venerdì 11 febbraio 2011

Un San Valentino Speciale Presenta: Tutta colpa del Prof di Anita Book


Sono certa che aspettavate questo momento con enorme trepidazione, chiedendovi quando sarebbe arrivato il momento della meravigliosa puntata dedicata ad Anita Book, non è così?  Be' l'attesa è finita, il gran giorno è arrivato, perciò mettetevi comodi e preparate una manciata di sogni da sgranocchiare...


Per Un San Valentino Speciale, oggi, vi parlerò di un libro che tutte le lettrici italiane dovrebbero avere sul proprio comodino, un libro che dimostra quanto l'impegno e la passione possano portare felicità e soddisfazioni nelle vite di chi ne possiede abbastanza, e di sicuro l'autrice che ha creato questa storia d'amore di passione ne ha da vendere!
Tutta colpa del Prof. di Anita Book sarà il protagonista assoluto di questa romantica puntata, e per TRE fortunati sarà anche un regalo meraviglioso, perciò vi consiglio di restare incollati agli schermi!

La nostra Anita ha deciso che oltre ai libri vi regalerà anche un segnalibro e un wallpaper di Tutta colpa del Prof.! Non è meravigliosa?  Ora è il momento di immergerci in questa storia romantica e conoscere meglio Anita e Sarah...!

Formato: Paperback
Autore: Anita Book
  Editore: Albatros 
  Pagine: 217


Sarah è una diciannovenne alle prese con l'università e con il resto del mondo che sta aspettando che cresca. E' una ragazza di un'esuberanza speciale che vi accoglierà nel suo mondo con un dolce, dolcissimo sorriso. Sarah vi racconterà la sua vita di giovane studentessa alle prese con una struggente storia d'amore. Lui è il suo professore, giovane uomo che incarnerà le sembianze di un angelo, tanto è bello. Tutto appare "fantastico": Sarah è bravissima a disegnare con le parole la sua vivace realtà. Vi presenterà i suoi genitori, i suoi compagni, la sua migliore amica Martina. Vi ritroverete in casa sua mentre discute con i genitori, p nelle aule dell'università o al bar. Sarete testimoni della grandezza del sentimento che avvolge lei e il suo prof. Attenzione, però, non distraetevi, sarete coinvolti nella rappresentazione e, all'improvviso, Sarah vi farà una sorpresa. In fondo la vita è piena di sorprese; il segreto per affrontare situazioni inaspettate sta forse nella grande vitalità che Sarah esprime come tutti i suoi coetanei: la sensazione di vivere in una realtà parallela, con le sue forme, con il suo linguaggio, con le più scanzonate e rosee prospettive. E con uno schermo buio, che Sarah riaccende subito e velocemente riempie di colore

 * * *

Tutta colpa del Prof. è un libro consigliato alle lettrici di tutte le età, in grado di regalare emozioni che faranno sussultare i cuori di chi si immerge nella storia raccontata da Anita in queste pagine. Una storia così bella e romantica da legare i lettori alle pagine, che la stessa protagonista, Sarah, ha sussurrato all'orecchio dell'autrice durante le ore più magiche della giornata. Come si fa a resistere al richiamo dell'amore...?

"Hai una voglia in particolare?".
Domanda. Lui a me.
Prof ma non sa formulare frasi che non contengano doppi sensi?
Io una voglia in particolare ce l'ho.
Ma non ha certo a che fare con il cibo.
Devi stare attento a quello che dici, prof.
Mai giocare con il fuoco.
"No, nessuna voglia in particolare".
Mai. 



Anita Book è nata e vive a Mesagne (BR). Ha 22 anni ed è una grande e appassionata lettrice, come testimonia il suo blog L'ora del libro. Adora il manga giapponese Vampire Knights, Stephen King e le atmosfere gotiche. Tutta colpa del Prof. è il suo primo romanzo.









 Quattro chiacchiere con Anita book

G. Oggi la sala da tè del mio a Atelier ospita una persona davvero speciale, la cui presenza farà sicuramente la vostra felicità, oltre che la mia! Diamo il nostro benvenuto ad Anita Book: lettrice, blogger e ora scrittrice! Anita mentre ti offro un vanilla cupcakes ti va di presentarti ai tuoi lettori?
A. Salve a tutti voi, amici lettori di questo meraviglioso blog! Ringrazio te, Glinda, per avermi invitata. Per me è un grande onore ricevere tutte queste attenzioni. Un vanilla cupcakes?! Come facevi a sapere che io vado matta per i cupcakes? Accetto volentieri. Dunque, Anita Book è una lettrice scatenata e patologicamente inguaribile. Leggo con passione dalla fine delle scuole medie e scrivo da...
... sempre, in un certo qual modo. La mia prima vera composizione scritta fu una letterina di Babbo Natale piena di simboli arcani e linee astratte. Un capolavoro d'arte, sul serio. No, a parte gli scherzi, i libri e la scrittura mi tengono salda al mondo terreno ma, allo stesso tempo, sono le mie personali macchine da teletrasporto. Un vero spasso viaggiare in universi lontani restando sempre
nello stesso posto e con gli occhi spalancati dall'emozione.
Vivo con la mia famiglia e credo in Dio. Mi piacciono le atmosfere gotiche, vero, ma anche quelle intime e solitarie. Ho un dna molto particolare, sapete? E' pieno di note musicali e chiavi di violino. Ma questa, è un'altra storia...

