mercoledì 6 giugno 2012

Recensione, L'Ordine occulto degli Alchimisti di Karen Mahoney

L'Ordine Occulto degli Alchimisti di Karen Mahoney,  in origine The Iron Witch, è il primo romanzo di una trilogia young adult di stampo fatato che, per motivi incomprensibili, in Italia è stato travestito da romanzo storico pur non avvicinandosi nemmeno lontanamente a questo genere. Se cercate una storia fortemente fantasy e storica, dunque, tenetevi alla larga da questo romanzo, adatto principalmente a un pubblico molto giovane e poco esigente.

Titolo: L' Ordine Occulto degli Alchimisti
Data di pubblicazione: 15 marzo 2012
Titolo originale: The Iron Witch
Traduzione: Michela Gregoris 
Editore: Newton Compton
Autore: Karen Mahoney
Prezzo: 9,90 €
Pagine: 288
Il mio voto:

Quando Donna aveva solo sette anni, una terribile avventura nel bosco la segnò per sempre: una notte suo padre venne ucciso, sua madre impazzì e lei riportò delle ferite gravissime. Il ricordo di quella tragedia è impresso sulla sua pelle, nei tatuaggi che le ricoprono interamente le mani, ricostruite grazie alla magia. Per questo Donna è costretta a indossare sempre lunghi guanti e a tenersi in disparte. Solo l’affetto di Navin Sharma, il suo migliore amico, la salva dalla pazzia. Una sera però Donna conosce Xan, un ragazzo schivo quanto lei, che ha sulla schiena due vistose cicatrici, come se gli fossero state rimosse delle ali. Per qualche strano motivo, Donna sente di potersi fidare di lui, così, quando Navin viene rapito dai malvagi elfi oscuri, la ragazza rivela a Xan ciò che non ha mai detto a nessuno: lei è il più giovane membro dell’Ordine del Drago, una congrega di alchimisti che ha il compito di proteggere gli umani e custodisce il segreto dell’immortalità. Ora però si trova di fronte a una scelta difficile, perché l’unico modo per salvare Navin è tradire l’Ordine, cedendo l’ultima ampolla dell’elisir di lunga vita..."


La mia recensione


L'Ordine Occulto degli Alchimisti era uno dei romanzi che più attendevo per il 2012 e, come spesso accade, le alte aspettative che nutrivo nei suoi confronti mi hanno giocato un brutto scherzo
Grazie alla trama apparentemente molto originale e alla veste grafica Americana, che putroppo in Italia è stata sostituita, The Iron Witch è riuscito ad attirare su di sè l'attenzione dei lettori di tutto il mondo, cosa che non è sempre positiva. Il romanzo infatti non mantiene le promesse di originalità e avventura che si evincono dalla sinossi e l'intera storia si consuma con una rapidità così eccessiva da lasciare disorientati.


Il libro è narrato in terza persona e al passato storico dal punto di vista dell'adolescente Donna, tormentata dagli incubi del proprio passato legati alla tragica morte di entrambi i genitori. La protagonista porta con sé un segreto tanto magico quanto pericoloso, che coinvolge l'alchimia e il mondo fatato e che le ha causato non pochi problemi e le impedisce di condurre una vita normale.
I vari cliché che ruotano attorno alla figura di Donna, i genitori defunti in un tragico incidente, l'essere un'emarginata a causa di poteri particolari che deve nascondere e il migliore amico che ha una evidente cotta per lei pur venendo sistematicamente snobbato, chiariscono da subito che l'originalità non è il perno di questo romanzo. Cosa che viene ampiamente confermata nel momento in cui Donna incontra Xan, bello e dannato, con cui scatta un irrefrenabile insta-love destinato a svilupparsi alla velocità della luce. Dal loro primo sguardo tra i due scatta un'attrazione impossibile da ignorare, che li porterà a unirsi nell'avventura, se proprio avventura vogliamo chiamarla, di cui Donna sarà protagonista.
Una lotta contro il tempo, un amore irresistibile e alcuni segreti da svelare legheranno Donna e Xan fino all'ultima pagina.
 

