mercoledì 4 aprile 2012

Recensione "Divergent" di Veronica Roth

Pur essendo decisamente impegnata e anvendo circa duecento recensioni arretrate, oggi non posso esimermi dal parlarvi di Divergent, libro da poco uscito con De Agostini che apre una trilogia distopica per young adult destinata a diventare il nuovo caso cinematografico mondiale dopo The Hunger Games.
Il secondo romanzo della trilogia, intitolato Insurgent, sta per uscire negli USA e non ci resta che augurarci che la De Agostini voglia tradurlo in Italia in tempi rapidi, distinguendosi dal modus operandi con cui le altre Case Editrici trattano le serie.

Titolo: Divergent (Divergent #1)
Traduttrice: Roberta Verde
In libreria: 22 marzo 2012
Editore: De Agostini
Prezzo: € 16,90
Pagine: 480
Il mio voto:



La società distopica in cui vive Beatrice Prior è suddivisa in 5 fazioni, ognuna delle quali è consacrata a una virtù: sincerità, altruismo, coraggio, concordia e sapienza. Il momento cruciale nella vita dei cittadini è il Giorno della Scelta, che cade allo scoccare del 16° compleanno: ogni giovane sceglie a quale fazione votare il proprio futuro. Ora tocca a Beatrice, e la sua scelta non solo sorprenderà tutti, ma segnerà per sempre il suo destino. Nella fase iniziale altamente competitiva, la protagonista rinominando se stessa (Tris), lotta per determinare chi sono realmente i suoi amici, interrogandosi se la sua storia d'amore possa adattarsi alla vita che ha scelto.
Catapultata in un mondo duro e violento Beatrice scoprirà le crepe di una società che è tuttotranne che perfetta. Una società che la vorrebbe morta se scoprisse il suo segreto... PerchéBeatrice non è una ragazza qualunque, lei è una divergent. Una diversa.


La mia recensione 


Divergent è uno tra i romanzi più chiacchierati del momento in tutto il mondo. Inutile dire che tutto il parlare di questo libro, abbia causato in me un estremo desiderio di leggerlo e toccare con mano il talento della ventitreenne Veronica Roth, che con la sua serie distopica per young adult è riuscita a scalare le vette del successo mondiale. E così, dopo averci posato le mani e averlo divorato in pochi giorni, Divergent è entrato nella classifica dei libri che ho preferito e che vorrei poter rileggere ancora e ancora.
Uno stile narrativo asciutto, penetrante e incisivo, una protagonista forte e determinata alle prese con delle scelte più che difficili e con un interessante universo distopico, sono i punti di forza che conquistano sin da subito, facendo di Divergent un romanzo avvincente e magnetico, che emoziona e conquista giocando su molteplici livelli emozionali. 

Il mondo creato dalla Roth appartiene a un imprecisato futuro, in cui gli esseri umani vengono classificati in base alle proprie attitudini e suddivisi in cinque fazioni appartentemente equilibrate: Abneganti; Candidi; Pacifici; Intrepidi; Eruditi. A sedici anni un test attitudinale rivela a quale fazione si dovrebbe appartenere, ma la scelta ultima sulla strada da intraprendere resta comunque una responsabilità personale.
La protagonista Beatrice Prior è nata in una famiglia di Abneganti, devota all'altruismo e alla cura del prossimo. Tutti si aspettano che lei semplicemente abbracci le proprie origini e resti nella fazione d'appartenenza. Tutti tranne lei. 
Per quanto altruista e generosa, in Beatrice scorre il brivido della ribellione, della voglia di vivere al massimo, di sentire il vento tra i capelli, di essere libera. Le sue insicurezze sono quelle che ogni sedicenne deve affrontare, motivo per cui è semplice relazionarvisi e domandarsi cosa avremmo fatto noi, se da quelle insicurezze fosse dipesa la nostra intera esistenza.


