giovedì 18 ottobre 2012

Recensione, Kayla 6982 di Karen Sandler

L'ho atteso senza troppo entusiasmo e l'ho letto senza crearmi delle aspettative troppo alte. Risultato? Kayla 6882 è stata una piacevole sopresa. Romanzo per giovani adulti che può appassionare lettori di ogni età, primo di una promettente trilogia distopica e sci-fi con un tocco di intenso romance, questa è senza dubbio una lettura che consiglio agli amanti del genere!

Data di uscita: 12 Settembre 2012
Tradotto da: Sara Reggiani
Titolo originale: Tank Born
Autrice: Karen Sandler
Titolo: Kayla 6982
Editore: Giunti 
Collana:
Il mio voto:



Il pianeta Loka è stato colonizzato da un'élite di terrestri facoltosi e spregiudicati, gli unici superstiti di una Terra ormai inabitabile. Fra loro ci sono scienziati senza scrupoli che hanno creato una sub-razza di schiavi da sfruttare biecamente. Sono androidi senzienti costituiti da genoma umano e circuiti elettrici, e occupano il posto più infimo della società nel sistema di caste gerarchiche di Loka. Ma queste creature hanno un cuore, un'etica e una volontà. Sono quasi umani e, forse, troppo umani. Questa è la storia di una di loro, la quindicenne Kayla 6982 che, con l'aiuto dell'amica Mishalla, si lancia in una pericolosa avventura per scoprire le terribili verità che si nascondono dietro al mostruoso piano degli umani. Una trama sorprendente in cui si intrecciano umiliazioni, razzismo, coraggio e lealtà, ma in cui trova posto anche l'amore. Sul polveroso pianeta Loka, illuminato da due pallidi soli, sboccia la storia proibita fra un umano di alto rango, nipote di un vecchio scienziato illuminato, e la giovane Kayla.

La mia recensione 

Kayla 6982 è un romanzo appassionante, che si legge in un fiato e lascia il segno. 
Ambientato in un universo futuristico e su un pianeta che non è la Terra, questo libro scritto in pieno stile sci-fi, riesce a trascinare il lettore in un'esperienza intensa e formativa che difficilmente può essere dimenticata. 
Le originali e valide idee dell'autrice Karen Sandler conquistano su più livelli grazie alla vincente mescolanza di temi importanti come l'origine della vita e il significato dell'essere umani, e sentimenti intrinsechi nell'animo di ogni uomo, ovvero amicizia e amore.
Se siete in cerca di romanticismo puro e semplice, Kayla 6982 non è il libro che fa per voi, ma se non vi spaventate di immergervi in un vortice di emozioni e domande le cui risposte potrebbero mutare il vostro modo di valutare l'esistenza, allora non vi resta che tuffarvi in questa lettura!

Quindici anni sono pochi per poter dire di essere pronti a lasciare la propria casa e la propria famiglia al fine di iniziare una vita indipendente. Ma per Kayla e Mishalla non è così. Loro sono degli NGM, delle Non Umane Geneticamente Modificate, e quindici sono gli anni di "libertà" concessi a quelli come loro prima che il sistema scelga il lavoro che dovranno svolgere per il resto della loro breve esistenza. 
Pur essendo del tutto simili ai comuni esseri umani, gli NGM in reatlà vengono creati in capsule di allevamento mescolando DNA animale e umano a circuiti elettronici, per dar vita a creature potenziate e dedite al lavoro. Un tatuaggio cibernetico, un cervello annesso molto simile a un hard disk, e caratteristiche peculiari (super udito per le future nutrici, super forza per i futuri braccianti) fanno degli NGM delle creature eccezionali, ma anche incredibilimente deboli: esistono esclusivamente per servire la razza Pura, che si trova al vertice della società. Gli NGM sono degli schiavi e vengono trattati senza alcun rispetto: nutriti con scarti, minacciati di continuo, uccisi senza pietà al primo errore, riciclati come materiale sintetico.
Così vanno le cose sul pianeta Loka, nuova dimora della specie umana sin da quando la Terra ha dato i primi segni di collasso, sin dal momento in cui questo pianeta arido e illuminato da due soli gemelli ha conosciuto l'uomo.
Kayla e Mishalla, migliori amiche sin dalla capsula, lo sanno e attendono con terrore il momento in cui dovranno lasciare la loro famigia d'allevamento e i propri amici.

