giovedì 7 luglio 2011

Recensione, Angel di L. A. Weatherly

Con molta calma sono riuscita a finire Angel di L.A. Weatherly, romanzo Urban Fantasy e Paranormal romance dedicato a un pubblico Young Adult, edito da Giunti Y.  Primo di una trilogia incentrata sulla figura di creature Angeliche del tutto estranee a quello che è l'immaginario comune, Angel ci presenta degli esseri malvagi e privi di scrupoli, che vogliono sottomettere gli umani al fine di nutrirsi di loro. Angel è ul libro originale, che tuttavia non ha pienamente incontrato i miei gusti, ma vi spiegherò meglio durante la recensione.

Traduzione: Simona Reggiani 

Autrice: L.A. Weatherly
Casa editrice: Giunti y
Prezzo: € 16,50
Titolo: Angel 
Pagine: 552
Il mio voto:

Willow è una ragazzina particolare, vive con la madre Miranda, affetta da una malattia mentale, e con la zia, che lei considera un triste specchio della sua vita futura. Dopo la scuola, Willow lavora come meccanico e fa la chiaroveggente. Ripara le macchine perfettamente, così come è infallibile nel prevedere il futuro. Perché lei il futuro lo vede davvero, con il solo tocco della mano. E vede anche il passato. Così quando Beth, la perfetta cheerleader biondo-miele, le chiede un consulto, Willow, involontariamente, sbircia nel suo passato e scopre che Beth ha avuto un incontro con gli angeli. Questo è l’inizio di una storia che si sviluppa in un trionfo di amori e battaglie per la salvezza del mondo. Gli angeli in questo libro sono talmente perfidi che hanno addirittura creato un corpo speciale di sterminatori. Uno dei loro obiettivi è proprio Willow, prima ragazza mezza umana mezza angelo. E il destino vuole che il suo cacciatore sia il bellissimo Alex, un giovane guerriero assoldato dalla CIA che lavora attivamente per l’esiguo corpo degli Angel Killer. Il mondo degli angeli sta morendo, e proprio gli angeli, con la loro infida bellezza, stregano gli umani per portare a termine la loro missione: stanno concertando un’invasione di massa sulla terra per succhiare l’energia ai terrestri e sopravvivere.

La mia recensione

Angel è un romanzo dinamico e ricco di azione, che allo stesso tempo offre momenti di riflessione e introspezione. La protagonista principale è Willow, quasi diciassettenne con importanti poteri paranormali. Willow è una talentuosa veggente che con un solo tocco è in grado di sbirciare il passato e il futuro di chi le è di fronte. Già dai primi capitoli il libro ci fornisce una buona dose d'azione alternando il punto di vista in prima persona di Willow, a quello in terza persona di Alex e di qualcun altro. Così mentre Willow è impegnata a leggere la mano della sua amicha Beth e a struggersi per le terribili visioni che l'assaliranno durante la lettura, incontreremo Alex: Angel Killer di professione, bello e spietato. I cambi di punto di vista, pur essendo leggermente destabilizzanti, catturano il lettore che non farà difficoltà a entrare in pieno nella trama e lasciarsi catturare dalla  diversa psicologia dei due protagonisti pricipali. Se l'unica ragione di vita di Alex è quella di sterminare tutti gli angeli, che si nutrono dell'energia vitale degli esseri umani provocando loro malattie e morte; Willow è confusa e spaventata dalle visioni di creature malvagie che fanno del male alla sua amica Beth. Per quanto i due non abbiano nulla in comune, i loro destini si incroceranno scombussolando totalmente l'esistenza di entrambi.

Il loro incontro, oltre a dare inizio a tutta la storia, ha fatto nascere in me molte aspettative. Inizialmente i due saranno nemici, o meglio Alex rappresenterà un pericolo per Willow che si troverà al centro della sua nuova missione come Angel Killer. Al cospetto della sua preda, però, il ragazzo comprenderà subito che Willow non è un Angelo a tutti gli effetti ma un ibrido umano-angelico, e che lei è assolutamente inconsapevole della sua doppia natura. I duei si troveranno insieme, non per caso, ad una funzione nella Chiesa degli Angeli, setta religiosa che venera le creature alate, dove un gran colpo di scena farà salire l'adrenalina alle stelle e unirà Alex e Willow in una fuga disperata per la sopravvivenza. Willow scoprirà di essere ciò che mai avrebbe immaginato e di rappresentare un pericolo per gli Angeli, che esigono la sua morte  e quella dell'Angel Killer Alex. Possono due sconosciuti essere uniti da un nemico comune, al punto di gettarsi in uno spericolato viaggio attraverso gli U.S.A.? Be', Willow e Alex ci dimostreranno che tutto è possibile se in ballo c'è la salvezza dell'umanità.