Come abbiamo già visto accadere in molti libri distopici, il giorno più atteso nella vita della protagonista, ovvero quello del test attitudinale, riserva una sorpresa sconvolgente. Beatrice infatti risulta essere una Divergente, ovvero qualcuno che non può essere catalogato come appartenente a una precisa fazione e che come tale sembra essere temuto dalla società. Le informazioni sulla sua natura di Divergente e sulle conseguenti implicazioni saranno ben poche, una sola cosa sembra essere chiara: nessuno deve sapere la verità sul suo test.
Confusa e spaventata, Beatrice seguirà quel desiderio di libertà che le fa battere il cuore e che la spingerà, sotto lo sguardo attonito dei genitori, a scegliere la fazione più selvaggia e imprevedibile e, ovviamente, più divertente tra le cinque: quella degli Intrepidi, ovvero i coraggiosi che in teoria dovrebbero proteggere la società dagli attacchi nemici, ma che in pratica passano il tempo a sfidare la paura e i propri limiti nei modi più pericolosi e spaventosi.


Leggere Divergent vuol dire imbattersi in un viaggio adrenalinico e avventuroso, in cui Beatrice dovrà lottare con il suo lato di Rigida Abnegante per trasformarsi nella coraggiosa e sfacciata Tris. La strada per diventare un Intrepido a tutti gli effetti è infatti costellata da prove all'insegna della violenza e del pericolo, da cui in pochi usciranno vincitori. 
Nuove regole, nuovi compagni e nuovi principi morali cambieranno Tris nel profondo ponendola continuamente al cospetto della scelta più complessa: quella tra il bene e il male, quella tra l'egoismo e l'altruismo, quella tra il suo lato intrepido e quello abnegante. Scelte che, come in ogni libro distopico che si rispetti, fanno riflettere anche chi è dall'altra parte delle pagine.
Il tutto è fortunatamente condito da divertenti e godibili scene d'azione, di cameratismo e di sana adrenalina che riescono a stemperare la tensione che permea il romanzo. 
Non saranno solo la violenza, le punizioni corporali e le nuove rivalità a cambiare Tris e il lettore nel profondo, ma anche la rinnovata vitalità, la libertà e l'ancor più inatteso amore. Quell'amore impossibile che rende invincibili e inarrestabili, che mette in gioco tutte sicurezze e le paure, che ti scava dentro creando nuove realtà. Quello per cui non esiteresti a lottare e a uccidere. Insomma quell'amore a cui nessun lettore, me in primis, può resistere.


Divergent è un libro che colpisce per la quantità e la diversità di emozioni che contiene e che si addensano in particolare nella seconda metà del romanzo. Se la prima metà potrebbe infatti risultare un tantino lenta, nella parte successiva tutti i fili che la Roth ha lanciato con una certa disinvoltura all'inizio, riguardanti la natura dei Divergenti e in particolar modo l'attrito che corre tra le varie fazioni, vengono tirati chiarendo la vera essenza del romanzo. Mentre Tris è impegnata a vivere la sua nuova esperienza di Intrepida e il suo nuovo amore proibito, infatti, nella sua Chicago sembra prepararsi una guerra di enorme portata dalle connotazioni fanta-politiche, guerra che lei dovrà combattere in prima fila con conseguenze impensabili. 
Inaspettatamente la Roth, apparentemente una dolce ragazzina timorata di Dio, è riuscita a dar vita a un prodotto letterario forte, emozionante e ricco d'azione in cui il lato distopico è tanto assurdo quanto interessante e in cui si respira una decisa aria di rivolta. Indubbiamente la questione "fazioni" avrebbe necessitato di più cura, tuttavia, in particolar modo nella parte finale, il tutto è diventato molto più convincente.
Molto ben riusciti i personaggi principali, Tris è dotata di quell'umanità e quella irrazionalità tipiche dei sedici anni e Quattro (ma perché tradurre il nome? Non andava bene Four?) mi ha rubato il cuore con i suoi modi grezzi ma irresistibili. Che dire? Attendo il seguito, che si preannuncia come un libro ancor più movimentato del primo!


Verdetto: amanti della letteratura distopica giovane, questa è la perla che cercate.


