mercoledì 25 dicembre 2013

Buon Natale e chiacchiere deliranti




Sognalettori, questo è un post che scrivo per augurarvi un buon Natale e confessarvi miei oscuri segreti! E' da tre anni, ormai, che mi sveglio la mattina del venticinque dicembre con la voglia di abbracciare la mia famiglia virtuale. Perciò, ecco, prendete i miei abbracci e i miei baci volanti!
E' bene che, dopo tutto questo tempo trascorso in vostra compagnia, vi dica la verità: non sono una grande amante del Natale. L'intera faccenda dei regali e del cibo da preparare, dei parenti che ti affollano le giornate e delle convenzioni sociali, mi mette sempre di pessimo umore, facendomi reagire un po' in stile "Fuga dal Natale" (che è tra l'altro il mio film natalizio preferito). La verità, però, non è che io detesti il Natale. no. In realtà lo amo troppo, al punto da idealizzarlo. Insomma, quello che vorrei vivere è un Natale stile Disney, con regali costosi per cui nessuno ha speso soldi e cene che si preparano da sole, con facce amiche tutte sorridenti, bambini che non fanno i capricci e camini che scoppiettano. 

Ora, è necessario che vi dica che il mio Natale non somiglia mai a quello che ho appena descritto? Da bambina, di solito, subivo una sorta di fascino perverso per questa festività: la temevo e la bramavo. La temevo perché succedevano sempre cose orribili in quei giorni, cose di cui preferirei non avere memoria oggi. La bramavo per i regali.
Poi sono cresciuta, ho chiuso fuori dalla mia vita le persone che mi incutevano timore da bambina e ho imparato a comprendere perché gli adulti non sembrano mai felici a Natale. Quando non devi semplicemente sederti a tavola e scartare i regali che gli altri ti hanno comprato, infatti, questo gaudio gaudio giorno si trasforma in un concentrato di pura disperazione.
Vi basti sapere che ho trascorso la mia ultima vigilia a pulire, infarinare e friggere tutto il pesce del Mediterraneo, a cucinare pietanze elaborate che sono poi state trangugiate senza nemmeno un applauso per la cuoca e a cuocere cibo che mi sarebbe servito poi oggi. Il tutto desiderando di gettarmi assieme alle seppie in quel mare di olio dorato che rimestavo con devozione. 
Ma non finisce qui. Ecco, io sono una persona davvero poco tollerate riguardo alle pubbliche esternazioni della propria religiosità. Eppure, per la mia immensa gioia, finisco sempre col trovarmi coinvolta in una piccola cerimonia in cui i più piccoli mettono la statua del Bambinello nella mangiatoia, recitando delle preghierine molto tenere (durante le quali di solito io mi strappo tutti i capelli e provo a impiccarmi al lampadario). 

Perché vi sto raccontando tutto questo? Non lo so. Forse perché ho bisogno di condividere la mia frustrazione natalizia con le mie persone preferite (sì, siete voi), forse perché sto semplicemente impazzendo a causa delle esalazioni di olio fritto. O, forse, perché sotto sotto spero che anche voi mi raccontiate dei vostri Natali ideali e di quelli reali, per trovare conforto nella consapevolezza di non essere l'unica che si stranisce all'idea di trascorrere giornate intere a compiacere persone che solitamente si eviterebbero!
Sinceramente prefererirei di gran lunga trascorrere il Natale a Disneyland. Ecco, questo è il mio desiderio per l'anno prossimo. E state attenti: il primo che mi chiede cosa faccio a Capodanno sarà frustato nella Stanza Rossa delle Torture. 

Bene. Ho sproloquiato, ho divagato e ora mi getto nell'ennesimo pranzo di Natale in famiglia! Non potete vedermi, ma ho in mano del cloroformio, in caso dovessi aver bisogno di staccare un attimo la spina.
Spero che possiate aprire tanti regali, ricevere e donare tanti sorrisi e trascorrere momenti felici. Godete di ogni goccia di gioia e fatene scorta: non si sa mai quando potrà tornare utile!

Auguri dalla vostra super cinica Glinda!

