martedì 2 dicembre 2014

Teaser Tuesdays #75



Felice martedì, dolcetti alla crema (sì ho bevuto un bicchiere di troppo a pranzo, e allora?). Oggi, per chi non lo sapesse, è uscito "Indimenticabile" l'ultimo libro di Abbi Glines della serie "Too Far", ve lo dico perché potreste avere voglia di un po' di pepe e quello è il romanzo perfetto per l'occasione! Ma siccome è martedì, è anche il giorno di  Teaser Tuesdays rubrica ideata dal blog Should be Reading. 


Le regole sono semplicissime e tutti possono partecipare e condividere con i propri teaser! 

Ecco le regoline!

  • Prendi il libro che stai leggendo in una pagina a caso; 
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina ("Teaser")
  • Attento a non fare spoiler!
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.


Andiamo un po' a vedere cosa ho scovato io oggi!

Oggi vi regalo un bell'estratto del romanzo dal titolo memorabile di cui cui vi ho già parlato, ovvero "Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto", che a discapito del titolo non è poi male!

«Che c’è, Angel?», mi chiese Liam, guardandomi preoccupato.
«Quello stronzo si è rubato il mio primo bacio!», gemetti. Liam scoppiò a ridere e mi sentii ancora peggio. Non riuscivo a credere che stesse ridendo di me! «Non c’è niente da ridere, Liam! Il primo bacio è importante, per una ragazza. Solo perché tu sei una specie di puttaniere a cui non importa, e che probabilmente neanche se lo ricorda, il suo primo bacio, non significa che queste cose non siano importanti!», sbottai, infuriata, colpendolo sul petto.
«Angel, calmati. Non ti ha rubato il primo bacio», disse lui, serio, guardandomi fisso e facendomi girare la testa, con quegli odiosi occhi azzurri e profondi da rubacuori che si ritrovava.
«Di che diavolo parli? Lo ha fatto, invece! Mi ha baciato e me l’ha rubato», gracchiai, con una lacrima che mi scivolava giù dall’angolo di un occhio. Lui la asciugò con il pollice e scosse la testa.
«Sì, è vero, ti ha baciato, ma non è stato quello, il tuo primo bacio. Lo hai dato a me, tanto tempo fa», spiegò, con un mezzo sorriso che lo fece sembrare ancora più bello. Di che diavolo stava parlando? Non lo avevo mai baciato. Aggrottai la fronte, lambiccandomi il cervello nel tentativo di ricordare. «Ti ricordi quando mi sono fatto male cadendo dall’albero nel mio giardino? Avevo tredici anni e la gamba mi faceva un male cane, e tu mi hai chiesto cosa potessi fare per farmi sentire meglio». Chiuse gli occhi e scosse la testa al ricordo, con un sorrisetto che gli danzava agli angoli delle labbra.
Sussultai. Mio Dio, aveva ragione! Mi aveva chiesto di baciarlo e io l’avevo fatto. Be’, due volte, addirittura. Aveva detto che gli faceva ancora male e mi aveva chiesto di baciarlo di nuovo. E poi Jake era uscito di casa e ci aveva colto sul fatto. E aveva dato a Liam un pugno in faccia, per quello. Oh, merda, Liam si era preso il mio primo bacio! Non ero sicura di come mi sarei dovuta sentire, al tempo era stato piacevole, però. Quel giorno era stato dolcissimo, con me; si era arrampicato sull’albero per riprendermi la palla, che si era incastrata tra i rami. Immaginavo che fosse una cosa buona, alla fine, che fosse stato lui a baciarmi, e che non avessi dato il mio primo bacio a uno stronzo mentre ero ubriaca a una festa.
Gli sorrisi, e lui fece lo stesso. «È stato il primo bacio anche per me, e me lo ricordo molto bene», sussurrò, ammiccando malizioso.
«Be’, da allora ne hai avuti parecchi altri», commentai, riferendomi a tutte le ragazze con cui era stato.
«Sì, ma quello è stato comunque il primo e il migliore», bisbigliò, baciandomi sui capelli e stringendomi di più a sé, in modo che potessi accoccolarmi con la testa nell’incavo della sua spalla. Restammo lì in silenzio; non sapevo cosa dire, perciò tacqui.
Dopo un po’, ero ancora sveglia a causa dei rumori della festa. Era solo l’una di notte, quindi probabilmente sarebbero andati avanti almeno per un’altra ora. Mi girai e notai che Liam mi stava guardando. «Neanche tu riesci a dormire, vero?», mi chiese, sorridendo.
Scossi la testa. «Perché non torni lì a divertirti? Non ha senso che ce ne stiamo entrambi qui senza dormire». Mi scostai per permettergli di alzarsi.
Lui scosse la testa e mi attirò di nuovo contro il suo petto. «Sto bene qui». 
Niente pagina perché lo ho in ebook 