Livello sensualità: solo baci e qualche brivido (baci ed effusioni, ma non esplicite)


47 commenti:

  1. già la trama mi aveva colpita e lo aspettavo, poi la tua recensione è a dir poco ottima quindi penso proprio che non appena avrò occasione lo leggerò! :D

    RispondiElimina
  2. Devo ASSOLUTAMENTE leggere questo libro!! Lo aspetto da troppo tempo! Ottima recensione come sempre :) e ora naturalmente mi sto mangiando le mani per non avere una copia del libro a casa da leggere immediatamente... sperando di poter contare su una mancia di Pasqua per comprarne una copia mi godo la copertina!

    RispondiElimina
  3. Domani sarà tra le mie mani, è deciso *______*
    NON POSSO PIU' ASPETTARE ù.ù

    RispondiElimina
  4. Bramo fortemente questo librooooo!!

    RispondiElimina
  5. Daccordissimo con la tua recensione!
    Viste le ottime critiche ero un pó restia a leggerlo ma una volta iniziato l'ho divorato in meno di un giorno e l'ho amato alla follia.
    Spero come te che la Deagostini si spicci a tradurre il seguito, che uscirà tra breve in patria.

    RispondiElimina
  6. Io l'anno scorso ho letto "Matched" e devo dire che allora mi era piaciuto molto. Quando quest'anno mi sono imbattuta in "Divergent", in me è scoppiata la scintilla della curiosità, però leggendo la trama e un piccolo estratto, mi è sembrato che avesse più di un punto comune con "Matched" e sono rimasta un po' delusa. Ora ho appena finito di leggere la tua recensione riguardo "Divergent" e mi sono sorti dei dubbi. Glinda, visto che tu li hai letti entrambi, sapresti darmi un tuo parere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo. Ti assicuro che con Matched non ha nulla in comune, se non il tema distopico! Fidati, è una lettura che non ti deluderà e che al massimo può ricordare un po' The Hunger Games, a detta di chi ha letto entrambi i libri, che non è il mio caso. Sinceramente io te lo consiglio, ti sorprenderà piacevolmente!

      Elimina
    2. Grazie, Glinda. Mi sei stata d'aiuto, come sempre!

      Elimina
  7. Sono d'accordo con tutto quel che hai detto. Sicuramente non è un romanzo con le solite finalità dei distopici (denuncia sociale zero), però il lettore si ritrova ad assistere alla maturazione di Tris e dei personaggi circostanti e quella è forse la cosa più bella di tutto il romanzo. Aggiungiamoci poi il fatto che credo sia una specie di droga perché, nonostante durante la lettura mi sia stato spesso sui maroni, non riuscivo a trovare il coraggio di posarlo, e allora beh... si, è un bel romanzo xD

    RispondiElimina
  8. Lo voglio troppo!
    Ma prima di prendere questo devo finire la Trilogia delle Gemme (sono ancora a Red), ma dopo sarà tutto mio! *-*

    RispondiElimina
  9. Come sempre trovo che le tue recensioni siano semplici e ben fatte, putroppo per me,perchè ogni volta aggiungo un libro alla lista. Questo lo trovo particolarmente interessante proprio perchè la protagonista è una "diversa" che trova in sè la forsa di non essere come gli alytri. e poi c'è azione,emozione e amore. Niente di meglio per iniziare una nuova saga

    RispondiElimina
  10. Che dire lo trovo veramente molto molto coinvolgente,intrigante e appassionante!!! Sicuramente sarà una tra le mie prossime letture!!! La tua recensione mi è piaciuta davvero molto e ti faccio i miei complimenti Glinda!!! ^__^

    RispondiElimina
  11. Mi intriga mi intriga mi intriga!!! Devo leggerlo devo leggerlo devo leggerlo!!! E' abbastanza chiaro che con la tua bellissima recensione mi hai conquistata ed ora vorrei avere il libro fra le mani e sapere che cosa succede a Tris? ;D

    RispondiElimina
  12. Avevo preso di mira questo libro da parecchio tempo prima che uscisse, ma poi avevo deciso di non comprarlo per dare la priorità ad altri libri!! Dopo la tua recensione però non posso non leggerlo....entra subito a far parte delle priorità!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trama davvero sorprendente, mai nessun altro romanzo aveva affrontato simili temi, perchè l'autrice lo fa con brillante originalità, creando attraverso la fantasia un mondo etichettato e suddiviso da fazioni che prendono vita da nomi a dir poco singolari, ma che alla fine non sono altro che la realtà di tutti i giorni...il bello è che lo fa con un magico senno di poi...con la positività di chi non vuole vivere come un target, ma come un anticonformista, libero di essere ciò che è, senza riserve o limiti....:)

