martedì 29 novembre 2016

Giveaway "The Siren" di Kiera Cass. Commenta e vinci il libro d'esordio dell'autrice di "The Selection"




Qualche giorno fa ho pubblicato la recensione del nuovo libro di Kiera Cass, "The Siren" (leggimi), un romanzo che mi ha tenuto compagnia e mi ha fatto scoprire una nuovissima mitologia su delle creature che mi hanno sempre ammaliato. 
Per una congiunzione astrale che non so spiegare, grazie a un regalo da parte di una cara amica, mi sono trovata con ben due copie del suddetto romanzo. Perciò mi sono detta, perché non regalare la mia copia in più a uno dei miei sognalettori? 
Eccomi qui, dunque, ad anticipare un po' il Natale con un bel regalo a sorpresa che spero possa portare un po' di gioia nella vostra giornata. Sono sicura che in molti vorreste mettere le manine sul libro d'esordio dell'acclamata autrice della serie The Selection, ma solo uno di voi porterà a casa la mia copia in disavanzo di questo dolce e sorprendente libro. Come al solito le regole per partecipare sono in fondo! Incrociate le dita e in bocca al lupo!


Data di pubblicazione: 18 ottobre 2016
Titolo: The Siren (autoconclusivo)
Editore: Sperling & Kupfer
Autrice: K‍iera Cass
Prezzo: 17,90 €
Pagine: 300


Kahlen è una Sirena, una meravigliosa e pericolosa creatura al servizio dell'Oceano. Ma non è sempre stato così. C'è stato un tempo in cui Kahlen era soltanto una ragazza come tutte le altre. Poi, un giorno, mentre stava annegando, l'Oceano l'ha salvata regalandole una seconda possibilità, anche se a un prezzo terribile: per i prossimi cento anni dovrà rinunciare ai suoi sogni (primo fra tutti quello di amare ed essere amata) e attirare in acque mortali, con il suo canto letale e ammaliatore, gli essere umani. Proprio come Akinli: gentile e bellissimo, è il ragazzo che Kahlen ha sempre sognato. Ma innamorarsi di un essere umano infrange tutte le regole dell’Oceano. Quanto sarà disposta a rischiare per seguire il suo cuore?



lunedì 28 novembre 2016

Unravel me Blogtour IVª tappa: 10 motivi per amare Aaron Warner+giveaway: commenta e vinci una copia del romanzo!


Tutti odiano il lunedì e io non faccio eccezione: sono traumatici, pesanti e ti tolgono ogni gioia. Ma non questo, ragazzi miei. Non per la sottoscritta almeno. Perché si da il caso che in questo particolare lunedì Atelier dei Libri ospiti la quarta tappa del blogtour di "Unravel Me" di Tahereh Mafi (la mia recensione e la mia anteprima), che esce l'1 Dicembre 2016 per Rizzoli, ma che io ho già letto e amato follemente. 
Quando mi è stato proposto da Yoko di prendere parte a questo blogtour, non ho potuto rifiutare: sono una grandissima fan di questa serie e ho una il mio cuore trabocca d'amore per Warner. Perciò non dovreste stupirvi che la mia tappa sia niente meno che "10 motivi per cui amare Aaron Warner".
Certo, se avete letto "Shatter me" penserete che amare un personaggio del genere sia impossibile, fuori discussione. "Unravel me" vi farà ricredere. Ma intanto ci provo io, con questo post.
Lo so, tra voi lettori ci saranno dei maschi eterosessuali. Nessun problema. Questa lista non sarà  eccessivamente smielata. Quello di Warner è un personaggio complesso che subisce una meravigliosa evoluzione nella serie, perciò i motivi per amarlo sono molteplici e non esclusivamente romantici. Alcuni però lo saranno, siete avvisati.
Ma potete perdonarmi, visto che partecipando al blogtour e sorbendovi i miei deliri da fangirl, avrete la possibilità di aggiudicarvi una copia di "Unravel Me" ovvero quello che io considero uno dei migliori libri romance e distopici per YA in circolazione. Pronti per leggere la mia lista? Enjoy! E leggete fino in fondo per partecipare al giveaway.


