mercoledì 28 agosto 2013

Recensione "La Diaciannovesima Luna" di Kami Garcia e Margaret Stohl

Ultima recensione per la serie "Caster Chronicles" di Kami Garcia e Margaret Stohl, che si conclude con  "La Diciannovesima Luna", libro che mi ha lasciato un pizzico d'amaro in bocca. Ricordate che nella recensione ci saranno possibili spoiler per chi non ha letto la serie, ma proverò come sempre a limitarli il più possibile.

Clicca sulle cover per leggere i miei pensieri sui libri precedenti
  


Titolo: La Diaciannovesima Luna (Caster Chronicles #4)
Autori: Kami Garcia e Margaret Stohl
Data di pubblicazione: 18 Giugno 2013
Editore: Mondadori/Chrysalide
Prezzo: 17,00 €
Pagine: 421 

Il mio voto:




La morte è la fine... o è solo l'inizio? Ethan ha sempre sognato di potersene andare dalla minuscola cittadina di Gatlin in cui è nato e cresciuto. Non sapeva che proprio l'amore per Lena lo avrebbe portato lontano da lì. Lena possiede poteri soprannaturali, legati alla storia più oscura e maledetta di Gatlin, una storia così forte da aver spinto Ethan a un sacrificio tremendo. Ora Ethan deve trovare il modo di tornare dalla sua amata, e di tornare a Gatlin, e Lena è disposta a tutto per riaverlo con sé: tradire gli amici, mettere a rischio la vita dei suoi cari... Questi innamorati, nati sotto una cattiva stella, riusciranno infine a vincere contro il loro crudele destino? 



Recensione



Seguire una serie letteraria, assistendo alla crescita degli scrittori e dei protagonisti, allo sviluppo degli eventi e alle evoluzioni della trama, non è sempre facile. Se si è fan della serie ci si trova ad affezionarsi così tanto ai protagonisti, da reputarli un po' nostri e a volte è dura accettare le scelte compiute dagli autori e arrendersi ai cambiamenti di rotta che spingono la trama in direzioni diverse da quelle che avremmo desiderato.
La Caster Chronicles di Kami Garcia e Margaret Stohl mi ha messo a dura prova. Dopo avermi disarmato nei primi libri, grazie allo stile ricco e gotico delle autrici, la sua conclusione mi ha lasciata con tanti punti di domanda e dubbi che nemmeno dopo dieci giorni dalla conclusione della lettura riescono a trovare risposta. 
Più che un finale col botto, in effetti, quello della Caster Chronicles è stato un finale in sordina che non ha retto, almeno per me, il confronto con la bellezza racchiusa nel primo romanzo: La Sedicesima Luna.

Nei libri precedenti, lo sapete, è accaduto di tutto. Forze magiche di ogni genere si sono messe in moto rivelando un mondo ultraterreno e spietato da cui il giovane Ethan Wate, umano fino al midollo, non è riuscito a stare lontano. Il suo amore incontrollato per la Maga metà Tenebre e metà Luce, Lena Duchannes, lo ha infatti spinto a giocare con il fuoco e, lo sappiamo bene, giocando con il fuoco ci si brucia. 
Né la minaccia di un'imminente apocalisse, né spiriti terrificanti o Incubus assassini, sono riusciti a tenerlo lontano dall'unico amore che abbia mai conosciuto, ma qualcosa di molto più definitivo si è messo in mezzo. 
Ora che Ethan si trova dall'altro lato della barricata, impossibilitato a ricongiungersi con le persone per cui ha lottato fino allo stremo, il suoi viaggio dovrebbe essere al capolinea. Ma non è così. Non quando si ha a che fare con la magia. In quel caso nemmeno la morte può bastare a dividere due anime legate a doppio filo. 
Ethan e Lena non sono più assieme. Uno di loro è nel mondo dei morti, uno in quello dei vivi. Ma se ci fosse un modo per tornare sui propri passi e sovvertire la sorte amara che si è abbattuta sulle loro vite? La Diciannovesima Luna è un viaggio oscuro in cui Ethan e Lena proveranno, per l'ennesima volta, a mettere i bastoni tra le ruote del destino così da impedire al male di vincere e potersi così ricongiungere definitivamente.