30 commenti:

  1. Bukn Natale! !! Ti capisco benissimo, il Natale è una festa magnifica che potra con se un altalenarsi di sentimenti quando si diventa " grandi". Volevi sapere quale sarebbe il mio natale perfetto? Eccoti accontentata: ho semprr sognato di passare il natale in una casa in montagna con fuori tanta tanta tanta tanta neve la mia famiglia e le persone più care moltissimi regali e ovviamente il pranzo già pronto perché è dalle6.30 di stamano che aiuto a preparare le lasagne e non ne posso più e devo sempre fare i dolci!
    Comunque Auguriiii

    RispondiElimina
  2. Buon Natale Glinda! :D
    La mia giornata è iniziata con una bella tazza di cioccolata calda e una brioche, è quasi una tradizione che condivido con i miei genitori e con gli zii! Ora però inizia il panico per i preparativi del pranzo, in tutta onestà sono un po' spaventata... spero di non essere ancora seduta a tavola quando tramonterà il sole (che sole poi? c'è una nebbia pazzesca)!!
    In compenso non vedo l'ora di vedere la felicità nel viso di mio nipote quando scarterà i regali! Gli ho pure organizzato una piccola caccia al tesoro, inizialmente troverà solo i pacchetti che contengono cose da vestire e poi, sperando che non metta a soqquadro la casa, dovrà cercare quelli contenenti i giochi! :P

    RispondiElimina
  3. Buon Natale a te, cara Glinda! Un post davvero sentito e bello. Che dire? Posso comprenderti pienamente. Il Natale lo attendiamo un po' tutti e, lo ammetto, addolcisce anche me, alla fin fine, ma davanti ai soliti sprechi e alle solite (e fasulle) esternazioni d'affetto mi sale irrimediabilmente la "violenza". Per fortuna, pranzi e cene con i miei simpatici parenti sono rimandati al primo dell'anno: ho ancora una settimana per prepararmi mentalmente al peggio, e al solito menù di nonna, e ai soliti discorsi filosofici e rigorosamente in dialetto dei miei zii, e agli strepitii di mio fratello che, dopo una serata fuori con gli amici, non vorrà svegliarsi presto, mettersi in macchina e degnarci della sua santa presenza. A questo punto, me ne stato all'università, no? Almeno studiavo pure :P
    Io, qualche giorno fa, mi sono regalato la Limited Edition di "Noi siamo infiniti". E' amore incondizionato.
    Un abbraccio, M.

    RispondiElimina
  4. Tantissimi auguri di Buon Natale anche a te! Condivido la tua frustrazione, il prossimo Natale tutti a Disneyland! :D

    RispondiElimina
  5. Natale? A perché è Natale oggi??? Beh sono andata a letto alle 3 leggendo un bel libro e ora sono a letto e continuo a leggere....unico giorno di vacanza, domani si torna al lavoro, e faccio la cosa che più mi piace! LEGGERE!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Buon Natale Glinda! Ti sono vicina :) Io il Natale lo passo con i miei genitori e mio fratello.. una giornata come un'altra più o meno solo che ci siamo abbuffati. Domani tutti dalla nonna a giocare a tombola! Una cosa semplice solo per stare insieme.
    Ma un Natale a Disneyland non lo disdegno per cui se l'anno prosimo vuoi organizzare conta pure su di me XD

    RispondiElimina
  7. Glinda ti capisco benissimo. Da che ricordi, non ho mai amato questo periodo, certo ero felice dei regali ma tutto sto entusiasmo prefesta a me dava e da sempre i nervi. Perfortuna c'è chi mi mette il sorriso sulle labbra anche in questi giorni. Io ti auguro che ci sia sempre una persona nella tua vita che ti faccia dimenticare tutti i problemi e che ti faccia sorridere sempre e comunque. Auguri a tutte!!!

    RispondiElimina
  8. Oh, inizio a comprendere perché per gli adulti il Natale non sia così grandioso come appare ai piccini. Mia madre mi fa impazzire tutte le volte che abbiamo gente in casa, esaspera me e mio padre che ci ritroviamo a urlare dietro di lei cercando di calmarla. Ah, beh, cucinare è dura, e mia madre domani vuole fare la pasta al forno, il che significa stress dalle otto di mattina perché dovrà farne di quattro tipi diverso, dalla più semplice alla più complicata. In più, nemmeno qui i parenti ringraziano o dicono alcun che, se non la mia religiosissima zia e le sua preghiere pre-pranzo-e-cena. Ma, ecco, non conta, perché quando vengono qui sono tutti con la testa fra le nuvole a fare i loro comodi e i miei cugini piccoli distruggono casa senza che i rispettivi genitori li fermi.
    In poche parole, un inferno.
    Perché, allora, mi piace tanto il Natale?
    Idealizzato, nel mio mondo ideale, in Natale è quello in cui, sola, passeggio per le strade piene di neve, illuminatissime come nei film americani, affiancando negozi a festa, la gente che parla e ride e litiga e compra regali percorrendo velocemente le strade affollate; sono circondata da una festa il cui spirito esalta e rende euforica anche me, ma mi godo quest'euforia dentro, nel cuore, in silenzio, con un sorriso stampato sul viso.
    Poi la passo con le persone con cui sto bene, quelle che mi fanno ridere e con cui posso delirare in piena tranquillità, sapendo che la nostra prossima fermata non sarà il manicomio, ma strade innevate e luci dappertutto.
    Ecco, nella mia testa funziona più o meno così. Al massimo, mi bastano pigiama, coperte, borsa dell'acqua calda se c'è molto freddo, una lampada e un bel libro. Il mio Natale è molto molto semplice :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Presa com'ero dallo scrivere ho dimenticato la cosa più importante!
      Spero che, nonostante tutto, noi e i bellissimi libri di cui ci circondiamo ti aiutino a superare questo periodo con un sorriso :)
      Un bacio!

