venerdì 9 dicembre 2016

Recensione "Io sono Buio" di Kiersten White

Lo aspettavo da tempo, ho fantasticato su di esso, ve ne ho parlato dal primo momento in cui mi sono imbattuta nella sua bellissima copertina e ora che è stato finalmente pubblicato in Italia non avrei potuto che leggerlo immediatamente e recensirlo al volo! Non temete, nessuno spoiler, solo i soliti vaneggiamenti di una lettrice conturbata.

Titolo: Io sono Buio (The conquerer saga #1)
Data di pubblicazione: 24 novembre
Autrice: Kiersten White
Editore: Fabbri 
Prezzo: 17,00 €
Pagine: 400




Una principessa non dovrebbe essere brutale. Ma Lada, figlia di Vlad Dracul, è diversa da ogni altra: affamata di potere fin da piccola, preferisce la lotta e i coltelli alle bambole. L’esatto contrario del fratello Radu, dolce, bellissimo e delicato come un bocciolo di rosa. Quando i due vengono lasciati in ostaggio dal padre, ancora bambini, al sultano dell’Impero Ottomano – prigionieri di un sovrano crudele e sottomessi a una cultura completamente diversa dalla propria – Lada inizia a progettare la sua spietata vendetta. Mentre la ragazza si prepara a combattere, il figlio del sultano Mehmed si mette tra lei e il fratello, spingendoli a diventare rivali.
E in questo triangolo avvelenato forze potenti tendono gli animi: desideri di riscatto, gelosie tremende e un’ambizione sfrenata. Avvolta in un vortice di passioni turbinose, Lada si troverà di fronte alla scelta più difficile: portare a termine il suo piano o arrendersi all’unico nemico che forse non è in grado di sconfiggere, l’amore.



La mia recensione

«Durante la nostra prima notte di nozze, ti taglierò la lingua e la mangerò. Così entrambe le lingue che hanno detto sì al nostro matrimonio apparterranno a me, e sarò sposata soltanto a me stessa.»

Dopo aver letto "Io sono buio" posso dire che si tratta sicuramente del libro che mi ha stupito di più in questo 2016. Ero convinta di sapere cosa aspettarmi e che mi sarei trovata al cospetto di un fantay YA a tema vampiresco, dalle ambientazioni storiche e con sullo sfondo un triangolo amoroso un tantino azzardato. Ed erano in ogni caso delle buone premesse a mio parere, talmente buone da far schizzare questo romanzo al primo posto della mia lista di letture. Ciò che ho trovato tra le pagine di questo libro, invece, mi ha del tutto lasciata senza parole. 
Prima di ogni cosa, non si tratta di un fantasy. Certo, c'è un elemento "fantastico" che aleggia sulla trama, trattandosi di una sorta di retelling in stile gender bender (ovvero a sessi inversi) di una storia piuttosto nota. Ma non ho trovato la magia e la mitologia che mi aspettavo, bensì una bellissima e suggestiva costruzione sia del periodo storico in cui la serie è ambientata (XIIIº XVIº secolo) che delle ambientazioni stesse: calde e speziate come solo il Medio Oriente sa essere, ma anche glaciali e furiose come è tipico della Transilvania. A proposito di Transilvania, un tempo conosciuta come Valacchia, ciò che mi ha stupito tantissimo è stato scoprire che "Io sono buio" fosse appunto il retelling della celebre storia di Vald Dracul, altrimenti detto Vlad L'Impalatore. Ovvero colui le cui leggende hanno ispirato il famoso Dracula di Bram Stocker. Nella versione della White, però, abbiamo una variazione sul tema piuttosto sconvolgente. Perché non è il feroce principe di Valacchia il protagonista, ma Leda L'Impalatrice: la figlia che Vlad non ha mai desiderato e che ha abbandonato assieme al fratellino Radu alla Corte Ottomana come pegno di pace
In ultimo a stupirmi c'è stata la carenza di romance, che in questo libro è appena accennato, per quando ben cadenzato, e fortunatamente privo di improbabili e peccaminosi triangoli amorosi.
Insomma, chi è alla ricerca di un buon romanzo storico, che sappia ammaliare, sconcertare e incatenare alle pagine offrendo insperati colpi di scena, potrebbe aver trovato pane per i propri denti!


Indossò la cotta di maglia e l’uniforme da giannizzero, tranne il copricapo. Lasciò i capelli sciolti, una matassa ingovernabile di riccioli in segno di sfida alle tradizioni militari e alla femminilità. Al fianco portava la spada, ai polsi i coltelli.La sua spina dorsale era d’acciaio. Il suo cuore era un’armatura. I suoi occhi erano fuoco.