Iniziare questa lettura equivale a prendere parte a un viaggio denso di avventura, emozioni, brutalità e domande scomode. Nonostante alcune discutibili scelte stilistiche dell'autrice che che, specie nelle prime pagine, disorientano e confondono, non ci si può non lasciare trascinare nell'avvincente storia di Kayla il cui destino apparentemente prevedibile riserva in realtà sorprese di ogni genere. 
Quando Kayla riceve la propria investitura, ovvero l'incarico che le spetta per la vita, succede qualcosa di strano: nel suo cervello annesso vengono caricati dei file di contrabbando e le viene affidado un pacchetto che deve custodire sino a nuovo ordine. Da quel momento la lettura si arricchisce di misteri e strani avvenimenti che presagiscono le avvisaglie di una rivolta. Ma è possibile che in un mondo dominato da esseri umani convinti di poter schiacciare i propri simili appellandosi alla propria discendenza, si sviluppi una rivoluzione per liberare gli oppressi? Be' lo scopriremo solo leggendo.
E mentre osserviamo la giovane e spaventata Kayla, dotata di una rara forza nelle braccia, prendere confidenza con l'anziano Puro di cui deve prendersi cura e destreggiarsi con l'impossibile attrazione che prova per il nipote del suo "padrone", vedremo che anche Mishalla, affidata a una casa per l'infanzia come nutrice, è stata coinvolta in strane attività proibite e rivoltose. La lotta per abattere i muri che dividono gli esseri umani da quelli non umani ha inizio e saranno due semplici NGM a portarne alta la bandiera.

Toccante e originale, questo primo libro della trilogia di Karen Sandler affonda le unghie nel cuore dell'etica umana ponendo quesiti le cui risposte riescono a sconvolgere lettori e protagonisti.
Ci si ritrova catapultati in un futuro tragicamente probabile, anche se molto fantascienfico, in cui la popolazione è stata suddivisa in caste. Se anche il controllo dittatoriale da parte della forza militare  e della razza dominante, quella considerata Pura, ricordano i più classici distopici, il modo in cui la Sandler ha deciso di affrontare la questione etica rende questo romanzo unico dal punto di vista emotivo. 
Il razzismo, la crudeltà e il degrado che ruotano attorno al mondo degli NGM e di tutti coloro che sono stati classificati come Impuri, sollevano questioni morali difficili da ignorare e davvero molto attuali. Adoro i libri che riescono a farti riflettere, ponedo sul piatto della bilancia ciò che è guisto e ciò che invece dovrebbe essere giusto. Cosa fa di un uomo un essere umano? Bastano una manciata di circuiti e un pizzico di DNA animale per trasformare una persona in una creatura a cui dignità e rispetto non sono più dovuti? Per quanto facile potrebbe sembrare la risposta a queste domande, la Sandler dimostra con perizia che, prutroppo, la sete di potere è spesso più forte della giustizia.

Unica pecca di questo romanzo? L'uso spropositato ed esponenziale di termini, nomi e nomignoli inventati dall'autrice per rafforzare l'ambientazione aliena da lei scelta. Ora, pur trovandoci su un nuovo pianeta con nuove piante e nuovi animali, bisogna riconoscere che i protagonisti sono pur sempre dei comunissimi e esseri umani. 
Perchè mai i Terrestri, dopo essersi trasferiti su un nuovo pianeta, dovrebbero decidere di chiamare ogni cosa con nomi diversi? E quando dico tutto intendo proprio tutto: dagli animali alle piante al cibo. Finanche i vestiti non hanno più lo stesso nome. I pantaloni si chiamano Gambali, gli abiti si chiamano Korta (almeno credo) e così via. Per non parlare dei nomi propri di persona, che sono spesso degli scioglilingua irripetibili. Per quanto mi riguarda se l'autore si sente in dovere di informarmi ripetutamente che un tale mezzo di trasporto viene chiamato Alobus, una specie di tablet viene chiamato Sekai e un qualcosa di somigliante a una chiavetta usb viene chiamata Datapod, mi aspetto che almeno mi venga spiegato che forma e che uso abbiano questi oggetti. Altrimenti perché bersagliarci con una tale veemenza con nomi di difficile comprensione che distraggono dalla bella storia? Avrei senza dubbio preferito un pizzico di "normalità" in più, che avrebbe sicuramente dato maggior credibilità al tutto, oltre che rendere il linguaggio più chiaro.


Verdetto: un romanzo che tocca le corde del cuore senza bisogno di romanticismo

22 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Mannaggia la tastiera...
    A me non ha mai ispirato troppo ma ne parlano tutti così bene che quasi quasi mi faccio convicere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penny, guarda io nemmeno avevo grandi aspettative, eppure mi è piaciuto. Fa parte di quei rari libri sci-fi che sanno conquistare!

      Elimina
  3. è nella mia wishlist.. chissà prima o poi lo comprerò :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene Lucrezia, poi fammi sapere se ti è piaciuto :)

      Elimina
  4. Io l'ho iniziato da un centinaio di pagine e ho notato anch'io la terminologia strana usata dall'autrice e sto ancora cercando di orientarmi... ma la storia mi ha già conquistata :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenza, vero che è un po' strana la sua terminologia? Comunque è vero, la storia prende sin da subito, io ne sono rimasta stupita!