      Elimina
  13. una recensione davvero densa di particolari interessanti!!
    LA protagonista dev'essere un tipetto determinato, pronto ad affrontare sfide in cui verrà fuori tuta la sua bella personalità!!
    Interessante, come romanzo, non dev'essere null'affatto noioso :))

    RispondiElimina
  14. Sembra proprio un romanzo avventuroso e non poteva essere altrimenti dato che la protagonista ha scelto di far parte degli Intrepidi, che è la fazione più intrigante di tutte.
    Mi incuriosisce anche la parte romantica, ma forse dovrei dire che è il personaggio di Quattro ad attirarmi. Chissà a cosa è dovuto il suo nome... =)

    RispondiElimina
  15. Ma ti ho mai detto che sei una grandissima? @,@
    Ti ammiro tantissimo per la capacità di descrivere i libri che leggi in modo esaustivo e chiaro.
    Questo libro é assolutamente nella mia wish list... Tra l'altro la protagonista si chiama Beatrice come una mi cara cugina.. Non so, sento un'affinità con Divergent..

    RispondiElimina
  16. Adoro i distopici, non smetterei mai di leggerli. Sono contenta di leggere che tu, come tanti altri, pensate che "Divergent" si distingua nel suo genere e che valga la lettura. Ho letto i primi capitoli on-line e li ho trovati molto coinvolgenti, si sono interrotti proprio sul più bello, nel bel mezzo della prova per l'assegnazione e se non fosse per il prezzo non basso sarebbe già mio!
    Ciao ^_^

    RispondiElimina
  17. così giovane e già ha 4 stelle e mezza da glinda??? autrice promettente!
    in fondo chi di noi non è divergent?
    siamo tutti in bilico tra bene e male
    un romanzo di formazione con azione e emozioni!

    RispondiElimina
  18. che bella recensione! Non può non far venire voglia di avere questo libro tra le mani.
    Mi piace Tris perchè si sente troppo diversa nel mondo in cui è cresciuta e per questo decide di prendere una strada diversa, una scelta che la cambierà. L'idea delle fazioni è bella, e dalla tua descrizione si capisce che il libro ti rapisce portandoti al fianco di coraggiosa tris nella sua lotta! Senza dimenticare Four ovviamente

    RispondiElimina
  19. Comincio col dire che, da quando ho letto Hunger Games, il distopico è decisamente un genere che fa per me. In contrapposizione a questo, però, vivo nel terrore che ogni romanzo distopico sia la sua misera brutta copia. Dalla tua recensione, comunque, non sembra il caso di Divergent, che leggerò senza dubbio!

    Ma.. Quattro? Era davvero così difficile lasciare il suo nome in Four? Andiamo, Quattro sembra il nome di una marca di patatine fritte ç_ç

    RispondiElimina
  20. Questo titolo mi incuriosisce! Una trama particolare, assolutamente inedita, sono le due cose che mi piacciono di più...ultimamente ho letto troppi libri copia-incolla, mi ci vuole qualcosa di nuovo!

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Devo essere sincera: appena letta la trama ho capito che mi avrebbe fatto piacere leggere questo libro ma dopo la tua recensione ho capito che il libro deve essere assolutamente mio! Il fatto che molti lo additano come il nuovo Hunger Games (libro che io ho adorato) lo rende ancora più interessante.. amore,azione e una possibile ribellione che cosa si vuole di più da un libro? Non vedo l'ora di leggerlo !

    RispondiElimina
  23. diciamo che non sono una appassionata del genere distopico, finora tutti quelli che avevo letto mi avevano deluso, almeno finchè sul mio cammino non ho trovato Hunger Games. questo libro sembra ricalcarlo molto almeno nella protagonista forte e determinata, ma credo che le similitudini finiscano qui. sono proprio curiosa di vedere lo scontro tra i due lati di Tris, quello di Abnegante, realtà in sui è cresciuta, e quello di Intrepida, che ha scelto. sopratutto sono curiosa di conoscere LUI da come lo descrivi credo che dovrò aspettarmi molte palpitazioni e sospiri!!! Come al solito riesci a risvegliare il mio interesse per un libro che all'inizio non mi convinceva!!! mannaggia a te!!!