Il romanzo segue la protagonista dalla sua nascita al compimento delle gesta che la scolpiranno nella memoria del mondo come "Lada l'impalatrice"In un tempo selvaggio, in cui avere una figlia femmina era considerata una maledizione, quando Lada viene alla luce è subito chiaro che dovrà combattere per la propria vita: il suo destino è quello di essere considerata una dote da offrire in cambio di pace. Crescendo Lada, che pur non provando particolare affetto per nessuno sembra essere alla continua ricerca di approvazione da parte dell'irraggiungibile Vlad, dimostra un'indole indomita e feroce. Non c'è nulla che la spaventi, al contrario di ciò che accade al giovane fratello Radu, cagionevole troppo debole per essere considerato il degno erede al trono di Valacchia. 
I due fratelli non potrebbero essere più diversi tra loro, eppure sono uniti da sentimenti agli antipodi: amore e invidia viaggiano sempre sugli stessi binari per loro, dando vita a un rapporto singolare che riserverà non poche sorprese. 
Una cosa però li accomuna, legandoli indissolubilmente ed è il rifiuto di un padre dal cuore di pietra, che li cede all'Impero Ottomano per garantire la pace al proprio regno. Una volta giunti nella loro nuova casa, le differenze che hanno sempre creato un divario tra lei e Radu diventano incolmabili.
Per Lada, indomita principessa guerriera incurante del lusso, della bellezza e dell'amore carnale, non c'è nulla di più forte del richiamo della propria terra natia, dove sembra aver lasciato la propria animaMentre per Radu, delicato principe dalla bellezza innegabile e dall'animo sensibile la corte straniera che li ha accolti non rappresenta un  prigione, bensì l'occasione di essere finalmente se stesso.
Sullo sfondo di ambientazioni da "Mille e una notte" vedremo Radu e Lada intraprendere percorsi diversi, uniti da un legame atavico e dalla presenza dell'erede al trono Ottomano, Mehmed: assieme alleato, amico, confidente dei due fratelli, ma anche misterioso pedone in una lotta di potere che riserverà non pochi colpi di scena. E vedremo scoccare la scintilla che cambierà per sempre il volto dell'Impero Ottomano, ma anche del regno di Valacchia, oltre che mutare definitivamente il cuore di Lada.


Colse una rosa e se la portò al viso. Odiava l’odore delle rose, la loro sciapa dolcezza. Avrebbe voluto un giardino di sempreverdi. Un giardino di pietre. Un giardino di spade


Ho davvero amato questo sorprendente romanzo che ha messo sottosopra ogni mia aspettativa. Nonostante infatti non sia stato nulla di ciò che speravo, né un fantasy (l'elemento fantastico è racchiuso nell'aver raccontato una versione alternativa di una storia realmente accaduta), né un romance, "Io sono buio" si è rivelato essere molto, molto di più. Perciò non potrei essere maggiormente soddisfatta.
"Io sono buio" è un romanzo complesso, che non lascia spazio a ripensamenti e offre una visione inedita eppure storicamente molto accurata di una serie di avvenimenti che si sono scolpiti nella memoria umana, ispirando figure leggendarie come quella di Dracula. Ma anche il vampiro più noto al mondo, però, dovrà fare spazio alla sete di sangue dell'inarrestabile Lada, le cui grandi gesta riecheggeranno nei secoli
Lasciatemelo dire: Lada è una vera badass. Né bella, né mite né misericordiosa, è distante anni luce dal prototipo della principessa a cui siamo abituati. Il suo personaggio sa creare stupore e meraviglia, oltre che incutere timore anche quando si abbandona a sentimentalismi. Eppure, nonostante questo suo essere selvaggia fino all'estremo, non appare mai esagerata o poco credibile. Le sue motivazioni sono forti, ben radicate e pervadono il lettore fino al midollo: non si può fare altro che tifare per lei, anche nei momenti più sanguinosi.
Nel mezzo di tutta questa ferocia, però, troviamo Radu, che pur essendo cedevole a sentimenti che Lada non conosce, possiede una forza d'altra natura. La forza che risiede nella fiamma della passione e nel potere della persuasione. Pur avendo una personalità più mutevole della sorella, sa lottare per quello che ama, anche a rischio di mettere tutto in predicato. Unico personaggio rimasto un po' nell'ombra? Mehmed. Il conturbante, calcolatore e misterioso erede al trono Ottomano, che ruba un pezzo di cuore a Radu e uno a Lada. Per quanto sappia essere seduttore e convincente, ho ancora bisogno di tempo per fidarmi davvero di lui.
"Io sono buio" è un libro speciale. Diverso a tutti quelli che appartengono al genere YA: violento, brutale, deliziosamente oscuro, storicamente accurato! Il preludio di una saga che promette scintille!