Pur volendo essere clementi è impossibile nascondere la sensazione di vuoto e smarrimento che accompagna l'intera lettura, quasi ci si trovasse difronte a un racconto breve annacquato per essere trasformato in un romanzo. La storia in sé potrebbe anche avere del potenziale, l'alchimia seppur solo accennata ha sempre un suo fascino così come le fate, ma il tutto avrebbe funzionato se si fosse trattato del primo capitolo di un libro, non di un romanzo intero.
Tutto ne L'ordine occulto degli Alchimisti è descritto e narrato come se l'autrice avesse solo abbozzato a grandi linee una storia da approfondire in una seconda battuta, ma a quanto pare la sessione conclusiva nella scrittura di questo romanzo non è mai avvenuta.
La parte fantasy della storia e tutto ciò che non è catalogabile come disagio adolescenziale o banale struggimento amoroso, è stato trattato con una superficialità disarmante. Ecco perché, anche solo provando ad accennare gli avvenimenti che si susseguono nel romanzo, rischierei di rovinarvi ogni sorpresa.
Non c'è nessun mistero ad alimentare la trama e nemmeno il lato fantasy, che è l'unico piccolo punto a favore di questo romanzo, è stato trattato con il dovuto rispetto.

Mi chiedo seriamente come Richelle Mead, autrice che rispetto e amo, abbia potuto trovare affascinante L'ordine occulto degli Alchimisti, romanzo che non fa che stuzzicare la curiosità del lettore accennando dettagli che non vengono approfonditi e lanciando segnali che non portano a nulla. Il libro manca di tridimensionalità sia per quanto riguarda i personaggi, che sono piatti e poco sviluppati, che per quanto riguarda la costruzione del mondo, praticamente inesistente. Ancora non mi capacito di come un romanzo su Fate e Alchimia possa essere così banale e prevedibile.
Forse, se la storia fosse almeno stata narrata in prima persona dal punto di vista di Donna, il tutto avrebbe avuto un maggiore senso. La terza persona infatti amplifica in maniera insostenibile quel senso di distacco e di superficialità che impera nel libro, non lasciando alcuno spazio alle emozioni.
Ancora una volta mi trovo a pensare che le trilogie non sempre sono una mossa vincente e che, se unito ai capitolo successivi della serie, questo potrebbe forse essere un libro migliore.
Inoltre è la prima volta in cui mi imbatto in un romanzo che, dopo i ringraziamenti finali, riporta una sorta di analisi della storia dal punto di vista dell'autrice stessa, in cui tenta di spiegare come è nato il libro e a quali leggende si sia ispirata. Quasi come se volesse dare dimostrazione di come la storia non sia totalmente campata in aria per questo o quel riferimento mitologico, ma ottenendo, almeno con me, il risultato opposto. 

Verdetto: una lettura molto light, adatta principalmente ai giovanissimi

18 commenti:

  1. Peccato, non è mai bello quando vengono deluse le proprio aspettative... Devo dire che anche io ero rimasta affascinata dalla cover originale e dal titolo; avevo leggiucchiato la trama, ma senza eccessiva attenzione. A questo punto, mi viene da dire "per fortuna"!

    Il tema dell'alchimia però mi piace molto, penso proverò a cercare qualche altro libro già pubblicato che abbia questa "arte/scienza" nella trama :) Tu ne conosci, Glinda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già direi che ne saresti rimasta abbastanza delusa, ormai penso di aver afferrato un po' i tuoi gusti e questo libro non è per te!
      Allora, la tua domanda è molto interessante e proverò a rispondere al meglio. Sull'alchimia puoi provare a legger L'alchimista - Il destino dei gargoyledi Ekaterina Sedia, uscito da pochissimo per Asengard e accolto con molto entusiasmo dai lettori; L'ultimo Drago di Jasper Fforde, un fantasy molto divertente di cui puoi trovare la recensione sul mio blog e di cui a breve uscirà il seguito per Mondadori; poi c'è L' ultimo alchimista di Nathan Micah uscito da un bel po' per Sonzogno che potrebbe essere carino! Spero di esserti stata utile cara :)

      Elimina
    2. Utilissima, grazie mille! :D Mi sono segnata i titoli che hai scritto - anzi, a dire il vero, il libro di Fforde me l'ero già segnato dopo il tuo post a riguardo ;) - e ora andrò a vedermi le trame con calma.