G. Sono una strega Anita, conosco bene i gusti culinari dei miei ospiti! Quanto mi piacerebbe leggere la tua prima composizione, sono certa che si rivelerebbe la cosa più tenera del mondo! Se ripenso alle mie mi salgono le lacrime agli occhi... Scusa sono un inguaribile malinconica! 
A. Eh... anche io vengo colta da attacchi di "malinconite acuta", tranquilla.

G. Come sai siamo in pieno clima romantico su Atelier, e il tuo libro racconta di una bellissima storia d'amore...
A. Ne sono al corrente...

Bene, capirai allora che la domanda nasce spontanea: Anita e il suo rapporto con la letteratura romantica. Cosa ispira una grande storia d'amore?
A. Bella domanda.
Una storia d'amore nasce dalle casualità, perché l'amore è ovunque. Una storia d'amore può essere intesa in mille significati diversi, muta in base agli animi che la vivono, si adatta agli spazi del cuore e alle dimensioni di ognuno (anche se è sempre portato a essere ingombrante e incontenibile).
Una storia d'amore non ha bisogno di ispirazione perché l'amore stesso è la Musa madre di tutti i sentimenti. Basta una scintilla per accendere un fuoco che diventerà un incendio. Così come basta una goccia d'acqua per trasformare l'incendio in cenere e fumo. Ma nonostante questo, l'amore resiste. L'amore resta sempre. E chi scrive di storie d'amore segue il flusso di questa corrente imprevedibile.

G. Sono d'accordo, l'amore è davvero una grande fonte d'ispirazione, e attualmente è il tema su cui si reggono  i libri più amati. Ma forse non è sempre facile scrivere di un sentimento così blasonato da essere stato esplorato in tutte le sue forme e dimensioni. Qual'è secondo te la chiave per riuscire a far battere i cuori dei lettori, anche quelli più esigenti?
A. Scrivere francamente, liberamente. Il lettore non è stupido, fa attenzione ai dettagli. Una storia entra nel cuore quando è onesta, cucita con emozioni vere.
Se si spende il tempo a ricercare elaborazioni tecniche e perfezioni stilistiche/linguistiche, se si obbliga la narrazione a prendere certe direzioni, pur contro la sua volontà, allora si scriveranno storie aride come i deserti. Dove le scene più belle andranno guadagnate e sembreranno miraggi. La storia nasce dall'immaginazione, scorre nel sangue e trova la sua foce nelle dita. Ma se l'acqua è torbida, se ci sono troppi ostacoli, rimarrà impantanata. O, peggio ancora, inquinata. Non bisogna desiderare di imitare qualcuno, bisogna solo essere se stessi e lasciarsi guidare.
Posso prendere un altro cupcake, intanto?

G. Certo! Una tazza di te alla lavanda per accompagnarlo?
A. Glinda, se hai preparato tu queste prelibatezze sei davvero un'ottima cuoca streghetta!
Grazie! L'ideale...
Ho iniziato a scrivere "Tutta Colpa del Prof." come si inizia qualsiasi partita. Tirando i dadi e trattenendo il respiro. Per gioco, per sfidare Sarah, la protagonista, che mi aveva sussurrato di avere una storia davvero "stra-stra-stra-strepitosa". La pubblicavo a puntate su EFP, il più grande portale italiano di fanfictions. I commenti non tardarono ad arrivare e funsero da integratori energetici. Sarah mi portò nel suo mondo, mi fece conoscere i suoi genitori, la sua pazza vita.

G. Anche Sarah dunque ha mosso i suoi primi passi su EFP...
A. Sì, scrivo ancora oggi su EFP.
Mi piace l'idea del confronto, su quel sito c'è sempre tantissimo traffico. Non esistono "ore di punta"...
Insomma, terminata la storia mi sentivo devastata. Però anche felice, completa. Sarah, se avrete voglia di conoscerla anche voi, è una ragazza piuttosto scalmanata e padrona del suo destino.

G. Non ho ancora provato il brivido di concludere un romanzo, dev'essere incredibile!
A. Quando lo proverai, è come se dei fuochi d'artificio ti stessero scoppiando nella testa. Tuttavia, proprio come la Austen, Sarah non sarà in grado di sottrarsi all'amore.

G. Si parlaci di Sarah...
A. Cupido scoccherà la sua freccia - un po' furbacchione il nostro Cupido - e...
... fregata. Il problema è che il destinatario di questo sentimento è un uomo di trent'anni. Il suo professore di università, per la precisione. Che dolore! Sarah mi ha fatto penare. Voleva conquistarlo a tutti i costi. E metteva di mezzo me...
Non dirò nulla sull'esito di questa ardua missione perché sarà compito dei lettori scoprirlo.