Verdetto: oscuro e indimenticabile


Livello sensualità: baci e qualche brivido


La "The conquerer's saga" è composta così:

(The Conquerer's Saga, #1) "Io sono buio
(The Conquerer's Saga, #2) "Now I Rise" (inedito in Italia)
(The Conquerer's Saga, #3) Ancora senza titolo

34 commenti:

  1. La tua recensione è bellissima! Ho già letto questa meraviglia qualche giorno fa e non vedo l'ora che esca il seguito...Ho trovato Lada e Radu splendidamente complementari, insieme sono una forza della natura.. non ho ancora capito cosa pensare di Mehmed

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, sei davvero un tesoro! Penso anche io che Radu e Lada siano favolosi assieme. Mehmed è un vero mistero e vorrei pensare che si comporterà bene, ma non riesco a fidarmi totalmente...

      Elimina
  2. Non avevo ancora letto la trama di questo libro ma grazie a te l'ho fatto, leggendo inoltre una recensione bellissima❤️Grazie a te ora lo leggerò sicuramente perché promette bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao bella, sono felice che la mia recensione ti abbia fatto conoscere meglio questo libro che merita davvero 😊

      Elimina
  3. Bellissima recensione che mi ha tolto dei dubbi, sono davvero curiosa di leggere questa serie! Ciaooo ^^

    RispondiElimina
  4. Come sempre una recensione favolosa *-* Questo libro DEVO leggerlo!

    RispondiElimina
  5. 5 stelle? a beh, allora ne vale la pena!

    RispondiElimina
  6. 😍😍😍 il top ! Mi ha colpito il fatto che non ha la solita trama. È entusiasmante come lo sono le tue parole. Mi hai messo i brividi leggendo la tua recensione. Mi piace ❤

    RispondiElimina
  7. Ero già curiosa prima ma con questa recensione lo sono diventata ancora di più! Non vedo l'ora di leggerlo!!

    RispondiElimina
  8. Ciao Glinda :*
    Woooooow mi ero fatta un'idea completamente diversa su questo libro e già mi piaceva, figurati adesso dopo aver letto la recensione ^_^ Lo vogliooo!!!!

    RispondiElimina
  9. Glinda complimenti x la tua recensione 😀
    Una storia particolare, diversa dalle tante storie di vampiri che io purtroppo non amo tanto ma da come l'hai descritta mi è venuta una voglia irrefrenabile di leggerlo grazie😉

    RispondiElimina
  10. Ottima recensione *___* Sono rimasta molto colpita da questo romanzo fin da quando ho visto la copertina, davvero bellissima! Ma soprattutto è il fatto che sia un retelling ad affascinarmi, insieme all'ambientazione! Sono curiosissima di leggerlo, soprattutto dopo un'opinione tanto entusiasta come la tua!

    RispondiElimina
  11. E' la prima volta che leggo di questo libro, generalmente non sono interessata a libri di genere storico ma questo mi incuriosisce molto, per non parlare di Lada poi, sono curiosa di "conoscere" questa principessa lontana dagli schemi.

    RispondiElimina
  12. Bellissima recensione! Il libro mi ha incuriosito subito e la cover mi ha letteralmente conquistata, essendo una fan di Dracula (ho riletto il libro di Bram Stoker più volte) non posso non fiondarmi in questa nuova trilogia. Unica pecca è che mi trovo davanti l'ennesima serie di libri, le serie fantasy stanno invadendo il mondo dei libri!

    RispondiElimina
  13. Ciao e complimenti per la recensione :)!! Avevo giá adocchiato questo libro perchè da buona amante di dracula non potevo farne a meno ma devo dire che la copertina anche è splendida.All'inizio però non ero completamente sicura di volerlo iniziare perchè avevo paura potesse essere la solita storia banale che giá troppe volte si è vista in giro ma vedendo con quanto entusiasmo hai parlato mi hai convinto da morire! 😊

    RispondiElimina
  14. Oddio sembra proprio meraviglioso *_*
    Anch'io pensavo fosse un fantasy, ma ti dirò..nonostante non lo sia, continua a intrigarmi! Sono molto curiosa *___*

    RispondiElimina
  15. Io amo il mondo dei vampiri e la protagonista sembra proprio uno di quei personaggi che non possono non piacerti!

