martedì 15 ottobre 2013

Teaser Tuesdays #61


Torna l'appuntamento con Teaser Tuesdays rubrica ideata dal blog Should be Reading, che posto ogni martedì. 

Le regole sono semplicissime e tutti possono partecipare e condividere con i propri teaser! 


Ecco le regoline! 


  • Prendi il libro che stai leggendo;
  • Aprilo in una pagina a caso;
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina ("Teaser")
  • Attento a non fare spoiler!!
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto. 



Andiamo un po' a vedere cosa ho scovato io oggi!



Da Cursed, di Jessica Spotswood




 
Due guardie trascinano sul palco una donna. Piange, cerca di divincolarsi, ha le mani legate dietro la schiena. Una terza guardia la spinge in una carriola piena di libri. «Questa donna, Hanna Maclay», continua fratello Covington, «smerciava libri proibiti. Li vendeva proprio qui, nelle strade di New London
Il pubblico fischia. 
La gente allunga il collo per vedere meglio; i bambini avanzano e vengono strattonati dalle madri.
La madre di Finn è - era, fino a poco tempo fa - una libraia. «Ha avvelenato le menti delle nostre donne e dei nostri bambini con le decinali storie d’amore e i racconti macabri che sono popolari oltreoceano. Non solo nega di essersi macchiata di alto tradimento, ma sostiene che questi romanzi siano un tesoro. Vorrei mostrarle, mostrare a tutti voi uniti qui stasera, quanto sia scarso il loro valore.»
Due guardie raccolgono manciate di libri e li gettano nel fuoco.
Le pagine si accartocciano e si anneriscono, le parole al loro interno diventano morte e inutili. Hannah MacLay si libera con uno strattone, uno dei guardiani la spintona, e…

Hannah precipita, urlando, dritta nel falò. Il mantello nero prende fuoco. I lunghi capelli castani avvampano in un istante.

Buon Dio, la lasceranno bruciare? Nessuno l’aiuterà?
Nessuno si muove. La folla sembra raggelata. Alcuni bambini cominciano a gridare, e i loro padri, impreparati ad un simile spettacolo, se li tolgono dalle spalle e li posano pa terra. Anch’io vorrei urlare.
La magia mi freme in gola. Sto per lanciare un incantesimo di vivificazione silenzioso per togliere Hannah dalle fiamme, ma poi capisco che, se lo faccio, i Fratelli non daranno la colpa a me. Penseranno che lei abbia usato la magia per salvarsi. E se pensano che è una strega, la getteranno di nuovo nel fuoco.

Pagina 55


Allora non è un estratto bellissimo? Io lo adoro, lo avevo segnato apposta per condividerlo con voi. 

Aspetto i vostri teaser!

35 commenti:

  1. Davvero splendido! Ora ho ancora più voglia di leggerlo!!! Non credo che resisterò a lungo!!!
    p.s. davvero carina l'atmosfera per Halloween!

    RispondiElimina
  2. A cena non faccio che pensare a Matt.
    Di solito non rimango mai così impressionata dalle persone che incontro. Stavolta, invece, l’uomo supersexy – che ero convinta non avrei mai incontrato – ha fatto capolino all’improvviso con quel suo fascino prepotente e mi ha atterrata con uno sguardo. Avverto ancora il potere dei suoi occhi su di me, le sue mani che mi sfilano i vestiti, il suo respiro. Il suono della sua voce mi riecheggia ancora nella testa, a momenti spensierato, poi arrochito dal desiderio e infine rigido e formale. La sua espressione, sempre combattuta, come se l’istinto gli suggerisse di fare una cosa ma il cervello non approvasse. E il suo profumo… Dio… me lo sento ancora addosso.
    E poi Matt che mi sussurra all’orecchio, il suo naso che mi sfrega contro lo zigomo, l’indice che risale lungo il mio braccio… Il modo in cui mi ha sbattuta contro la parete, la virilità nel pressarmi con il suo corpo eccitato… Il sorriso mozzafiato, la risata, il passarsi le dita tra i capelli…
    Oh Dio, no.