10 MOTIVI PER AMARE AARON WARNER




1. Non è quel che sembra. Nel primo libro di questa serie ho odiato con ogni fibra del mio corpo il tremendo Warner, rampollo del capo della Restaurazione, viziato riccastro con un punto debole per la moda. Malvagio, cattivo, imperdonabile. Ma poi ho letto "Destroy Me" e "Unravel Me" e sono diventata la sua più grande fan. 
2. Sa di essere impossibile e gli sta bene. La redenzione non è qualcosa che contempla, se non nei confronti di Juliette. La vita lo ha corrotto in troppi modi e sa che colmare le crepe della sua anima sarebbe un lavoro titanico. Perciò si limita a essere se stesso: dispotico, prepotente, pieno di sé. Tranne che con la sua amata. 
3. Non c'è nulla che non farebbe per Juliette. Il suo caratteraccio non gli impedisce di essere il più dolce e appassionato degli innamorati. Per la ragazza che ama sarebbe disposto a qualunque sacrificio. Rischierebbe di prendersi una pallottola anche solo per un suo bacio. In effetti è una cosa che accade realmente. 
4. Sembra indistruttibile, ma non lo è. Pur apparendo spavaldo e pieno di sé, quando lo conosciamo meglio diviene chiaro che nei suoi 19 anni nessuno ha mai avuto fiducia in lui in quanto essere umano. Per questo è costretto a basare tutti i suoi rapporti umani sulla predominazione e la cosa lo distrugge. 
5. In fondo ha il cuore tenero. Warner è un protagonista complesso e la sua vita lo ha messo a dura prova. L'amore, la compassione, il perdono, sono cose che gli sono state negate a lungo. Ma in fondo, anche lui ha un cuore. Solo che lo mostra esclusivamente a Juliette: lei è l'unica di cui si fidi. 
6. Non sa cosa significhi accontentarsi. In effetti è abbastanza esigente in ogni aspetto della vita. In particolare quello romantico. Per questo vuole essere tutto per Juliette: il suo migliore amico, colui che la conosce meglio, il suo confidente, il suo complice, l'amore della sua vita. 
7. Non crede in se stesso, ma pensa che Juliette potrebbe creare nuovi mondi. Aaron ha una completa e totale fiducia nelle capacità di Juliette. Mentre lei pensa di essere un mostro, lui vede il potere che si cela dietro alla sua "maledizione" e la sprona ogni giorno a migliorarsi, a sbocciare, a diventare ciò che lei è destinata ad essere. Ed è bellissimo. 
8. È un ossimoro vivente. Parole di Juliette e se non lo conosce lei... Riesce a essere tutto e il contrario di tutto: timido e spavaldo, sincero e bugiardo, prepotente e generoso, dolce e freddo come la pietra, immaturo e infantile, paziente e irruente. E sa arrossire. Cosa volete di più? 
9. Lui e Juliette sono fantastici assieme. A discapito del loro turbolento inizio, questi due formano una coppia meravigliosa. La complicità che li unisce è unica: credono l'uno nell'altro, hanno fiducia nel proprio legame, hanno un rapporto totalmente paritario e sono adorabili. Si amano, si accettano con i loro difetti e si migliorano a vicenda. 
10. Ama leggere. Sì il mio è un colpo basso, ma non potevo evitare di chiudere questa lista con quello che farà capitolare anche i più restii di voi. Aaron è un lettore incallito. Nella sua solitudine si è sempre rifugiato nei libri e ha persino dei tatuaggi che citano nientemeno che Shakespeare!


Cover Love #178 "SPECIAL EDITION"! Scegliamo la cover più bella del 2016!




Su su, che questo è un lunedì coi fiocchi. Non solo ho pubblicato la mia tappa de blogtour di "Unravel me", ma è anche giunto il momento di scoprire la prima finalista che concorrerà al titolo di Cover Love Queen dell'anno secondo voi. E ci avete dato dentro con le votazioni. Tanto da generare un parimerito, perciò ho dovuto scegliere io quale tra le due cover da voi più votate meritava il primo posto secondo me. Ma prima di scoprire quale sia, andiamo a rivedere le regole di questo spareggione!
Come nella scorsa puntata, non vi proporrò più copertine nuove, ma le varie vincitrici delle puntate precedenti tra cui voi sceglierete una sola cover a puntata da eleggere come vostra favorita.
Essendo uno spareggio non dovete fare una classifica come sempre, ma dovrete darmi un solo nome e uno soltanto a puntata. La cover che avrà ricevuto più voti sarà eletta come vincitrice del round e lotterà contro le altre finaliste, tra cui sceglierete la più bella in assoluto! PRONTI? DOVETE VOTARE UNA SOLA COVER, RICORDATE!


LE COVER TRA CUI DOVEVATE SCEGLIERE LA FINALISTA ERANO:

  

  




E secondo i vostri voti (e il mio) la cover più bella è...  




NOW I RISE
NOW I RISE! Dato che era in parità con la bellissima Roar, ho dovuto prendere io in mano le redini della situazione e scegliere. Non è stato facile. Ho chiamato in causa anche il mio Eterno Fidanzato. Assieme abbiamo decretato che Now I Rise fosse la più bella tra le due!




ED ECCO LA SECONDA CARRELLATA DI COVER CHE VANNO ALLO SPAREGGIO! MI RACCOMANDO, DOVETE FARMI UN SOLO NOME! SO CHE E' DIFFICILE, MA POTETE FARCELA!


1. THE FOX AND THE STAR VINCITRICE DELLA PUNTATA #170


2. BORDERLIFE VINCITRICE DELLA PUNTATA #169


3. THE BOOK JUMPER, VINCITRICE DELLA PUNTATA #168 



4. RISE OF FIRE, VINCITORE DELLA PUNTATA #167

domenica 27 novembre 2016

Recensione "The Siren" di Kiera Cass


Questa frenetica settimana non poteva che finire, per me, con una rilassante recensione librosa. In questi giorni, tra una faccenda da sbrigare e l'altra, mi sono dilettata con la lettura di "The Siren" di Kiera Cass. Siete curiosi di sapere cosa mi ha fatto provare? Scopritelo nella mia recensione priva di spoiler!

Data di pubblicazione: 18 ottobre 2016
Titolo: The Siren (autoconclusivo)
Editore: Sperling & Kupfer
Autrice: K‍iera Cass
Prezzo: 17,90 €
Pagine: 300


Kahlen è una Sirena, una meravigliosa e pericolosa creatura al servizio dell'Oceano. Ma non è sempre stato così. C'è stato un tempo in cui Kahlen era soltanto una ragazza come tutte le altre. Poi, un giorno, mentre stava annegando, l'Oceano l'ha salvata regalandole una seconda possibilità, anche se a un prezzo terribile: per i prossimi cento anni dovrà rinunciare ai suoi sogni (primo fra tutti quello di amare ed essere amata) e attirare in acque mortali, con il suo canto letale e ammaliatore, gli essere umani. Proprio come Akinli: gentile e bellissimo, è il ragazzo che Kahlen ha sempre sognato. Ma innamorarsi di un essere umano infrange tutte le regole dell’Oceano. Quanto sarà disposta a rischiare per seguire il suo cuore?



