domenica 30 giugno 2013

SPAZIO PETIZIONI: VITTORIE E NUOVE LOTTE!

Cari sognalettori, molti di voi sapranno che ho una predilezione per le lotte lettarie e che sono tante le petizioni che ho intrapreso in questi tre anni su Atelier dei Libri. Grazie alle petizioni nate su queste pagine e a quelle che altri blogger coraggiosi hanno deciso di creare abbiamo ottenuto la pubblicazione di romanzi molto agognati dai lettori (come Obsidian della Armentrout), il mantenimento di alcune cover originali e altre piccole, ma soddisfacenti vittorie. Oggi sono qui per annunciare un'altra meravigliosa e clamorosa vittoria che Atelier dei Libri e tutti i suoi lettori hanno ottenuto. 


Ricorderete che qualche mese fa avevo indetto una petizione per portare in Italia i libri di Julie Kagawa (qui il link). In quasi 400 avete firmato e questo fattore non è sfuggito alle Case Editrici Italiane. E' notizia di qualche giorno fa, infatti, che la Fanucci (a cui più di una volta ho sottoposto la nostra petizione) ha infatti acquistato i diritti della serie Iron Fey che dovrebbe vedere la luce prima della fine dell'anno
Non posso dire con certezza quale ruolo abbia giocato la nostra petizione, ma so che di sicuro abbiamo fatto valere le nostre ragioni e i nostri desideri sono stati avverati. Dunque POSSIAMO URLARE A GRAN VOCE CHE... ABBIAMO VINTO!

Serie completa:


venerdì 28 giugno 2013

Recensione "Il confine di un attimo" di J. A. Redmerski

Ho atteso il momento in cui poter condividere questa recensione con voi a lungo, avendo letto il romanzo in anteprima, e sono davvero felice che il giorno sia finalmente giunto. Primo libro della duologia The edge of Never di J. A. Redmerski, "Il confine di un attimo" è un romanzo intenso, sensuale e molto, molto appassionante che mi ha davvero conquistata fino in fondo.  
Ecco perché ho deciso di arricchire questa recensione con qualche prezioso estratto, perché voglio condividere alcuni punti che mi hanno colpito di più con voi.


Titolo: Il confine di un attimo (The Edge of Never #1)
 Autrice: Jessica Ann Redmerski 
In uscita: il 28 Giugno 2013 
 Edito da: Fabbri Editori 
Numero pagine: 454 
Prezzo: 14.90 €
ll mio voto:





Camryn Bennett, vent’anni, non è certo il tipo da restare ingabbiata in una vita ripetitiva sempre uguale a se stessa. Ma da quando il suo ragazzo è morto, niente sembra più importarle davvero... Quando anche la sua migliore amica le volta le spalle, Camryn salta su un autobus, con solo un telefono cellulare e una piccola borsa, decisa a fuggire da tutti coloro che la vogliono incasellare in una vita che non le appartiene. Quello che trova nel suo viaggio è un ragazzo di nome Andrew Parrish, un tipo non molto diverso da lei, e da cui si sente irrimediabilmente attratta. Andrew vive la vita come se non ci fosse domani. Convince Camryn a fare cose che non avrebbe mai pensato di fare e le insegna ad ascoltare le sue emozioni più profonde, i suoi desideri più proibiti. Ben presto diventa il centro della sua vita. Ma Camryn ha giurato di non lasciarsi andare mai più, di non innamorarsi mai più... E il segreto che Andrew nasconde li spingerà irrimediabilmente insieme o li distruggerà per sempre?


La mia recensione 


Ci sono storie romantiche che sanno sconvolgerti e regalarti emozioni difficili da cancellare, che a lungo bruciano sul cuore come un marchio. Storie così ben raccontate, dolci e allo stesso tempo dolorose, così come lo è la vita, da sembrare vere e da risultare incancellabili. "Ilconfine di un attimo" è stato per me uno di quei romanzi. 
Più adulto, sensuale, introspettivo e complesso di tanti romance contemporanei appartenenti al target new adult - e per questo non consigliato ai lettori giovanissimi -, il libro della Redmerski rompe gli schemi raccontando una storia d'amore diversa
Narrato dal punto di vista alternato dei due protagonisti, il romanzo è un viaggio on the road in cui due sconosciuti che fuggono dal dolore che li perseguita si improvvisano compagni di avventura e scoprono che l'amore arriva sempre quando meno te l'aspetti (e in questo caso tale affermazione è assolutamente calzante).
Unico neo del romanzo è, forse, un linguaggio un po' scurrile. Ma non volgare sia chiaro, solo un po' "dirty". Ci sono molte parolacce e tutto è chiamato con il proprio nome (a buon intenditor poche parole). 


La vita sa essere davvero crudele. Camryn e Andrew lo sanno meglio di chiunque altro. I due non si conoscono, non sanno nemmeno che l'altro esista, eppure stanno per imbattersi in un viaggio che unirà per sempre i loro destini. 
A vent'anni Camryn è stanca di essere la persona mediocre e prevedibile che tutti si aspettano. Quando, dopo la morte del suo unico amore, una serie di delusioni e la consapevolezza di un futuro triste e privo di avventura, anche la sua migliore amica le volta le spalle dimostrandole che non c'è nulla per lei in quella specie di paesino che alcuni chiamano "casa", Camryn sale sul primo autobus che le capita a tiro e scappa. Nessuna meta, nessun fine ultimo, nessuna intenzione di tornare a casa.
Andrew Parrish, scapestrato, deliziosamente diretto, visceralmente appassionato di rock classico e abile musicista, sale sull'autobus di Camryn
. Lui ha una meta, ma vorrebbe non raggiungerla mai. A venticinque anni Andrew, sta per andare a dare l'ultimo saluto a una delle persone più importanti della sua vita. Ma c'è di più: sta scappando da un terribile e doloroso segreto.
Bastano poche fortuite coincidenze a unire Camryn e Andrew in un viaggio in auto verso New Orleans, un viaggio che li cambierà per sempre. Camryn vuole uscire dalla depressione che la divora; Andrew vuole dimenticare il dolore che lo perseguita. Nessuno dei due è pronto a innamorarsi, eppure il destino sa essere imprevedibile. 