      Sei stata molto gentile, grazie davvero cara :)

      Elimina
  2. Ah bhè, a questo punto sono felicissima del cambio copertina. Se avessero lasciato la cover americana, l'avrei comprato senza nemmeno aspettare la recensione!
    Peccato, dalla recensione si recepisce benissimo la previsione positiva che avevi e la tua delusione...
    Penso che alcune autrici, quando hanno intenzione di pubblicare una saga, si sentono libere di sfornare il primo capitolo una schifezza O_o tanto poi si recupera col secondo... no, sta cosa non la digerisco!

    Questo libro l'avevo messo in lista, la trama mi attirava però non so cosa ma non mi convinceva più di tanto ecco perché l'avevo messo negli ultimi posti della wishlist.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici, anche io amavo la cover Americana e con quella trama l'avrei preso a occhi chiusi (che poi è ciò che ho fatto, sigh).
      Sai che hai ragione? Accade troppo spesso che i primi libri di una saga siano una vera ciofeca e che poi la serie si riprende nei successivi... ma chi lo trova il coraggio di continuare quando il primo romanzo è stato un fallimento? :D

      Elimina
  3. Che peccato!!!
    la trama sembrava molto intrigante!!!!
    Per fortuna non l'ho ancora letto!!!mi sono risparmiata la delusione!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, felice di esserti stata utile Mary, dai pure la precedenza a qualche altro libro!

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Era uno dei libri che attendevo di più nel 2012...peccato, mi aspettavo molto!
    Già la cover mi aveva fatto cambiare idea, con la tua recensione ho deciso che sicuramente non sarà tra le mie prossime letture ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, a chi lo dici? Anche io ero in fibrillazione per questo romanzo, motivo per cui ci sono rimasta davvero male quando non mi ha dato nemmeno uno straccio di emozione... Per fortuna è una lettura ultra veloce!

      Elimina
  5. è un genere che mi piace sempre molto, ma certo dev'essere scritto bene, con personaggi ben delineati e vicende accattivanti ....
    La trama sembra interessante, poi certo è il modo in cui viene narrata che fa tutto...

    Ti volevo chiedere Glinda, ma poi il contest di IO SONO HEATHCLIFF com'è finito? mi sono persa io il post?
    Ciauzzzzz e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela, per il contest si stanno svolgendo le votazioni! Non temere, a breve ci saranno tutte le meravigliose evoluzioni e rivelerò i nomi dei vincitori!

      Elimina
    2. ah benissimo!! non vedo l'ora di leggerle ^_^

      Elimina
  6. No, mi dispiace! Non deve essere stata una lettura piacevole tra delusione e continui cliche! Peccato...

    RispondiElimina
  7. sono poco esigente come lettrice o almeno ho sicuramente i gusti facili, ma la componente storica mi piace molto e se manca (mentre dovrebbe essere prevista) delude fortemente anche me
    grazie per l'attenta recensione

    RispondiElimina
  8. Bla bla bla...recensione ingiusta e del tutto personale. Mi permetto di precisare che i genitori non sono morti affatto entrambi. É morto solo il padre mentre la madre é ricoverata...per un recensore errore imperdonabile. E poi io i libri che voglio leggere lì leggo e non mi sono mai basato sulle recensioni. Sono io a decidere. Non lascio che nessuno lo faccia per me. A me invece il libro é piaciuto.

    RispondiElimina
  9. Bla bla bla...recensione ingiusta e del tutto personale. Mi permetto di precisare che i genitori non sono morti affatto entrambi. É morto solo il padre mentre la madre é ricoverata...per un recensore errore imperdonabile. E poi io i libri che voglio leggere lì leggo e non mi sono mai basato sulle recensioni. Sono io a decidere. Non lascio che nessuno lo faccia per me. A me invece il libro é piaciuto.

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...