martedì 3 novembre 2015

Recensione "Bellezza Crudele" di Rosamund Hodge

Letto in una manciata di giorni e metabolizzato con lentezza, "Bellezza crudele" di Rosamund Hodge è stato senza dubbio un romanzo particolare. In molti mi avete chiesto cosa ne pensassi, motivo per cui ho fatto una pausa, oggi, per stendere la mia recensione. Preparatevi, perché ho molto da dire!


Titolo: Bellezza crudele (Cruel beauty Universe#1)
Data di pubblicazione: 8 Ottobre 2015
Dove comprarlo: LaFeltrinelli.it
Autrice: Rosamund Hodge
Editore: Newton Compton
Prezzo: 9, 90 €
Pagine: 320



Costretta a fidanzarsi con il malvagio governatore del suo Regno, la giovane e determinata Nyx sa che il suo destino è sposarlo, ma per coronare il suo sogno più segreto: ucciderlo e liberare finalmente il popolo dal giogo di quella crudele tirannia. Eppure nel giorno del suo diciassettesimo compleanno – quando la ragazza si trasferisce con lui nel castello sulla cima più alta di tutto il Paese – capisce che nulla è come se l’era aspettato, soprattutto il nuovo marito, incredibilmente affascinante e seducente. Nyx sa che deve salvare la sua gente a tutti i costi, eppure resistere al suo nemico giurato sta diventando sempre più difficile perché lui è ben deciso a conquistare il cuore della sua sposa.
Con il suo romanzo d’esordio, Bellezza crudele, Rosamund Hodge ci regala una favola romantica, che farà sognare le lettrici, e inaugura una nuova saga che vede protagonista la coraggiosa eroina Nyx.



La mia recensione


«Ti amo più di qualsiasi altra creatura, perché sei crudele, e gentile, e viva.»
Ho atteso questo libro con grande aspettativa. Le premesse erano semplicemente perfette, niente da dire. Un retelling del tutto originale e deliziosamente Dark della fiaba de "La bella e la bestia", in cui l'antica Mitologia Greca e Romana si mescola al fantasy: cosa si può desiderare di più dalla vita? Ecco perché mi sono immediatamente fiondata su questo romanzo, senza alcuna remora, imbattendomi in una prosa ricca e sfarzosa, delle ambientazioni memorabili e una storia dal piglio epico, che, però, non mi ha convinto in pieno. 
Sì, perché purtroppo, pur essendo stato scritto con uno stile narrativo che non lascia indifferenti, il primo romanzo della Hodge ha avuto un po' il classico effetto di "tutto fumo e niente arrosto" su di me. Se da un lato la narrazione mi ha catturata senza appello, dall'altro ho trovato che la storia fosse stata raccontata in modo superficiale e poco chiaro, badando principalmente al lato estetico e lasciando molto in sospeso. 
Quello che l'autrice ha fatto è stato fornire ai lettori una sequela di splendide immagini che si imprimono nella mente, ricche di fascino e suggestione,  seguite però da pochissime spiegazioni. Tutto ciò ha creato in me un senso di forte smarrimento che mi ha accompagnato durante tutta la lettura e, purtroppo, non mi ha abbandonata nemmeno sul finale. Considero questo romanzo come un fantastico esercizio di stile, ma ciò non è stato sufficiente a farmi dimenticare la carenza di contenuti.
Alla luce di ciò, mi sento di sconsigliare a priori "Bellezza Crudele"? No. Per quanto insoddisfacente, è stata comunque una lettura carica di bellezza, che mi ha deliziato almeno in parte. Perciò vi invito a toccare con mano, magari però prendendo il libro in prestito da un'amica. Se volete saperne di più, in ogni caso, vi consiglio di leggere tutta la recensione, così da poter capire se questo romanzo possa fare o meno al caso vostro.