Della trama non dirò altro, perché le poche sorprese che riserva il libro è bene che le apprendiate da voi. Posso dirvi che in questo romanzo, diviso in tre sezioni, è presente una doppia narrazione che alterna il punto di vista di Lena a quello di Ethan. Se l'uno è impegnato a combattere contro le spire della morte che cercano di inghiottirlo e prova a far sapere ai propri cari che la sua esistenza non si è ancora estinta, l'altro dovrà vedersela con pericoli più "tangibili", ma non meno gravi. 
E' complesso riassumere in poche parole ciò che succede in questo romanzo e non perché accade di tutto di più, ma perché il corso degli eventi è così forzatamente prolungato che la trama principale si sfuma fino a diventare sfocata. Purtroppo, quella che era una delle mie serie preferite, si è infatti trasformata in una saga confusa e difficile da seguire con lucidità.
Pare che le due autrici abbiano messo così tanti ingredienti nel loro calderone, da non riuscire più a sbrogliare la matassa che loro stesse hanno creato e, lasciatemelo dire, è un vero peccato. Già dal libro precedente avevo sospettato che gli elementi di "disturbo" e gli antagonisti si stavano moltiplicando in maniera preoccupante e il mio sospetto è stato tragicamente confermato ne La Diciannovesima Luna.
Un libro che avrebbe dovuto tirare le somme, risolvere i misteri e chiudere le questioni in sospeso, si è invece trasformato in un lento viaggio inconcludente in cui si intrecciano i destini di troppi personaggi e in cui accadono avvenimenti impossibili da spiegare e accettare. Scontri al limite del ridicolo, rivelazioni per nulla sorprendenti e un'ammasso di informazioni difficili da collocare, sono solo una parte dei difetti di questo romanzo.


Sfumati ormai i presupposti che trainavano la trama principale, ovvero la Reclamazione di Lena, si assiste a una complicazione inutile degli eventi, a una reiterazione delle difficoltà e a una continua anticipazione di quello che potrebbe essere uno scontro epico tra bene e male. Scontro che puntualmente non arriva, né nel libro precedente né in questo, scatenando moti di delusione nei lettori. Le due autrici, il cui stile mi ha comunque deliziata, non sembrano riuscire a gestire in maniera adeguata i momenti di "tensione" nei propri romanzi.
L'hanno dimostrato nel libro precedente, quando il tanto atteso confronto tra Sarafine e i protagonisti si è risolto in una nuvoletta di fumo, e lo hanno ribadito in questo romanzo, quando i "supercattivoni" di turno sono stati sconfitti nel modo più banale e ridicolo possibile. Non posso spiegare quanto mi ferisca dover dire determinate cose di una serie che ho tanto amato, ma la verità è una, per quanto mi riguarda: questo libro mi ha delusa incredibilmente e mi ha fatto cadere un po' dal cuore l'intera saga.
Sarebbe stato preferibile che la storia si fermasse al terzo romanzo. Per quanto drammatico, infatti, il suo finale dava un senso a tutto incoronando Ethan a eroe tragico per eccellenza, pronto a tutto pur di salvare chi ama. Non capisco dove stia il senso nel voler allungare il brodo al punto da scrivere un romanzo conclusivo in cui accade poco o nulla, in cui i colpi di scena sono pochi e banali e in cui il finale non riesce a risollevare le sorti del protagonista principale: Ethan Wate. Non è per lui e per la sua felicità che tutti dovrebbero tifare? Non è la sua rivincita che ci si aspetta? Per me era così, e ammetto di essere stata delusa dalla piega degli eventi.