"La depressione è il dolore nella sua forma più pura. Io per esempio farei di tutto per essere capace di provare di nuovo un’emozione. Una qualsiasi.
Il dolore fa male, ma quando è talmente potente da annullare qualsiasi altra sensazione, ecco, in quel momento inizi a credere che stai per impazzire." Camryn
"Perché la gente è sempre pronta a obbedire? Io non sono così. Io voglio una cosa sola nella vita. E non sono né i soldi, né la fama, né il pacco photoshoppato su un cartellone pubblicitario a Times Square, né un’istruzione universitaria che forse – ma forse anche no – potrebbe essermi utile in futuro. Non so bene cos’è che voglio, ma lo sento in fondo alla pancia. Per ora se ne sta lì, dormiente. Lo capirò quando lo vedrò." Andrew

giovedì 27 giugno 2013

Lady Morgana Blog Tour, prima tappa! Intervista ai personaggi, un estratto esclusivo un contest speciale e un ricco giveaway!

Miei adorati sognalettori, questo è un giorno speciale perché è il giorno in cui ha inizio il blog tour di Lady Morgana, nuova opera di Desy Giuffré. Questo blog tour vi consentirà di conoscere meglio il mondo creato dall'autrice, di giocare con lei, di vincere succosi premi e di divertirvi assieme ai personaggi del libro! In questa prima tappa io e Desy abbiamo deciso di deliziarvi con una scoppiettante intervista ai tre personaggi del romanzo, Ian, Morgana e Adam, regalarvi un ESTRATTO esclusivo e proporvi un meraviglioso giveaway! 

ECCO I PREMI DEL GIVEAWAY ESCLUSIVO PER ATELIER DEI LIBRI

- primo posto: 1 ebook Lady Morgana
- secondo posto: maglietta Lady Morgana
- terzo posto: 2 segnalibri personalizzati

Ma non finisce qui, perché il blog tour di Lady morgana offre a uno di voi un'opportunità unica e irripetibile. Un contest che consentierà a un solo vincitore finale di partecipare attivamente alla stesura del secondo capitolo della Lady Morgana Trilogy! Volete scoprire come? Bene, rimanete incollati a questo post fino alla fine e le vostre domande troveranno risposta! 


INTERVISTA AI PERSONAGGI

Glinda Izabel: Salve ragazzi, mettetevi pure comodi e prendete qualcosa da mangiare. Ma prima presentatevi ai nostri amici. Nome, età, segni particolari.

Morgana
: il mio nome è Morgana - detta "La Strega" -, ho 17 anni e frequento una delle
scuole più illustri dell'Isola di Man. Nata sotto il segno del capricorno e per una strana combinazione di stelle e pianeti...ma questa è un'altra storia. Il mio segno particolare? Cacciarmi sempre in situazioni che non riesco a controllare. Soprattutto con la magia...quella difficile da gestire, capace di uccidere la gente quando i miei nervi iniziano a saltare come grilli nei campi.

Glinda Izabel
: Okay, cara. Allora vedrò di fare la brava mentre sei nei paraggi. Non voglio farti innervosire e rischiare di scatenare una tragedia.

Morgana
: credo sia difficile perdere la pazienza con una persona tanto gentile come te!

Glinda Izabel
: Grazie Morgana, mi sento molto meglio. Tra streghe ci capiamo bene! E i ragazzi invece, voglio no presentarsi?

Adam: OK, OK...almeno per oggi non sarebbe meglio tralasciare i discorsi di magia? Comunque...salve a tutti! E complimenti a te, Glinda Izabel: qui su Atelier ho avuto modo di conoscere Logan, un gran bravo ragazzo! Diventeremo amici, lo sento. Sicuramente più di quanto possa dire di aver stretto con Ian, che avrete modo di conoscere a breve. In quanto a me...sono il fratellastro di Morgana, anche se non amo molto definirmi tale. Sono un tipo abbastanza sportivo, amante del sole e del mare. E anche delle belle ragazze! Che, se proprio devo dirlo...vanno matte per me, anche se da quando il mago-prodigio di tutti i tempi ha deciso di starmi con il fiato sul collo, non ho molto tempo per pensare a questo...

Ian: non badate al fare esasperato di Adam...lui è fatto così, non sa proprio dove inizi e

finisca il termine "controllo". Andando a noi... Grazie per avermi invitato nel tuo magnifico salotto, Glinda! Mi sento già a casa. Che dire di me...sono figlio di una relazione piuttosto complicata e originale -non scendo nei dettagli delle mie oscure e poco graziose origini che avrete modo di conoscere meglio in avanti-. Un ragazzo come tanti che adora le moto -la mia è una NSR 250, un vero gioiello per gli esperti- e ha imparato presto ad usare i poteri magici di cui è dotato. Segni particolari? Emano una svariata gamma di profumi di cui devo ancora capire le origini. E amo da sempre la persona che dovrei odiare più d'ogni altra cosa al mondo. Non male per un ragazzo della mia età, non trovi?


