martedì 26 giugno 2012

Recensione, Torn. Ritorno al Regno Perduto di Amanda Hocking

Torn è il secondo romanzo della serie young adult e fantasy Trylle, dell'autrice prodigio Amanda Hocking, che con il suo successo nell'autopubblicazione ha stupito il mondo. Dopo Switched (qui la mia recensione) in Torn possiamo nuovamente leggere le fascinose avventure dei Troll meno mostruosi della storia.

Titolo: Torn. Ritorno al regno perduto
Data di uscita: 22 Giugno 2012
Traduzione: Silvia Pellegrini
Autrice: Amanda Hocking
Casa editrice: Fazi/Lain 
Prezzo: 9,90 €
Pagine: 350
Il mio voto:



Da quando Wendy Everly ha scoperto la verità su di sé – essere una changeling scambiata alla nascita – sa che la sua vita è destinata a trasformarsi, ma ancora non immagina fino a che punto la spingeranno gli eventi. I Vittra, popolo nemico dei Trylle, non si fermeranno davanti a niente pur di sottrarre Wendy alla sua famiglia. Così, con una guerra sempre più imminente, l’unica speranza per Wendy di salvare il mondo dei Trylle è quella di imparare a usare i poteri di cui è dotata e di sposare un uomo che sia di stirpe nobile come lei. Ma questo significa abbandonare sia Finn, la sua affascinante guardia del corpo, che Loki, un principe Vittra per il quale prova un’attrazione sempre più irresistibile. Divisa tra i sentimenti e l’appartenenza alla sua gente, tra amore e dovere, Wendy è posta di fronte a una scelta delicata e rischiosissima, che potrebbe costarle la perdita della libertà.


La mia recensione


Secondo romanzo della serie Trylle di Amanda Hocking, Torn, giustifica almeno in parte il successo ottenuto dall'autrice con le sue pubblicazioni.
Se il primo libro risultava essere un po' affrettato e superficiale, in questo secondo romanzo gli eventi si sviluppano in modo più maturo e interessante, dando finalmente ai lettori le risposte lasciate in sospeso in Switched.
Una maggiore attenzione per i dettagli e per la storia che ruota attorno alla affascinante figura dei Troll, fanno di Torn una lettura piacevole e soddisfacente.
Purtroppo un fattore negativo per me poco trascurabile è rappresentato dall'abbondanza di refusi ed errori di battitura, che rendono la lettura fastidiosamente lenta distogliendo l'attenzione dalla trama in sé. Una vera disdetta.

Torn ha inizio proprio dove Switched ci aveva lasciati e riprende l'avvincente storia di Wendy Everly: principessa dei Troll in fuga. Dopo aver scoperto la verità sulla propria natura di changeling e aver trascorso un turbolento periodo nel regno dei Trylle, in parole povere nella terra dei Troll, Wendy aveva deciso di tornare alla sua dimora umana per fuggire dalle responsabilità e dai dispiaceri un cui si era imbattuta. 
La sua era stata una fuga impulsiva e poco programmata, giudata dall'impulso di allontanarsi dai tormenti scaturiti dalla separazione con il Cercatore Trylle Finn e dall'attacco dei Vittra, Troll nemici che per qualche motivo vogliono rapirla. Proprio per la prevedibilità della meta scelta da Wendy i Cercatori Trylle non impiegheranno molto per ritrovarla e, ancora peggio, anche i Vittra scopriranno il suo nascondiglio. 
Wendy verrà catturata dal clan nemico del suo popolo e assisterà nuovamente alla sofferenza delle persone che ama a causa della propria Regale Eredità di principessa Trylle. Ma ciò che non immagina è che il rapimento da parte dei Vittra le aprirà ulteriormente gli occhi sulla propria natura a causa di rivelazioni sconcertanti riguardo alla vera identità di suo padre.
Ancora una volta la Hocking mette la povera diciassettenne Wendy in condizioni scomode e di difficile risoluzione, da cui riuscirà a trarre insegnamento e maturazione, oltre che un'infatuazione amorosa nuova di zecca per il Markis Vittra Loki.