Recensione

C’è sempre posto per l’amore. Anche solo una fessura in una porta, ma sarà sufficiente.
Questo è stato il mio primo approccio con la scrittura di Kiera Kass. Nonostante tutti non facciate che parlarmi da anni di "The selection" e nonostante anche io ne abbia lungamente discusso qui sul blog nei vari articoli (qui, qui, qui, qui, e qui), non ho mai trovato lo slancio per iniziare questa serie. Forse ora che è totalmente conclusa e dopo aver letto "The Siren" ed essermi fatta un'idea dello stile dell'autrice, potrei rivalutarla. 
Questo dovrebbe farvi intendere che, in fondo, "The Siren" mi ha abbastanza convinto. Non nella sua totalità, forse, ma va bene così. Non tutti i romanzi possono stravolgere e lasciare il segno. A volte si cerca solo una bella storia fantastica, che sappia alternare amore e magia in modo delizioso.
E poi avevo bisogno di staccare dai contemporary romance super drammatici, seppur bellissimi, in cui mi sono imbattuta ultimamente ("I nostri cuori chimici" è uno di quelli e non vedo l'ora di recensirlo) e "The Siren" è stato un bell'intermezzo per me. Non che Kiera Cass abbia lesinato in emozioni, sia chiaro. Semplicemente le emozioni che ha offerto in "The Siren" non mi hanno straziata come avrebbero potuto e per me non è stato un male.
Se pensate che si tratti di una rivisitazione della storia della Sirenetta, vi sbagliate: Kiera Cass ha creato una storia nuova, che ci presenta delle sirene mai viste prima d'ora. Decidendo di leggere "The Siren" sappiate che tra le sue pagine non vedrete code, né acerrimi nemici da combattere e neppure un finale alla Disney. Ma una storia inedita, intrisa di tormento, magia e amore. E non solo quello romantico. 
In effetti il romanticismo, seppur molto bello e sognante, occupa una piccola parte del libro. "The Siren" esplora altri tipi di amore: quello che unisce la protagonista e le sue sorelle Sirene e quello che unisce le Sirene e la loro particolarissima madre: Oceano.
Consiglio questa lettura a chi cerca una bella storia fantasy, che sappia offrire un nuovo sguardo al mondo delle sirene, che emozioni non solo grazie al romanticismo.
I libri erano un luogo sicuro, un mondo separato dal mio. Qualunque cosa fosse successa quel giorno, quell’anno, c’era sempre una storia in cui qualcuno superava l’ora più buia. Non ero sola. 
Il libro inizia in modo travolgente: siamo su una nave assieme alla giovane Kahlen, che sta affrontando uno dei momenti più tragici della sua esistenza. Dopo aver perso tutta la sua famiglia in un naufragio a Kahlen, in fin di vita, viene offerta una possibilità: diventare una Sirena. Ovvero accettare di essere una creatura immortale per cento anni, ammaliando gli umani con la propria voce velenosa e letale ogni qual volta Oceano avrà fame. Lei, Oceano, sarà la sua guida, sua madre, la sua padrona, la sua confidente: colei che veglierà sulla sua vita, nel bene e nel male. E in quanto Sirena, Kahlen non invecchierebbe di un giorno fino allo scadere dei cento anni.
Una tale offerta, in punto di morte, è quasi impossibile da rifiutare. Così per la protagonista inizia una vita nuova, con una nuova famiglia, nuove sorelle Sirene e tante vite da spezzare per saziare la fame di Oceano, un'entità simile a una Dèa che al tempo stesso è madre e carnefice delle sue amatissime figlie Sirene
Dopo ottant'anni da Sirena, Kahlen ama Oceano, ma è straziata dalle morti che ha causato. Sogna l'amore, ma sa che non potrà mai ottenerlo, non fino a quando la sua vita tornerà a essere normale e conta i giorni che l'allontanano da quella liberazione. Vent'anni e poi potrà tornare alla sua umanità, a parlare con le altre persone senza temere di avvelenarle, a sognare come una ragazzina.
Ma in un giorno qualunque, prima dello scadere della sua condanna, incontra Akinli e lui stravolge ogni cosa. In Kahlen sboccia un sentimento che mette tutto in discussione, scaturito da un incontro fortuito che però l'ha riempita di consapevolezza. Lui, dolcissimo e impacciato, sembra riuscire a vedere oltre il fascino da Sirena di Kahlen. Ma il destino non li vuole assieme. Eppure, il destino li ha messi sulla stessa strada. Li ha uniti in una complicità disarmante, che ha dato nuovo colore al mondo di entrambi.
Spinta dall'amore, Kahlen imparerà a sue spese che il bene e il male spesso camminano mano nella mano, che le proprie scelte richiedono un prezzo e che la strada per amare se stessi e accettarsi per ciò che si, è tortuosa e piena di pericoli.
Mi aveva detto di vivere…Non sapevo come dirLe che il solo essere in vita non era sufficiente per chiamarlo vivere.

venerdì 25 novembre 2016

Bookish Charts #5: cinque retellings che rivisitano le nostre fiabe preferite per sognare a occhi aperti!