Glinda Izabel: Non male davvero, tutti e tre siete dei tipetti davvero particolari! Caro Adam, Logan si da già abbastanza arie senza che inizi anche tu a complimentarti con lui, te lo assicuro!
Bene, so che tra Ian e Adam c'è un po' di rivalità. Morgana, vuoi dirci, brevemente, quali sono i loro peggiori difetti?

Morgana: mio fratello ha una testa così dura da fare invidia al rinoceronte più grande del mondo. A volte si comporta come un bambino troppo cresciuto e non capisce ancora di avere delle responsabilità a cui un giorno dovrà rendere conto. Ian...Ian è Ian. Crede di poter controllare tutto e tutti, ma arriverà anche per lui il momento di capire che la magia non può essere la chiave per risolvere ogni tipo di problema..
Glinda Izabel:  Ah, Morgana sei davvero terribile! Ian e Adam, che ne dite di ricambiare il favore? I tre peggiori difetti di Morgana secondo voi?

Adam: Conosco Morgana meglio delle mie tasche e potrei rigirarvela come un calzino...se solo volessi. Ma non è il caso d'incitare il peggio! Quindi mi limito a sottolineare la sua tendenza ad isolarsi dalla massa e la poca pazienza che è solita usare con chi le sta intorno.


Ian: Come forse qualcuno di voi già sa, riesco a leggere le emozioni e i pensieri di Morgana. Così come lei può fare con me. Posso quindi dire con certezza che i suoi peggiori difetti si basano sulla sua profonda insicurezza, la facile irritabilità e la pessima tendenza ad esaudire -sebbene involontariamente- i suoi desideri...anche a costo della vita di qualcuno. E qui mi fermo, altrimenti rischiamo di esporre Atelier sotto l'implacabile flusso di qualche suo incantesimo!

Glinda Izabel: Ah, Morgana non sarà felice delle vostre risposte immagino. Proprio a lei voglio domandare: come ci si sente a sapere di essere così "potenti" a livello magico? Com'è cambiata la tua vita da quando hai scoperto la tua vera natura?

Morgana: fanno tanto i duri e amano punzecchiarsi come pochi, ma quando si tratta di
andar contro la sottoscritta...bé, in quel caso subentra, innata, una sfacciata solidarietà maschile degna del medioevo da cui proveniamo! Andando a noi, Glinda...non temere, Atelier è al sicuro ^^ Come ci si sente con tanta magia che ti scorre dentro, vuoi dire? E ti scorre così forte da non poterla controllare? Bé, ecco... non bene. A volte desidero solo fuggire via e non dovermi sentire responsabile della vita e della morte delle persone che mi circondano. Ma la mia vita non è poi cambiata così tanto...ero già emarginata dalla maggior parte dei coetanei che conosco, e adesso non faccio altro che nascondermi agli occhi dei più...con un'unica differenza: prima amavo essere "diversa". Oggi...me ne vergogno. E ho più di un valido motivo per farlo... 

Glinda Izabel: Be' sì, ma ora possiedi un' arma molto potente con cui potresti difenderti dai bulli. A questo proposito voglio chiedere a tutti e tre: tornereste alle vostre normali esistenze, cancellando tutto ciò che è successo?

Morgana: sì, adesso posso! E, cosa ancora migliore, posso chiudere la bocca a tutte le
malelingue quando e come mi piace. Alla tua domanda dico... No, non lo farei. Ho un motivo per essere tornata, e voglio la mia rivincita.

Adam: Sì, se potessi...lo farei. Cancellerei ogni stupida leggenda che mi vincola alla conoscienza di un terribile segreto. Un segreto troppo grande per essere il solo a doverlo custodire...

Ian: Io cancellerei il passato. Anche se in nome della giustizia, ciò che ho fatto non mi rende un Mago migliore di Morgana...

Glinda Izabel: Ragazzi, così però ci fate morire di curiosità. Vi va di raccontarci un vostro segreto? Qualcosa che l'uno non sa dell'altro?

Morgana: non ho mai detto a Ian di aver barato più di una volta durante i nostri duelli di
magia...ha sempre pensato di avermi battuta, e per non ferire il suo orgoglio gliel'ho fatto credere. Adam, invece...non sa che dietro la mia aria noncurante, in realtà sono sempre stata gelosa marcia delle ragazze che gli ronzano intorno senza conoscerlo neanche. Senza conoscerlo come lo conosco io.

Adam: Morgana saprà solo adesso che la sua gelosia non è mai stata un segreto per me. Una cosa che non le ho mai detto...? Quanto mi sia piaciuto il nostro bacio e il fatto che non riesca a smettere di pensarci. Ian? Ian conosce così poco di me, che farei prima ad elencare quel che sa!

Ian: Adam non ha ancora capito che al mondo non esiste altra persona capace di comprenderlo meglio del sottoscritto, nonché di prevedere ogni sua mossa o pensiero. Con Morgana...non mi è concesso avere alcun segreto. Lei riesce a provare ogni mia piccola sensazione come se fosse sua.

Glinda Izabel: E invece a Desy, colei che ha deciso di scrivere la vostra storia, cosa vorreste dire?

Adam: la ringrazio, sì...ma le chiedo anche di accelerare i tempi di stesura per il resto della storia che ci vede protagonisti. In molti desiderano già sapere cosa saremo in grado di fare nei prossimi volumi, e poi...rischierò d'impazzire senza sapere cosa sia accaduto a Morgana dopo... Ops, forse ho detto troppo!

