martedì 8 agosto 2017

Recensione in anteprima "La mappa che mi porta a te" di J.P. Monninger

Cosa si fa quando il caldo ti toglie la voglia di uscire e fare qualunque cosa? Si legge, ovvio. E in questi giorni ho avuto la possibilità di leggere in anteprima "La mappa che mi porta a te" di J.P.Monninger. Sono certa che vi innamorerete di questa chicca. Perché?  Ve lo racconto nella mia recensione spoiler free!


Titolo: La mappa che mi porta a te (autoconclusivo)
Data di pubblicazione: 29 Agosto 2017
Editore: Sperling&Kupfer
Autrice: J.P. Monninger
Prezzo: 18,90 €
Pagine: 384



Finito il college, Heather parte per una vacanza in Europa con le amiche del cuore. Ad attenderla a casa c’è un impiego serio, il probabile inizio di una carriera importante. Prima di affrontare le responsabilità della vita adulta, Heather vuole però godersi un’estate di libertà, senza pensieri, senza progetti. È così che incontra Jack, un ragazzo poco più grande di lei che sta ripercorrendo le tappe di un viaggio fatto da suo nonno tanti anni prima, dopo aver combattuto in guerra, e annotato in un diario. Da Amsterdam a Praga, dall’Italia a Parigi, sarà un’estate indimenticabile, in cui innamorarsi è facile, come sognare di viaggiare per sempre insieme verso un orizzonte che si estende all’infinito. Ma sul loro destino pesa un segreto. E sarà la più grande prova d’amore.


La mia recensione


Quando un libro viene presentato dal re incontrastato del romance, Nicholas Sparks, come "Bellissimo e indimenticabile", non si può far altro che dargli una possibilità, sperando che non deluda le nostre aspettative
Ammetto di essermi immersa nella lettura de "La mappa che mi porta a te" un po' alla cieca, non sapendo cosa avrei trovato tra le sue pagine, se non una storia capace di commuovere persino Jamie McGuire. Il timore che si trattasse del solito new adult zeppo dei classici schemi, ha fatto sì che il primo approccio con questo libro fosse cauto e misurato. Grazie al cielo, però, le mie paure sono state presto spazzate via e sostituite dalla voglia di arrivare in fondo a questa storia agrodolce e toccante, che sa come stupire e lasciare il segno, senza scadere nei terribili e inflazionati schemi che attualmente pullulano nei contemporay romance.
Questo è davvero un libro che non si dimentica facilmente, perfetto per tutti coloro che come me non resistono alle storie on the road e al romanticismo che sa essere dolce, senza diventare melenso. La lettura ideale da fare a fine estate, con quella particolare malinconia mista alla voglia di avventura, tipiche di quel periodo.
Essendo questo libro una vera e propria sorpresa dalla prima all'ultima pagina, sappiate che la mia recensione sarà succinta e sognante, assolutamente spoiler free! 
"La mappa che mi porta a te" è un'avventura frizzante e ipnotica, sull'amore e sull'amiciza, con cui sognare e trepidare fino all'ultima pagina!


