martedì 16 ottobre 2012

Teaster Tuesday #51

 
Torna dopo una pausetta il caro appuntamento con Teaser Tuesdays ideato dal blog Should be Reading, che posto ogni martedì.
Le regole sono semplicissime e tutti possono partecipare e condividere con i propri teaser! 
 
Ecco le regoline!

  • Prendi il libro che stai leggendo;
  • Aprilo in una pagina a caso;
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina ("Teaser")
  • Attento a non fare spoiler!!
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano; aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.

Andiamo un po' a vedere cosa ho scovato io oggi! 
Da Kayla 6982
(che ho finito oggi)



<<Il primo giorno, quando hai capito che avresti dovuto toccare Pitamah e ti sei spaventata. non hai mai detto perché.>>
Le guance di lei avvamparono. <<Era per via di una cosa che le nutrici sono solite dire ai bambini NGM perché non tocchino un Puro neanche per sbaglio.>>
<<Cos'è che dicono?>> 
Kayla accennò un mezzo sorriso, sentendosi stupida. <<Che se vi tocchiamo la nostra pelle avvizzisce e cade.>>
Devak trattenne una risata; Kayla lo vide sforzarsi di farlo. <<Perché?>>
<<Si dice che quando gli ingenieri genetici crearono gli NGM si assicurarono che non fossero immuni a una sostanza chimica molto particolare, che solo la pelle dei Puri produce. Ecco perché i medici e i gendarmi usano sempre i guanti, ci dicevano i nostri genitori, per non infettarci.>>


Pagina 253
 
 
 
Che ne dite?
 
Sotto con i vostri teaser!

21 commenti:

  1. Tratto da "il Cavaliere d'inverno" pag 541


    "Scrivimi", disse Alexander, "fammi sapere come stai. Almeno non starò in pensiero."
    "Va bene" Con le braccia strette sullo stomaco, Tatiana aggiunse "Scrivimi anche tu."
    Giunsero sulla strada; il sole splendeva alto nel cielo, l'odore dei pini era inebriante e il bosco era immerso nel silenzio. Per un attimo restarono l'una di fronte all'altro senza alzare lo sguardo da terra, Tatiana col suo vestito giallo e i piedi nudi, Alexander in uniforme ; il fucile in spalla.
    Lei sollevò una mano e l'appoggiò sul petto di lui, sul cuore. "Devi vivere per me, capito soldato?" Le lacrime le scorrevano sul volto.

    Glindaaaaaa l'ho finito oggi ed è stata una delle letture più appassionanti, coinvolgenti e totalizzanti che abbia mai fatto, ne ho divorato le parole come un assetato e oggi che l'ho finito mi sento un po' svuotata, devo andare a comprare assolutamente il seguito!! Grazie ancora per averlo recensito e quindi avermelo fatto scoprire *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho dimenticato di dire l'autore -.- *me sbadata* Questo capolavoro è di Paullina Simons (anche se dopo la tua recensione tutti l'avranno comprato xD)

      Elimina
    2. Oh Giovanna, SAPEVO che lo avresti amato! NE. ERO. CERTISSIMA.

      Sono felice che sia stata la mia recensione a spingerti a comprarlo e so che ti senti svuotata, distrutta e triste dopo il finale di questo romanzo. Io le lacrime me le sono bevute, però ne è valsa la pena! Anche io sto leggendo il secondo (un po' lentamente perché ho taaante letture arretrate) e dalla regia mi dicono che il finale di questo è altrettanto straziante!

      Elimina
    3. Cosa cosa *ho le lacrime agli occhi*, guarda chi mi sta accanto ha potuto assistere alle mie crisi durante questo libro mio fratello per non sopportarmi più si è offerto di comprarmi il seguito (yeah *_*) Spero di leggerlo appena possibile anche se ora devo immergermi in PTL (sempre grazie alla tua recensione. Mi hai illuminato d'immenso con le tue recensioni Glinda veramente!!) ed essendo in lingua ci metterò di più ma non demordo. Comunque spero di poter leggere Tatiana e Alexander al più presto così da poterti dire cosa ne penso (anche se già immagino :) )

      Elimina
  2. Siiii che bello hai finito Kayla!!!! Non vedo l'ora di leggere la recensione a me è piaciuto tanto!!!! Ecco il mio teaser:
    da Starters di Lissa Price(finito ieri)
    pagina 67:
    "Hmmm?" Madison incrociò le braccia al petto. "Oh,è carino,questo si. Ma ho parlato con lui prima. Un adolescente vero,dentro e fuori."
    Non ero molto brava a individuarli. Voltò la testa e guardò dritto verso di noi.
    "Ci sono parecchi veri adolescenti qui",continuò Madison."Li riconosci perché i loro nonni provincialotti non gli permettono di farsi fare nessun lavoretto."
    "Lavoretto?"
    Non è lunghissimo ma spero vada bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che va bene! E' perfetto e molto carino. Non vedo l'ora di mettere le grinfie su Starters, ghghg! Domani invece recensisco Kayla, che mi è molto piaciuto!