Morgana
: vorrei ringraziarla per avermi dato la possibilità di mostrare al resto del mondo il lato diverso di Morgana, La Strega...quello che è sempre rimasto nascosto dietro la coltre magica che ha condizionato il suo destino.

Ian: le chiedo una possibilità. Una sola possibilità che possa farmi sperare di cambiare il nostro destino...o parte di esso.

Glinda Izabel: Sono certa che Desy sia in ascolto e farà la brava esaudendo i vostri desideri. E ora qualche domandina veloce, vi va?
Morgana/Adam/Ian: sì! Pronti ^^

Glinda izabel: Rock o Pop?
Morgana: Pop.
Adam: I love Rock.
Ian: Tutta la musica del mondo, senza distinzione di genere. 

Glinda izabel: Dolce o Salato?
Morgana: Salato.

Adam: Dolce per tutta la vita.
Ian: Salato.

Glinda izabel
:
Film d'azione o commedie?

Morgana: Film d'azione - vado matta per gli Horror!
Adam
: Film d'azione.

Ian: Film commedia, questo è poco ma sicuro...la mia vita è già abbastanza rocambolesca! 

Glinda izabel: Meglio il primo bacio o l'ultimo?
Morgana: Il bacio più magico.
Adam
: Il primo bacio ti resta dentro.

Ian: L'ultimo bacio, quello per sempre.

Glinda izabel
:
Amore proibito o amore predestinato?

Morgana: Amore. Semplicemente amore. 
Adam: Amore predestinato. 
Ian: Amore proibito.



ESTRATTO ESCLUSIVO

Gli inferi di quel lago lo accolsero in una coltre spessa e più nera della notte; era come se quell’oscurità avesse una consistenza quasi solida. Fino al momento in cui, di fronte ai suoi occhi spalancati per lo stupore, si creò uno squarcio di luce pura e incandescente, dalla quale si materializzò, come il riflesso di un diamante sfiorato da un raggio di sole, una donna: la sua immagine altera e filiforme era una torcia di luce, ma nonostante ciò, i suoi occhi riuscivano ad avere un bagliore proprio, estraneo al resto dell’energia che emanava. Un bagliore che penetrò Adam fino alle radici della sua coscienza, ferendolo come avrebbe fatto la lama di una spada.
E fu proprio una spada ciò che la Dama del Lago gli mise tra le mani: l’impugnatura d’argento massiccio era scolpita magistralmente, e sosteneva una lama dal taglio spesso e tuttavia leggera alla presa. Sfavillante nel suo magico candore, emanava una vitalità propria, quasi come se fosse stata… viva.

mercoledì 26 giugno 2013

Giveaway, The Vincent Boys!




Pensavate che mi fossi dimenticata la promessa che vi avevo fatto? Be', vi sbagliavate! Non dimentico mai, e dico mai, le promesse che faccio ai miei adorati lettori. Come sapete ho letto in anteprima The Vincent Boys ecco perché quando mi è stata regalata la copia cartacea del libro ho pensato subito di regalarla a voi. Il romanzo non mi è piaciuto, ma sono certa che molti di voi potrebbero apprezzarlo, ecco perché, seguendo le regoline a fine post, potrete provare a vincere la mia (nuovissima) copia del libro!


Data di Pubblicazione: 18 Giugno 2013 
Editore: Mondadori/Chrysalide  
Traduzione: Manuela Carozzi 
Titolo: The Vincent boys  
Autore: Abbi Glines 
Prezzo: 14,90 €  
Pagine: 288 

Le brave ragazze vanno in paradiso, quelle cattive vivono passioni sconvolgenti... Ashton, brava ragazza di "professione", cerca di non deludere i suoi genitori e gioca il ruolo della fidanzata perfetta di Sawyer Vincent, il ragazzo che tutte vorrebbero. Ma durante le vacanze estive, mentre Sawyer è in campeggio con il fratello, Ashton inizia ad avvicinarsi a Beau, cugino di Sawyer, terribilmente sexy. E terribilmente pericoloso... Il ragazzo da cui tutte dovrebbero stare alla larga. Beau, che ha sempre voluto bene a Sawyer come a un fratello, ama Ashton fin dai tempi dell'asilo, considerandola però la "ragazza di suo cugino" e, dunque, off limits. Che sia giunto il momento di abbandonare le maschere e di lasciarsi andare ai sentimenti veri? Più Ashton e Beau cercano di stare lontani più il desiderio si fa irrefrenabile. La tenera amicizia che li legava da piccoli si trasforma in attrazione travolgente, impossibile da combattere... Come reagirà Sawyer nel trovare la sua ragazza tra le braccia del cugino e migliore amico? C'è sempre una prima volta per "tutto": per l'amore, per la gelosia, per scoprire chi siamo veramente...

Words of Love #18




Torna Words of Love, un meme che vi farà impazzire, vi toglierà il fiato e pure il sonno, diventando la vostra nuova ossessione!  In cosa consiste? Semplice! Ogni settimana trascriverò una scena particolarmente romantica e perché no, un po' hot, da uno dei libri che sto leggendo o che ho letto (diciamo tipo un teaser).  Voi potrete fare lo stesso nei commenti ovviamente ma ricordate che ci troviamo in un blog frequentato da persone di tutte le età, perciò NON sono ammessi passaggi troppo SPINTI, VOLGARI o ESPLICITI! 


E fate anche attenzione a non fare spoiler! 

Fate i buoni, mi raccomando!
 
 
Le mie Words of Love di questa settimana sono tratte da...
 