  

ASPETTO I VOSTRI TEASER!

12 commenti:

  1. Uau glinda, amo questo teaser!!!! La cover non mi piace e il titolo è davvero troppo lungo! XD ma mi hai fatto venir voglia di leggerlo *_* io purtroppo non ho nessun teaser perché causa scuola (ahimè) non posso leggere!!!! *me so sad* D:
    Ora ti saluto, un grosso bacione ed un abbraccio da una tua affezionata sognalettrice ;)

    RispondiElimina
  2. uhm, sembra carino ma questa Angel mi sa di dodicenne O_O

    RispondiElimina
  3. Pensavo di non leggere questo libro perchè...con il titolo che si ritrova...non mi ispirava per niente...
    Però questo teaser mi ha incuriosita troppo.Lo leggerò sicuramente!

    RispondiElimina
  4. Il tuo teaser mi ha incuriosita da morire. Oh mamma, un altro libro aggiunto alla mia interminabile lista :S
    Ecco il mio teaser, da "Eleanor & Park" di Rainbow Rowell, che ho appena finito di leggere nonostante lo abbia comprato ieri. Mi ha scavata dentro.

    "Eleanor..."
    "Park."
    "Non ti piaccio..." la incitò, con la base del telefono premuta contro la costola inferiore.
    "Non mi piaci, Park." Ripetè lei, dando per un attimo l'impressione di parlare sul serio. "Io..." continuò, con la voce ridotta a un soffio "vivo per te."
    Park chiuse gli occhi e abbandonò la testa sul cuscino.
    "Mi sembra quasi di non respirare, quando non siamo insieme" sussurrò lei. "Tanto che, quando il lunedì mattina finalmente ti vedo, sono tipo sessanta ore che non respiro. Sarà per questo che sono così acida e ti rispondo male. Il tempo in cui siamo separati lo passo a pensare a te, mentre quando siamo insieme mi prende il panico. Perchè ogni attimo mi sembra capitale. E perchè perdo talmente il controllo da non riuscire a trattenermi. Non sono più neanche mia, sono tua, e che ne sarebbe di me se tu decidessi di non volermi? Potresti mai volermi quanto ti voglio io?"
    Park non fiatò. Quanto avrebbe dato perchè quelle parole fossero l'ultima cosa che sentiva. Per addormentarsi con quel "ti voglio" nelle orecchie.
    "Dio" disse. "Te lo avevo detto che non dovevo parlare. Non ho neanche risposto alla tua domanda."

    Pagine 126/127. Lo amo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo amo. Sì. Un libro troppo bello. Troppo troppo bello.

      Elimina
    2. Ciao ragazze!! Ma di questo libro hanno cambiato la cover??? Perchè io nella mia WL ho "Per una volta nella vita" con l'immagine di lei seduta sui binari dietro le spalle di lui in piedi tra i binari!! E' lo stesso giusto? Grazie!!

      Elimina
    3. Si è lo stesso, han solo cambiato la cover :) infatti come sottotitolo ci hanno scritto "per una volta nella vita" :)

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Mmmm sarà il prossimo libro che leggerò!!!!
    Faccio un pò fatica a mettere un teaser che non contenga una serie di ahhhhh, ohhhh, ihhhhh perchè ho appena iniziato "Indimenticabile" di Abbi Glines ma dato che è appena uscito e l'hai anche nominato ci provo:

    - Cosa la rende differente? Sei stato con un sacco di donne, perché proprio lei?
    Se non avessi saputo che la sua era vera curiosità, mi sarei incazzato. Dean però sapeva che tipo ero prima d’incontrare Blaire.
    - Quando è entrata qui per la prima volta, mi è bastato metterle gli occhi addosso per provare attrazione… Ma fin lì niente di speciale, no? Poi però ho iniziato a conoscerla. Ed era diversa da qualsiasi altra ragazza avessi incontrato. La vita le aveva riservato dei momenti difficilissimi, ma lei stava lottando per sopravvivere. Non aveva intenzione di arrendersi né di abbassare la testa, e io l’ho ammirata per questo. Poi, ho provato una volta, e lì basta, ho perso la testa. Blaire è tutto ciò che vorrei essere.
    Sul viso di Dean si allargò un lento sorriso. Annuì.
    - Bene, allora. Mi sa che della vita ne sai più tu che tuo padre, perché non c’è mai stata una donna capace di farmi sentire così. Sono contento che tu l’abbia trovata. È una cosa rara, Rush, perciò tienitela stretta. Non ricapiterà più.
    Non avevo nessuna intenzione di farmela scappare.

    Anche se la frase "...poi ho provato una volta..." non è delle più lusinghiere!!!

    RispondiElimina
  7. Che carino questo teaser ^-^ Mi ispira molto questo libro (tralasciando ovviamente il titolo che è proprio terribile .-.)

    Tratto da Overbite. Sfida all'ultimo morso di Meg Cabot
    Alaric avrebbe dovuto lasciare che la cosa finisse lì. Ma non poteva.
    Invece si protese in avanti e le circondò le spalle con un braccio, attirandola a sé in un abbraccio che risultò maldestro, sia perché lei non se l'aspettava, sia perché Alaric Wulf non era abituato ad abbracciare la gente e non era molto bravo a farlo.
    "Va tutto bene" la rassicurò con voce che sperava potesse risultare tranquillizzante. Le accarezzò i capelli. Quei fili sottili, un po' crespi a causa di tutta la tintura che la sua amica Leisha ci aveva messo sopra ultimamente, erano caldi per il sole. "Di qualunque cosa si tratti, andrà tutto bene."
    Finalmente lei sembrò realizzare ciò che Alaric stava cercando di fare e smise di cercare di allontanarlo. Sorpreso, Alaric la sentì rilassarsi tra le sue braccia. Qualcosa di caldo e umido gli toccò il collo e lui si rese conto, sconvolto, che erano lacrime.
    "Non credo proprio, Alaric" gli sussurrò. "Non credo davvero. Non questa volta."
    Lui non sapeva cosa fare. Era così abituato alla freddezza con cui lei lo trattava di solito che vederla abbassare completamente le difese e abbandonarsi contro di lui a quel modo lo sconcertava. Quasi quasi preferiva le occhiatacce e il sarcasmo. Erano senza'altro meglio delle lacrime. Centinaia di donne avevano pianto davanti a lui prima di allora, e la cosa non lo aveva scosso neanche un po'.
    Ma questo era tremendo.
    Alaric la strinse più forte e disse sottovoce: "Non può essere così terribile"...

    RispondiElimina
  8. Il tuo taser è bellissimo Glinda! Quando ho sentito parlare di questo libro ho pensato che il titolo fosse veramente interessante, ma non ero molto convinta...beh adesso si XD

    RispondiElimina
  9. il mio nome è Sandra e non riesco più a mantenere la mia felicità per me. Il mio amante usato per essere una persona meravigliosa fino a quando ha iniziato a cambiare nel suo comportamento. ogni volta che torna a casa urla verso di me e anche nella misura in cui mi picchia. Alex non lo fa prima, ma non sapevo che cosa è venuto su di lui e che mi ha fatto confuso e stanco perché non volevo lasciarlo perché io lo amo così tanto. Ho detto a un collega che cosa stava succedendo e mi ha presentato a DR EHIS. Questo mago controllato e scoperto che un'altra donna lo ha incantato con un incantesimo demoniaco che è il motivo per cui ha cambiato. Mi ha detto cosa fare e l'ho fatto e oggi il mio amante viene ripristinato e ora si prende cura di me più di una volta. Sarò sempre grato a DR EHIS causato mi ha dato ancora una volta una nuova vita. per ottenere il suo aiuto, contattarlo tramite thebrotherhoodtemple@gmail.com

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...