Lo so, ieri vi ho lasciati senza nemmeno un post, ma questa per me è una settimana infinita, perciò spero possiate perdonarmi. Per aiutarvi a odiarmi un po' di meno, ho deciso di pubblicare una nuova Bookish Chart, visto che vi piacciono tantissimo e continuate a chiedermene di nuove. 
Certo, se mi suggeriste anche qualche tema sareste carinissimi e mi dareste una mano, ma questa è un'altra storia...

Per chi non lo sapesse, Bookish Charts è una rubrica in cui pubblico delle liste di consigli librosi tematici, per cui ogni volta le charts sono diverse tra loro (se non l'avete fatto, andate a spulciare quelle precedenti qui, qui, qui e qui).
Quella di oggi è una chart sognante. Ho pensato che sarebbe stato davvero carino consigliarvi cinque libri che rivisitassero in modo fantasioso le fiabe che ci hanno fatto compagnia da bambini. E che continuano ad appassionarci da adulti: non vorrete dirmi che non vi precipitate al cinema ogni volta che la Disney porta sul grande schermo una fiaba, vero? Andiamo a scoprire questi cinque romanzi (ce ne ho messo per fare una cernita tra tutti i retellings che mi sono passati tra le mani!), che secondo me vi faranno sognare ad occhi aperti.


LA MOGLIE DEL CALIFFO
Renée Ahdieh



Se seguite il mio blog, sapete che ho amato alla follia "La moglie del Califfo" (la mia recensione) di Renée Ahdieh, primo libro della duologia ispirata alla fascinosa storia de "Le mille e una notte".  
Ambientazioni ammalianti e mistero, amore e passione e tanta, tanta magia, solo solo alcuni degli ingredienti di questa storia senza tempo. p
Nessuno sa il perché ma il Califfo del Khorasan, il diciottenne Khalid, prende una moglie diversa ogni notte e ogni mattina uccide la sua consorte, subito dopo aver consumato le nozze. Nemmeno Shahrzad sa cosa lo spinga a un gesto così efferato, eppure si offre come moglie del Califfo: lei non lo teme, perché è determinata a mettere fine al suo regno di terrore. Vuole essere lei a ucciderlo prima che sia lui a puntarle un coltello alla gola. Ma questa volta, le cose andranno in modo diverso. Tra Khalid e Shahrazad scatta una scintilla che metterà in discussione tutto ciò in cui entrambi hanno sempre creduto: la verità, vi lascerà di stucco e anche il loro amore.

4 Febbraio 2016
Newton Compton,10,00 €
Serie composta da:
0.25 The Moth and the Flame 
0.5 The Crown and the Arrow


2. The Rose and the Dagger 





IL SENTIERO DEL BOSCO INCANTATO
Rosamund Hodge


Pur non avendo amato follemente "Bellezza crudele" (qui la mia recensione), altro retelling della stessa autrice, appartenente però a una serie, la "Cruel Beauty Universe", non posso non citare in questa chart "Il sentiero del bosco incantato". Un retelling standalone (autoconclusivo) che rivisita la storia di Cappuccetto Rosso in modo molto originale. Pubblicato giusto qualche giorno fa dalla Newton, questo è un libro che invita alla lettura, non c'è che dire.
La protagonista è Rachelle, che a diciotto anni è spietata e determinata nella lotta contro le magiche creature mortali che minacciano il suo mondo. Quando il Re le affida la protezione di Armand, il suo figlio prediletto, lei approfitta del Principe forzandolo a cercare assieme la spada che potrebbe salvare il loro mondo per sempre. Ma non si aspettava che questa ricerca l'avrebbe portata a scoprire segreti mortali, una tremenda magia nascosta e un amore che potrebbe essere la sua disfatta... Riuscirà Rachelle a fermare il calare dell'eterna notte sul proprio mondo?


13 Novembre 2016
Newton Compton, € 9,90
Autoconclusivo


WHITE RABBIT CHRONICLES
Gena Showalter


Tra tutti i retellings di Alice nel Paese delle Meraviglie pubblicati ultimamente, oggi ho scelto di parlarvi di quello un po' trasgressivo e molto romantico scritto da Gena Showalter! 
Si tratta di una serie conclusa e so che la cosa vi renderà piuttosto felici. Serie che io non ho terminato di leggere, ma che conto di finire al più presto e che racconta di Ali e dei suoi assurdi e adorabili amici di cui non potrete fare a meno di innamorarvi. Cosa rende unico questo gruppo? Non il fatto che sembrano una manica di teppisti, pieni di muscoli, sempre zeppi di lividi e con le facce da avanzi di galera. Ma il motivo che sta dietro al loro aspetto: zombie. Non quelli che siete abituati a vedere in The Walking Dead, sia chiaro. Questi, anche se affamati, sono invisibili agli occhi dei comuni mortali. Di queste creature Alice ne ha sentito parlare dal padre, ma pensava fosse folle. La realtà, però sa essere molto peggio della follia: in questo tributo alla storia di Lewis Carroll, Alice Bell darà filo da torcere ai suoi nemici e infiammerà il cuore del bel tenebroso Cole (che coppia!).

Serie conclusa composta da:
1. Alice in Zombieland (recensione)
2. 
Zombie allo specchio (recensione)
3.
La regina degli zombie
4. 
Zombie Party4.1 Kat in Zombieland


mercoledì 23 novembre 2016

Giveaway: commenta e vinci una copia dell'ultimo ricettario di Benedetta Parodi!