Il confine di un attimo di J.A. Redmerske, che uscirà il 28 Giugno ma io ho letto in questi giorni e ho amato alla follia. Non posso neanche dirvi quanto mi sia piaciuto, quanto mi abbbia commossa e quanto orfana d'amore e sentimenti mi senta ora, dopo averlo finito. L'ho adorato e non vedo l'ora di poterlo recensire! Potevo evitare di condividere con voi una delle escene che ho amato di più di questo splendido romanzo? Vi consiglio di leggerlo ascoltando questa canzone.
 
 
Ho già le farfalle nello stomaco: sono nervosa come se fossi io quella che deve cantare davanti a un mucchio di estranei. Ma soprattutto ho i nervi a fior di pelle perché c’è Andrew sul palco.
Lui mi guarda per un istante e poi il batterista dà il ritmo e Eddie inizia a suonare, una melodia lenta e orecchiabile, e tutti gli avventori del locale si voltano all’unisono: è evidentemente una canzone che conoscono tutti e di cui non si stancano mai. Andrew suona una serie di accordi per accompagnare la melodia di Eddie, e io mi accorgo di aver già iniziato a dondolarmi al ritmo della musica.
Quando Andrew inizia a cantare, la testa mi scatta all’indietro come se avessi una molla nel collo. Non credo alle mie orecchie: è un blues, una melodia struggente. Andrew canta con
gli occhi chiusi, accompagnando con movimenti del capo que ritmo sensuale e tormentato. E quando arriva il ritornello, Andrew mi mozza il fiato…

lunedì 24 giugno 2013

Estrazione giveaway La discendente di Tiepole e PROPOSTA PER PROSSIMO GIVEAWAY! Leggete il post fino in fondo!!

   



Allora, in questi giorni sono stata impegnata a litigare con un paio di blogger che hanno deciso di farmi arrabbiare, ma ora sono qui per dirvi chi ha vinto il giveaway che metteva in palio una copia de La discendente di Tiepole e un lavoro grafico a scelta della bravissima Elisabetta Baldan!


Inoltre a fine post vi proporrò un'idea per il prossimo giveaway, ditemi che ne pensate.

Vince:



venerdì 21 giugno 2013

Anteprima "Il confine di un attimo" di Jessica Ann Redmerski. L'estate si fa bollente con il new adult romantico

The Edge of Never (The Edge of Never, #1)
Mi pare di avervi già detto che questa sarà un'estate bollente, vero? Bene questo post conferma le mie affermazioni, ragazzi! Se amate il new adult, vi piace farvi rapire dalle belle storie d'amore che oltre il sesso bollente hanno anche molto da insegnare e tante emozioni da regalarvi, allora non potrete perdervi "Il confine di un attimo" di J.A. Redmerski in uscita il 28 Giugno per Fabbri Editori. 
The Edge of Never, è queso il titolo originale dell'opera, è il primo romanzo dell'omonima duologia romance  che ha fatto innamorare gli States e che io non vedo l'ora di divorare e racconta la storia della ventenne Camryn e di una passione travolgente nata in un viaggio verso l'ignoto.

A vent'anni Camryn conosce bene il significato di "sofferenza" e "rinuncia". Quando l'amore della sua vita muore e suo fratello finisce in galera, per lei resta poco di cui essere felice. L'unico appiglio è la sua migliore amica. Ecco perché, nel momento in cui anche lei le volta brutalmente le spalle, per Camryn non c'è più nulla da fare oltre che scappare. 
Così ha inizio un viaggio verso città sconosciute, in cui la protagonista spera di ritrovare se stessa e quella scintilla che ormai non brilla più. Invece, ciò che trova è Andrew Parrish. Modello, musicista, gentleman e ribelle, il venticinquenne Andrew è il ragazzo che tutte desiderano e il destino vuole che lui condivida con Camryn metà del viaggio. 
Seduto nel sedile posteriore dell'autobus su cu viaggia la protagonista, Andrew riesce a scavare una strada che lo porti oltre le barricate in cui Camryn si è trincerata. Nonostante lei avesse promesso al suo cuore di non lasciarsi andare mai più con nessuno, pare infatti che la sfacciataggine di Andrew riesca a farla sentire nuovamente vita.  
E quando entrambi raggiungono la meta comune ed arriva il momento di separarsi, accade qualcosa. Una scelta che cambierà la vita di entrambi. L'inizo di un viaggio fatto di scoperte piccanti, fortissime emozioni e scoperte sconvolgenti.

L'ordine delle Blogger, Speciale Black Friars: parliamo con Lady De Winter della la sua passione per i Vecchi Culti!


Non ho mai fatto mistero della passione che nutro per i libri di Virginia De Winter, l'italianissima regina del new gothic che con la sua penna rosso vermiglio è capace di incantare lettori e lettrici. 
Come sapete Atelier dei Libri fa parte de L'Ordine delle Blogger, una società non proprio segreta che ha deciso di dedicare uno speciale blogtour a Virginia in occasione dell'uscita del capitolo conclusivo della Black Friars Saga, Ovver Black Friars L'Ordine della Croce.

Oggi per voi lettori di Atelier dei Libri, Lady De Winter ha risposto alle mie domande su una delle tematiche che più mi ha colpito della sua serie, ovvero le sue ispirazioni per i culti religiosi di Altieres
Nutrendo un amore smodato per i romanzi gotici e southern gothic non ho potuto fare altro che invaghirmi degli oscuri rituali che Virginia descrive con dovizia di particolari, incantando e suggestionando e, a volte, anche terrorizzando. Ecco perché ho fatto i salti di gioia quando ho avuto l'opportunità di scucire qualche informazione a Virginia sulla sua passione per i Vecchi Culti e i miei salti si sono trasformati in una danza di gioia quado ho scoperto che Vy ci ha regalato uno degli incantesimi delle ragazze Mayfield!