Wendy scoprirà di far parte di un disdicevole gioco di potere tra i Vittra e i Trylle, gioco a cui non potrebbe sottrarsi nemmeno se fuggisse in capo al mondo. Il suo destino sembra essere stato deciso ancora prima che lei venisse al mondo e prevede uno scettro e una corona.
La Hocking in Torn approfondisce molto la figura dei Vittra, che si riveleranno creature affascinanti e molto potenti, spiegando al meglio la rivalità che intercorre tra il loro clan e quello dei Trylle. Contrariamente a ciò che ci si aspetterebbe dopo il superficiale Switched, la storia che coinvolge i due clan nemici è matura e convincente, affascinante e credibile. 
Mentre Wendy cercherà di scendere a patti con i sacrifici e le responsabilità derivanti dal suo ruolo di principessa, scopriremo il lato più umano di Elora, regina di ghiaccio e madre della protagonista che nel primo romanzo svolgeva più che altro un ruolo di contorno. 

Se Elora diventerà più protagonista e svelerà il suo lato più tenero, il bel Cercatore Finn per cui il cuore di Wendy batteva in Switched, diventerà un personaggio marginale lasciando spazio al più carismatico e solare Loki, nuovo spasimante della Principessa.
La propensione di Wendy per gli amori impossibili sembra non avere limiti, cosa che viene infatti confermata dai sentimenti che la legheranno all'attraente Loki, che è niente meno che il Markis del clan Vittra.
Una storia d'amore in stile Montecchi e Capuleti, intrighi e rivelazioni e una sostanziale crescita di Wendy fanno di Torn un romanzo piacevole e sorprendente!
A questo punto non ci resta che fare il conto alla rovescia per il romanzo finale, che si prospetta come una favolosa lettura!

Verdetto: una storia che si arricchisce sempre di più...!

Compralo cliccando sulla cover, su LaFeltrinelli.it!

22 commenti:

  1. Essenzialmente concordo in tutto, anche se mi è sembrato un po' sbrigativo il modo in cui viene accantonato Finn per passare a Loki...
    Comunque ho trovato che la storia si sivluppi sicuramente in modo più maturo ed avvincente.
    Peccato per i refusi. Devo dire che questo problema in lingua originale non mi si è presentato... al contrario di quello che invece mi è successo con altri libri (es.b Bridger di Megan Curd)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono felice che tu concordi e io concordo con te sul fatto che Finn è stato forse messo da parte troppo in fretta. Come minimo la Hocking si è innamorata della figura di Loki è ha voluto accantonare Finn senza troppe cerimonie :D
      Anche tu hai notato i refusi eh? Era prevedibile che in lingua non ci fossero (e meno male direi) ed è un vero peccato che invece le edizioni italiane ne sprizzino da tutti i pori. E' una cosa che mi mette sempre di cattivo umore.

      Elimina
  2. Devo leggerlo.. è li che mi aspetta.. e tu mi dici che ci sono tanti refusi? Mi viene da piangere! Già era stato un problema con il primo libro, ma quella era la copia staffetta per i blogger, e quindi ci stava che fosse pieno di errori.. ma questa è la copia originale :( Questa cosa mi disturba e non poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica, è una roba che odio anche io. In realtà anche la copia finale del primo era pieno di errori e non capisco perché questo succeda. Troppa fretta nella traduzione forse, ma come dissi per Soulless, possibile che non si riesca a revisionare un testo?

      Elimina
    2. E' una cosa molto triste questa.. e credo anche poco carina nei confronti degli autori, che possono piacerci o meno ma che comunque ci mettono il loro impegno per scrivere! Come ti dissi allora Soulless io non sono proprio riuscita a finirlo.. i refusi mi hanno bloccato e non c'è stato niente da fare! Peccato :(

      Elimina
  3. Bella recensione, Glinda, come sempre.
    Riesci ad indurre il lettore a comperare questo tomo perché lo inviti a desiderarlo. Sei straordinaria, davvero. :)

    RispondiElimina
  4. sia switched prima che torn adesso mi attirano moltissimo, anche se del primo volume della saga non sempre ho letto pareri positivissimi; cercherò di recuperare la lettura di switched e per poi arrivare a Torn!
    Bella recensione, incoraggiante!!