G. Povera Anita, è un peperino la tua Sarah eh?
A. Peperina è dire che il fuoco brucia. No, molto, molto di più. E' una bomba atomica. Ingestibile, ti scoppia in mano.

G. Una bomba atomica! Non vedo l'ora di saperne di più, davvero! E di lui che ci dici invece...? Sai che noi lettrici ci innamoriamo irreversibilimente dei personaggi maschili, DEVI dirci qualcosa di più su Zeta!
A. Zeta, Zeta. Desiderabile, lo ammetto, ma...

G. Ma...?
A. Glinda, devo tenere la bocca chiusa altrimenti capireste troppe cose. Zeta è un prof perfetto. Premuroso, vicino ai giovani, galante e simpaticissimo. E, ovviamente, non dimentichiamoci sexy...

G.Ecco è importante non dimenticarlo...!
A. Quando Sarah me lo mostrò per la prima volta, ricordo che le dissi: "Okay, Sarah, ora sono ufficialmente e totalmente disposta a scrivere la tua storia".

G.Be' direi che se è stato così convincente al primo sguardo merita di essere presentato a tutte noi! Io voglio conoscerlo al più presto! Dunque Tutta Colpa del Prof. è una storia d'amore, di sogni e di follia... Eppure da un'amante dell'urban fantasy come te mi aspettavo anche un tocco di paranormale!
A. Sì, è stata una sorpresa anche per me. Cimentarmi in una sorta di stramba commedia sull'amore, chi l'avrebbe mai detto? Ma, per riprendere il discorso che affrontavamo prima, bisogna essere pronti a seguire il flusso della corrente... Quando si scrive non ci si impone nulla, però si chiude la porta. Come a dire mondo fuori, io dentro.

G.Oh si, capisco benissimo! Ma ho anche potuto vedere che come dicevi continui a scrivere su EFP, e il tuo nuovo romanzo in scrittura ha temi ben diversi dal tuo primo libro...!
A. Sì. In realtà, ne ho due in corso e un paio già terminati.
Mi sa che mi sta venendo il morbo di Steve...

G. Caspita, si credo che ti abbia contagiata! In che momenti della giornata scrive Anita?
A. Mattina. Sacrosanta mattina. Il cervello è più sensibile agli stimoli, nella sua forma più smagliante! Colazione, tazza di té o cioccolata, e via...

G. Parli con una che scrive solo di notte!
A. Io tramite l'energia solare e tu lunare. Però...

G. Niente male, vorrei poter imparare da te. Se però mi parli di energia lunare mi viene in mente il primo capitolo di Enchanted che invito tutti a seguire su EFP... Che progetti hai per quest'opera?
 A. Encanted è il primo volume di una trilogia fantasy che si sta scrivendo da sola. Giuro, non so nemmeno io quello che accadrà ogni volta che metto il punto alla fine di un capitolo. Ho letto alcuni saggi sul mondo della fate e un bel giorno ho immaginato una "transizione".
Se ti spiegassi, però, andrei a rovinarti la curiosità di leggere.

G. Oh no, voglio che la sopresa resti ben celata!
A. E' una storia su cui punto molto ma che deve procedere a passi lenti e moderati.

G. Per ora posso confermare che promette bene.
A. Purtroppo, vorrei postare più capitoli al giorno, ma il tempo a disposizione non mi permette di conciliare questo desiderio con gli altri impegni.
Ma lo stai leggendo anche tu?

G. Be', sì! Come potrei non seguire una storia così densa di magia?
A. Che onore... Lusingata.

G.  Tornando al libro... Anita e Sarah: su cosa vi incontrate? E su cosa invece siete assolutamente diverse?
A. Premessa importante: Sarah non è me e io non sono Sarah.
Ci incontriamo sulla visione dell'amore. Sciolto, vagabondo, improvviso, senza pesi né misure.
Siamo assolutamente diverse in tutto il resto. Lei è una diavolessa e io uno spirito angelico...
In poche parole il sale e lo zucchero.
Anzi, il pepe...

G. Ecco da come l'hai raccontata il pepe mi sembra più adatto, davvero!
E' un bene che siate due persone ben diverse, anche perchè tra un po' intervisterò anche lei!! E invece Zeta... è solo fantasia o esiste qualcuno che ti ha ispirato?
A. Eccoci. Siamo arrivate alla Domanda. Me l'aspettavo. Ma, dopotutto, scrivi una storia del genere ed è il minimo che possano chiederti. E io, rispondo che forse no, forse sì... Che potrebbe darsi come magari no. A voi la possibilità di immaginare quello che volete.
Però una cosa: se incontrate sul serio un prof come Zeta, bé... fortunate voi.

G. Misteriosa, Anita!
Sono certa che il tuo libro farà sospirare tutte noi, e personalmente non vedo l'ora di leggerlo!
A. Spero solo che riesca a strapparvi sorrisi...

G. Ma sappi che se mi innamorerò di Zeta vorrò sapere di più su di lui... Come tutte le tue lettrici!
A.Va bene, promesso. Sarah mi ha insegnato una grande cosa: a volte, nella vita, una buona dose di ironia può rivelarsi la migliore medicina per guarire le ferite del cuore...