Cara Virginia, leggendo la tua avvincente saga, una delle cose che colpisce all'istante è la dovizia che hai riversato nella creazione dei molteplici e oscuri culti religiosi a cui i tuoi protagonisti si affidano o da cui rifuggono. Cosa ti ha spinto a porre una tale attenzione in questo aspetto?
 
Credits
Sono una patita di religioni, della loro storia e ritualità. Le cerco, le studio, scavo nel loro significato, nella loro apparenza e nella sostanza; i simboli, le cerimonie, non ne ho mai abbastanza. Considero le religioni la traduzione, in diverse lingue, della più grande forza spirituale umana, una cosa talmente vicina alla magia da essere impressionante per i punti che ha in comune con essa. Entrambe sono un modo di vedere e interpretare la realtà, di trovarle una logica e, forse anche di manipolarla. Gli Dei sono archetipi stessi di forza e l’oscurità è di certo il mare il cui mi piace nuotare. Le immagini gotiche, tetre, cruente di Cristi crocifissi e Mater Dolorose che piangono lacrime di sangue mostrando cuori trafitti di spade (l’immago sincretica di Maitresse Erzulie Dantor del voodoo haitiano, ora che ci penso), traducono in emozioni comprensibili ciò che del divino difficilmente potremmo condividere e, come molte altre immagini, ne mostrano il lato crudele e sinistro. Ho sempre detto e sempre sosterrò che il genere gothic deve molto, quasi tutto alle religioni e, in particolare a quelle cristiane e sincretiche. Senza il concetto di peccato si perderebbe tanta parte delle sue sfaccettature, allo stesso modo, senza un diffuso senso di “benedetto” che ne sarebbe dell’idea di dannazione? Ho sempre pensato che il Cattolicesimo, con i suoi riti, il profumo di incenso, il sangue e la carne e il mistero della morte e della Resurrezione fossero quanto di più incantevolmente cupo si potesse desiderare. Come non soccombere al fascino di un rivolo d’incenso che brucia sul fondo di una cappella, in una cattedrale cupa, dove memento mori e frammenti di ossa convivono con le immagini auree degli angeli e dei santi?

Conoscendo la tua passione per il Southern Gothic, da amante del genere, non mi è sfuggito come nell'Ordine della penna tu sia riuscita a ricreare certe atmosfere. In particolare, il culto dei Vecchi Dei mi ha fatto pensare al voodoo e alla Santeria. È proprio da queste religioni che hai tratto la tua ispirazione?

Credits
Sì, soprattutto dalla Santeria. Come dicevo sopra, ho una grande passione per le religioni sincretiche e, molto in generale e con termini che farebbero inorridire un esperto diciamo che, al momento in cui i culti originari dell’Africa e provenienti da Haiti, incontrano la religione cattolica francese assumono gli aspetti del voodoo come lo conosciamo noi nel genere Southern Gothic; quando invece questa religiosità subisce l’influenza della tradizione cattolica dei paesi spagnoli abbiamo la Santeria. Il termine Santeria era in origine il modo dispregiativo con cui i Cattolici definivano i riti delle popolazioni colonizzate le quali, per poter continuare a professare la loro religione senza incorrere nell’anatema cattolico, adoravano i loro Loa o i loro Orishas dietro le fattezze dei Santi cattolici. Il sincretismo religioso, come lo stesso termine indica, crea questi culti dove la magia è liturgia e all'inverso. Era ciò che io volevo per le religioni della mia Altieres, nella quale ho voluto concentrare un omaggio al Southern Gothic che entrambe amiamo tanto: una religione potente e terribile, celata dietro le immagini della Chiesa ufficiale, dove i Santi sono Dei e Dee e ascoltano le preghiere dei devoti se loro porte con i dovuti cerimoniali. Ad esempio, le ragazze Mayfield di cui ho parlato a lungo – Fay, Alexandria e Caroline, ma anche altre che ancora nessuno conosce: Adelaide, Merianne, Ethiel – hanno i loro piccoli riti per propiziare l’amore e conservare la propria bellezza o per altri scopi. Un rituale che usano spesso per esempio è questo:

giovedì 20 giugno 2013

Words of Love #17



Torna Words of Love, un meme che vi farà impazzire, vi toglierà il fiato e pure il sonno, diventando la vostra nuova ossessione!  In cosa consiste? Semplice! Ogni settimana trascriverò una scena particolarmente romantica e perché no, un po' hot, da uno dei libri che sto leggendo o che ho letto (diciamo tipo un teaser).  Voi potrete fare lo stesso nei commenti ovviamente ma ricordate che ci troviamo in un blog frequentato da persone di tutte le età, perciò NON sono ammessi passaggi troppo SPINTI, VOLGARI o ESPLICITI! 


E fate anche attenzione a non fare spoiler! 

Fate i buoni, mi raccomando!




Le mie Words of Love di questa settimana sono tratte da...

"Shades of Life"  il mio ebook che potete comprare qui. E' da un po' che avevo voglia di condividere con voi un passo di SOL ed ecco che ho trovato l'occasione giusta! Spero ne siate felici.