Perché, tirando un attimo le somme da me - dato che le autrici non l'hanno fatto  a dovere -, mi è stato chiaro che tutta la serie è concentrata su una sola cosa: la sofferenza di  Ethan Wate. Quel povero ragazzo, colpevole di essersi innamorato della ragazza sbagliata, non ha fatto altro che pagare le pene dei maghi sin dal primo libro. Prima ha perso la madre, poi è stato tradito, messo in mezzo, malmenato e ucciso - più di una volta -. E' l'unico che ha visto morire e soffrire persone a lui care, mentre la magica Lena non ha fatto che agire egoisticamente lottando solo per le proprie battaglie. Perché non chiamare allora l'intera serie: La Passione di Ethan Wate? Sarebbe stato un nome più azzeccato, fidatevi. Vi sembrerà che esageri facendo certe affermazioni, ma dopo aver assistito a tutte le morti e  la sofferenza di cui Ethan è stato vittima, non mi è stata lasciata molta scelta. Persino sul finale, che non voglio spoilerarvi affatto, l'unico ad aver sofferto è il povero umano Ethan. Tutti sembrano avere un qualche riscatto. Ci sono amori ritrovati, riconciliazioni familiari, passioni dirompenti rinate o destini fulgidi all'orizzonte per tutti. C'è un lieto fine per tutti, ma non per Ethan, che pur rallegrandosi in parte per ciò che ha conquistato, è costretto a fare la conta delle persone di cui dovrà fare a meno per tutta la vita. E per chi, poi? Per Lena Duchannes. La maga che, sin dal primo libro, ha dimostrato di tenere a se stessa e alla propria sorte più di ogni altra cosa. 
Per una saga i cui primi libri mi avevano stregata senza appello, mi aspettavo un finale degno di nota, che desse un senso a ogni cosa. Invece ciò che ho avuto è stato un libro che avrei preferito non leggere, che ha lasciato in me tanta confusione e amarezza.


Verdetto: un finale di serie deludente

Livello sensualità: baci e carezze

25 commenti:

  1. Io ho finito qualche settimana fa il primo libro e mi ha stregato come hai detto tu e adesso anch'io ho paura di leggere i seguiti...Ma tu l'hai visto il film? A me non è proprio piaciuto, hanno stravolto troppo la storia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film l'ho visto ed è stata una delusione atroce. Hanno davvero cambiato tutto, come se del libro abbiano solo tenuto conto per le banalità. Comunque non so che dirti. Ti direi di non leggere gli altri per non rovinarti la bellezza del primo, ma non so se al tuo posto ascolterei il mio consiglio :P Sono troppo curiosa per lasciare le serie a metà.

      Elimina
  2. Ho letteralmente ADORATO i primi due romanzi. Per me le Caster Chronicles erano una saga letteraria paurosamente bella ed intrigante...purtroppo già con il libro precedente a questo, l'incantesimo si era un po' affievolito, e con quest'ultimo capitolo (il peggiore) ho avuto la conferma che la saga è stata tirata un po' per le lunghe! La magia del primo libro è inpareggiabile e "La Sedicesima Luna" rimarrà per sempre uno dei migliori romanzi fantasy che abbia mai letto! Preferisco dimenticare gli ultimi due capitoli della saga, in particolare modo questo... E' un peccato, ma penso che "La Sedicesima Luna" sarebbe dovuto essere un unico libro, e sarebbe stato fantastico!
    A presto, sofi
    P.S. tre anni fa commentai il primo romazo sul mio blog... Se vuoi leggere, http://cinesofi.blogspot.it/2010/08/beautiful-creatures.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sofi, hai ragione! Già con il terzo libro la bellezza della serie era scemata e poi questo ha sancito la fine dell'incantesimo. Anche per me il primo libro resterà uno dei più belli letti in tema urban fantasy, ma poi la serie è stata tirata così per le lunghe che il tutto è diventato insopportabilmente assurdo.