G. Un insegnamento di cui fare tesoro, questa Sarah già mi piace! Anita, cosa consiglieresti a chi conserva il tuo stesso sogno, ovvero di poter vedere un giorno il proprio romanzo sugli scaffali delle librerie?
A.Suggerisco di procurarsi un baule rigorosamente vuoto. Ci metterete pazienza, tutta quella che avete, tenacia, polvere di stelle per mantenere accesi i sogni, sorrisi per asciugare le lacrime quando riceverete una sconfitta, fiducia in voi stessi e, bé, tanto cuore.
Il tempo sfugge, vero, ma c'è un posto per voi lassù nel cielo, nel firmamento. Si tratta solo di prepararsi alla salita... E di non smettere mai. Dopotutto, Walt Disney fu il primo a dirlo. "Se puoi sognarlo, puoi farlo".

G. Grazie per i tuoi magici consigli Anita... Sei una persona da scoprire, che cela un cuore pieno d'amore. Non ci resta che segiure i tuoi consigli, ma prima passeremo tutte a comprare una copia di Tutta Colpa del Prof., che dopo questa chiacchierata mi è entrato nel cuore! E sono certa che sia lo stesso per tutte le lettrici di Atelier dei libri...
A. Grazie a te, Glinda, questa magnifica e squisita (nel vero senso del termine) chiacchierata mi ha davvero fatto sentire tra amici. A casa.

G. E' lo stesso per me, e non sai quanto ho dovuto resistere all'impulso di dar vita ad una coversazione da vera lettrice compulsiva, chiedendoti di tutti i libri possibili e torturandoti per scucirti qualche informazione in più sul tuo di libro!
A.Posso capirti, la fame di una lettrice è insaziabile.

G. Si lo è assolutamente! E' stato bello averti qui, Anita, la prossima volta ci saranno ancora più cupcakes per te! Saluta pure le nostre lettrici e i nostri lettori, e torna presto a trovarci!
A. Io rimango sempre a tua disposizione e quando vorrai sarò ben lieta di chiacchierare con te e gli amici lettori sul tuo morbido divanetto. Se ci sono i cupcakes, poi, un motivo ulteriore per non mancare. Ti chiederei la ricetta ma... sono sicura che si tratta di segreti stregati, vero? Un saluto calorosissimo a tutti voi, amici, e mi raccomando... continuate a contagiare.
Deve diventare un'epidemia. L'epidemia più bella e sana del mondo!
Buone letture!

 E dora, dopo aver salutato Anita, Quattro chiacchiere con Sarah...

G. Amici di Atelier, diamo il benvenuto ad una ragazza molto speciale. Direttamente dalle pagine di Tutta colpa del Prof. è venuta a sorseggiare un tè con noi, Sarah! Mentre ti verso da bere e taglio una fetta di torta, ti va di presentarti ai nostri lettori? 
S. Accipicchia, che accoglienza! Ehi, gente, come butta? Salve a tutti, amici che immergete i nasi nelle pagine dei libri, io sono Sarah (si scrive con l'"acca", perché io ci tengo). Glinda, potrei averne due fette, please?
Okay, mettiamoci comode e presentiamoci. Ho 19 anni, studio all'università e vivo con i miei genitori.  La mia vita è come quella di tutte le altre normalissime ragazze della mia età.
Ovvero, una noia mortale. No, scherzo!


G.Due fette di torta ai mirtilli in arrivo per te... continua pure...
S. E' una bella vita.
Mirtilli! Io ved  anche della glassa luccicosa!
Che visione paradisiaca. (Tiro un morso e chiudo gli occhi)
Mamma mia...


G. Eh si, non mi faccio mancare nulla quando armeggio con i fornelli! Che ci dici della tua normalissima vita?
S. Per la barba dell'homo sapiens... Una delizia.
Complimenti, Glinda.
Cosa volete sapere? Io sono una tipa da domande precise. Non parlo a ruota libera come Anita (che sembra un'ossessa). Eheheheh.
 
G. Povera Anita, le si rizzerebbero i capelli sulla testa se ti sentisse! Aveva ragione a dire che sei un peperino. Allora sei una studentessa e a quanto pare non ami particolarmente leggere, perciò quali sono le tue passioni?
S. Questa domanda mi suona familiare. Hai letto il mio libro, per caso? Anche il prof me lo chiese. Il primo giorno di università, sai?
 
G. Il prof...?
S. Sì. Il MIO prof. Ma, per risponderti, la mia passione è la cioccolata. I peluche. Le bambole gotiche. I Muse. Il pattinaggio. Si sta stretti nella testa di un altro.
 
G. Dicci qualcosa di più su questo Prof... siamo curiose e adoriamo i pettegolezzi da queste parti!
S. Ehi, ehi... calma. Punto primo: è roba mia. Punto secondo: è tremendamente sexy. Terzo punto: lo amo. Ci siamo capite? Sommate il tutto e calcolate il resto.