 

Ora che le avevo conosciute, non avrei rinunciato a quelle sensazioni per nulla al mondo. Nemmeno la promessa di un’esistenza mortale mi avrebbe tentato come sapeva fare il corpo di Logan premuto contro il mio.Alla fine con dolcezza e cautela le sue labbra si staccarono da me, rimanendo sospese a pochi centimetri dal mio volto. Era come se quel minuscolo spazio mi sfidasse a mantenere il controllo di me stessa, mentre ogni singola molecola della mia pelle sentiva il richiamo di quella di Logan. 

Mi accarezzò racchiudendo il mio viso nella sua mano forte e calda, e mi persi nell’abisso del suo sguardo, così profondo da farmi sentire come se stessi perdendo ogni appiglio con la realtà. 
Mi fissava le labbra con insistenza, neanche cercasse di rievocarne il sapore mentalmente. I suoi occhi mi mostravano un mondo fatto di sorrisi e baci e carezze, capaci di dare e togliere la vita.

lunedì 17 giugno 2013

Estrazione giveaway: SHADES OF LIFE!



Dolci miei sognalettori, come sapete ti è concluso il blogtour di SOL e io ho letteralmente adorato ogni commento di voi che lo avete seguito. Oggi vi dirò che ha vinto il giveaway e, siccome molti dei nomi estratti possiedono già il romanzo, i vincitori non saranno solo sei ma 9! 
Infatti a tre persone sarà assegnato solo l'ebook, per non fare andare dei premi sprecati, spero che la cosa vi renda felici. Se tra quelli estratti qualcuno possedesse già l'ebook, lo riassegnerò in settimana!


Allora, iniziamo con chi vince solo l'ebook:

Alessandra L'angolino di Ale
Cristy L.
Rosanna Peluso



Vincono tazza + segnalibro + ebook (solo chi non lo ha gia)

Recensione in anteprima "The Vincent Boys" di Abby Glines

Sapete quanto io ami il New Adult e quanto mi entusiasmi all'idea che in Italia questo genere stia finalmente prendendo piede. Percui dovreste immaginare la mia profonda delusione nello scoprire che The Vincent Boys, presentato come "Le 50 Sfumature per adolescenti" (ora che ci penso questo paragone regge alla grande) non era all'altezza delle mie aspettative. Banale, scialbo e incomprensibilmente volgare, questo primo capitolo della serie dei Vincent mi ha colpito solo in negativo. La mia recensione un po' cattivella e molto comica vi aiuterà a capire cosa non mi è piaciuto. 

Data di Pubblicazione: 18 Giugno 2013
Editore: Mondadori/Chrysalide 
Traduzione: Manuela Carozzi
Titolo: The Vincent boys 
Autore: Abbi Glines 
Prezzo: 14,90 €  
Pagine: 288  
Il mio voto:



Le brave ragazze vanno in paradiso, quelle cattive vivono passioni sconvolgenti... Ashton, brava ragazza di "professione", cerca di non deludere i suoi genitori e gioca il ruolo della fidanzata perfetta di Sawyer Vincent, il ragazzo che tutte vorrebbero. Ma durante le vacanze estive, mentre Sawyer è in campeggio con il fratello, Ashton inizia ad avvicinarsi a Beau, cugino di Sawyer, terribilmente sexy. E terribilmente pericoloso... Il ragazzo da cui tutte dovrebbero stare alla larga. Beau, che ha sempre voluto bene a Sawyer come a un fratello, ama Ashton fin dai tempi dell'asilo, considerandola però la "ragazza di suo cugino" e, dunque, off limits. Che sia giunto il momento di abbandonare le maschere e di lasciarsi andare ai sentimenti veri? Più Ashton e Beau cercano di stare lontani più il desiderio si fa irrefrenabile. La tenera amicizia che li legava da piccoli si trasforma in attrazione travolgente, impossibile da combattere... Come reagirà Sawyer nel trovare la sua ragazza tra le braccia del cugino e migliore amico? C'è sempre una prima volta per "tutto": per l'amore, per la gelosia, per scoprire chi siamo veramente...

La mia recensione 

Volevo che questo romanzo mi piacesse. Lo volevo con tutta me stessa, credetemi. Gli ingredienti c'erano tutti: una storia d'amore new adult molto, molto, molto hot, il Sud degli Stati Uniti e un ragazzaccio tutto muscoli che sotto la spavalderia nasconde un cuore d'oro. Eppure, quando la scintilla non scatta non scatta, ragazzi. 
Ve lo dico subito: The Vincent Boys è un romanzo erotico per adolescenti. Sì avete capito bene. I protagonisti hanno diciassette anni e ci danno dentro senza censure, perché la Chrysalide ha deciso di pubbicare la versione HOT e NON CENSURATA del romanzo e la cosa non mi sarebbe nemmeno dispiaciuta, se non fosse stato per la demenzialità con cui l'argomento sesso è stato trattato in certi punti e per la debolezza estrema della trama. Non vi sto dicendo di bocciare a priori questa lettura, perché in fondo ogni libro deve essere letto per poter essere giudicato, ma che The Vincent Boys è un romanzo che no mi ha preso, che spesso mi ha fatta ridere in momenti in cui avrei dovuto sentire molto "caldo" e la cui trama fa acqua da tutte le parti.
La colpa in gran parte è da attribuire ai traduttori che, mi spiace dirlo, secondo me non hanno fatto un buon lavoro nel momento in cui hanno deciso di utilizzare termini per descrivere gli organi sessuali, a mio parere, ridicoli ("patatina", "buchino" - ribrezzo assoluto per questo termine - e altri nomignoli di cattivo gusto di cui vi parlerò alla fine della recensione). 