    (Sudden Storm - Chiara Cilli)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah bene, ci vai giù pesante con la sensualità, eh Antonio? :P

      Elimina
    2. Il libro è bellissimo, anche se racchiude i 6 racconti fino ad ora pubblicati (non è conclusivo). Letto tutto in un fiato.

      Elimina
    3. Grazie Antonio :D E glaaasssie a Daphne ♥

      Elimina
  3. 'Wulf' disse lei prima che lui potesse andarsene.
    Lui si voltò a guardarla.
    'Grazie per avermi salvata di nuovo. So che ti fa star male averlo dovuto fare.'
    Il suo sguardo si inteneri'.
    'Non mi fa star male, cassandra. Starti lontano lo fa.'
    Lei lo guardò a bocca aperta uscire dalla stanza e chiudersi la portalle spalle.


    ( il bacio della notte-sherrylinn kanyon 5)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo proprio leggerli questi libri.

      Elimina
    2. Glinda sono belli, la trama un po' ripetitiva, ma intriganti.
      Dello stesso genere trovi anche JR Ward (con la serie "la confraterniata del pugnale nero").

      Elimina
  4. Noooooo, poveri libri T_T bella scelta in ogni caso!

    RispondiElimina
  5. "Che cos'é?"
    "Non ha neppure un nome. E' grossa, stupida e brutta. Ne sono stati creati tre esemplari soltanto e i due maschi si sono uccisi durante la prima stagione degli amori. Lei è sempre stata stata sola, fin da quando ho memoria."
    .......

    L e grandi ali batterono di nuovo e nel buio risuonò un grido protratto di disperazione: esprimeva una solitudine così dolorosa che Garion provò dentro di sé un moto di pietà.

    (La Valle di Aldur - David Eddings)

    RispondiElimina
  6. Rimase come ipnotizzata mentre Will le
    prendeva i capelli tra le mani e glieli spargeva sulle spalle,
    attorcigliandosi i ricci tra le dita.
    — Tessa mia... — mormorò il ragazzo, e questa volta lei non gli disse
    che non lo era.
    — Will... — sussurrò mentre lui sollevava le braccia e le toglieva le
    mani dal collo. Le sfilò i guanti, che raggiunsero la maschera e le
    forcine sul pavimento di pietra. Quindi si tolse anche la propria
    maschera e la gettò via, passandosi le mani sui capelli bagnati e
    scostandoli dalla fronte.
    Il bordo inferiore della maschera gli aveva lasciato dei segni sugli
    zigomi, come leggere cicatrici, ma quando Tessa fece per toccarle, lui
    le prese dolcemente le mani e le spinse giù. — No — fece. — Lascia
    che sia prima io a toccarti

    Shadowhunters - Il Principe. Cassandra Clare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Will...T_T io ti amo! Amo anche Cassandra Clare per averlo creato..mi è rimasto nel cuore!

      Elimina
  7. "C'era un altro posto che gli aspettava, nelle più lontane profondità dell'inferno, tra le fauci di Satana: quello riservati ai più grandi traditori. Poiché lui aveva tradito non solo la sua famiglia, ma il suo intero popolo. E non c'era zolfo, né fiamme, né calore, là, solo il gelo più assoluto, crudele e amaro.
    Freddo come il cuore di mio padre, freddo come lo sguardo che così spesso avevo visto nei suoi occhi."

    Alla corte dei Borgia di Jeanne Kalogridis :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei romanzi storici più belli che abbia letto !!!

      Elimina
  8. Non ho ancora letto wicked, pertanto anche cursed dovrà aspettare! Il mio teaser della settimana è proprio su Shades of Life! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cristina, già il tuo nome mi ha fatto innamorare (Lee, come Juniper), poi mi dai una notizia così e io mi sciolgo! GRAZIE <3

      Elimina
    2. L'avevo notato anch'io da subito e Lee in effetti è il mio vero nome! :P

      Elimina
  9. Mi hai incuriosita! Credo che darò una possibilità a questa trilogia.
    Ps- domanda fuori luogo: hai tumblr?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! No, non lo ho ma sto seriamente pensando di farlo!

