giovedì 24 agosto 2017

Recensione "Il Dominio del Fuoco" di Sabaa Tahir


Letto in pochissimi giorni, "Il Dominio del Fuoco" di Sabaa Tahir è salito immediatamente in cima al libri più belli in cui mi sia imbattuta in questo 2017. In vista della pubblicazione del secondo volume da parte della Nord, ho pensado di condividere con voi la mia recensione spoiler free. Un consiglio? Non lasciatevi scappare questa serie.

Titolo: Il Dominio del Fuoco (An ember in the ashes #1)
Data di pubblicazione: 8 Ottobre 2015
Dove acquistarlo: IBS
Autrice: Sabaa Tahir
Prezzo:  16,90 €
Editore: Nord
Pagine: 432



C'è stato un tempo in cui la sua terra era ricca di arte e di cultura. Laia non può ricordarsene, eppure ha sentito spesso i racconti su come fosse la vita prima che l'Impero trasformasse il mondo in un luogo grigio e dominato dalla tirannia, dove la scrittura è proibita e in cui una parola di troppo può significare la morte. Laia lo sa fin troppo bene, perché i suoi genitori sono caduti vittima di quel regime oppressivo. Da allora, lei ha imparato a tenere segreto l’amore per i libri, a non protestare, a non lamentarsi. Ma la sua esistenza cambia quando suo fratello Darin viene arrestato con l’accusa di tradimento. Per lui, Laia è disposta a tutto, anche a chiedere aiuto ai ribelli, che le propongono un accordo molto pericoloso: libereranno Darin, se lei diventerà una spia infiltrata nell'Accademia, la scuola in cui vengono formati i guerrieri dell'Impero… Da quattordici anni, Elias non conosce una realtà diversa da quella dell'Accademia. Quattordici anni di addestramento durissimo, durante i quali si è distinto per forza, coraggio e abilità. Elias è la promessa su cui l'Impero ripone le proprie speranze. Tuttavia, più aumenta la fiducia degli ufficiali nei suoi confronti, più lui vacilla, divorato dai dubbi. Vuole davvero diventare l'ingranaggio di un meccanismo spietato e senza scrupoli? Il giorno in cui conoscerà Laila, Elias troverà la risposta. E il suo destino sarà segnato.


La serie An Ember in the Ashes è composta da:
(An Ember in the Ashes #1) Il dominio del fuoco 
(An Ember in the Ashes #2) A torch against the night 
(An Ember in the Ashes #3) A reaper at the gate il 2018 
(An Ember in the Ashes #4) Senza titolo in America il 2019


La mia recensione

La vita è fatta di tanti momenti che non significano nulla. Poi, un giorno, capita un singolo momento che determina ogni istante che verrà dopo. Il momento in cui Darin ha gridato: quello è stato il momento. Era una prova di coraggio, di forza. E io ho fallito.

Quando tra le mie mani è piombato "Il domino del fuoco" in tutto il suo innegabile splendore, non ho potuto fare a meno che immergermi nelle sue pagine con il cuore ricolmo di aspettativa. 
Dopo averne sentito tessere le lodi a tutte le blogger che seguo e di cui mi fido, non ho potuto evitare di approcciarmi a questa lettura aspettandomi fuochi d'artificio e pugni nello stomaco. Generalmente simili attese sfociano in cocenti delusioni eppure, per mia immensa fortuna, "Il Dominio del Fuoco" non solo ha rispettato le aspettative, ma le ha persino di gran lunga superate. 
Il primo romanzo di questa serie fantasy e storica di Sabaa Tahir è un tripudio di meraviglia e azione, di sorprese e colpi di scena, di avventure tanto epiche da rimanere impresseQuesto è decisamente il tipo di libro che, pur essendo principalmente indirizzato a un target YA, può far presa su lettori di tutte le età. Complice anche un lato romance appena accennato, il piccolo gioiello di Sabaa Tahir è adatto anche ai lettori meno interessati agli intrecci amorosi.
"Il domino del fuoco" è un romanzo forte e feroce, che racconta senza mezze misure una storia intrisa di magia e brutalità, che attinge nel passato dei grandi imperi marziali, dando vita a un'avventura dai risvolti inaspettati, che colpisce nel segno. Un libro che non lascia scampo e conquista fino all'ultima pagina, imprimendosi nella memoria come una delle opere di genere più complete e avvincenti in cui ci si possa imbattere. Più di un libro fantasy per ragazzi, "Il Dominio del Fuoco" è un'esperienza che offre emozioni e riflessioni a tutto tondo, senza falsa morale, ma con una forza incontenibile che si esprime tra le righe. 

«Convivo col senso di colpa. Ma al mondo esistono due tipi di sensi di colpa, ragazza: quello che ti schiaccia fino a farti diventare un inetto, e quello che alimenta la tua anima, dandole uno scopo.»

