. Sembra un libro bellissimo,proprio il genere che piace a me! Spero di vincerlo *w*

    RispondiElimina
  46. Ho adorato questo libro non appena ho visto la copertina, letto il titolo ed una volta scoperta la trama mi ha completamente conquistata!

    RispondiElimina
  47. Mi aggrego a coloro che l'anno odiato, oddio forse non così tanto ma finirlo è stato difficile!

    RispondiElimina
  48. Io ho amato questo romanzo da morire, ancora più di "Noi siamo infinito". Secondo me è un capolavoro di rara bellezza, pieno di poesia. Uno dei libri più belli che abbia mai letto.

    RispondiElimina
  49. Siamo nel 2016 ed ho letto questo libro almeno 1 volta ogni anno sin dalla data di uscita:D è eccezionale!

    RispondiElimina
  50. Siamo nel 2016 ed ho letto questo libro almeno 1 volta ogni anno sin dalla data di uscita:D è eccezionale!

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...