    RispondiElimina
  16. Il romanzo di Bram Stoker è forse il mio Classico preferito, perciò avevo approfondito bene la storia di Vlad Tepes, e sono felicissima di aver letto questa recensione perché non posso perdere questo retelling!
    Grazie per averlo messo in palio al GA, altrimenti non l'avrei mai preso in considerazione, non conoscendone la trama!!

    RispondiElimina
  17. La trilogia Paranormalcy l'ho trovata molto carina, ma sembra lontana anni luce da questo nuovo romanzo di Kiersten White. A giudicare dalla tua bella e super-positiva recensione, il cambio di genere ha giovato molto al potenziale dell'autrice, che ha dato vita ad un retelling troppo accattivante per lasciarmelo sfuggire :)

    RispondiElimina
  18. Effettivamente non é il solito ya fantasy,anzi davvero non saprei cosa aspettarmi da una lettura simile,ciò mi incuriosisce molto,soprattutto quando si è in cerca di qualcosa di veramente diverso,quando l'originalità scarseggia

    RispondiElimina
  19. Effettivamente non é il solito ya fantasy,anzi davvero non saprei cosa aspettarmi da una lettura simile,ciò mi incuriosisce molto,soprattutto quando si è in cerca di qualcosa di veramente diverso,quando l'originalità scarseggia

    RispondiElimina
  20. Il fatto che il romance sia quasi assente mi ispira. Anche in The Queen of the Tearling è quasi assente e pensavo di sentirne la mancanca, invece non è stato così. Mi ispira tantissimo, anche perché voglio recuperare un po' di retelling. Spero non mi deluda.

    RispondiElimina
  21. Non ho idea del perchè avessi snobbato questo libro finora: sembra stupendo! Mi intriga tantissimo il fatto che non sia il solito fantasy young adult e la protagonista si discosti proprio dal genere. Poi adoro quando le ambientazioni e la parte storica sono ben curate, la tua recensione mi ha decisamente convinto!

    RispondiElimina
  22. Sono sempre più curiosa di leggere questo romanzo, il fatto che sia un retelling della storia di Vlad l'impalatore, poi, mi intriga parecchio! xD

    RispondiElimina
  23. Ciao, Glinda! Leggendo la tua recensione ho compreso finalmente di non aver capito nulla di questo libro, sinceramente mi aspettavo tutt'altro e ora sono ancora più entusiasta di leggerlo =)

    RispondiElimina
  24. Oh che bella recensione 💕
    Gli hai dato un punteggio pieno, questo non può che significare una cosa sola, devo leggerlo al più presto, trama avvincente... Promette davvero bene :)
    Mi piace anche l'idea di una principessa diversa dal solito :)

    RispondiElimina
  25. Wow, anch'io effettivamente mi aspettavo quello che ti aspettavi tu, e scoprire che non è così in un certo senso mi rende ancora più curiosa.

    RispondiElimina
  26. Non è un libro che di solito prenderei in considerazione, ma visto che nell'ultimo periodo sto rivalutando tante cose che non mi piacevano voglio provare a dargli una possibilità. Complimenti per la recensione mi hai incuriosito parecchio, sopratutto per Lada una protagonista così diversa dal solito, basta con le principesse buone e indifese.

    RispondiElimina
  27. Che bellissimo libro *_* Più leggo recensioni, più sono determinato a leggerlo. Mi piace tantissimo Lada, il suo personaggio ha un non so che di familiare.

    RispondiElimina
  28. è una saga di romanzi autoconclusivi?

    RispondiElimina
  29. Ciao! La tua recensione mi è piaciuta un sacco! Non leggo libri sui vampiri da molto tempo (l'ultimo promessi vampiri che mi è piaciuto veramente molto). La trama sembra interessante, direi finalmente qualcosa di diverso con una principessa diversa dal solito e un'intreccio narrativo accattivante direi. Leggerò al più presto questo libro, soprattutto perchè è un retelling della storia di Vlad, personaggio storico che adoro e apprezzo leggervi le storie incentrate su di esso.
    Spero il libro non mi deluda, ma non penso accadrà :D

    RispondiElimina
  30. la tua recensione e stupenda cm sempre..mi ha fatto sognare in poke righe cn qst vuol dire ke leggero sicuramente qst libro..ero scettica..ispirata solo da una bellissima copertina..ma tu mi hai dato quello k mi mancava x confermare la mia scelta...ebbene sia..sara la mia prox lettura..grazie sempre..cn il <3 ....

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...