Le premesse del romanzo erano più che promettenti, e sono state pienamente confermate  nella prima parte della fuga dei due ragazzi, scandita da momenti d'azione e adrenalina che si alternano ai loro screzi e battibecchi. La narrazione fluida e il linguaggio schietto rappresentano un punto a favore che spinge il lettore a voltare pagina senza sosta. I due protagonisti vivranno momenti molto intensi, mentre il loro rapporto assumerà consistenza e spessore. I due scopriranno di più su loro stessi e sulla natura di Willow, che se inizialmente spaventerà entrambi, riserverà poi molte sorprese. Soli e senza una via  d'uscita, i due ragazzi matureranno e si avvicineranno sempre di più. Il loro viaggio avrà destinazioni inaspettate in cui si renderanno conto di come la corruzione angelica si sia estesa a macchia d'olio. 
Purtoppo però nella seconda metà del libro, l'adrenalina ha lasciato spazio alla ridondanza e a molti intemezzi in cui l'autrice si è ostinata a descrivere azioni quotidiane o situazioni del tutto irrilevanti al proseguimento della trama. Mentre il lato romantico diventa più presente e sfaccettato, si assiste a uno spiacevole calo dei contenuti che riguardano i punti salienti della storia. Il libro si trascinerà in special modo sul finale, punto su cui l'autrice ha creato molta aspettativa, ma che invece dell'esplosione che ci si aspetterebbe riserva delle semplici scintille. Non so se per l'eccessiva mole di pagine superflue che ha dato ampio spazio alla mia fantasia, ma il colpo di scena finale non è stato per me una sorpresa, anzi! Mi aspettavo sinceramente qualcosa di più.

Angel è un libro piacevole, sicuramente adatto alla lettura sotto l'ombrellone o per chi desidera trascorrere qualche ora di relax. Fresco e innovativo ci presenta una figura Angelica molto originale. L'autrice ha infatti dato vita a degli esseri Angelici singolari la cui peculiarità è il loro lato oscuro. Il modo in cui la Weatherly ha esposto la psicosi di cui sono vittima i fedeli della Chiesa degli Angeli mi ha soddisfatta e divertita. Ammetto di adorare le situazioni in cui vengono esplorati i lati oscuri della mente umana e le sue debolezze. Anche la storia d'amore è molto ben gestita, e non è vittima della sindrome del colpo di fulmine irreversibile di cui molti libri sono affetti. Alex e Willow sono sì attratti fisicamente dal primo momento, ma l'amore si fa strada nei loro cuori con il passare del tempo e degli eventi, cosa davvero apprezzabile che ha dato vita a una coppia dolce e più che credibile. 
Peccato per il modo in cui è stata gestita invece la parte paranormale: confusionaria e nebulosa, lascia spazio a molte domande che purtroppo non trovano risposta. Essendo la natura di Willow molto "particolare", quasi come se lei avesse realmente una doppia identità, sarebbe stato opportuno approfondirne i meandri. Purtroppo anche le informazioni sulla natura e la provenienza degli Angeli sono state piuttosto deludenti. L'autrice è riuscita a essere prolissa senza però arrivare a dare una completezza totale all'opera. Con ciò non intendo dire che Angel sia un brutto libro, anzi penso che possa piacere a molti, ma trovo che avrebbe avuto il potenziale per offrire molto di più! Spero che il seguito possa soddisfarmi maggiormente!


Verdetto: lo consiglio a chi cerca una dolce storia d'amore ricca d'azione. E' un libro senza troppe pretese che può regalare momenti piacevoli, adatto a un pubblico giovane.

4 commenti:

  1. L'ho letto poco tempo fa!! All'inizio mi aveva conquistato,come hai scritto te.. ma poi verso il finale (o la seconda metà sempre per citarti) aveva iniziato a mancarmi qualcosa. Solo che non capivo bene cosa mi generasse questo senso d'incompletezza. L'ho capito leggendo la tua recensione oggi! Hai ragione.. ma credo che possiamo avere buone speranze per il seguito,dove sicuramente sarà approfondita meglio, se non altro, la natura di Willow. è stata troppo ben inserita nella storia per non darle una spiegazione nello specifico!! Fermo restando che mi è cmq piaciuto. Ho dovuto leggerlo tutto d'un fiato!! Ed ho adorato i battibecchi tra Alex e Will!!;)

    RispondiElimina
  2. Anch'io avrei preferito che fosse approfondita la natura e la provenienza degli angeli e mi ha pesato un po' la ripetitività delle tenerezze tra i due protagonisti e dei problemi di auto-accettazione di lei. Per il resto il romanzo mi è piaciuto...finalmente un po' di cattiveria :-D

    RispondiElimina
  3. Mistaya, siamo come sempre in super sintonia! Anche io ho buone speranze per il seguito, sarebbe davvero un errore grossolano non esplorare di più l'argomento angelico.

    Emy, felice di non esser stata l'unica ad aver trovato stucchevoli ed esagerati i loro eccessi di affettività. Ammetto che nei punti in cui uno dei due pensava: "Oh com'è carino!" o "Caspita, è proprio bella", mi venivano delle crisi mistiche!

    RispondiElimina
  4. A me è piaciuto un sacco anche perchè se alla fine avesse svelato trroppo negli altri due libri cosa accadrà? Sinceramente secondo me l'autrice è stata molto brava perchè se una ragazza vera avesse scoperto qualcosa del genere avrebbe reagito proprio come willow, non volendo crederci e avendo paura non come in alcuni libri in cui qualcuno scopre di essere "diverso" ma lo accetta come se niente fosse, è normale che willow non ha accettao bene la realtà e vuole sfuggirne, dedicandosi magari al suo stupendo Alex!

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...