      Elimina
  10. Mia era seduta a gambe incrociate sul letto di Gabe e divorava la pizza consegnata a domicilio. Era
    proprio come piaceva a lei: alta, con doppia mozzarella e poco pomodoro.
    Lui la guardò divertito mentre si leccava le dita prima di crollare di nuovo sui cuscini con un
    sospiro.
    «Fantastica» disse. «Mi vizi, Gabe, non c’è che dire.»
    Negli occhi di lui passò un lampo diabolico. «Se fossi in te, aspetterei un po’ prima di dire che ti
    vizio.»
    Lei fu percorsa da un fremito e si sentì invadere da un’ondata di calore. Per quanto ci provasse,
    non riusciva a provare paura per la sculacciata imminente, anzi, avvertiva un formicolio di
    eccitazione.
    Lo guardò e si incupì. «Mi dispiace davvero per ieri sera, non avevo idea che fossi così
    preoccupato. Se avessi controllato il cellulare, ti avrei chiamato o ti avrei mandato un SMS, Gabe, non
    ti avrei ignorato.»
    «Lo so» commentò lui brusco. «Quello di cui voglio che tu sia consapevole è che devi stare
    attenta. Tu e le tue amiche che uscite da sole e vi ubriacate state solo cercando guai. A un gruppo di
    ragazze sole e vulnerabili può succedere qualunque cosa.»
    Le faceva un immenso piacere che lui fosse così protettivo nei suoi confronti: doveva provare
    qualcosa per lei oltre a considerarla un oggetto sessuale.

    Maya Banks - Febbre (capitolo 27)

    RispondiElimina
  11. La paura mi fece ripiegare su me stessa come una marionetta a cui Phoebe avesse tagliato i fili.
    — È caduta dalla tua borsa — bisbigliò.
    Fissai con sguardo assente la foto finché non udii chiamare il mio nome. Me la infilai in tasca e chiesi di andare in bagno. Brooke annuì. Afferrai la borsa.
    Arrivata in bagno mi nascosi in uno dei cubicoli e frugai dentro la borsa. Vi trovai un libro in edizione economica che avevo scovato in garage e deciso di leggere – di mio padre, credo, dei tempi dell’università – l’album da disegno su cui per giorni non avevo avuto voglia di disegnare nulla, alcune penne e dei carboncini.
    E la fotocamera digitale. Quella che i miei genitori mi avevano regalato al compleanno. Non ricordavo assolutamente di averla messa in borsa.
    Tirai fuori la foto dalla tasca e la guardai col cuore che batteva all’impazzata. Accesi la macchina fotografica, pigiai il tasto menu e aspettai.
    Sullo schermo apparve l’ultima foto scattata. Era la stessa che avevo in mano.
    La foto precedente mi ritraeva sempre a letto addormentata, sempre con lo stesso pigiama, ma in un’altra posizione. E così quella prima, e quella prima ancora.

    (Io non sono Mara Dyer)

    Io qui ho avuto paura.... ero a letto buio intorno a me!
    Questi libri la notte non si dovrebbero leggere...ahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissimo!! Ho trovato questa serie per caso in libreria e ora non vedo l'ora di leggere il terzo libro XD

      Elimina
    2. Stupendo....appena finito di leggere

      Elimina
    3. Stupendo....appena finito di leggere

      Elimina
  12. "Scusa." Le poggiò una mano sulla guancia ferita e avvicinò il viso al suo. Non poteva resistere. Doveva baciarla. Un attimo prima che le sue labbra incontrassero quelle di lei, due paramedici entrarono nella stanza, seguiti dal capo della polizia Lester. Tuttavia, questo non lo fermò. Sapeva quali sarebbero state le conseguenze di quel bacio, ma se ne infischiò.