Qualche settimana fa ho pubblicato la ricetta della deliziosa quiche lorraine (leggimi), tratta dall'ultimo libro di cucina di Benedetta Parodi, intitolato "Benedetta tutto l'anno", pubblicato da Rizzoli a fine estate. 
Devo essere sincera, questo tomo pieno zeppo di ricette facili e veloci, perfette per ogni periodo dell'anno, suddivise per stagione. Le foto, scattate quasi nella loro interezza da Benedetta, sono un tripudio di tutto ciò che mi piace trovare in un libro di cucina: colore, semplicità e ricette da leccarsi i baffi. Benedetta Parodi, infatti, non è la cuoca perfetta, che si affanna per creare pietanze sempre più ricercate e pretenziose, ma una cuoca estemporanea più donna di casa che altro. E da questo libro traspaiono tutte quelle belle emozioni che solo un piatto preparato con amore può offrire. 
Quando ho pubblicato la ricetta della quiche di Benedetta, in tantissimi mi avete scritto di amare questa autric, di ispirarvi a lei e alle sue ricette per i vostri pranzetti speciali e che anche voi avreste voluto una copia di "Benedetta tutto l'anno". E io, che non posso resistere a questo genere di richieste, ho pensato che sarebbe stata una buona idea regalarvene una copia! Natale si avvicina e tutti quanti vorremmo stupire le persone che amiamo con un manicaretto e colui che si aggiudicherà il libro sicurament potrà farlo con una marcia in più! Dita incrociate, dunque, e provate a portarvi a casa la mia copia di "Benedetta tutto l'anno".


Data di pubblicazione: 15 Settembre 2016
Titolo: Benedetta tutto l'anno
Autrice: Benedetta Parodi
Editore: Rizzoli
Prezzo: 19,90 €
Pagine: 408


Sono ricche come i colori del bosco in autunno, sorprendenti come la prima neve dell'inverno, festose come i fiori sbocciati a primavera, fresche come un tuffo al mare d'estate. Le nuove ricette di Benedetta Parodi - sempre facili, veloci, buonissime e tutte fotografate da lei - seguono il ritmo delle stagioni e ci fanno compagnia tutto l'anno! E siccome ogni stagione ha il suo momento speciale, troviamo anche le pagine del diario di Benedetta che ci raccontano la sera di Halloween tra "dolcetto" e "scherzetto", la tavolata di Natale con tutta la famiglia, il buffet di Pasqua con gli amici e la giornata di Ferragosto al mare, con tante immagini, piatti pensati e realizzati ad hoc e mille altre idee per rendere ogni festa davvero unica.



martedì 22 novembre 2016

Anteprima "L'esercito dei 14 Bambini" di Emmy Laybourne! In arrivo un nuvo distopico YA presentato come "l'erede di Hunger Games"!

Ci sono mattine che iniziano bene, altre che iniziano in modo un po' turbolento (oggi per me è davvero una giornata dura), ma che possono comunque essere alleggerite da una bella notizia. Non c'è nulla che sappia rallegrarmi di più, che la consapevolezza di avere un buon libro che mi aspetta, qualunque cosa succeda. Quello di cui vi parlo oggi, per esempio, mi fa pensare che non importa cosa accadrà questa mattina, ma il 19 Gennaio 2017 sarà un giorno in cui festeggiare. Perché? Ma perché uscirà "L'esercito dei 14 bambini", primo della serie distopica e post-apocalittica YA "Monuments 14" (un titolo migliore di quello italiano, diciamolo). Ora, non è una cosa che mi piace leggere sui libri, ma il romanzo in questione viene presentato come l'erede di "Hunger Games" e la cosa potrebbe far drizzare le orecchie a molti di voi. Me compresa, se fosse vero. Mi mancano quelle sensazioni che mi offrì la saga della Collins (qui, qui e qui le mie recensioni), a voi no?
Partiamo dal presupposto che questo libro inizia in un modo che mi ricorda uno dei miei sogni: rimanere chiusa in un centro commerciale. Quattordici ragazzi, alcuni adolescenti, altri più piccoli, si sono barricati in un enorme ipermercato, il Monument appunto, dove in teoria avrebbero tutto ciò che hanno sempre desiderato. Purtroppo, però, il loro non è un sogno, ma un incubo. Fuori, nel mondo reale, dopo una mostruosa tempesta di grandine, tremendi eventi atmosferici e la dispersione di armi chimiche, l'umanità sta subendo terribili ripercussioni. Morte, distruzione, follia, malattie di ogni sorta che cambiano a seconda del tipo di gruppo sanguigno. Quindi i 14 ragazzi, la cui età viaria dai 17 ai 5 anni, capiscono di doversi proteggere da tutto ciò che accade fuori. Perché attorno a loro, il mondo sta finendo.
Il protagonista è Dean, che diventerà il leader del gruppo. Le scintille sono assicurate: amore, conflitti, intrusioni esterne e crisi psicologiche sono alcuni degli ingredienti di questa nuova serie che sono curiosa di scoprire!

lunedì 21 novembre 2016

Cover Love #177"SPECIAL EDITION"! Scegliamo la cover più bella del 2016!