      Elimina
  3. Io sono ancora ferma a La sedicesima Luna quindi tornerò a leggere la tua recensione quando avrò letto i seguiti! :)
    2 stelline e mezzo? Ahia! xD

    RispondiElimina
  4. IO LI HO letti tutti compreso questo appena è uscito! posso dire che mi è piaciuto molto se pur concordo nel dire che il titolo poteva essere le sofferenze di ethan wate!!!! credo che certi personaggi siano stati liquidati come dire.... un po' troppo facilmente e frettolosamente! forse un po' lento ma comunque tutta la saga a mè è piaciuta molto fra alti e bassi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sottoscrivo il fatto che certi personaggi siano stati liquidati come se niente fosse. Ogni volta i cattivi di turno vengono fatti fuori come se fossero degli insetto. Tutto troppo facile, troppo.

      Elimina
  5. Aspettavo veramente con ansia la tua recensione...
    Mi sono follemente innamorata di tutta la saga e con il finale della "Diciottesima Luna" ero rimasta un po' con l'amaro in bocca...
    "La Diciannovesima Luna" mi ha veramente deluso; mi aspettavo un finale diverso e concordo con te quando dici che hanno voluto allungarlo troppo.
    sono stata veramente tanto delusa da questa conclusione! :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non sono l'unica che c'è rimasta malissimo :(

      Elimina
  6. Non ho mai iniziato a leggere questa serie, non so, c'è qualche cosa che mi blocca .... e leggendo la tua recensione, seppur bella....non mi hai ancora convinta! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco. Io continuo a consigliare il primo perché è bellissimo!

      Elimina
  7. Come Stefi non ho mai letto questa serie, c'era sempre qualcosa che non mi attirava al punto di comprarlo, un commento che non lo faceva rientrare in quello che cerco... ora più di prima, not my piece of cake...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHHA, direi che non posso darti torto. Anche se il primo è bellissimo.

      Elimina
  8. Ahi Glinda immagino la tua delusione...
    Credo che la vera abilità di uno scrittore si veda soprattutto, nel caso di saghe, nell'ultimo libro. ok, hai grandissimo talento nell'inventare mondi straordinari, super personaggi, trame supermega intrecciate ma se poi nel finale concludi tutto così banalmente, distruggi letteralmente tutto quello che di fantastico hai creato.
    Ho trovato davvero insopportabile Lena in alcune scene da abbandonare la saga. A tempo perso, tra dieci anni forse ^_^ la concluderò!
    Ethan... ma povero Ethan...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, poverissimo Ethan. Possibile che debba soffrire così tanto? Comunque hai ragione, l'abilità di un autore in quanto a saghe sta proprio nel riuscire a tenere alta la qualità dell'opera fino all'ultimissima pagina dell'ultimissimo libro. Loro non ci sono riuscite e la cosa mi ha deluso moltissimo.

      Elimina
  9. Purtroppo la penso anc'hio così...
    Questo ultimo libro è stata una delusione :(
    Sono triste, tanto tristeeeee T.T

    RispondiElimina
  10. Sono ancora ferma al terzo ma molti sono delusissimi dalla serie. Spero che non sia proprio da buttare....Anche perchè allora volevano fare la doppietta col film in quanto a errori..Il film è stato iperdeludente....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, il film è stato una delusione impressionante.

      Elimina
  11. Non posso che concordare su tutto quello che hai scritto. Un finale deludente per una saga che era partita benissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *Abbraccia* è bello non essere la sola che la pensa così!

      Elimina
  12. Purtroppo la cosa più brutta che si possa dire di un libro è di aver solo visto il film, ma purtroppo non ho avuto l'opportunità di leggere questa saga. Ma credo di essere un pò demoralizzata a questo punto, mi fido del tuo parere.
    xx

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...