    RispondiElimina
  24. ottima recensione e bel giudizio!!!

    RispondiElimina
  25. Sono sicura che questo libro sarà bellissimo e non voglio certo farmelo sfuggire.
    Adoro i distopici, sono il genere che più mi intriga sia per la loro originalità sia perchè sono testi e storie che fanno riflettere.
    Di Divergent ho molto sentito parlare e la tua recensione ha completamente convinto! Grazie, come sempre!

    RispondiElimina
  26. Della serie: io mi fido ciecamente delle recensioni di Glinda.
    Lo sapevo! Me l'aveva detto Isa, lo ha confermato Giorgia e poi ecco anche la tua testimonianza! (oddio, pare una cosa religiosa).

    I need Divergent. Perché è un altro distopico, un'altra storia che si prospetta davvero emozionante.. Grazie per la recensione **

    RispondiElimina
  27. Ciao Glinda e grazie per la bella recensione!
    Ho letto pochi libro che avessero trame distopiche, ma tutti mi hanno colpita e mi hanno fatta innamorare dei loro protagonisti e del loro mondo. Penso che a volte ci voglia un bel libro così diverso che mi proietti in un mondo che mai io da sola potrei immaginare!
    Sono curiosa si scoprire in cosa Beatrice è divergent!!!

    RispondiElimina
  28. Bella recensione. Mi ispiarava gia da un pò. Io amo molto il genere dispotico ma dopo questa recensione so che dovra essere mio! Peccato per il prezzo cosi alto...

    RispondiElimina
  29. Il genere distopico non l'ho mai approfondito molto, ma ultimamente mi sta incuriosendo particolarmente...
    "Divergente" mi aveva già intrigato dalla trama, ma dopo la tua interessante e dettagliata recensione... che dire, voglio leggerlo!!

    RispondiElimina
  30. Posso dirlo che mentre leggevo la recensione, mi è venuto in mente Harry Potter e lo smistamento delle casate? Il testurbante per capirci.
    A parte le cavolate, come ho spesso sostenuto, il genere distopico è secondo me il vecchio e caro genere della fantascienza classica. Ce ne sono tanti di classici con trame simili. L'unica differenza è di solito data dalla giovane età dei protagonisti, con tutto ciò che questo comporta, in primis dalla tempesta emotiva e ormonale che li sommerge.
    Spesso per me questo non è un punto a favore, mi piacciono più personaggi forti e maturi, ma qualche volta gli autori sono riusciti a stupirmi. Spero che questo sia uno di questi casi, perché finora non c'è riuscito praticamente nessuno.

    RispondiElimina
  31. Adoro il genere distopico, e la trama di questo libro mi ha subito conquistato.
    Credo che i suoi punti di forza oltre alla trama originale, siano i due protagonisti, che nella tua recensione hai ben tratteggiato, e la loro umanità e irrazionalità identificabile anche con ragazzi reali.
    Unica pecca è il prezzo, un pò troppo alto secondo me.
    Complimenti per la bellissima recensione!!!

    RispondiElimina
  32. Sembra essere uno di quei libri che non vanno persi assolutamente.
    Quasi cinque stelline?! allora è proprio da comprare **
    Forse la trama non attira molto, ma la copertina e la tua recensione mi hanno convinta alla fine!

    RispondiElimina
  33. Ho sentito parlare molto bene di questo libro!!!mi ha incuriosita subito!!!è la tua recensione ha confermato la mia opinione!!!
    Sembra molto avvincente!!!non vedo l'ora di leggerlo!!!
    Ps complimenti per la recensione!!!