Diciamolo: nella scorsa classifica di Cover Love ho fatto un casino. No, davvero. Un casino. Ho postato la classifica scrivendo: 3.POSTO - 2. POSTO - 2. POSTO. Ma io volevo fare una cosa classica eh. 1.2.3. Ne è venuta fuori, come mi hanno fatto notare nei commenti, una classifica sovversiva (eheh). Però c'è una spiegazione, lo giuro. Anche se un po' mi vergogno a dirlo, avevo bevuto. Il fatto è che, come è successo ad Arisa nella prima puntata di X-Factor, mi avevano appena portato un bottiglione da due litri di champagne e io l'ho bevuto per tutta la sera ed ero un po' brillina. 
No. Magari fosse così. Ma magari. Invece ero stanca morta e non mi sono accorda di quello che stavo scrivendo. Più o meno una cosa che mi succede sempre. Ma vi ho messo in crisi, eh. Perché nessuno di voi sapeva cosa fare con la mia classifica: il mio era un primo o un terzo posto? Perciò, ecco, a vincere la classifica è chi è sopravvisuto.  Più o meno. Sono andata a intuito. Va bene? Se sono scema, sono scema. Scusate ragazzi!
Mi faccio perdonare mettendovi ancora di più in difficoltà. Da oggi fino all'ultimo lunedì del 2016 non voteremo nuove cover, bensì sceglieremo la cover più bella del 2016. Oggi perciò, niente classifica: bensì elenco di cover tra cui voi ne sceglierete una sola. UNA SOLTANTO! Le finaliste di ogni puntata andranno poi a scontrarsi tra loro

PER UNA VOLTA CONCEDIAMOCI IL "PIACERE" DI GIUDICARE UN LIBRO DALLA COPERTINA!


LA MIA CLASSIFICA DELLA SETTIMANA SCORSA ERA:

1.The white road of the moon
2. Enna Burning
3. If I should die

E secondo i vostri voti la cover più bella è...  


THE WHITE ROAD OF THE MOON
Oh, io ve l'ho resa difficile ma voi mi amate troppo. Mi amate così tanto che non siete riusciti a stravolgermi la classifica nemmeno quando ve l'ho incasinata! Classifica invariata. Evvai così. Chiudiamo quest'anno di Cover Love in positivo. Ma vieni! Ma andiamo gente! Dov'è la mia bottiglia di champagne quando serve, oh? 


E ECCO LA CARRELLATA DI COVER CHE VA ALLO SPAREGGIO PER PRIMA! MI RACCOMANDO, DOVETE FARMI UN SOLO NOME! SO CHE E' DIFFICILE, MA POTETE FARCELA!


1. THE SILVER GATE VINCITRICE DELLA PUNTATA ATTUALE #176


2. ROAR PUNTATA #175



3. NOW I RISE VINCITRICE DELLA PUNTATA #174  



4. THE SLOW REGARDS OF SILENT THINGS VINCITRICE DELLA PUNTATA #173

domenica 20 novembre 2016

Prima di domani di Lauren Oliver movie trailer: il delizioso YA "E finalmente ti dirò addio" diventa un film ed ecco il trailer!

Felice domenica sognalettori. Siete già andati tutti al cinema a guardare "Animali fantastici e dove trovarli"? Io non ancora, ma conto di rimediare al più presto, perché certe occasioni non si possono perdere. Tutto sta nel trovare la forza e il coraggio di sconfiggere il freddo e l'umidità e mettere il naso fuori casa dopo le sette di sera. Una serie di cose piuttosto temerarie, per chi, di sera, ama stare in panciolle sul divano, circondata dagli amori della propria vita. 
In ogni caso, sccome siamo in tema di film tratti dai libri, non potevo non pubblicare un bel post in occasione della divulgazione del promettente trailer del film "Before I Fall", tratto dall'omonimo libro YA scritto da Lauren Oliver, in Italia pubblicato dalla Piemme nel 2011 (la mia recensione moto vintage) con il titolo "E finalmente ti dirò addio". 
Oltre che prevedere un'imminente ristampa del romanzo in questione, che a suo tempo amai alla follia per la potenza della trama, per il bagaglio emozionale che la storia racchiude e per quel finale che mi sa fare ancora piangere (giuro, ieri ho pianto riparlandone con il mio Eterno Fidanzato), mi sono innamorata del trailer. E non è cosa di tutti i giorni. Perché sono sempre piuttosto critica rispetto ai film tratti dai libri che mi sono piaciuti moltissimo, perciò potrete ben capire che avendo adorato "E finalmente ti dirò addio" (che conto di rileggere presto), temo che il film mi deluda mortalmente.
Sarà merito di Zoy Deuch, che interpreta la protagonista. Sarà per il cast in generale che non mi sembra male (riconosco la protagonista di Dramaworld, serie TV carina che ho visto su Netflix)! Sarà per il protagonista maschile super carino che mi sembra nerd al punto giusto... O sarà perché sono la solita fangirl, a sono già cotta di questo film.
La storia è quella di Sam, diciassettenne iper viziata a casa e super
popolare a scuola che ha una vita perfetta, il ragazzo perfetto e i piani perfetti per la festa di San Valentino. Peccato però che la in destino abbia, ovviamente altri piani. Perché per Sam, che è davvero una di quelle protagoniste perfide che si amano solo alla fine del libro, dopo la sua trasformazione, il "Giorno dei Cupidi" si trasformerà in un incubo. Quello sarà, di fatto, l'ultimo giorno della sua vita. Quello in cui, per dirla molto chiaramente, morirà. 
Fine? No. Troppo facile. Perché dopo essere morta Sam si risveglierà e si renderà conto che la sua vita è entrata in un loop. Avete presente questo genere di storie, vero? "Vivi, muori, ripeti", "Il giorno della marmotta" e via dicendo. 
Sam vivrà sempre lo stesso giorno che si ripete all'infinito, portandola sull'orlo della follia e spingendola a provare pattern diversi, a fare di tutto pur di cambiarne la fine. Ma il perché Sam continui a svegliarsi, di continuo e a ripetere lo stesso giorno, è tutta una storia da scoprire.
Quello che posso dirvi è che, incredibilmente, la vita di Sam, in un solo giorno (che si ripete all'infinito, ma è sempre diverso grazie ai tentativi della protagonista di modificarne la fine) cambierà drasticamente: un nuovo amore, bellissimo, che lei non aveva nemmeno ponderato, nuove amicizie, verità strazianti, nuove prospettive. Un monito: "Diventa ciò che sei". Se solo, quel giorno che si ripete ancora e ancora, potesse smettere di finire in quel tragico modo...
Non so voi, ma io sono molto impaziente di vedere questo film! Pronti per il trailer? Eccolo!