«Sai perché sopravvivo nell’oscurità, per quanto mi bruci?»
«Perché sei l’immortale signore dei demoni?»
«Perché dimentico. Sento sempre una voce nell’oscurità, ed è quella che pronuncia le parole che mi fanno bruciare vivo. Ma sopravvivo perché riesco sempre a dimenticare la voce appena parla. Ma tu, mia cara Pandora…». Si girò a guardarmi con un sorriso crudele. «Tu non sei affatto così brava a dimenticare. Quindi dovrò farlo io per te».
Ci troviamo in un mondo diverso da quello che conosciamo. Un mondo passato, dominato da divinità pagane che ricordano gli antichi Dei Greci e Romani. Al di fuori di questo mondo carico di superstizione, odio e Magia Ermetica (non chiedetemi cosa sia nello specifico, quali siano i suoi precetti o le sue origini, perché l'autrice non lo spiega MAI), c'è Arcadia, una terra maledetta, segnata da una terribile sorte. Su Arcadia non splende il vero sole, non brilla il cielo azzurro, non fa capolino la luna. I suoi abitanti sono intrappolati in una bolla di irrealtà senza possibilità di fuga, sotto un cielo di pergamena sbiadita a espiare le pene dell'inferno. E la colpa è del crudele Signore Gentile: Demone dei Patti, che ha condannato tutti a un regime di schiavitù e paura. Esiste una sola speranza per Arcadia e si chiama Nyx: promessa sposa del Signore Gentile. Per diciassette anni è stata addestrata alle arti Ermetiche e alla lotta e ora è pronta a sposare il suo aguzzino, colui che l'ha privata della figura materna a causa di un terribile patto finito male, e fare finalmente giustizia, uccidendolo. Ma quando il momento giungerà, Nyx si accorgerà che nulla è come sembra: può la Bestia celare il cuore di un Principe? Forse non tutti i mali sono assoluti, forse nell'odio può annidarsi un amore più luminoso del finto sole che illumina pallidamente Arcadia. 
Fin qui, tutto molto bello.  Insomma, anche solo scrivendo questo breve riassunto ho sentito un fascino innegabile verso i presupposti di questa storia. Ma i presupposti, putroppo, non sono stati abbastanza forti da giustificare tutta la confusione di cui il romanzo è pregno. Per queste motivazioni, anche se una parte di me era ammaliata dalla storia, l'altra parte, quella più razionale, continuava a chiedersi quando sarebbe giunto il momento che avrebbe chiarito ogni cosa. Putroppo quel momento non è mai giunto. Nemmeno sul finale. 


«Saremo sempre sciocchi», continuai, «e malvagi e crudeli. Non saremo mai al sicuro l’uno con l’altra».«Non provare a essere troppo felice di questo». Intrecciò le dita alle mie.«Ma fingeremo di sapere come si fa ad amare». Gli sorrisi. «E un giorno, lo impareremo davvero».

Il problema fondamentale di "Bellezza Crudele" è stata la confusione scaturita dalle scelte della Hodge.  L'autrice si è concentrata principalmente nella creazione di grandi suggestioni visive, facendo susseguire tra le pagine descrizioni abbacinanti, scene visivamente molto cariche e continui riferimenti al mondo della mitologia. Inzialmente non si può evitare di rimanere incantati dall'abilità narrativa della Hodge, ma dopo una manciata di pagine ci si trova a constatare che tutto lo sfarzo contenuto nelle sue parole, cozza brutalmente con la carenza di sostanza che caratterizza la storia. In primo luogo, a disturbarmi, è stata Nyx. Si presupponeva che essa fosse un'arma vivente, carica d'odio e determinazione. Ma sin da subito di dimostra essere un groviglio di sentimenti che vanno a briglia sciolta, di insicurezze e di sete d'amore. Il suo bisogno d'essere vista, amata, riconosciuta, per quanto comprensibile e commovente, diventa anche motivo di grande disappunto. Le sue scelte sono umorali, infantili, sciocche. Purtoppo, essendo lei la voce narrante, anche il romanzo segue questo genere di dinamiche, trasformandosi nel racconto della nuova vita di Nyx, piena d'avventura e fascino, scaramucce e dispetti, malumori e insta-love multipli, leggende snocciolate a casaccio e riferimenti a un mondo che non viene mai spiegato fino in fondoL'autrice non ci fornisce nulla di concreto, se non un'accozzaglia di bellissime immagini che tendono però a soffocare: una tale bellezza, deve poter essere spiegata. Invece ciò che il lettore si trova tra le mani è un'ammasso di domande e dubbi. Non si sa nulla della Magia Ermetica, non si comprende a fondo la natura del Signore Gentile né delle sue personalità alternative, non è chiara la natura di Nyx (è buona? è malvagia? è una traditrice o solo una bambina?), non si capisce che ruolo abbiano avuto gli Dei in tutto ciò né tantomeno si comprende come è finito il libro.