Il romanzo di Sabaa Tahir non è un semplice romanzo distopico per ragazzini. Non lo è affatto. Si tratta invece di una voce fuori dal coro, che ci presenta un mondo sconosciuto che profuma del passato imperiale che fece grande i Romani e i Greci. Come fu per questi immensi imperi, quello dei Marziali di Sabaa Tahir è salito al potere brutalizzando e annientando i propri nemici, lasciando dietro di sé una scia di sangue e vendetta. E sono proprio il sangue e la vendetta il filo conduttore della storia che "Il domino del fuoco" racchiude. Una storia di predestinazione, di resilienza, di voglia di rivalsa. Una storia di schiavi e padroni, di violenza e mostri, di morte che incombe e voglia di vivere nonostante tutto.
Nel mondo di Sabaa Tahir tutto è riconducibile alla forza bruta. Quella che i Marziali, popolo imperiale hanno esercitato per annientare la volontà delle civiltà che hanno conquistato e reso schiave grazie al loro spietato esercito di Maschere. Votati alla guerra e alla spada, i  Marziali hanno rinunciato alle proprie anime in cambio del potere e del dominio. 
Lo sanno bene Laia e Elias, i due eroi che ci narrano la storia. Lei è una Dotta, il suo popolo vive sotto il giogo dei Marziali ed è stato privato di ogni dignità: persino il possesso di un libro per lei è un pericolo mortale. Lui è il figlio della Comandante Keris Veturia, nonché aspirante Maschera su cui grava già il peso di innumerevoli vite. Lei si trova a introdursi nelle fauci del leone per salvare l'adorato fradello Darin e aiutare la resistenza, lui vorrebbe scappare dal suo fato e lavare le proprie mani dal sangue innocente che le imbratta. Due missioni diverse che il destino intreccierà inaspettatamente, per dar vita a una scintilla che potrebbe cambiare il loro mondo per sempre.
Due avventure distinte, che si muovono in parallelo sul filo del rasoio, unite da intenti comuni e con un finale che sorprenderà tutti, due voci narranti, una storia che cattura!

«La paura può essere un bene, Laia. Può tenerti in vita. Ma non permetterle di controllarti. Non permetterle di seminare dubbi dentro di te. Quando la paura prende il sopravvento, usa l’arma più potente, più indistruttibile che hai a disposizione per combatterla: il tuo spirito. Il tuo cuore.»

"Il Dominio del Fuoco" è uno di quei libri che si affronta con il cuore che martella forte nel petto e la voglia sfrenata di continuare a leggere nonostante tutto. Un romanzo completo e complesso, costruito con dovizia e descritto con estrema maestria dall'autrice. Autrice che, con una punta non indifferente di sadismo chiude il libro lasciando tutti con il fiato sospeso, nell'attesa del prosieguo della storia appena iniziataIl doppio POV aiuta a immergersi nel mondo creato dall'autrice: da una parte abbiamo l'azione e la magia di Elias, un personaggio carico di contraddizioni e conflitti. Dall'altra le riflessioni e le scoperte di Laia, ancora fragile e inesperta, ma pronta a tutto per ciò che ama.
Chi si aspetta un'avventura adrenalinica carica di colpi di scena, potrebbe essere deluso da questo primo volume della serie. In effetti "Il Dominio del Fuoco" è un romanzo prettamente introduttivo, in cui pur consumandosi molta azione, vengono più che altro gettate le basi per la ben più grande avventura che ci aspetta nei libri successivi. Questo non vuol dire che il romanzo manchi di fascino o di ritmo: Sabaa Tahir non lesina in azione e non ci fa mancare quegli elementi che costringono a voltare una pagina dopo l'altra. 
Trattandosi di un fantasy storico è comprensibile che l'autrice abbia sentito il necessario bisogno di introdurci al singolare mondo in cui i protagonisti si muovono. Un mondo sfaccettato e ben congeniato, carico di quel fascino che solo i grandi imperi sanno offrire, ma arricchito di un'ancor più tangibile aura di magia. Nell'universo di Laia e Elias strisciano creature magiche assetate di sangue e affamate di vita, ma anche emissari del Destino, capaci di profetizzare e plasmare il futuro.
Il centro dell'azione è l'Accademia dei Marziali, in cui le future Maschere si vedono coinvolte in giochi mortali dai risvolti incerti: sono sicura che sarete stupiti dalla sorta di Hunger Games che la Tahir ha orchestrato, ma non dirò nulla di più al riguardo.
L'eccellente caratterizzazione dei personaggi primari e secondari, l'intreccio romance che si muove in sottofondo, la continua minaccia del "cattivo di turno" e il dualismo della resistenza vi terranno con il fiato sospeso fino all'adrenalinico finale.  