      Elimina
  5. Purtroppo a me non è piaciuto molto, l'ho trovato confuso.. forse sarà per tutti quei termini strani! Tuttavia ho salvato la storia alla base, è sicuramente un libro innovativo e diverso dai soliti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica cara, capisco proprio bene ciò che dici e penso che in effetti la confusione che hai constatato possa essere imputata alle scelte stilistiche dell'autrice. Quelle che io infatti ho reputato quanto meno discutibili. Diciamo pure che per seguire e apprezzare questo romanzo bisogna tenere l'attenzione sempre alta e non distrarsi nemmeno per un attimo, altrimenti tutti i termini e le cose astratte di cui parla confondono irrimediabilmente.

      Elimina
  6. Questo non è assolutamente il mio genere però adoro comunque leggere la recensione. Chissà forse un giorno mi butterò anche nella lettura di questi romanzi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, Mariana bella. Sei come sempre dolcissima, sono felice che le mie recensioni ti ispirino :)

      Elimina
  7. Per non parlare della “amplisacca”, del “plassacciaio” e della “plassacalce”...
    Guarda... anch'io mi sono trovata spiazzata con questi termini. o.O'

    Per il resto ho constatato che questo romanzo ha suscitato in te le stesse emozioni e sensazione che ha suscitato in me.
    In particolar modo ho trovato di forte impatto il tema del rezzismo (a tal proposito ho scritto una specie di "simposio" nella mia recensione) e quello dell'etica, della religione.
    Soprattutto per questo il libro mi è piaciuto e come hai detto tu stessa è un libro che possa piacere anche a persone più mature.

    Bella recensione!!!

    Ciao Glinda e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco appunto! Tutti quei termini assurdi sono secondo me inutili, improbabili, superflui. Andiamo, c'era davvero bisogno di certe "invenzioni" letterarie per convincerci del fatto che Loka è diverso dalla Terra? Secondo me, come dici tu, l'autrice aveva già delle argomentazioni validissime, come l'etica e la religione. Insomma tutto il resto è come fumo negli occhi e distrae. Di questo genere ho amato di più la serie di Jenna Fox, sempre Giunti Y.

      Elimina
  8. Convinta! Sigh un altro libro in lista;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha, un giorno mi manderai il conto della libreria!

      Elimina
  9. Se devo essere sincera, nemmeno io lo aspettavo con molto entusiasmo. Anche se il genere distopico mi piace, la trama di questo romanzo non faceva mai scattare in me quel meccanismo o quelle emozioni che ti fanno dire "lo devo comprare assolutamente". Posso dire che, come accade spesso, leggendo la tua recensione la mia idea riguardo a questo libro si è un po' attenuata.
    Come si dice anche sul web, dopo l'avvento di Hunger Games, molte scrittrici o scrittori hanno provato a cimentarsi nell'impresa di pubblicare il "nuovo distopico perfetto". Leggendo la tua recensione credo si capisca che questo non è il caso di "Kayla 6982", che mi sembra abbastanza originale.
    Adesso concludo e passo la parola agli altri perché altrimenti questo commento diventa più lungo della tua recensione :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco vedi, capita spesso che dopo un bel libro appartenente a un tale genere (vedi HG per la Distopia) ci si trovi a temere che tutti quelli nati dopo abbiano provato a ricalcare il suo successo. Con Kayla però non c'è questo timore, è un libro davvero davvero davvero diverso. E' molto più orientato sulla fantascienza che sulla distopia, un po' sulla scia delle cronache di Jenna Fox (una delle mie serie preferite in assoluto). Diciamo che se vuoi qualcosa di nuovo che abbia anche un lontano sapore di distopia, allora questo libro potrebbe stupirti!

      Elimina
  10. Aspettavo conla tua recensione su questo libro. Credo lo prenderòa questo punto, perchè mi intriga ancora di più ora!!! I temi e le situazioni sembrano prioprio qualcosa in cui tuffarsi a leggere ;) ... ci butteremo, ci butteremo!!

    RispondiElimina
  11. Aspettavo con ... ansia ... è la parola mancante ...sorry!

    RispondiElimina
  12. Glinda questo libro è MERAVIGLIOSO!! *___*
    L'ho adorato davvero!!
    l'inizio è senza dubbio leggermente fuorviante... della serie: "Ma che caaavolo è un Korta???" oppure "Oddio e adesso cosa vuole dire con Aldhikar???"
    ma nel mio caso ha rappresentato un vero e proprio stimolo ad andare avanti mi sono ritrovata ad essere anch'io su Loka, un pianeta che della terra non ha niente, i cui abitanti sono stati costretti a coniare nuovi termini ed abbadonarne alcuni ormai inutilizzati.
    Davvero coinvolgente, aspetto i successivi!!

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...