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Da "La stella nera di new york" di Libba Bray pagina 365:

    Evie stava sognando. Nell'insolita logica circolare dei sogni, lei era seduta sulla vecchia altalena di legno. dietro la casa di famiglia in Ohio, mentre James la spingeva. Evie avvertiva il bisogno disperato di guardarsi le spalle, per essere sicura che lui fosse lì, e per sussurrargli un avvertimento, ma l'altalena saliva sempre più in alto, e lei non poteva fare altro che tenersi stretta. Alla quarta spinta arrivò talmente in alto che il ciondolo le volò via dal collo. Evie allungò una mano per afferrarlo e cadde giù, giù, giù in una morbida eternità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Okay, amo questo teaser. E' stupendo, stupendissimo. Ti sta piacendo il libro? Io non vedo l'ora di leggerlo *_*

      Elimina
    2. Ci sono delle parti sui personaggi minori che sono un pò lente, ma non appena ci si mette di mezzo la protagonista Evie, le cose si fanno mooolto interessanti, è un personaggio particolare, molto frizzante, con una storia dietro che l'ha resa così, comunque sia a me sta piacendo moltissimo, la mia recensione per ora sarà molto positiva, spero non si perda nel finale ^^

      Elimina
  6. <> Woody si chinò e la baciò, grato che il rapinatore non l'avesse colpito alla bocca. Dalla reazione immediata di Georgia capì che anche lei desiderava la stessa cosa. Quando Woody le esplorò la bocca dalle labbra piene e morbide con la lingua, avvertì un vago sapore di cioccolato. Non andava matto per i dolci, ma avrebbe potuto diventare dipendente dalla vaniglia à la Georgia. Fu travolto da un ondata di calore e provò il bisogno di averla ancora più vicina.
    "Una particolare specie di tentazione" di Savanna Fox pag 210

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi rendo conto che questa parte è adatta ad u'altra splendida rubrica, "Words of love", ma l'ho trovato solo ora che ho aperto il libro a caso :P!

      Elimina
    2. Ahaha, bel teaser, MOOOOLTO da Words of Love! Direi che, visto il libro che stai leggendo, anche per quella rubrica portai trovare un estratto tutto pepe da farci assaggiare :D

      Elimina
  7. è davvero carinissimo. Chissà perchè ho sempre pensato che fosse uno stronzetto arrogante. Questa è la riprova di quanto possa essere ingannevole l'immagine che abbiamo degli altri. Lui è premuroso, gentile, educato, sembra interessarsi per davvero a me. Mi dice che sono bellissima e mi fa un sorriso imabrazzato.

    Da Proibito, di t Suzuma, p 142. Lo sto finendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh mamma mia, stai leggendo Proibito? *EMOZIONE* Non è stupendo? Straziante? Indimenticabile?

      Elimina
  8. Vide un uomo muscoloso e dalle spalle ampie. Indossava jeans scoloriti e una giacca di pelle nera che gli calzava alla perfezione. Era circondato da un bagliore di luce o forse proveniva proprio da lui,fasci argentei di luna splendente che si aprivano a ventaglio tutt'attorno,scintillanti,trasparenti,vorticavano e mulinavano ... Per qualche motivo la visione sembrava familiare. Il suo viso era perfetto,da rivista patinata,ma allo stesso tempo spietatamente crudele mentre fissava l'essere che la perseguitava.

    Il bacio del demone di Eve Silver pag.36

    RispondiElimina
  9. "Spingimi giù da questo ponte Bones e ti scorderai di avere una moglie!"
    Lui increspò le labbra in modo che si capiva che non era preoccupato. "Vorrà dire che dovrò lavorare di più per farti cambiare idea e sai quanto mi piace il mio lavoro. Ora smetti di temporeggiare. Se fra cinque minuti sarai ancora lassù, ti butterò di sotto."
    Allentai adagio la presa sulla trave. Avrebbe fatto esattamente come diceva e, conoscendolo, aveva già iniziato il conto alla rovescia. Sebbene il buon senso mi dicesse che aveva ragione sui motivi per cui dovevo imparare a volare - inoltre era vero: saltare non mi avrebbe ucciso nemmeno se fossi finita di pancia nel Mississipi - lo maledissi lo stesso mentre mi allontanavo lentamente dalla trave. "Spregevole succhiasangue, spietato manipolatore..."
    Mi giunse una risatina. "Siamo già ai nomignoli?"

    Sussurri nella notte di Jeaniene Frost, pag.98

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Awwww Bones e Cat *__* muoio....
      Lo sto leggendo anch'io ma ancora non sono arrivata a questa scena :D

      Elimina
  10. Ciao! Volevo comunicarti che hai vinto il premio Dardos! Per vedere di che si tratta guarda qui : http://leggerefantasy.blogspot.it/2012/10/il-mercatino-dei-libri-fantasy-riceve.html

    RispondiElimina
  11. Non ho il libro a portata di mano!

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...