martedì 13 settembre 2011

Teaser Tuesdays #21


Oggi è Martedì e come al solito arriva Teaser Tuesdays! Come sapete si tratta di una rubrica a cadenza settimanale, inventata dal blog Should be Reading
Le regole sono semplicissime, e la cosa più bella è che tutti possono partecipare, anche voi  lettori nei commenti, e condividere con noi i vostri teaser! La cosa che adoro di più è proprio leggere tutti i vostri piccoli estratti che mi fanno venire una voglia pazzissima di leggere i vostri libri!
Ecco le regoline!

  • Prendi il libro che stai leggendo;
  • Aprilo in una pagina a caso;
  • Condividi un breve spezzone di quella pagina ("Teaser")
  • Attento a non fare spoiler!!
  • Riporta anche il titolo e l'autore così che i tuoi lettori possano; aggiungere il libro alla loro wishlist se sono rimasti colpiti dall'estratto.
     
    Andiamo un po' a vedere cosa ho scovato io oggi!
    Da Blue di Kerstin Gier
    <<Avete capito a che cosa mi riferisco? >> Domandò Labbrone torcendosi dinuovo le mani. Doveva essere una sua abitudine. <<Neppure un barlume di buona volontà: al suo posto una spaventosa ignoranza e mancanza di talento in ogni ambito. Poi scoppia a ridere come una bambina di cinque anni, solo a sentir nominare Lord Sandwich.>>
    Ah, già. Lord Sandwich. Incredibile pensare che si chiamasse davvero così. Poveraccio.


    Pagina 
    116



    Aspetto i vostri!

14 commenti:

  1. Ahahahah fantastico, non vedo l'ora di averlo tra le mani **
    Il mio viene da Buio, di Elena P. Melodia!

    Vengo investita da una forte folata di vento che mi coglie alle spalle e mi sposta in avanti. Non ha senso, ma mi spavento a morte, come se quel vento fosse il respiro di qualcuno alle mie spalle. Inizio a correre. Percorro tutto il vecchio molo e gli uffici abbandonati, con l’orribile sensazione di essere di
    nuovo seguita.
    Mi volto e non vedo nessuno. Non sento nulla, a parte il mio respiro affannato.
    Raggiungo la vecchia rimessa delle barche, dove scheletri di ferro arrugginito e scafi di legno marcio giacciono accatastati in una sorta di fossa comune.
    Avanzo tra i rottami più veloce che posso, vedendo appena dove metto i piedi. Tutto d’un tratto sento qualcosa strattonarmi una gamba. Mi fermo di colpo e mi accorgo che un gancio di metallo, forse la punta di un vecchio arpione da pesca, si è infilzato nei miei pantaloni, all’altezza del polpaccio. Ha
    preso solo la stoffa, per fortuna, ma ho il cuore che sta per esplodere. Respiro profondamente e mi chino per liberarmi.
    In quel preciso momento un’ombra oscura la fioca luce dei lampioni. Una mano si avvicina. Vorrei scappare, ma il mio corpo non risponde. Sono
    paralizzata. Ogni volta che li incontri…
    «Alma, sono io», sussurra Morgan.

    RispondiElimina
  2. Che ne pensi, Bliss? Ti piace Buio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho letto tutta la trilogia e sono totamente innamorata...."Luce" (che è l'ultimo)l'ho letto in un giorno...tutta la trilogia mi ha messo un po' d'ansia mentre la leggevo, ma non riuscivo a staccare gli occhi dalle pagine...in assoluto una delle mie trilogie preferite....la consiglio a tutti!

      Elimina
  3. Lo comincio domani ^^ ....

    A ogni falce di luna, senza eccezioni, Claire sognava la propria infanzia. Cercava sempre di rimanere sveglia quelle sere in cui le stelle scintillavano, e la luna era solo una scheggia che sorrideva provocatoria al mondo laggiù, come le belle donne sui vecchi cartelloni che pubblicizzavano sigarette e succo di limetta.

    Sarah Addison Allen_ Il profumo del pane alla lavanda

    RispondiElimina
  4. Alexander passò la notte di capodanno del 1943 davanti a un fuoco acceso vicino alla sua tenda con tre tenenti, due sottotenenti, e tre sergenti. Bevve vodka con Ouspenskij seduto al suo fianco. Sembravano tutti ottimisti per il 1944. I tedeschi stavano lasciando la Russia. Dopo l'estate 1943, dopo Sinjavino, dopo la battaglia di Kursk, dopo la liberazione di Kiev a novembre e della Crimea, poche settimane prima, Alexander era certo che il 1944 sarebbe stato l'ultimo per i tedeschi in terra sovietica. La sua missione era quella di procedere verso ovest con il battaglione penale e costringere i tedeschi ad arretrare verso la Germania...a qualunque costo.

    Tatiana e Alexander, di Paullina Simons. (pag. 234)

    RispondiElimina
  5. Eccomiiiiiii ci sono anche io:

    "Conosco questo posto" dissi agli altri "seguitemi".
    Non avevo nessun piano, ma non volevo essere io a seguire nel buio qualcuno che non sapeva dove stava andando. Superammo il campo da tennis mentre cercavo disperatamente di pensare. Correre non bastava queste persone erano armate, sarebbero state veloci e in grado di chiamare rinforzi. "

    Il domani che verrà Pag. 83

    Mi sta piacendo davvero tanto!!!!