Verdetto: un vero gioiello 


Livello sensualità: baci e carezze

17 commenti:

  1. Sembra davvero bello, ma si sa qualcosa della pubblicazione del secondo? Ho notate che "il dominio del fuoco" è uscito quasi due anni fs

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta per uscire, manca pochissimo e a settembre potremo finalmente avere il seguito :D

      Elimina
  2. Quando ho letto questo libro la prima volta sono rimasta incantata. Avevo trovato solo un piccolo difetto, cioè che dei due punti di vista preferivo quello di Elias, perchè era più ricco di avventura, riflessioni e colpi di scena.
    Poi è successa una cosa un po' strana per me: per la prima volta il mio personaggio preferito era una donna e non il personaggio maschile XD
    Non mi riferisco però a Laia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io amo il POV di Elias maggiormente. Ma ora devi dirmi chi è il tuo personaggio preferito 😌

      Elimina
  3. anch'io ho visto questo libro praticamente ovunque, tanti blogger e youtuber ne hanno parlato!
    interessante la recensione, stavo già meditando di leggerlo, mi ha dato una spinta in più! vedo tanti libri oramai tutti uguali, però ciò che m'incuriosisce, e che hai inteso, è l'attenzione poco ricalcata sulla storia d'amore a dispetto del contesto fantasy... è una cosa che apprezzo tanto negli YA che si nutre un po' troppo dei soliti cliché amorosi.
    spero che questo libro non mi deluderà qualora lo iniziassi!
    alla prossima :D

    RispondiElimina
  4. Buongiorno, sono una nuova followwer; complimenti per il blog e per le recensioni super curate, questa è la mia ultima recensione, pubblicata questa mattina, se ti va ti aspetto come lettrice fissa sul mio blog http://ioamoilibrieleserietv.blogspot.com/2017/08/recensione-serie-broken-souls-sagara-lux.html

    RispondiElimina
  5. Personalmente ho snobbato questo romanzo taaaanto a lungo. Come hai sottolineato anche tu, tutti ne tessevano le lodi, eppure io, anche se ce l'avevo lì sugli scaffali, non me ne sentivo particolarmente attratta...
    Poi mi è capitato un po' quello che mi è successo anche con La chimera di Praga! Non mi aspettavo niente... e me ne sono innamorata follemente!
    La Tahir mi ha davvero stupita con questo romanzo, ho adorato da matti soprattutto il world-building e il suo modo di raccontare :D
    E be', anche per quanto mi riguarda, ho un debole per Elias *o* non vedo l'ora di leggere il seguito per sapere cosa succederà dato che il primo è finito... un po' così XD

    RispondiElimina
  6. Concordo assolutamente sull'originalità della storia e sull'ottima ambientazione. Il fatto del doppio pov poi rende il romanzo ancora più avvincente!
    Merita tantissimo anche la copertina di questo romanzo che è davvero bella ♡

    RispondiElimina
  7. Dopo aver letto anche questa recensione sono sempre piú curiosa!

    RispondiElimina
  8. mi fido sempre delle tue recensioni e quando addirittura dici un vero gioiello, beh la curiosità mi assale senz'altro!
    Luigi Dinardo

    RispondiElimina
  9. Non ho ancora letto questo libro ma sta aspettando sopra il comodino da un po'... l'ambientazione è molto particolare e insolita, mi ha attirato insieme alla storia ricca di avventure e misteri!

    RispondiElimina
  10. Mi avevi già convinta a "Greci e Romani". Non solo è un distopico, ma anche un fantasy storico.. quindi deve essere mio. La magia dei grandi imperi ha sempre attirato la mia attenzione

    RispondiElimina
  11. Sicuramente questo libro sarà uno dei miei prossimi acquisti, sembra molto interessante e spero che mi possa piacere quanto è piaciuto a te!!

    RispondiElimina
  12. Ho un debole per questo genere di romanzi e la copertina mi piace...ciò che più mi ha convinta è decisamente la tua recensione. ..come sempre.
    Grazie

    RispondiElimina
  13. La copertina è bellissima e la trama WOW!! Non vedo l'ora di leggerlo dopo la tua recensione ;D.

    RispondiElimina
  14. Ho una lista in cui scrivo tutti i libri che devo comprare. Il primo è “Illuminae” e ora è “Il dominio del fuoco” che si è conquistato il secondo posto. Ne sentivo parlare, vedevo le foto delle bookstagram e i video delle booktube. Leggevo e sentivo gli elogi per Sabaa Tahir... e come mi capita molto spesso, questa recensione mi ha letteralmente conquista!

    RispondiElimina
  15. Dopo questa tua bellissima recensione questo libro schizza in alto nella mia lista dei libri da leggere. Bravissima e invogliante come sempre!!

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...