    Un amore su misura - Sugar Jamison (p. 115)

    RispondiElimina
  13. La porta si spalancò su un rettangolo buio.
    -Be', questa è pigrizia bella e buona- osservò Will. Estrasse un coltello da caccia dalla cintura ed entrò con cautela seguito dall'amico, che teneva ben stretto il suo bastone da passeggio dal pomo di giada. Tendevano a fare a turno per chi dovesse andare per primo in situazioni pericolose, sebbene il più delle volte Jem preferisse fare da retroguardia; Will dimenticava sempre di guardarsi alle spalle.
    La porta si richiuse dietro di loro, imprigionandoli nella semioscurità.
    (...)
    Sfrecciarono sul pavimento provocando una smorfia a Will. -Bel posto in cui vivere, eh? Speriamo che si siano lascite dietro qualcos'altro oltre alla sporcizia. recapiti, un braccio o una gamba tagliata, una prostituta o due...
    -Già... magari, se siamo fortunati, possiamo anche prenderci il mal francese.
    -O la sifilide demoniaca- suggerì Will in tono allegro, provando ad aprire la porta del sottoscala, che si spalancò come quella d'ingresso. -C'è sempre la sifilide demoniaca.
    -La sifilide demoniaca non esiste.
    -Ah, uomo di poca fede.

    Shadowhunters Le Origini - L'Angelo.
    pagina 138
    Will Herondale ti amo!!!!

    RispondiElimina
  14. - Ciao, Norah- dice lui
    - Ciao, Nick- rispondo
    - Adesso posso riavere il mio giubbotto?-
    -No.- Mi merito una ricompensa per essere state respinta e per la mia vita futura di castità e buone azioni.
    - Perché?-
    - Perché salvatore vuole che lo tenga io.-
    - Te l'ha detto lui?-
    - Si-
    - E se il giubbotto non fosse stato veramente di Salvatore? Se non avesse avuto il diritto di dartelo? Se in realtà fosse stato del suo gemello cattivo, Salamandra,che si è fatto scrivere il nome di Salvatore sul giubbotto così la gente lo avrebbe scambiato per il gemello buono e lui avrebbe potuto portare tranquillamente a termine la missione infame della sua vita?-
    - Che missione sarebbe?-
    - Le solite cose, conquistare il mondo e roba del genere.-
    - Conquistare il mondo è un cliché abusatissimo. Una persona farebbe meglio a cercare di essere un cittadino responsabile della terra invece di ingegnarsi a fregare gli altri. E puoi anche dirlo a Salamandra, la prossima volta che viene a chiederti il suo giubbotto. Digli che io e Salvatore stiamo fondando un nuovo ordine mondiale tutto nostro. Si chiama Movimento Datti una Calmata e Molla il giubbotto alla Ragazza.

    Tutto accadde in una notte
    Rachel Cohn & David Levithan
    Un libro divertente e romantico io lo trovo bellissimo.

    RispondiElimina
  15. "Codarda".
    "Ah".Non dico altro.Scandalo.Indignazione.
    Mi fermo.Mi volto e lo guardo in faccia.Sento qualcosa indebolirsi,cedere e crollare dentro di me.Qualcosa che si libera e mi spinge.Mi alzo sulle punte,gli stringo la nuca e avvicino la sua faccia alla mia.Lo bacio.Proprio lì ,davanti alla scuola.Sconsiderata.Stupida.Rivendico che Will è mio come se dovessi dimostrare qualcosa,come un draki davanti al clan durante la cerimonia di accoppiamento.
    Ma dimentico subito il pubblico.Dimentico tutto tranne il calore secco sulle nostre labbra.I polmoni si distendono e si contraggono.Sento la pelle accendersi,scaldarsi innescata dai polmoni.Il calore crepita e mi sale in petto.
    Non è la mossa più furba che abbia mai fatto.

    RispondiElimina
  16. Scusate,l'estratto dal libro qui sopra si chiama "Firelight" di Sophie Jordan

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...