domenica 22 giugno 2014

Recensione "Sei sempre stata mia" di Jasinda Wilder

Ricordate l'entusiasmo con cui vi parlai dell'imminente pubblicazione di "Sei sempre stata mia" (qui), primo libro della serie di romanzi autoconclusivi "Falling" di Jasinda Wilder? Ecco, se lo ricordate, fareste bene a cancellare dalla memoria le sensazioni positive pre-lettura che nutrivo per questa opera. Perché, altrimenti, non sareste preparati alla recensione disperata che state per leggere. 
Come al solito ribadisco che il mio è un parere tra mille e non vuole mettere in discussione i vostri gusti, ricordatelo sempre! 

Titolo: Sei Sempre Stata Mia (Falling #1)
Data di pubblicazione: 17 Giugno 2014
Editore: Sperling & Kupfer
Autrice: Jasinda Wilder
Prezzo: € 15,90
Pagine: 324
Il mio voto:

La fine improvvisa di un amore perfetto può essere il perfetto inizio di un altro? Nell ha sedici anni ed è innamorata di Kyle. Il loro giovane amore sembra invincibile e la vita è piena di promesse e speranze. Poi una notte Kyle muore in un tragico incidente. Ora che lui non c’è più, Nell non ha più una ragione di vita: ha perso il suo migliore amico, la sua anima gemella, il suo unico vero amore. Al funerale incontra per la prima volta il fratello maggiore di Kyle, Colton. Entrambi cercano di reagire a quella perdita come possono. Ma è un vuoto incolmabile. Quando anni dopo si incontrano a New York, si scambiano un bacio pieno di dolore, eppure così giusto… consolante… naturale. Colton insegnerà a Nell a soffrire, a piangere, le insegnerà a vivere di nuovo, ad aprire il suo cuore per tornare ad amare.


La mia recensione


Forse dovrei iniziare questa recensione un po' come farei se fossi in un gruppo di supporto. Tipo: "Ciao, sono Glinda e non riesco a smettere di leggere libri che disturbano la mia psiche". Sì, direi che è perfetta come introduzione. Ora, mettiamo in chiaro questa cosa una volta per tutte: io detesto i libri sesso-centrici in cui il dramma è spinto a livelli epici e in cui i protagonisti sono dei complessati senza speranza. Allora perché finisco per leggerne in continuazione? Ve lo starete sicuramente chiedendo. La risposta è piuttosto semplice: perché mi piace il buon romance di stampo new e young adult. E, siccome mi piace questo genere, sono costretta a rischiare, puntando tutto su titoli che sembrano promettenti e sperando che non mi deludano. Purtroppo, però, la delusione è sempre dietro l'angolo ed è questo il caso di "Sei sempre stata mia". 
Presentato come un romanzo intenso, drammatico e straziante, quello della Wilder sembrava avere tutte le carte in regola per convincermi e farmi passare qualche ora in piacevole compagnia. Cosa speravo di trovare? Be', un libro in cui il dramma fosse ben calibrato, credibile e commovente e il romanticismo fosse di quelli esplosivi, dolci e piccanti. Quello che ho trovato, invece, è stato un romanzo scritto malissimo (e tradotto anche peggio), banale all'inverosimile, volgare e crudo, completamente incentrato sulla carnalità e anche un tantinello grottesco. 
Avete presente il mio sconfinato amore per i libri di Abbi Glines? Bene, direi che Jasinda Wilder rischia di eguagliarla a livello di squallore. Sappiatelo: oggi sono in vena di verità senza mezze misure. Sono amareggiata e sconfortata, ma, soprattutto, sono stufa di certe letture che mi lasciano l'amaro in bocca. Mi è stato difficile scegliere delle frasi da condividere nella recensione, davvero difficile.
Come sempre, ancora una volta, voglio ribadire che NON sconsiglio a nessuno la lettura di questo romanzo (tranne ai minorenni, dato l'alto contenuto erotico), e che non giudico chi invece lo ha apprezzato. Mi limito a essere sincera, tutto qui!