      Elimina
  9. Nonostante lo stress dei regali che non sembrano mai quelli giusti, il pulire e cucinade con crisi isteriche di mia madre perché poi ognuno ha gusti diversi ed è necessario preparare diversi menù, io adoro il natale, le presepe, le luci e vedere la gioia negli occhi delle persone che apprezzano i tuoi regali! Quindi ti auguro di conservare sempre e comunque in un angolino del tuo cuore la gioia e la meraviglia del natale! Se vuoi poi parliamo el capodanno che io passo vicino al caminetto con un film e un libro!

    RispondiElimina
  10. Buon Natale Glinda!
    Il mio Natale è sempre molto semplice, per quanto mi farebbe piacere stare a casa con il gatto accoccolato sulla pancia, normalmente sto con la mia famiglia al circolo di tennis e questo, nonostante non ci sia nessun cliente a Natale... boh il resto della mia famiglia non ama la nostra casa, evidentemente, sono l'unica che, almeno a Natale se ne starebbe volentieri a casuccia...
    Comunque tutto bene lo stesso, un pò di ravioli e un pezzo di pandoro e tanti regali ^^

    RispondiElimina
  11. Buon Natale anche a te, Glinda!
    Non ti preoccupare, anche per me è la stessa cosa. Idealizzo il Natale a un punto tale che la delusione è inevitabile, ma purtroppo non riesco a fare altrimenti. Ogni anno immagino questa festività come il momento delle canzoncine gioiose, come un momento di calore e spensieratezza e ogni anno ricevo sempre la solita batosta. Non imparo mai.
    Per non parlare del Capodanno! Ecco un'altra cosa che non sopporto. Per me la notte a cavallo tra il 31 dicembre e il primo gennaio è esattamente un momento come un altro. Mi capita spesso di essere sveglia a mezzanotte, eppure non faccio sempre tutti questi festeggiamenti (ovviamente questa ultima frase era ironica, ma un fondo di verità c'è).
    Nonostante tutto, spero che possiate passare tutti un felice Natale, compresa tu, Glinda!

    RispondiElimina
  12. Come ti capisco! Tutti diciamo di amare il Natale, ma a parer mio è soltanto per i regali (io in primis) .
    un tempo l'amavo di di più. Oggi sembra la solita domenica noiosa.

    RispondiElimina
  13. Ciao Glinda e auguri anche se in ritardo. A me il giorno di Natale piace perchè pranziamo da mia nonna con i miei zii che vedo solo alle feste e che adoro perchè sono giovani e divertenti e perchè vengo sommersa dai regali. La cosa che odio invece è il periodo che precede questa festa, perchè lavoro in un negozio e quindi ogni anno sono 24giorni di lavoro senza sosta e con misere ricompense a sentire i vedere i tuoi titolari che sembrano la rappresentazione perfetta di mister Scrooge del canto di Natale, senza redenzione però.

    RispondiElimina
  14. Meno male che ho letto questo post il giorno di Santo Stefano.. Ognuno naturalmente la pensa come vuole, ma per me il natale (come del resto quest'anno) non è "ricevere regali". Ieri è stata una giornata meravigliosa solo solo perchè pur essendomi alzata all'alba per preparare antipasti e dolci mi sono divertita perchè a suon di buone minacce ho fatto lavorare anche i miei pigri fratelli. Magari non mi hanno dedicato una statua o fatto un applauso, ma solo il sorriso dei parenti che mangiavano le mie uova e le tartine mi ha fatto sentire soddisfatta del mio lavoro!
    Magari le famiglie "reali" non sono quelle dei film, ma anni e anni di commedie e american movie mi hanno insegnato che nessuno ha parenti privi di difetti. Ti faccio lo stesso tanti auguri e ti dico che ti adoro comunque, anche se sei un pó cinica ;)