giovedì 17 novembre 2016

Anteprima "Mai baciare un uomo con una renna sul maglione" Debbie Johnson! Arriva il Natale con una bella storia d'amore

Bene bene, sognalettori. Inutile nascondersi dietro un dito: nei supermercati hanno cominciato a vendere abeti artificiali di dubbia qualità, le Yankee Candles si sono riempite di fragranze tipo "Neve che brilla sotto la stella cometa", sui lampioni delle città stanno comparendo delle timide decorazioni stile sagra di paese. Questo vuol dire una sola cosa: è quel periodo dell'anno. Sì, avete capito. Quello in cui tutti si aspettano un regalo, mentre tu cerchi di trovare una scusa per non regalare nulla a nessuno. Quello in cui tutti ti invitano a cenoni in cui si mangia così tanto da sentirsi in colpa per tutti i mesi successivi. E... quello in cui nelle librerie spuntano libri adorabili, ironici e super romantici. Che poi sono una delle pochissime ragioni per cui non odio totalmente il Natale (ecco ho detto la brutta parola). 
Il primo che ha destato la mia curiosità, un po' per il titolo davvero adorabile "Mai baciare un uomo con una renna sul maglione" (io lo bacerei un uomo con una renna sul maglione, in particolare se fosse il mio Eterno Fidanzato), un po' per le premesse deliziosamente chick lit, è appunto il libro di Debbie Johnson. Sarà pubblicato il 24 novembre da HarperCollinsItalia e promette di regalarci ore di sorrisi come solo una buona commedia romantica inglese saprebbe fare
Non so voi, ma io amo questo genere di storie sia librose che cinematografiche: non sia mai detto che io mi lasci scappare l'occasione di vedere per la centesima volta "L'amore non va in vacanza"! E la storia di Debbie Johson sembra essere permeata dalla stessa ironia, perciò penso proprio che ci farò un pensierino. O forse anche un paio! Ve lo dico da subito: si tratta di una storia prettamente romantica, tutto pepe (non intendo hot) e abbastanza ironica.
Lei, Maggie, è una madre single la cui vita sentimentale è morta e sepolta quando è diventata una teen mom. Da quel momento il Natale per lei ha sempre avuto un significato particolare: famiglia riunita attorno al focolare, amore, calore.
Ma questa volta sarà da sola. Tutta sola. Senza nessuno che possa riempirle le giornate, colorarle il Natale, darle dei ricordi unici. 
Più o meno. Perché Maggie si scontrerà con l'italianissimo, muscolossisimo e ammiccante Marco. Mettendolo sotto con la bici. Come ci si aspetterebbe dalla migliore commedia romantica di natale, i due finiranno a condividere la casa e le feste natalizie e le risate, i batticuore e le scintille sono assicurate!



mercoledì 16 novembre 2016

Recensione "Lezioni di seduzione" di Chiara Venturelli



Ho atteso questa pubblicazione con grandi aspettative e quando finalmente ho potuto stringere tra le mani questo libro, non ho potuto resistere: ho dovuto leggerlo immediatamente. "Lezioni di seduzione" di Chiara Venturelli è il New Adult che tutte le amanti del romance, ma non dell'eccessiva sensualità che popola questi romanzi, dovrebbero leggere. Ma vi saprò dire di più nella mia recensione spoiler free!


Data di pubblicazione: 26 maggio 2016
Titolo: Lezioni di seduzione
Autrice: Chiara Venturelli
Editore: Centuria
Pagine: 304



Iscriversi al corso di teatro è stato un errore. Ma vedersi assegnare il ruolo di Catherine, la protagonista, è una vera catastrofe per Elizabeth. Soprattutto perché la «star» maschile è Jack: bello, brillante, popolare. Tutto il contrario di lei, insomma, e come se non bastasse un vero stronzo. Tra i due volano subito le scintille, e la commedia romantica Lezioni di seduzione sembra un disastro annunciato.
Quando ci si mette di mezzo la magia del palcoscenico, però, chi può dire cosa succederà? Pian piano, mentre la dolce e maliziosa Catherine conquista il suo William, le cose tra Elizabeth e Jack cominciano a cambiare, la finzione e la realtà si intrecciano. Complici una visita in famiglia a dir poco pericolosa, un’amica determinata, un ex fidanzato insistente e almeno due scomodi triangoli sentimentali, i colpi di scena sul palco e fuori si susseguono in un crescendo di equivoci. Che porteranno l’eroe e l’eroina a interrogarsi sui propri veri sentimenti, fino alla sera di una prima all’insegna dell’«improvvisazione»…
Un romanzo dolce, trascinante e divertente che mette in scena, è il caso di dirlo, le domande più profonde di ogni relazione: chi siamo quando ci innamoriamo, e di chi ci innamoriamo veramente? Forse anche la passione è un palcoscenico, e gli uomini e le donne soltanto attori? E, soprattutto, cosa sarebbe un grande amore senza qualche colpo di scena?