Questo libro è per tutti coloro che hanno perso una persona amata, per tutti quelli che si sono svegliati in lacrime e allo stesso modo sono andati a dormire, per tutti quelli che hanno dovuto imparare a vivere nel dolore. Sopravvivere non significa essere forti; significa continuare a respirare, un giorno dopo l’altro. Essere forti significa imparare a vivere nonostante il dolore. Da "Sei sempre stata mia"

Quello principalmente mi ha disturbato di questa lettura, è stata l'enorme differenza tra la prima metà del libro e la seconda. Non era un segreto che il romanzo raccontasse della tragica storia d'amore tra gli adolescenti Kyle Calloway e Nell Hawthrone, cresciuti assieme come migliori amici fino a quando non si sono resi conto che tra loro c'era qualcosa di più. Però non mi aspettavo di leggere di come il loro amore è nato e cresciuto, né di come il dramma si è insinuato nelle loro vite dividendoli per sempre. Non me lo aspettavo ed è stata una piacevole sorpresa. L'unica prima del declino totale. 
Ciò che è avvenuto dopo la morte del primo amore di Nell è stato tremendo. Sin dal funerale, in cui Nell, in preda al dolore, decide di onorare la morte della persona che le ha salvato la vita saltando addosso al fratello maggiore. Morto un Calloway se ne fa un altro! Che tocco di classe, eh? Non fraintendetemi, sapevo che dopo la morte di Kyle tutto sarebbe cambiato, che Colton, il fratello maggiore di lui, sarebbe entrato nella scena e che Nell e Colton prima o poi si sarebbero innamorati. Solo che pensavo che sarebbe stato graduale, che i due avrebbero avuto tempo di conoscersi e scoprirsi affini. In fondo è una faccenda che si svolge in cinque lunghissimi anni, perciò credevo che sarebbe stata ben sviluppata. Mi sbagliavo e di grosso, perché ciò che mi è toccato è stato un insta-love a un funerale. Fantastico, davvero. E questo era solo l'inizio della fine, perché poi le cose sono andate peggio.
Forse per alcuni di voi sarà esagerato, ma per quanto mi riguarda "Sei sempre stata mia" è senza ombra di dubbio il peggior libro letto nel 2014. E la cosa mi ha lasciato davvero basita, perché non l'avrei detto leggendo la prima metà della storia. Anzi. L'inizio, dolce e malinconico e romantico, mi ha presa al punto da pensare che la trama mi sarebbe piaciuta, che mi sarei affezionata ai personaggi, che avrei pianto per la scomparsa di Kyle, ma che avrei affrontato la cosa assieme a Nell. Pensavo che avrei avuto il tempo di accettare la sua relazione con Colton. Invece no. E' successo tutto il contrario e io non ho avuto nemmeno il tempo di abituarmi al cambio repentino di rotta, che ogni cosa era già precipitata in modo irreparabile. Il tutto è stato affrontato in modo frettolosissimo, squallido, crudo e banale. Pessimo sotto ogni punto di vista. In alcuni momenti ho sentito quasi il bisogno di smettere di leggere, per quanto fossi amareggiata e disgustata.

Era come l’amore, quasi amore. Ma poi ti succede questa cosa incredibile, è come un bisogno che ti consuma, e sei disposto a fare tutto per quella persona, a qualsiasi costo. Perché ti è entrata nel sangue, nell’anima, e la sua essenza è penetrata in te ed è nell’aria che respiri e in ogni molecola del tuo corpo. Quello è amoreDa "Sei sempre stata mia"

Credetemi, per tutta la seconda metà del romanzo mi sono chiesta se non stessi leggendo il libro sbagliato,  se da un momento all'altro il mio Kindle mi avrebbe urlato qualcosa tipo: "sei su scherzi a parte!"; o se Jasinda Wilder non fosse in realtà il nome in codice che Abbi Glines usa per scrivere fanfiction tragicomiche allo scopo di dileggiare le proprie opere. Sono cattiva? Forse un po', ma principalmente vi sto offrendo la mia verità, nuda e cruda. 
Perché questo libro mi ha dato l'impressione di essere una presa in giro, ha messo alla prova il mio limite di sopportazione e ha scalato la classifica dei romanzi più grotteschi e frettolosi mai letti. Non scherzo. 
Ma andiamo per gradi, perché non voglio trascurare nulla e voglio motivare il mio enorme malcontento riguardo alle scelte compiute da Miss Wilder. Come si possa scegliere di far innamorare due persone a un funerale mi è oscuro, in particolare se queste due persone sono la fidanzata/migliore amica/futura sposa e il fratello maggiore del defunto. Avrei potuto capire se tra i due ci fosse stata una connessione preesistente, se la morte della persona che entrambi amavano li avesse in qualche modo avvicinati, se la scomparsa di Kyle avesse aperto in entrambi una ferita che assieme, col tempo, avrebbero sanato. Ma le cose stanno così: Colton e Nell non si sono mai nemmeno parlati, si vedono al funerale di Kyle, entrambi sono attratti l'uno dall'altra, si ubriacano assieme e si baciano appassionatamente. No. Assolutamente no. Per quanto mi riguarda questa è una delle peggiori cose che abbia mai letto. Non voglio nemmeno iniziare a parlare di quanto sia irrispettoso e grottesco un gesto simile, perché non finirei mai. E non venitemi a dire che la morte scatena il lato peggiore di noi: perché nella realtà siamo esseri razionali, non bestie che agiscono in preda all'istinto sessuale. Ma questa non è la realtà è il favoloso mondo della Wilder, in cui tutto può succedere. Ecco perché, cinque anni dopo, i due riescono a incontrarsi per caso a New York per ben due volte (ovvio, è una città così piccola), instaurando una torbida relazione fatta di sesso e autolesionismo e sangue e parolacce e omicidi. Sì, omicidi.