A diciassette anni Ashton ha una vita apparentemente perfetta. E' la figlia del pastore di un paesino dell'Alabama, tutti la guardano con ammirazione e rispetto, sta per affrontare il suo ultimo anno di scuola e ha il ragazzo che tutte sognano: Sawyer Vincent. 
Lui è brillante, talentuoso negli sport, galante e rispettoso dei valori di purezza, onestà e galanteria, ecco perché Ashton non ha potuto resistere alla sua proposta di diventare una coppia. 
Prima di allora però la coppia era un trio, di cui faceva parte il cugino scapestrato di Sawyer, ovvero Beau Vincent: ragazzaccio con cui  Ashton si divertiva a infrangere tutti i limiti.
Da quando lei e Sawyer fanno coppia fissa, Beau è uscito dalla vita di Ashton, ma non dal suo cuore e non appena il suo ragazzo si allontana dalla città per le vacanze, la ragazza riscopre il suo debole per l'irresistibile Beau. 
Tra i due scoppia una passione incontenibile che fa comprendere ad Ashton che gli abiti della brava ragazza ormai le stanno stretti: lei adora fare sesso sui sedili posteriori delle auto, lasciarsi andare in modo sfrenato e sentirsi libera. Ma riuscirà la brava figlia del pastore ad abbandonare la sua facciata di perfezione per abbracciare il suo lato selvaggio?

Ora, raccontata così, la trama del libro potrebbe sembrare non solo carina, ma anche stuzzicante e accattivante. Ero convinta che lo fosse, giuro, ma non lo è stata. Per niente. Anzi, è stata avvilente sotto molti punti di vista.
Innanzitutto la Glines ha deciso di giocarsi le carte del triangolo amoroso e del tradimento, che sono notoriamente un'arma a doppio taglio. Se ben sfruttati e giustificati, certi fattori possono incatenare alla lettura, ma con The Vincent Boys questo non è accaduto. Ashton infatti non è intrappolata in una relazione sbagliata, tutt'altro. Ha deciso di sua sponte di legarsi a Sawyer pur sapendo che non era lui il ragazzo adatto a lei, eppure, per un motivo che non mi è chiaro ha scelto di fingere di essere quella che non era, senza mai smettere di sospirare per Beau. Il povero Sawyer, che viene sbeffeggiato e anche pestato a dovere nel corso della trama, è una vittima assoluta e inconsapevole che viene martirizzato per aver amato una ragazza che fingeva un sentimento mai provato. 
Ora, posso anche sopportare un po' di incoerenza e qualche colpo di testa tipico dell'adolescenza, ma direi che il modo in The Vincent Boys si supera ogni limite. L'ho capito nel preciso momento in cui, dopo nemmeno due giorni di distanza da Sawyer, Ashton si è letteralmente gettata tra le braccia di Beau in preda a uno stato di trance sessuale. Non sono ironica, accade davvero. Lei si struscia a lui mentre è in trance. State ridendo? Io sì. Ma ho riso per poco tempo, perché ben presto mi sono ritrovata con le mani tra i capelli e la bocca spalancata.

Cover Love #77

 
Torna Cover Love, rubrica inventata da me che viene postata ogni Lunedì e consiste in una classifica in cui vi mostrerò tre cover che mi hanno rubato il cuore, che siano esse di libri italiani, stranieri, vecchi o nuovi!


La rubrica è nata per una mia particolare peculiarità, che sono sicura non è solo mia, ovvero quella di prendermi delle cotte pazzesche per le cover dei libri, che mi attraggono come il miele attrae un orsetto. Spesso e volentieri mi innamoro più della copertina che del libro stesso...!


Così nasce una rubrica in cui sfogare la mia follia per le cover, e condividerla con voi! Vorrei che partecipaste ovviamente scegliendo quale, secondo voi, è la cover più bella tra le tre da me selezionate e mescolandone l'ordine di classifica, in modo da formarne una vostra!



Bene, la mia classifica della scorsa settimana era questa



  1. Unhinged  
2. Lady Morgana
 3. Arrow of the mist



E SECONDO I VOSTRI VOTI LA COVER LOVE QUEEN DI QUESTA SETTIMANA E'...



UNHINGED!
Lo sapevo che anche voi sareste riamasti succubi del fascino del cappellaio! Al secondo posto resta Lady Morgana e al terzo Arrow of the mist!


 
 
E ORA, PRONTI A UNA NUOVA COVER LOVE?

Come sempre io vi do' le cover e voi potete votarle secondo le vostre preferenze.

   



1. Tumble and fall

Why


Io questa cover la trovo bellissima, senza appello. E' assolutamente adorabile, dolcissima e anche ipnotica, con tutte le scintille - o dovrei dire stelle? - che circondano la coppia di splendidi ragazzi (ho una cotta per lui). Adoro la posa in cui la foto è stata scattata, l'espressione della ragazza, consapevole e determinata, e quella di lui, che sembra sognante e innamorato alla follia. La "&" che abbraccia i volti dei due è decisamente perfetta. Amo questa copertina è STUPENDA!
 
Trama tradotta da me



Un romanzo sulla fine del mondo, pieno di meravigliosi inizi

Il mondo vive nell'ombra di un imminente disastro. Un asteroide colpirà la Terra entro una settimana, la catastrofe è inevitabile. La domanda non è come salvare il mondo. La domanda è, cosa fare con il tempo che resta? Sullo sfondo di questo suggestivo scenario, tre ragazzi si destreggiano tra un intreccio di storie d'amore, amicizia e famiglia, mentre in gioco c'è la più alta posta mai immaginata.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...