G. Si, credo di si...
S. Cosa rimane?
Niente per voi e tanto per me. Ahahahah. Quanto mi diverto. No, dai, adesso parlo seriamente. Immaginate l'insegnante affascinante che avete sempre desiderato, amalgamatelo bene e lasciatelo lievitare. Poi cuocetelo a 180° per un paio di ore e... avrete il mio prof.

 
G. Sarah, mi preoccupi! Un po' di camomilla?
S. Lo so. Me lo dicono in molti. La gente deve farci l'abitudine con me.
Sono un toro inferocito. Ma mansueto, giuro. Parola di Sarah.
 
G. Be'descritto così il TUO prof sembra davvero appetitoso, non c'è che dire! Allora toro inferocito, ti sei presa una bella cotta per lui, vero?
S. Dal primo istante. Cioè, tu credi al colpo di fulmine?

G. Oh si!
S. Ecco, perché è vero. Esiste. Cupido è un furbacchione e si diverte alle spalle delle sue vittime!
 
G. Con me lo fa sempre, ne so qualcosa!
S. Colpisce i cuori più strampalati e... magia!... vai a conquistare un professore di trent'anni che ti chiama "pecorella smarrita"! Allora puoi capirmi. Insomma, amici, voi mi giudicherete per aver amato un professore?


G. Pecorella smarrita... ma non eri un toro inferocito? Comunque no, come potrei giudicarti male?
S. Infatti mi ha fatto imbestialire!
Hai capito il principino?
Mi chiama "pecorella smarrita"! Davanti al resto della classe! Mi ha conquistata così... Facendomi perdere le staffe.

G. Be' si, lo avevo sospettato!  Perciò hai perso la testa per lui, e...?
 
S.
E cosa? Poi vi tocca leggere. Una cosa l'ho imparata: non si rovinano i finali e non si toglie la sorpresa.
Secondo te?
Ci sta o no? Secondo voi, amici? Senza pensare.
 

G. Si hai ragione, ma la curiosità è una brutta bestia! Comunque secondo me ci stà!
S.
Io conosco il nome di qualche addestratore di leoni, potrebbe tornarvi utile? Ahahahahah. 

G. Ahaha, si forse si! Oltre alla tua ossessione per il prof, cosa ci aspetta leggendo il libro che ti vede come protagonista?
S.
Cuori volanti. Nuvole verdi. Pioggia di zucchero. Stelle filanti.  Il mondo al contrario. Pazzia. Amicizia e dolore. La vita. La mia. Io vi suggerisco di allacciare le cinture...
G.Non vedo l'ora di conoscere tutto della tua pazza vita... e del tuo prof.! Com'è che si chiama? Zeta...?
S. Zeta.  Avete presente i manga giapponesi? Ecco, Zeta così. E basta.
Perché non volevo che tutta la gente che avrebbe letto conoscesse il suo vero nome.
Chiamasi privacy.


 
G.Oh, ora si spiegano molte cose. In effetti mi sembrava un nome un po' particolare!
S.
Ovvio. Mica uno può chiamarsi Zeta. O sì? Ve lo immaginate? Sarebbe... buffo. Però, speciale. Proprio come lui.

Molto buffo, ma temevo di scatenare le tue ire dicendolo per prima!
S. No, tranquilla. Ora sono "toro seduto".
Ahahahah.


G. Ahaha, meglio così! Cosa studi, Sarah?
S. Lettere e Filosofia. Conosci? Quelle due tipe tutte impettite e con la puzza sotto il naso...

G. Si conosco abbastanza bene, e Zeta cosa insegna?
S
. Archivistica...


G.  Affascinante!
S. Una materia di per sé barbosa ma che Zeta riesce a rendere unica.
Ci parla di come vengono catalogati i documenti, di quali criteri si adottano, della pazienza e la dedizione con cui si affronta questo lavoro.



S. Assolutamente.
Perché tra una tavoletta mesopotamica e un papiro ho il tempo per perdermi nei suoi occhi diamantini
G. Non la conosco come materia, ma se ti sei presa una sbandata per lui non dev'essere poi così barbosa... 

G. Sarah, che ci dici del tuo rapporto con Anita?
S.
Rapporto è una parola grossa. Noi ci manteniamo a distanza.
 

G.Non andate molto d'accordo?
S.
Come nel far west.
No, scherzo. Anita mi ha dato voce, corpo, spessore. Ha reso possibile tutto questo. Il mio sogno. Le sono debitrice. Ma, vi prego, tenete questa cosa per voi. Mi diverto di più a farla innervosire.
Ahahahah.
G. Ahaha, si dai qualche salto di gioia lo farai anche tu quando leggerai la sua intervista!
S.
Davvero?
...
Bé...
Forte.  Posso sapere cosa ha detto di me?
(la curiosità è una brutta bestia... Questa frase mi ronza nella testa)


G. Non ti preoccupare, non lo saprà nessuno oltre me e i miei 400 visitatori giornalieri! Il tuo segreto è al sicuro!
S. O pomodori secchi!
(Sarah suda freddo)
Okay, va bene, facciamola saltare di gioia la cara Anita...



G. No no, se vuoi ho un'amica che ha il numero di un domatore di leoni...
S. Aspetta, anche questa l'ho già sentita...
Ahahahahah.