«Non mi sto semplicemente innamorando di te, Nell. È come se tu mi avessi inghiottito. Come un oceano in cui sono caduto e ora sto nuotando nelle tue acque profonde. Come hai detto tu, fa paura, ma è anche la cosa più incredibile che abbia mai provato. Tu sei la cosa più incredibile che io abbia mai provato.» Da "Sei sempre stata mia"

Apriamo una parentesi su Colton Calloway, meraviglioso e irresistibile interesse amoroso della giovane alcolizzata e autolesionista Nell. Dovete sapere che Colton, pur venendo da una facoltosa famiglia di politici, è un "Real American Gangster" (cit.), che ha imparato a sopravvivere per le strade del ghetto di New York. State ridendo? Non fatelo, sono seria!
Il povero ragazzo ricco, infatti, ha avuto un passato tremendamente triste che lo ha spinto a vivere per strada come un barbone, a procurarsi da vivere spacciando droga con una gang chiamata "I fratelli" (inchino all'originalità), sparando in faccia a i tipi delle bande rivali, ammazzando (davvero) di botte i suoi avversari su ring clandestini e cantando rap mentre percorreva le sue otto miglia fino a scuola. Ah, no. Aspettate, quello era Eminem. Cancellate le otto miglia e il rap, e tenete il resto. Anche perché Colton a scuola non ci andava, dato che a sua detta è praticamente analfabeta. Che bella persona, vero? Non si può non amare.
Ricordate quando vi avevo detto che non sopporto le situazioni in cui il dramma è spinto al limite del ridicolo? Ecco, mi riferivo a questo. Mi riferivo proprio al fatto che un'autrice pensi che un pretesto come l'avere un figlio con difficoltà di apprendimento (affetto da una patologia riconosciuta che non voglio spiattellare per non fare spoiler), possa spingere un padre a sbatterlo fuori di casa. Oppure al fatto che tale ragazzo, tra tutte le strade che avrebbe potuto intraprendere, sia diventato un maledetto GANGSTER a New York. Andiamo, seriamente? Ma non basta, sia chiaro. Perché, come anticipato, anche Nell ha le sue serissime turbe mentali: è alcolizzata, a quanto pare non ha un lavoro e si fa del male fisico per non sentire il dolore mentale. Vizietto che ha anche Colton, per la serie non ci facciamo mancare proprio niente. E, naturalmente, i due si trovano e decidono che è un'ottima idea stare assieme! Cosa potrà mai succedere di male, quando hanno così tanto in comune? 
E tutte queste informazioni, ovviamente, vengono fuori tra una sessione di sesso selvaggio descritto nei minimi dettagli e l'altra. Perché l'intero libro si basa sul desiderio sessuale che brucia tra i due, ogni dialogo è intervallato da scene spinte e volgari di masturbazione fatta mentre l'uno o l'altro è incosciente, petting estremo, dolore autoinflitto, pianti isterici e qualche canzone messa qui e la per dare colore. Grazie, ma no, grazie.


Verdetto: decisamente non il mio genere


Livello sensualità: vietato ai minori!