«Sei una moglie perfetta per me», continuò lui. «Più di quanto mi aspettassi, e ho sempre sperato che tuo padre scegliesse te, tra le due».«Perché, mi osservavi?»«Ogni tanto». Si fece avanti. «Osservavo tutta la tua famiglia. Tuo padre, che puniva te perché non aveva il coraggio di punire se stesso. Tua zia, che ti odiava perché eri la dimostrazione che tua madre avrebbe sempre avuto il cuore di tuo padre più di quanto lei potesse ottenerlo. Tua sorella, che fingeva che bastassero i sorrisi per scacciare l’oscurità. E te. La dolce e gentile figlia di Leonidas, con un mare di veleno nel cuore. Hai combattuto da sempre per tenere nascosta la crudeltà che provavi dentro di te, e per cosa? Nessuno di loro ti ha mai amato, perché nessuno di loro ti ha mai conosciuto davvero».
Pur volendo semplicemente accontentarsi della bellezza estetica di cui il libro è intriso, godendosi la corsa a lasciandosi ammaliare dal lato più romantico della storia, l'impresa non è facile come appare. Da amante del romance, infatti, devo dirmi delusa dalle scelte fatte dalla Hodge. Per quanto Ignifex sia un protagonista che indubbiamente sa come calamitare l'attenzione delle lettrici, con il suo piglio strafottente e crudele, ma anche dolce e tormentato, non c'è modo di entrare davvero in contatto con lui. Le continue divagazioni dell'autrice, che attraverso Nyx farcisce le menti dei lettori con descrizioni ridontanti della casa del Signore Gentile, storie su Dei e Ombre e Vasi che non dovrebbero mai essere aperti, conflitti interiori e indecisioni su ciò che sia più giusto fare rispetto ai suoi sentimenti contrastanti, distraggono senza appello. Molte volte durante la lettura ho desiderato che tutte le divagazioni di Nyx terminassero, per lasciare spazio a una buona dose di azione reale. Tutto in questo libro è lento, immaginato, idealizzato. Anche il lato romance, putroppo. Dal primo momento in cui Nyx mette piede nella dimora del Signore Gentile, esplode il suo sentimento per Shade, misterioso servo del suo sposo, a cui dichiara il suo amore immenso dopo un solo giorno e dopo aver scambiato con lui al massimo due frasi fatte. Cosa che avrei potuto anche accettare, se non fosse che nel frattempo cresceva anche il suo desiderio per il Signore Gentile. Ora, va bene un insta-love. Ma due? Non li reggo. In particolare quando in nessuno dei due casi c'è la possibilità di affezionarsi al protagonista maschile, perché tutto avviene in fretta, con superficialità, senza mai approfondire la conoscenza di questo o quel personaggio. Zero empatia, zero immedesimazione, solo tanta, tantissima confusione.
Peccato, ecco. Perché Ignifex era un personaggio degno di nota, le suggestioni create dalla Hodge erano intrise di una potenza importante e lo stile dell'autrice è senza ombra di dubbio favoloso. Ma il risutlato è stato deludente.


Verdetto: molto fascino e poca sostanza




Livello sensualità: baci e sospiri




Compralo scontato cliccando sulla cover!

20 commenti:

  1. Io l'ho terminato giusti ieri e nonostante ci abbia messo più di 100 pagine per ingranare mi è piaciuto molto questo libro. Il vero peccato è stato proprio l'inizio che mi ha fatto dare una stellina in meno...

    RispondiElimina
  2. Mi sono fiondata a leggere questa recensione appena ho letto il post su facebook! Appena ho visto due stelline come valutazione, mi é cascata la mandibola ihihih! Mi aspettavo una recensione positiva!! E invece no sigh e allora visto che ho una lista infinita di libri da leggere, non lo prenderò per il momento in considerazione, magari piú avanti chissà ! Mi sono sempre trovata bene con i tuoi consigli! Baciuzzi!

    RispondiElimina
  3. Io non ho provato confusione, anzi mi è piaciuto tantissimo, la carenza di azione non l'ho sentita affatto e ho apprezzato moltissimo Nyx come personaggio anche se non è tra i miei preferiti in assoluto; sono stata molto sorpresa nel leggere questa recensione, peccato che non ti sia piaciuto.

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordissimo con la tua recensione! Anche io avevo iniziato a leggerlo carica d'aspettativa ma sono rimasta veramente, veramente, delusa! Ho trovato il libro privo di profondità e i protagonisti banali. Terribilissimo :(

    RispondiElimina
  5. Oddio! Come ho visto 2 stelline ci sono rimasta malissimo xD
    Ero davvero convinta di leggere una recensione positiva e infatti l'aspettavo con ansia. Personalmente mi è piaciuto, sono d'accordo sul fatto che un po' più d'azione non guastava, ma non l'ho trovato pessimo. Sarà che nel mio cuore "la Bella e la Bestia" hanno un posto particolare. Ciao!

    RispondiElimina
  6. Quando ne abbiamo parlato ti dissi che ero rimasta delusa dal finale. A distanza di tempo, ancora non mi è andato giù ahahah sono d'accordo con te su molte cose, ma penso di aver dato due stelline in più perchè in sè la storia mi è piaciuta molto, e anche il suo svolgimento. Non mi è andato giù l'insta love nei confronti di uno dei due verso cui Nyx si rivolge (indovina chi! Ahahaha) e neanche un paio di decisioni che Nyx prende. In definitiva è un bel romanzo per me, ma non mi ha lasciato nulla. Sono d'accordo anche sul fatto che l'autrice crea comunque confusione, non spiegando mai quali sono e da dove vengono questi dei e questi principi alchemici. Come se avesse buttato una bomba nel cielo aperto, perchè per tutto il libro io ho continuato a chiedermi cose che poi non hanno avuto una risposta!
    Insomma, diciamo che stavolta ci siamo trovate a metá U.U