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Cara Glinda sono proprio curiosa di leggere la saga di Kerstin Gier, andrà a finire che comprerò "Red" e "Blue" insieme per una bella full immersion in attesa di "Green" ;-)

    Ecco il mio teaser da un libro adorabile che sto rileggendo:

    "Santo Cielo!", esclamò Catherine piuttosto spaventata, "allora per favore torniamo indietro, avranno certamente un incidente se andiamo avanti. Torniamo indietro, Signor Thorpe. Si fermi e parli con mio fratello: gli dica quanto è insicuro il suo calessino".
    "Insicuro! Oh, Signore! E che male c'è? Faranno un cascatone, se si ribalta. C'è mota, cadranno sul morbido. Dannazione! Il calesse è abbastanza sicuro se si sa come guidarlo: una cosa di quel genere può durare anche più di vent'anni in buone mani. Che Dio la benedica! Per cinque sterline lo porterei fino a York e ritorno senza perdere un chiodo".
    Catherine ascoltava stupefatta: non sapeva come conciliare due differenti versioni di una stessa cosa, poiché non era stata educata a capire le inclinazioni dei cialtroni né a conoscere quante sciocche asserzioni e quante falsità siano conseguenza di un eccesso di vanità.

    Da "L'Abbazia di Northanger" di Jane Austen

    RispondiElimina
  8. Ciaooo!
    Dal libro la cacciatrice di anime pag23

    Dovevo ancora capire come aveva fatto Reyes a creare l'illuaione della doccia.A meno che non possedessi l'inquietante capacità di dormire in piedi, lui riusciva a fare di più che limitarsi a entrare nei miei sogni.

    RispondiElimina
  9. "Non ti riconosco più, vorrei sapere cosa ti sta succedendo ultimamente" sbraitò Bryce aprendo con un calcio la sua stanza al collegio di Aldenor. Scaraventò il battente contro il muro, chiarendo, con quell'inusuale mancanza di delicatezza, quanto fosse arrabbiato. "Axel, devo chiedertelo", disse con un tono che assomigliava tremendamente a quello del suo padrino."Hai cominciato a bere o a fare uso di strani funghi o infusi?".
    L'altro scosse il capo. "Naturalmente no".
    Bryce si lasciò cadere sul letto, riservando uno sguardo torvo al fratello. "Allora è ancora peggio di quanto pensassi".
    "In che senso?".
    "Se questa è la tua condizione di sobrietà, per cortesia, sbronzati. Torni tardi, non dormi, ti perdi nella Cittadella a notte fonda, sei il paladino delle cortigiane, fai a botte, sfidi la gente a duello", enumerò Bryce. "Axel, se tu non fossi mio fratello ti riterrei una persona davvero interessante. Visto che lo sei, devo comunicarti che sei impazzito".

    Black Friars. L'ordine della croce pag. 159

    Bello! Però mi è piaciuto più L'ordine della spada, anche se lo stile era più complesso.
    QUANDO IL TERZO??????????????????

    RispondiElimina
  10. "Con grande disappunto aveva notato che gli umani e i nani mostravano ostilità nei riguardi dei colleghi Urgali, una reazione che aveva previsto ma non era stata capace di evitare o mitigare. Sapeva che ci voleva ben più di una battaglia condivisa per alleggerire le tensioni fra razze che si erano combattute e odiate per più generazioni di quante se ne potessero contare. Però trovava incoraggiante il fatto che i guerrieri del reparto avessero deciso di chiamarsi Falchineri, un gioco di parole che si riferiva sial al colore della sua pelle sia la fatto che gli Urgali la chiamavano Lady Furianera"
    Ciclo dell'eredità - Brisingr di Christopher Paolini

    RispondiElimina
  11. Ahahahah ma che forte questo teaser. E poi chi sarebbero Lord Sandwich e Labbrone? Devo proprio comprarmi il libro.

    Sto leggendo l' Ortis di Foscolo e proprio non mi sembra il caso di annoiarvi con uno spezzone!
    Alla prossima.

    Alice

    P.S. Beate voi che leggete cose interessanti.

    RispondiElimina
  12. "la tua incapacità di comprendere non ha importanza per me. tu mi hai chiamato. io ho risposto. adesso reclamo il mio prezzo di sangue. e, in verità, è da secoli e secoli che non gusto la dolcezza del sangue di un vampiro, sopratutto di uno così pieno di Luce innocente."

    Burned di Pc e Kristin Cast

    RispondiElimina
  13. Yep. E' una parte veramente simpatica quella che ti è capitata. Odio Mr Labbrone! Aaaargh.

    Io sto leggendo Sweeney Todd, il diabolico barbiere di Fleet Street:
    "I pasticcini sono molto buoni", disse, "infatti sono pasticci capitali; e ora che ho visto come sono fatti, e so che sono praticamente perfetti, certamente li gusto sempre di più, ma non posso vivere di pasticci per tutto un anno, anche se fossero i pasticci più buoni mai visti al mondo, o che si potranno mai vedere. Niente da dire contro i pasticci: so che sono fatti con la farina migliore, il miglior burro e che la carne, che proviene da Dio sa dove, è la più delicata e tenera che io abbia mangiato in vita mia".
    PAG 191

    Mi è capitato a caso, ma lo dedico alla cuoca che c'è in Glinda. Ho trovato una cosa che spero tu non cucinerai MAI: i pasticci alla Signora Lovett.

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...