  Se avete ancora voglia di leggerlo compratelo in sconto cliccando sulla cover

28 commenti:

  1. Depennato dalla lista dei desideri. Mi sa che ho di meglio per cui spendere dei soldi. Grazie!
    Sempre spassose comunque le tue recensioni :)

    RispondiElimina
  2. Condivido ogni parola. Per principio non elimino i libri acquistati che non mi sono piaciuti, ma è finito dritto dritto nella cartella Bleah

    RispondiElimina
  3. No, io l'ho letto a me è piaciuto : )
    Però è normale, ognuno ha i suoi gusti.
    Non comprendo invece i commenti di chi depenna un romanzo per una recensione negativa: i gusti differiscono e un libro va letto per poter dire "non mi piace". Io la penso decisamente così. :O

    RispondiElimina
  4. Cioè davvero le case editrici comprano cose così e cestinano serie che hanno una marea di fan pronti ad evangelizzare il resto della penisola? O__O
    Ora, intendiamoci, posso capire l'avvicinamento sessuale in casi di profondo dolore, perchè si cerca un modo per sentirsi meno male ma ci sono modi e modi!! Qualcosa di simile lo ha affrontato anche Nelson Jandy in The sky is everywhere ma, da quanto ho capito, sono su due piani estremamente opposti.

    RispondiElimina
  5. Tra trama e cover già in partenza non mi convinceva molto!
    Dopo aver letto la tua recensione direi che ci avevo visto giusto e passo oltre......

    RispondiElimina
  6. Mi hai salvata da un acquisto deludente, perchè tutte quelle situazioni bizzarre, ridicole o discutibili avrebbero dato sui nervi pure a me.
    Tra le le letture che lasciano l'amaro in bocca io annovero "Un incantevole imprevisto" di Marianne Kavanagh: una storia d'amore praticamente inesistente visto che i protagonisti non interagiscono quasi per niente; il loro istant love è tra i più insulsi che abbia mai letto :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *instant love (errorino :P)

      Elimina
    2. Io non riuscivo a finirlo perché anche secondo me era senza trama. Non succedeva niente e si passava da un anno ad un altro. Soldi buttati! io mi aspettavo qualcosa come "Uno splendido disastro" e lo è stato davvero ma in senso negativo :-( :-( :-(

      Elimina
    3. Vero! E' stato un disastro e basta :(

      Elimina
  7. La trama non mi convinceva drl tutto solo per il tradimento del morto. Ma la tua recensione rende giustizia al mio intuito!!'

    RispondiElimina
  8. Rido di gusto. Non avevo già intenzione di leggerlo, ma ora mi hai davvero traumatizzata! Ahahah Mi ricorda tanto un orrore di romance che lessi due anni fa mi sembra... Her Best Friend's Brother, di T. J. Dell. Tante belle parole su goodreads, e poi una porcheria di dimensioni imbarazzanti.
    Quando i romanzi "trash" diventano così trash da far male AHAHAH

    RispondiElimina
  9. già la trama non mi convinceva ma adesso che ho letto la tua recensione, ho un motivo in più per non comprarlo!

    RispondiElimina
  10. Io lo volevo leggere e penso che alla fine lo leggerò comunque.. ma se dici che la Wilder è peggio della Glines allora mi passa proprio la voglia, perché nel mio caso il romanzo peggiore del 2014 tra quelli letti finora è senza dubbio "Irraggiungibile" della suddetta fantastica autrice...... Un libro che mi ha fatto venire voglia di dare continue testate al muro!

    RispondiElimina
  11. omg sono schifata davvero schifata non credo che lo leggerò cmq grz per la meravigliosa recensione... se si può definire meraviglioso questo libro

    RispondiElimina
  12. Mi tocca leggerlo perché mi sono gettata a piedi pari su "Un incantevole imprevisto" di Marianne Kavanagh e lo avrei bruciato ! Almeno faccio una fiamma più alta se nel mucchio aggiungo altri libri. :-(

    RispondiElimina
  13. Forse saro' cattiva, ma e' incredibile (in senso negativo) come adesso le case editrici, per quanto riguarda questo genere, pubblichino qualsiasi cosa purche' contenga del sesso. Io non ho niente in contrario, pero' alla base ci deve essere una storia credibile. Su dieci libri che ho letto, solo quattro mi hanno emozionato veramente.
    Comunque la tua recensione e' fantastica.