    RispondiElimina
  7. Terminato l'altro ieri, mi trovo d'accordo a metà con la tua recensione. Per le prime 100 pagine, sono assolutamente d'accordo con te, stile bellissimo, ma troppe descrizioni e pochi concetti, buttati lì tra una descrizione e un'altra, senza spiegare poi molto del mondo creato. La seconda metà del libro mi è piaciuta molto e ha calamitato la mia attenzione, soprattutto Ignifex che ho adorato *-* certo a onor del vero devo dire che avrei preferito qualche spiegazione e qualche chiarimento in più, ma nel complesso questo libro della Hodge ha trovato un posticino nel mio cuore. Il finale mi ha lasciato un po' incerta, ma credo che in fin dei conti in un mondo governato dai Signori dei Patti ogni finale non è mai certo fino in fondo :)

    RispondiElimina
  8. Mmm non ero convinta prima e adesso lo sono ancora meno! A sto giro passo xD

    RispondiElimina
  9. Mi aspettavo molto da questo libro... adesso ci sto ripensando... non sopporto quando le cose non sono spiegate come si deve. U.U

    RispondiElimina
  10. Questo libro mi incuriosiva parecchio,ma la tua recensione mi ha lasciata perplessa,infatti credo che lo leggerò per curiosità e ti farò sapere.

    RispondiElimina
  11. Sono totalmente d'accordo con te. C'è troppa confusione in questo libro sia per quanto riguarda la trama che per i personaggi. Nyx non ho capito se fosse buona, crudele o solo sciocca e vogliamo parlare della sorella?? Il signor gentile, che dovrebbe essere spietato e crudele, sembra solo un ragazzino messo lì per ordine di non ho capito chi.. E poi non c'è alcuna tensione amorosa!!
    A me ha deluso molto, si la Hodge scrive bene ma questo basta? Per me no..

    RispondiElimina
  12. Questo libro è sul Kindle che mi aspetta e lo inizierò oggi !

    RispondiElimina
  13. Aspettavo la tua recensione, avevo avuto un sesto senso su questo libro. Sarà, come ha detto qualcun'altro, che la storia de "la bella e la bestia" ha un posto particolare nel mio cuore! Comunque, non penso che lo prenderò vista la tua recensione non ho proprio bisogno di un'altra delusione libresca .. Non ora che sono in un periodo in cui proprio non riesco a leggere con concentrazione!

    RispondiElimina
  14. Io non so che dire Glinda, come ti ho detto tempo fa quando avevo letto Beastly di Alex Flynn ero rimasta molto molto ma mooolto affascinata sia dallo stile, dalla caratterizzazione della storia, dei personaggi, e francamente non saprei se leggere altre versioni di una favola così bella e così immortale possa sempre reggere ... tu che dici?
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  15. Sono dispiaciuta delle 2 stelline, la trama mi piace ma leggendo la tua rece i contenuti fanno pena...
    Libri lenti e riflessivi mi annoiano da morire, non che io voglia per forza l'azione, ma quando ci sono pagine solo di pensieri a me scatta un senso di nausea XD
    Sono sinceramente indecisa sul leggerlo o no, so che i gusti sui libri sono soggettivi, ma fino adesso non è mai capitato che le tue opinioni si discostassero molto dalle mie... bho, vedremo...magari aspetterò che esca il secondo ;)

    RispondiElimina
  16. Io purtroppo non ho ancora avuto modo di leggerlo dunque scoprirò solo alla fine della lettura se avevi ragione o meno.

    RispondiElimina
  17. Peccato non avere un'amica che legga :-(

    RispondiElimina
  18. Seguite anche io mio blog...
    Ecco il link www.illettoresenzatregua.blogspot.com

    RispondiElimina
  19. Per me è stata una lettura piacevole , anche se ho trovato alcune parti molto affrettate come per esempio il finale che mi è sembrato un po' forzato. Sono d'accordo con te su molte cose!
    La protagonista sembra molto confusa e la storia sull'origine del suo mondo poteva essere contornata da più dettagli invece è stata trattata in modo un po' superficiale secondo me.

    RispondiElimina
  20. Io ho adorato la storia della Bella e la Bestia, quindi mi sono detta perchè no, ma dopo la lettura mi sono mangiate le mani per averlo acquistato.
    Condivido il tuo giudizio.
    Lettura lentissima, le descrizioni dei luoghi sovrastano la descrizione dei sentimenti, ad esempio il personaggio del Signor Gentile, viene oscurato, più che coprotagonista sembra un puntino inutile in questa storia intricata.

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...