"La mappa che mi porta a te" è la storia di Heater, troppo giovane per essere considerata una donna, troppo adulta per essere considerata una ragazzina. Quando la conosciamo Heater ha appena finito il college e si appresta a fare il passo che la spingerà nel mondo degli adulti e delle responsabilità. Un po' per la sua mania di controllo, un po' per l'indole iperprotettiva dei suoi genitori, la vita di Heater è sempre stata attinente al piano: "scuola - lavoro - matrimonio - famiglia". Monodimensionale? Forse. Prevedibile? Sicuramente, ma apparentemente perfetta per Heater.
Almeno questo è ciò che la ragazza crede fino a quando, nell'ultimo viaggio assieme alle sue migliori amiche, qualcuno non la sfida a mettere alla prova i propri limiti. 
Ogni libro racchiude in sé un viaggio e "La mappa che mi porta a te" non fa eccezione, anzi. La protagonista, infatti, intraprende un epico tour europeo che vi farà venire una voglia matta di mettere i vostri averi in uno zaino e partire a vostra volta. Ogni tappa viene descritta così amabilmente da J.P Monninger, da far sentire il lettore parte dell'avventura. Ma, ammettiamolo, un viaggio indimenticabile non può essere tale senza una scintilla. E qui, ragazzi, la scintilla c'è eccome.
Quando Heater e Jack si incontrano è come uno scontro di anime affini voluto dal firmamento. Lui, misterioso e con una battuta sempre pronta, troppo abile con le parole e con una missione da portare a termine, si insinua nella mente di lei e spinge per farzi spazio nel suo cuore. Come una tentazione implacabile, deliziosa e irresistibile, tra loro scoppia un sentimento inebriante che non lascia scampo. Jack non è perfetto, non rientra nemmeno nel fantomatico "piano" di Heater, eppure sembra essere l'altra metà del suo cielo. Ma un segreto minaccia il loro futuro, perché il destino a volte si fa beffe dei cuori innamorati...

Mi stupisce sempre quando un autore riesce a racchiudere un mare di emozioni in una manciata di pagine. "La mappa che mi porta a te" è quel genere di libro che si può leggere per ore, senza pause o distrazioni, vivendolo quasi sulla propria pelle. 
La narrazione di J.P. Monninger è così vivida e ammaliante da rendere tutto ancora più magico e vivido: non mi stupirei di vedere presto un film tratto da questa piccola chicca della narrativa contemporanea! 
Nonostante l'età dei protagonisti, che rientra pienamente nel target new adult, "La mappa che mi porta a te" non presenta nessuno dei soliti cliché del genere, anzi. Leggendolo si respira quella magia tipica dei romanzi young adult, in cui tutto può accadere e non è l'attrazione sessuale a muovere ogni scelta dei protagonisti. Questo non vuol dire che Heater, Jack e i loro amici siano immaturi. La loro evoluzione è palese e tangibile ed è delizioso vederli crescere assieme, tra una sosta e l'altra.
Il romace è indubbiamente una parte davvero importante della storia: è il motore che fa svegliare Heater dal torpore che la spinge a vivere secondo uno schema preimpostato. Adorerete vedere Jack mostrarle dei lati nascosti in ogni città che visiteranno assieme e vi scioglierete per il loro continuo punzecchiarsi. L'alchimia che lega questi due è di quelle che ti si cuciono sul cuore e da cui non vorresti staccarti mai. E il colpo di scena è quel genere di sorpresa che non vedi arrivare e ti lascia di stucco, ma non dirò altro perché non posso rovinarvi la lettura.
Un plauso a J.P.Monninger, la cui narrazione fluida e carica di fascino e suggestioni, regala emozioni che sfiorano l'anima e commuovono. Leggendo i primi capitoli non avrei immaginato che sarei stata travolta in questo mondo dalla sua storia, invece eccomi qui, con gli occhi lucidi e la voglia di rifare questo viaggio!

Verdetto: una storia d'amore indimenticabile! 

 
Livello sensualità: speziato, ma non troppo! 

5 commenti:

  1. Ciao cara! <3
    Ma lo sai che mi hai conquistata? Ero indecisa se leggere o meno questo libro. Credo proprio che, quando uscirà, arriverà a far compagni agli altri miei piccoli bambini in attesa di essere letti *^*.
    Grazie per la recensione!
    Un bacione! <3

    RispondiElimina
  2. La cover mi era piaciuta, ma la tua recensione mi ha convinta assolutamente. Sarà tra le prossime letture! =)

    RispondiElimina
  3. Questo libro sembra essere scritto appositamente per la sottoscritta. Non resisto alle storie con viaggi in mezzo. Lo voglio!

    RispondiElimina
  4. Cara Glinda, mi hai reso felice soltanto leggendo la prima frase... ma sai cosa mi piacerebbe tanto ma proprio tanto? Leggere una tua recensione su un libro del nostro caro, amatissimo re incontrastato del romance. <3

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...