    RispondiElimina
  15. Ciao Glinda!!!Tanti auguri di buone feste anke a te!!!Ti confesso ke sino a qlke anno fa condividevo la tua opinione sul Natale anke io...una festa legata al consumismo,alla nervrosi di gruppo e allo stress più sfrenato!!!X nn parlare della sensazione si pienezza gastrica dovuta all'inutile abbondanza di cibo...tremendo!!!!Solo quest'anno ke è nato da 6mesi il mio bimbo ho riscoxto la bellezza di questa festa e della magia ke la lega!!!Sxo tnt ke in futuro ti possa rinnamorare anke tu del Natale!!!Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  16. buon Natale e complimenti per il tuo libro.....bellissima lettura. Mi è piaciuto molto.

    RispondiElimina
  17. In effetti ieri è stata una giornata piuttosto stressante trascorsa tra preparativi, parenti e tanta pioggia (fastidiosissima, soprattutto se ci si deve spostare da una casa all'altra strapieni di borse stracolme di cibo e regali) . Per fortuna oggi ho passato un Santo Stefano piuttosto tranquillo anche se bagnato, ma quando si è al calduccio e con un libro in mano la pioggia è decisamente più gradevole ^_^
    Auguri di buone feste a tutti! :)

    RispondiElimina
  18. Il Natale era bello quando ero bambina, quando ancora io e mia sorella vivevamo sotto lo stesso tetto con i nostri genitori.
    Di solito il 24 si andava da mia nonna e si mangiava la pizza, mentre poi il 25 mattina io e la mia famiglia nella nostra intimità ci scambiavamo i regali.
    Ora tutto questo non c'è più, siamo cresciuti, ognuno ha la propria famiglia...
    Non vedo più ogni natale la mia famiglia, perchè mia sorella si è trasferita al nord per lavoro e dopo la nascita delle nipotine i miei genitori l'hanno seguita.
    Oggi la maggior parte delle volte festeggio il natale con la mia famiglia acquisita, quella del mio compagno/futuro marito... ma non è la stessa cosa....
    A volte vorrei tornare bambina, quando con mia sorella l'8 Dicembre addobbavamo l'albero, ogni anno con un tema diverso :D
    Che bei momenti, meglio non ricordarli, già una lacrimuccia mi è scesa... io sono una sentimentalona (come dice qualcuno)...
    Buon Natale Glinda <3

    RispondiElimina
  19. Arrivo in ritardo ma ero ahimè senza internet....
    Io aspetto il Natale con molta ansia anche se la sera son sempre tristissima perchè è passato troppo in fretta...
    Quest'anno non l'ho sentito molto...anzi..quasi per niente!! In ogni caso è una bella occasione per passare la giornata in compagnia delle persone cui si vuole bene :D
    Auguri a tutte anche se in super ritardo!! Baci :)

    RispondiElimina
  20. Cara Glinda,
    ti capisco, una volta le mie feste erano piene di parenti, di sorrisi , di giocate a carte, di conversazioni... ma poi ho scoperto la verità, era tutta un' illusione.Se basta l'assenza di una persona per trasformare i legami affettivi e il vivere il Natale...bhè allora quella era solo ipocrisia.Il mio Natale l'ho trascorso con mia madre, mia sorella , il mio cagnolino Alex (maltese bianco, quando si sporca è bianco nero!XD) , il compagno di mia madre (no comment -_-) accoccolati sul divano, avvolti da plaid a guardare un film!La cosa più bella è stato il regalo di Natale, un bellissimo kobo aura nero!Finalmente...!!!!!! Babbo natale però ha fatto il regalo più bello.. i miei mal di testa costanti stanno diminuendo dopo le 24 infiltrazioni in testa di tossina botulinica, forse ora potrò riprendere a leggere al mio vecchio ritmo!!!^_____^ Speriamo vada sempre meglio!! Un grosso bacio a tutti... e Buone feste!!!!!!<3

    RispondiElimina
  21. Scusa se te lo dico ma se dopo tutto quello che hai fatto, pulito e cucinato, nessuno si è degnato di farti non uno, ma cento complimenti, allora sì, è meglio andare a Disneyland!
    I o e la mia famiglia quest'anno siamo andati a mangiare fuori proprio per non stressarci inutilmente, ma un applauso al cuoco, un carinissimo ragazzo di 22 anni marchigiano, non è mancato. Le soddisfazioni è bello prendersele, ma anche darle.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  22. Buon Natale!!Anche se con un po' di ritardo...
    Chissà perché il mio Natale ideale lo immagino collegato al freddo, con tanta tanta neve e quel profumo d'inverno e di pulito nei polmoni

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...