    RispondiElimina
  5. Ho finito di leggere Switched qualche giorno fa e non vedo l'ora di leggere questo secondo capitolo della saga.
    Sono un po' delusa nel leggere della decisione di "accantonare" il personaggio di Finn a favore di Loki, anche perchè la loro storia sembrava doversi tradurre in qualcosa di grande.
    Vediamo un po' come si evolve questa storia :)

    RispondiElimina
  6. Mi piacerebbe leggerlo, lo comprerò sicuramente ^-^

    RispondiElimina
  7. Bella la tua recensione:adoro Amanda Hocking,in questo romanzo mi sembra di capire che dia il meglio di sè,regalandoci una lettura piacevolissima e interessante,lasciandoci la curiosità di vedere come evolve ulteriormente la storia.

    RispondiElimina
  8. Ho letto a metà Switched!!!ero impegnata poi devo dire che non mi stava attirando più di tanto!!!però leggendo diverse recensioni di Torn tra cui la tua mi sono decisa finalmente di finirlo, per leggere questo secondo capitolo, che mi attira un pò più del primo!!!

    RispondiElimina
  9. Torno qui dopo tempo immemore...mi sono lasciata coinvolgere da Monica nella gestione di una pagina su fb e ho praticamente abbandonato tutti i blog che seguivo...chiedo venia...
    ma veniamo a Torn...ho letto Switched proprio grazie a te ^__^ l'ho infatti vinto qui ad un giveaway...non un capolavoro ma la storia era carina e mi era piaciuto...in particolare mi piaceva Finn...ora mi dici che è stato praticamente accantonato :( la cosa mi rende triste assai...ma mi fa piacere sapere che la storia si arrichisce...letto il primo ormai non posso esimermi dal leggere gli altri...peccato per gli errori e i refusi...

    RispondiElimina
  10. Fantastica recensione :) Mi dispiac che sia stato abbandonato Finn, per quanto ricco di cliché era una delle poche cose che mi erano davvero piaciute di Switched. Sono contenta invece per i vari approfondimenti, sono davvero curiosa di conoscere qualcosa di più sul mondo dei troll! Peccato davvero per i refusi, è davvero brutto il fatto che non ci si preoccupi di ricopntrollare il testo!

    RispondiElimina
  11. Ammetto che devo ancora leggere il primo (causa: lista di libri da leggere ancora lunga XD) ma provvederò al più presto a leggere sia il primo che il secondo libro di questa serie =D Sarà interessante leggere sui troll e la tua recensione mi invoglia ancora di più a comprare i libri. Vediamo un pò il carrello Amazon XD

    RispondiElimina
  12. Switched l'ho davvero adorato. Magari poteva sembrare un pò superficiale, ma sinceramente a me è piaciuto cosi com'era descritto XD Torn invece, a quanto ho capito è un pò più maturo e questo è sicuramente un bene! Non vedo l'ora di leggerlo.

    Peccato per Flinn :(

    RispondiElimina
  13. Io devo leggere ancora il primo, perchè preferisco avere tutti i volumi.
    SEmbra comunque essere un'avventura davvero interessante.

    RispondiElimina
  14. Appena finito di leggere ^_^
    A volte Wendy vorrei tanto schiaffeggiarla e urlarle "svegliatiiiii" ahahhahaha...
    Mi piace molto il modo di scrivere della Hocking, molto scorrevole e fluido, semplice...
    Parlando della trama, prima Finn ora Loki, sembra un po' facile prevedere come finirà...staremo a vedere aspettando Ascend :)

    RispondiElimina
  15. Non è possibile che sono andata in vari negozi invano,non lo trovo proprio :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io compro i libri on-line ormai da più di due anni, su IBS.it
      Posso assicurarti che è affidabile e puntuale, pago in contrassegno, pachetti perfetti :D

      Elimina
  16. Io ho appena finito il primo e certo che come viene scartato finn mi fa davvero soffrire pensavo a una storia piu bella con lui anke se il libro e lo stesso bellissimo soffro molto per la fine del primo libro perche so che nn doveva andarsene finn...

    RispondiElimina
  17. Torn sembra interessante,allora appena posso mi finisco Switched(abbandonato nel mio scaffale perche come dici tu e "un po' affrettato e superficiale" ) e mi leggo Torn... :)

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...