G. Ahaha, allora Sarah perchè dovremmo leggere la tua storia?
S. Perché ridere fa bene al cuore e al sangue.
E la mia storia è strampalata, comica, esilarante, eccitante come andare sull'altalena e volare in alto.  Ve l'ho raccontata per questo. Perché avevo voglia di compagnia. Di amici che potessero capirmi e ascoltarmi. O forse solo ascoltarmi.
G. Direi che sono tutti ottimi motivi, e non vedo l'ora di poter sapere tutto della tua storia d'amore, strampalata esilarante e comica...!
S. Però abbiate i riflessi pronti! La mia storia è anche... con finale a sorpresa. (niente sbirciatine furbe)


G. Ah, questa si che è una bella notizia, adoro i finali a sorpresa! Giuro che non sbircerò! Allora la prossima volta dovrò offrirti una torna al cioccolato, eh?
S. Con tantissimo cioccolato. Tipo magma.


G. Be' posso rimediare con una cioccolata calda, prima che tu ci lasci?
S. Glinda, sei una strega tentatrice... Così... Io non resisto! Grazie!


G. Ma niente per niente, mentre sorseggi la cioccolata parlaci dei tuoi sogni...
S. Vorrei...
... la pace nel mondo.
Ahahahahah.
No.
Faccia seria. Vorrei che la gente credesse di più. Nella bellezza che è in ogni cosa, nelle piccole gioie, nella speranza di cambiare, nei valori positivi e nobili. Vorrei che la gente si innamorasse dell'amore. Giorno dopo giorno. Per tutta la vita. Ecco, se dovesse accadere una cosa del genere, io sarei felice. E me ne starei a guardare, con il mento appoggiato sul dorso delle mani e un sorriso soddisfatto.


G. Oh Sarah, che bello il tuo sogno... possiamo sognare assieme? Magari si avvera più facilmente!
S. Ci sto. Ma sei disposta a non lasciare mai la mano a questo sogno? Costi quel che costi?

G. Si, ci sto!
S. Allora è okay.

G. Sarah, è stato bello averti con noi! Ho adorato questa chiacchierata, grazie per aver accettato di venirmi a trovare in questo magico salotto.
S. Glinda, perdona le mie uscite di senno e... Anche io. Anche io sono stata bene. Devo riconoscerlo: Anita ha degli amici davvero speciali. Prometto che la prossima volta che verrò a trovarti - se mi inviterai - avrò provato a sfogliare un libro. Sì, bé, si inizia dalle basi.
Ahahahahah.

G.Le tue uscite di senno sono adorabili! Aahaha, guarda che ci conto eh! Saluta pure i lettori di Atelier dei libri, e a presto Sarah! 
S.Anita Book scrive Ciao amici! (ridacchia) Cosa vi aspettavate? Io sono una tipa da domande precise e risposte semplici.
Vi abbraccio, belli.
E ricordate: omnia vincit amor.


G.Ti abbraccioamo anche noi, ci piaci così, bella! Anita Book scrive
S. Ahahahahah. Glinda, impari in fretta, eh?
Bella.

G. Ahaha oh si! Sono un tipo sveglio, non l'avresti detto?! XD
S. Ahahahah.
Ciaooo!
(Sarah gira su se stessa fino a diventare un tornado e sparisce)

60 commenti:

  1. Secondo me sarà un grande successo per Anita questo! E se lo merita tutto! Spero di leggere il libro al più presto. E complimenti a Glinda per le meravigliose interviste...molto spumeggiante quella della protagonista!!

    RispondiElimina
  2. Grazie Moni! Io non vedo l'ora di leggerlo, scommento anche voi dopo l'intervista con Sarah!

    RispondiElimina
  3. Glinda, non ho parole. Solo lacrime di gioia nel cuore. Grazie!

    RispondiElimina
  4. Che belle queste interviste! Giuro, mi sono divertita molto a leggerle!"Tutta colpa del Prof." non è un libro che mi lascerei scappare, quindi, in un modo o nell'altro farà bella mostra di sè nella mia libreria ;)
    Saluti :)

    RispondiElimina
  5. Ciao Glinda partecipo con gioia ho conosciuto Anita attraverso "L'ora del libro" che reputo un modo straordinario di fare recensioni. Le faccio tanti auguri per il suo romanzo, abbiamo qualcosa in comune abbiamo entrambe scritto una storia romantica ... l'amore :) Condivido su blog e face un milione di baci ad entrambe ...

    ps: mi avete fatto venire fame con le vostre leccornie :)

    RispondiElimina
  6. Complimenti a te e ad Anita per l'intervista! Davvero spiritosa, soprattutto la parte dedicata a Sarah :D
    Che dire... spero di aver presto l'occasione di leggere il romanzo. Ormai non riesco più a trattenere la curiosità nei confronti della storia, ma anche del lavoro di Anita in sé.
    :)

    RispondiElimina
  7. Mi attira e mi metto in coda...non mi mancano certo i libri da leggere, ma il titolo mi incuriosisce...