La mia recensione


«Voglio solo che sia chiaro che…» bisbigliò, direttamente al mio orecchio. Trattenni il respiro. «Quando ti bacio… quando ti sfioro… quando ti tocco… sono io. E voglio te.»

Molti di voi conosceranno l'autrice, Chiara Venturelli, come una delle regine di EFP, celebre sito di fanfiction che esisteva prima di Wattpad e di After (la mia recensione), ma che è stato il luogo in cui tante delle più amate autrici italiane contemporanee hanno mosso i primi passi. Fallsofarc, questo era il nick dell'autrice su EFP, è stata colei che ha nutrito i cuori di centinaia di lettrici per anni, fino a quando la sua opera, "Lezioni di seduzione" è stata selezionata dalla collana Talent di Centauria Libri
Dopo revisioni, tagli, rivoluzioni e aggiunte, per rendere la lettura nuova anche ai fan storici, la creatura di Chiara è diventata finalmente un libro. E che libro, aggiungere. Un esordio in sordina, ma col botto, fidatevi. 
Ora, sapete che la sottoscritta non è più un'amante del genere New Adult. Dopo un'iniziale innamoramento verso il genere, mi sono presto scocciata dell'eccessiva presenza di drammi esistenziali ormai inverosimili, mescolati a una sensualità ai limiti dell'osceno. Capirete bene, dunque, che se io mi ritrovo a consigliare un romance New Adult, qualcosa di diverso nel libro di Chiara Venturelli deve esserci per forza. Cosa? 
Beh, prima di tutto uno stile letterario che ti obbliga a voltare una pagina dopo l'altra. E poi una storia forse non innovativa, ma sicuramente dolce e irresistibilmente "reale". Certo, il dramma non manca, ma nemmeno l'ironia. E la sensualità c'è, naturalmente: è tangibile, la si respira in ogni frangente in cui i protagonisti sono assieme. Fortunatamente, però, il romanzo risulta essere deliziosamente casto. 
Se lo consiglio alle amanti del romance? Decisamente. Lo consiglio sia alle lettrici più giovani che a quelle meno giovani: non ci sono contenuti vietati ai minori, ma le emozioni non mancano di certo. Però sappiate che il finale vi lascerà con il cuore un po'... appeso? Essendo piuttosto aperto, avrete voglia di leggere di più, sicuramente.


«Ma tu… cioè William mi ha già mandata via. Le battute sono finite…» Mi stavo arrampicando sugli specchi e lo sguardo divertito di Jack non mi era d’aiuto.
«Liz, non si provano le cose a metà, soprattutto perché stai palesemente evitando di baciare William» spiegò, con sguardo serio.
«Non lo sto evitando!» mi difesi, con troppa enfasi perché suonasse convincente.
«Ok, allora baciami» mi sfidò, alzandosi velocemente dal letto.


La storia è narrata dal punto di vista della protagonista Liz, ragazza che frequenta il college in un'imprecisata città americana e che si scrive per sbaglio al corso di teatro dell'università. Poco male: quei crediti le faranno comodo e lei si limiterà a fare da tappezzeria, standosene zitta e buona al suo posto. In fondo è questo quello che fa di solito: si rintana in se stessa, chiudendosi a riccio, tutta studio e problemi con la figura materna. Ma il destino ha altri piani, ovviamente (inserire risata malefica). 
Quando il suo prof, che lei chiama amabilmente "Il pazzo" assegna i ruoli dei protagonisti dell'opera inedita e piuttosto piccante "Lezioni di seduzione" (da qui il titolo del libro), Liz non si aspetta che il suo nome venga urlato a gran voce. Non solo lei dovrà interpretare la sprovveduta Catherine, la quale si affiderà ai consigli del navigato dongiovanni William, per apprendere le arti amatorie, ma al suo fianco, come protagonista maschile, ci sarà l'odioso Jack. Un misto tra un arrogante playboy dagli sguardi affilati e dai mille silenzi, e un attore dal talento innato, capace di incantare tutti sul palcoscenico. 
Ora, c'è bisogno che vi dica che tra i due voleranno scintille sin da subito? Lui, Jack, che appare come il solito cattivo ragazzo, pensa che interpretare questo ruolo sia l'occasione della vita, quello per cui ha lottato strenuamente, qualcosa per cui ha rinunciato a tutto, persino all'approvazione del padre. Lei, Liz, che proprio come Catherine, non sa assolutamente in che modo prendere in mano la propria vita, amorosa e non. Sarà Jack a darle le lezioni che le servono per essere una buona attrice sul palco e, ovviamente, tra loro scatterà qualcosa. Un gioco d'amore e di tira e molla, coadiuvato dall'adorabile Rick, contendente in amore di Catherine ma anche di Liz, e dall'ex fidanzato Daniel, che non dimentica il passato. Vi chiedete come andrà a finire? Dovrete scoprirlo da voi, tra sorrisi, batticuori e tanta passione.
Catherine, per favore, aiutami tu. Pregai, a occhi chiusi.Sussurrai le battute più che recitarle ma il professore non ci interruppe, lasciando che William, preda della passione, mi sospingesse fino a quel solito, maledetto divano letto di scena. Nel momento stesso in cui le sue labbra si posarono sulle mie, dentro di me svanì ogni illusione, perché quello era Jack.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...