    RispondiElimina
  34. Non so perché, nonostante ne avessi sentito parlare tanto e a lungo, questo libro non è entrato subito a far parte della mia lista "i libri che vorrei."
    Sarà che il genere distopico non l'ho mai approfondito più di tanto, anzi, direi proprio che non ho mai letto nulla a riguardo e sono sempre stata un po' scettica, ritenendolo forse un genere troppo fantasioso e lontano anni luce da me e poi la trama mi risultava poco chiara e non poi così entusiasmante da attirare la mia attenzione ma nell'ultimo periodo, parlando anche con chi invece al genere distopico si è proprio appassionato e di conseguenza quindi anche a questo libro, ho capito che una possibilità a questa autrice e al libro andava data e ti dirò, la tua recensione mi ha incuriosita non poco, ed anche il giudizio positivo e le quasi cinque stelle date. Lo dovrò leggere questo libro, almeno per farmene un idea mia... se promette così bene come dicono e come tu stessa dici io non me lo voglio perdere.

    RispondiElimina
  35. Dopo Hunger games il genere distopico mi ha incuriosito da morire ed anche questo libro sembra molto interessante. La tua recensione è molto bella, ma soprattutto mi invoglia a cominciare questa nuova lettura. Speriamo che non mi deluda e che mi appassioni come Hunger games e La ragazza di fuoco!!

    RispondiElimina
  36. Decisamente il genere distopico sta entrando nella mia vita sempre di più. E sempre di più mi sta piacendo!
    ** so che divergent potrebbe diventare un film, spero che sia bello quanto il libro quando decideranno di portarlo sul grande schermo

    RispondiElimina
  37. Che dire, sembra molto emozionante.
    Per certi versi assomoglia molto alla trilogia Hunger Games ma per altri se ne discosta. Mi incuriosisce parecchio, soprattutto la lotta che sembra profilarsi all'orrizzonte. Tuttavia, penso che questo primo volume sia un pò un'introduzione a ciò che avverrà in seguito... non vedo l'ora che escano gli altri.

    RispondiElimina
  38. Non ho mai letto divergent
    anche se ho una cugina (di cui sto usando anche il pc XD) che ce l'ha e l'ha letto! me lo ha consigliato ed io spero davvero di riuscire ad averlo al più presto.

    RispondiElimina
  39. Ho sempre amato la letteratura distopica...già prima che diventasse di moda...anzi ammetto che la letteratura young/adult non è che mi attizzi molto ma sono sempre pronta a cambiare idea...Divergent sembra avere le carte in regola per essere una buona lettura. La recensione che ne hai fatto è intrigante e stimolante...sono curiosa di leggere questo libro sperando che mi sappia dare più emozioni rispetto all'ultimo distopico che ho letto, un libro che mi ha veramente lasciato l'amaro in bocca e che mi stà facendo riflettere molto su quello che ci viene propinato oggigiorno..

    RispondiElimina
  40. Io ho adorato questo libro fin da subito!! Non sono riuscita ad aspettare e così ho "dovuto" leggerlo in lingua originale! Se come me siete impazienti lo consiglio davvero!! La coppia del romanzo inoltre non è per niente smielata e ha finalmente un pò di pepe. Ottima la mancanza di triangoli amorosi( troppo spesso presenti in questi ultimi tempi), che a volte trovo distrarre il lettore dalla storia principale perché si chiede fino in fondo "Chi sceglierà??".
    Comunque sono nuova da queste parti e vorrei fare davvero i miei complimenti a Glinda perché ho trovato in questo blog un sacco di spunti interessanti per nuovi libri. =)

    RispondiElimina
  41. ho letto la tua recensione, ho letto il libro, in 2 giorni.
    Grazie
    sarai la mia musa!!! ti ho postato su facebook sperando che in molti possano apprezzarti quanto me

    RispondiElimina
  42. Ma possibile che nessuno si sia accorto che è una copia spudorata di una novella di Asimov del 1957??

    RispondiElimina
  43. Ciao Glinda,ho letto questo libro grazie alla tua recensione.E' fantastico.Non sapevo se leggerlo ma letta la tua recensione e alcuni commenti mi sono decisa. L'ho letto quasi un anno fa,ma ti ringrazio comunque,per avermi consigliato questo bellissimo libro.Comunque il blog è fantastico e le recensioni aiutano sempre

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...