    RispondiElimina
  8. Glinda, Anita e Sarah queste due interviste sono molto belle e divertenti, complimenti! :D
    Il libro mi attira molto, prima o poi lo leggerò ^^.

    RispondiElimina
  9. Bellissima intervista ;) Anita è sempre Anita eheh xD Molto bello il libro, una trama molto carina. Sono sicuro che sarà scritto davvero bene, spero di vincerne una copia, lo spero proprio.
    Ancora Complimenti

    RispondiElimina
  10. Bella e simpatica l'intervista!
    Questo libro dev'essere proprio carino!E con una bella trama!
    Grazie del giveaway!!!!!

    RispondiElimina
  11. Simpaticissima questa intervista :D e il libro mi ha sempre attirato per la sua trama :D che dire? Speriamo in bene :)
    Arianna

    RispondiElimina
  12. oh che bello finalmente il libro di Anita!!! E' da quando l'ho visto nel suo blog che non vedo l'ora di leggerlo, e questa intervista ha fatto peggiorare le cose, mi sto letteralmente mangiando le mani!!! Non vedo l'ora di poterlo sfogliare :)
    Fra

    RispondiElimina
  13. sono davvero curiosa di leggere il libro di anita,incrociamo le dita ;)

    RispondiElimina
  14. Come sempre un giveaway bellissimo! Proviamoci! :)

    RispondiElimina
  15. ci sei riuscita mi hai davvero incuriosita! :-)

    RispondiElimina
  16. Fantastiche entrambe come sempre! L'intervista bellissima! Io seguo il blog di Anita da tempo e non vedo l'ora di leggere il suo libro, sono veramente curiosa!
    Complimenti ad entrambe!

    RispondiElimina
  17. Che bello! Forse leggendolo potrei tornare con la mente ai miei anni di universita`!
    Ciaooo!!!

    RispondiElimina
  18. Sono davvero curiosa di leggerlo:)
    Dalla trama sembra davvero interessante e poi dopo aver letto la duplice intervista sono ancora più curiosa!

    RispondiElimina
  19. Bravissima Glinda! Sono contenta di questo speciale sul libro di Anita.Io la conosco virtualmente e trovo che prima di essere una bravissima scrittrice sia una persona speciale e dolcissima, quindi sono curiosissima di leggere il suo libro... adoro le storie d'amore e la protagonista mi sembra davvero un personaggio spumeggiante! Bella intervista davvero :)

    RispondiElimina
  20. da prof in pensione mi incuriosce...partecipo

    RispondiElimina
  21. Simpatiche Anita e Sarah.. Non mi dispiacerebbe saperne di più sul loro conto e da inguaribile romanticona quale sono leggerei volentieri la storia d'amore di Sarah. Bella intervista. ^_^, SS.

    RispondiElimina
  22. Sono veramente lusingata.
    Spero che la mia storia vi faccia sorridere. Sarah non chiede altro. E vi saluta tutti!!!!

    RispondiElimina
  23. Proprio oggi la mia nipotina si è laureata con 110 lode.....magari potrei regalarle questo libro, meglio ancora se lo vinco
    ciao....partecipO

    RispondiElimina
  24. Un premio super!e un racconto interessante, chissà se rientrerò nel numero perfetto
    ciao☺

    RispondiElimina
  25. Bell'intervista!!!
    e vai con un nuovo giveaway.......le tentiamo tutte per vincere!!!!!
    Ciaooooo e buon weekend

    RispondiElimina
  26. io adoro Anita!!!e VOGLIO il suo libro!!!lei è troppo simapatica poi!

    RispondiElimina
  27. beh che dire...emozionata come sempre davanti a un libro...davanti alla sua magica storia....spero di essere la fortunata...e se non sarà così....pazienza....diverrà presto parte della mia amatissima libreria!!!

    RispondiElimina
  28. Credo che questo libro è quello che mi stia creando più curiosità e voglia di averlo di tutti quelli che devono uscire nei prossimi mesi... Anita è magica e credo nelle sue capacità ^_^ Non vedo l'ora di avere Tutta colpa del prof, tramite Atelier o acquisto sicuro!

    RispondiElimina
  29. Molto carine queste interviste! Ho letto con piacere sia quella romantica e poetica di Anita che quella frizzante e pazzerella di Sarah.
    Grazie per questo giveaway esplosivo, partecipo molto volentieri :-D

    RispondiElimina
  30. Bellissima intervista! augurando un gran successo ad Anita..partecipo volentieri al giveaway! ;)

    RispondiElimina
  31. Sono felice che tutte voi apprezziate, Anita lo merita!
    Sapeste quanto mi sono divertita durante l'intervista, è stato stupendo conoscere queste due meravigliose persone!