    RispondiElimina
  14. Lo sto leggendo in questi giorni, e mi sta piacendo... Nonostante la pensi diversamente da te la tua recensione mi ha fatto morire dal ridere :)))))

    RispondiElimina
  15. finito di leggere oggi e stasera leggo la tua recensione che condivido in pieno...grandissima delusione..

    RispondiElimina
  16. Parole sante Glinda.. Concordo in pieno con tutto ciò che hai detto!!! E aggiungo che di tutto il libro, la parte più toccante è stata la dedica ad inizio libro. Quando l’ho letta mi sono emozionata.. tutti noi, nella vita abbia perso qualcuno di importante e leggere quelle bellissime parole per me è stato confortante.. Ma non riesco a capire come una persona che scrive un pensiero così profondo poi possa scrivere un libro del genere. Mi aspettavo un libro romantico e anche strappalacrime dato il tema di fondo ma onestamente mi ha lasciato solo l’amaro in bocca. Ognuno affronta il dolore come vuole ma credo che l’autrice non sappia bene cosa significhi perdere una persona cara. Il dolore è talmente grande che non hai nemmeno il tempo di pensare a te stessa, a chi ti circonda, figuriamoci di baciare un altro e buttarsi tra le sue braccia. Se inizialmente pensavo che la storia tra Kyle e Nell fosse una dolce e “grande” storia d’amore, con il procedere della lettura, mi sono resa conto che questo non si può definire amore. Questa è una storiella dozzinale e adolescenziale. La stessa Nell, dopo la morte di Kyle, ammette di non essere sicura di averlo mai amato. Non sa se quello che ha provato è stato reale.. Ma stiamo scherzando?! E vogliamo parlare del buon rimedio per dimenticare e affrontare una perdita? Basta un po’ di sano e “buon” sesso e tutto torna come prima (quello tra Nell e Colton mi sembra più che altro malato!!! ). In questo libro ci sono talmente tante cose che non vanno che potremmo parlarne per giorni.. Giudizio assolutamente negativo!

    RispondiElimina
  17. Oddio! Dalla trama non mi aspettavo che fosse così terribile. Sicuramente lo farò scalare nella classifica dei libri da comprare e leggere, si, finirà in fondo. Peccato davvero però, la trama sembrava carina :(

    RispondiElimina
  18. Wow...non credevo assolutamente che un libro con questa trama fosse cosi orribile...eliminato all'istante dalla mia lista!!!ci sono libri migliori per cui spendere soldi!

    RispondiElimina
  19. è brutto quando si hanno aspettative alte che non vengono confermate

    RispondiElimina
  20. Fantastica recensione.Anche io l'ho letto,la parte in cui era presente il primo fidanzato,quello che poi muore,mi è piaciuta...e poi è stato come se avessi continuato a leggere un altro libro,proprio cpme hai scritto tu.Decisamente iper valutato.

    RispondiElimina
  21. Arcibiobbolina!! Mai sentita Glinda così arrabbiata!! Ma sicuro non lo leggerò, mi fido al 1000 per 1000 di Glinda!!! Giudizio inestimabile!!

    RispondiElimina
  22. oddio non ce la faccio a non ridere ahahahhhsjshahhahahahahah
    scusa, capisco che per te sono deludenti ma cavolo ste recensioni mi fanno morire XD
    parlando del libro ti cito "grazie, ma no grazie"
    mi chiedo sempre se si degnano a leggerli i libri prima di decidere di pubblicarli. è vero che c'é il boom del new adult ma questo non vuol dire pubblicare qualsiasi cosa venga scritta. Assurdo poi che le lettrici pagano, ripeto PAGANO, per poi vhesorbirsi questi orrori

    RispondiElimina
  23. mi hai tolto le parole di bocca.. ottima recensione.. alla fine del libro mi sono chiesta "e quindi?"... bocciato!

    RispondiElimina
  24. Oddio l'ho inziato a leggere stasera, sono arrivata al 4 capitolo e fin qui il libro mi é piaciuto ma dopo aver letto la tua recensione (ed essermi fatta un sacco di risate) sono un pò sconvolta. Anche io sono partita con le tue stesse idee ma ora sono allibita; certo é anche vero che a me sono piaciuti i libri della Glines(The vincent boys e The vincent brothers) però questa recensione é molto più negativa quindi sono un pò perplessa e non so se proseguire con la lettura... ma conoscendomi so che la porterò a termine perché non mi piace lasciare a metá un libro, però ci andrò con i piedi di piombo.

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...