    RispondiElimina
  32. Immagino il tuo divertimento e anche la tua soddisfazione, spero di poter provare anch'io l'emozione... di vincere il libro. Partecipo

    RispondiElimina
  33. questa intervista è stata molto piacevole, poter leggere il suo libro sarebbe sensazionale! mi affido alla fortuna e speriamo che sto benedetto random faccia centro con me
    ciao

    RispondiElimina
  34. Una trama davvero carina:) vedremo se la fortuna è dalla mia:)

    RispondiElimina
  35. leggerlo sarebbe un mio sogno e può avverarsi? te che ne dici? ciao

    RispondiElimina
  36. ho conosciuto Anita grazie al suo blog, l'ho trovata subito in gamba e simpaticissima, così ho iniziato a visitarla ogni giorno.
    credo che sia davvero un romanzo valido,con tante aspettative. non vedo l'ora di provarlo!!
    sei grandee!!

    RispondiElimina
  37. Bellissimo speciale :)
    Anita la seguo da tantissimo e sono contenta che sia riuscita a pubblicare un suo libro..sono davvero tanto curiosa di leggerlo! sicuramente in un modo o nell'altro nn mancherà sul mio comodino :)

    RispondiElimina
  38. che bello, speriamo ciao rosa.kreattiva

    RispondiElimina
  39. Anita e Sarah (si chiama come me! *______*)sono simpaticissime! E' stata un intervista davvero molto divertente, mi è piaciuta molto!
    Anch'io sono iscritta su EFP, mi sa che farò un salto sul suo account! Il libro già mi piace solo avendo letto questo post, speriamo in bene!

    RispondiElimina
  40. partecipo perchè seguo Anita e mi piacerebbe leggere il suo libro sono molto curiosa!

    RispondiElimina
  41. ciao ke bello questo libro mi piacerebbe leggerlo metto il link sul blog http://concorsiblogcandyegiveaway.blogspot.com

    RispondiElimina
  42. Anche questo libro mi ispira proprio...in attesa di sapere chi sarà la fortunata, vado a cercare il blog di Anita! ^^

    RispondiElimina
  43. un Anita generosa, non posso deluderla...sono qui cara ...sarebbe un onore accoglierti
    grazie per avermi pensato

    RispondiElimina
  44. Ah *_*
    speravo di riuscire a comprarlo
    Ed eccolo qui! XD inutile di che mi auguro di vincerlo!

    RispondiElimina
  45. è un trama carinissima per essere un romanzo d'esordio.. e poi anita ha un modo di scrivere e presentare i libri come pochi..

    RispondiElimina
  46. complimenti per l'intervista..e anche la scelta del libro... ha una trama bella sul serio...:)

    RispondiElimina
  47. Seguo il blog di Anita già da un pò e devo ammettere che ho già dato una sbirciatina ai suoi racconti su EFP... non posso che esser contenta per questa sua meta raggiunta e augurarle tutta la fortuna del mondo! ;)

    RispondiElimina
  48. Partecipo anch'io
    Auguro tanta fortuna ad Anita e spero di vedere il suo romanzo in tutte le librerie

    RispondiElimina
  49. Mi butto e ci provo anche iooo!
    Mi interessa tanto la trama e l'intervista è stata strepitosa! Credo che diventerò scrittrice solo per farmi intervistare da Glinda per poi farmi offrire tutte le dolci prelibatezze nominate qui sopra!
    Riguardo Anita, sono una sostenitrice dei nuovi giovani talenti quindi eccomi qui...nel caso non vincerò comprerò lo stesso il libro!

    RispondiElimina
  50. Oddio mio ho compiuto un erroraccio! il modulo si è inviato prima di poter inserire i link di fb e del blog dove pubblicizzo :((( ora lo rinvio, spero non sia un problema :((( scusami!

    RispondiElimina
  51. adoro leggere, e questo libro mi ispira davvero tanto! e poi ho un' amica che sta vivendo qualcosa di simile alla protagonista del libro.. xD
    Speriamo bene, sarebbe stupendo vincere!

    RispondiElimina
  52. @shishiwaldorf, caspita esperienza diretta!!

    @Chiara C., non ti preoccupare!

    RispondiElimina
  53. ciao partecipo a questo giveaway...mi piace sia il libro che la scrittrice anita..bella personalità..e mi piace molto il tuo blog ed i libri che pubblicizzi come generi e tematiche..saluti

    RispondiElimina
  54. e su fb ho pubblicizzato qui...non sono riuscita ad inserirlo nell'iscrizione...saluti!
    http://www.facebook.com/profile.php?id=100000481902520

    RispondiElimina
  55. Ciao! Spero di vincere questo interessantissimo libro, visto che l'autrice è mia omonima ;)

    RispondiElimina
  56. Il libro, mi sembra interessante! Partecipo e condivido!

    RispondiElimina
  57. Bella e divertente l'intervista! La trama pare molto interessante e sono proprio curiosa di vedere come si sviluppa la storia ma soprattutto voglio vedere Anita in veste di scrittrice quindi spero nel giveaway.
    Ciao

    RispondiElimina
  58. Ottima intervista complimenti!
    Non conoscevo questo libro e ringrazio questo blog per averlo masso a disposizione.
    La trama è molto carina e attuale!!
    Speriamo di vincerlo!

    RispondiElimina

Il mio blog si nutre dei vostri commenti, perciò se avete letto il mio articolo lasciate un segno del vostro passaggio! E, se vi è piaciuto ciò che ho scritto, cliccate sul tasto G+!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...